Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
11 gennaio 2009

Ebrei di ieri e di oggi

I cromosomi di Abramo si trovano nei Palestinesi.
Rabbino Goldstein


Nel toccare il delicato tema delle origini del popolo ebraico, la prima difficoltà in cui si incorre è il tentativo di dare una definizione al termine “ebreo”.
Mentre è facile stabilire chi sia cristiano o musulmano, l’ebraismo è qualcosa che va al di là del semplice essere seguaci di una religione.
Anche gli ebrei non credenti infatti rimangono ebrei, a differenza ad esempio dei cristiani che una volta abbandonata la fede non si considerano più tali.
Wikipedia, la fonte imparziale della rete, dà la seguente definizione di ebraismo:

l’ebraismo è considerato anche, se non soprattutto, un carattere culturale ereditario. Per cui ebreo è anche un termine usato per definire un popolo, non solo “popolo” in senso spirituale, come può essere considerato per persone di etnie diverse ma di un’unica religione, ma anche “popolo” come gruppo parentale, etnico.

Nell’accezione comune moderna, si parla di “ebrei” in caso di

  • persone di origine ebraica (non necessariamente matrilineare) che praticano la religione ebraica
  • persone di origine non ebraica convertite al giudaismo
  • ebrei che non praticano il giudaismo come religione, pur considerandosi ebrei in virtù della discendenza ebraica della propria famiglia (etnica) e della loro identificazione col popolo ebraico dal punto di vista etnico, storico o culturale.

All’interno della comunità ebraica è generalmente considerato ebreo chi nasce da madre ebrea, è questo conferma il fatto che l’ebraismo è un carattere che si trasmette col sangue.
Non a caso, esistono anche istituti che si offrono di compiere delle analisi del DNA per scoprire se si possiedono le caratteristiche genetiche per essere considerati ebrei.
Ma proprio questo soffermarsi sulle caratteristiche genetiche porta a dei sottili paradossi.
Come ben spiega il rabbino Marcello Goldstein, presidente della Scuola talmudica dl Trieste, in questa intervista rilasciata nel 2002:

intervistatore:  Tornando al rapporto tra arabi ed ebrei, sembra che siano state fatte delle analisi del Dna dalle quali risulta che tra israeliani e palestinesi ci sia poca differenza. E’ vero?

Rabbino Golstein:  “Il cromosoma Y, che è tipico del maschio, dalle analisi risulta essere molto simile tra gli ebrei di varie provenienze: quelli biondi della Polonia, gli yemeniti dalla carnagione scura, quelli del Marocco, ecc. E i palestinesi risultano avere lo stesso cromosoma Y”.

Intervistatore:  Questo cosa significa?

Rabbino Golstein:  “Potrebbe significare quello che da tanti è stato detto: il nucleo centrale della popolazione palestinese sarebbe la popolazione rurale che i romani non erano andati a cacciare dai singoli villaggi e che con l’avvento dell’Islam fu islamizzata”.

Intervistatore: Quindi una popolazione . . .

Rabbino Goldstein:  “Una popolazione dal punto di vista razziale di origine ebraica più pura degli stessi ebrei, di origine totalmente abramica.
I cromosomi di Abramo si trovano nei palestinesi”.

Osservando quindi l’attuale conflitto tra gli israeliani e i palestinesi, ci troveremo di fronte ad un curioso paradosso: avremmo da una parte un popolo che rivendica il possesso della Palestina in virtù della sua lontana parentela con le genti che abitarono quella terra 2000 anni fa, ma che probabilmente discende in gran parte da popolazioni caucasiche convertitesi all’ebraismo nel tempo di Carlo Magno; dall’altra parte, nelle vesti del popolo che deve lasciare spazio a queste genti, abbiamo invece i diretti discendenti di quegli israeliti che, sempre secondo le Sacre Scritture, fecero il patto con Dio per possedere quella terra.
I veri discendenti del popolo ebraico, in altre parole.
Come lo stesso Rabbino Goldstein, e gli amanti dei test del DNA sulla purezza genetica ci confermano.

Si veda anche: Come fu inventato il popolo ebreo
di Shlomo Sand, storico e professore all’Università di Tel Aviv

33 comments to Ebrei di ieri e di oggi

  • anonimo

    Ciao!

    Ho letto con interesse il posto.

    Ho tradotto qualche giorno fa un’intervista di uno scrittore Shlomo Sand, storico e professore all’università di Tel-Aviv, che dimostra tutta la manipolazione dietro la storia della presunta DIASPORA ebrea: “….Contrariamente all’opinione comune, la diaspora non nasce con l’espulsione degli ebrei della Palestina, ma da successive conversioni in Africa del Nord, in Europa del Sud ed nel Medio-Oriente. Ecco qualcosa che farà vacillare una delle basi del pensiero sionista, secondo la quale gli ebrei sono i discendenti del regno di Davide, ma non gli eredi di guerrieri berberi o di cavalieri kazari….”.

    Posso osare sperare che questa mia traduzione sia inserita di seguito al tuo post, se può essere utile? Per smantellare un mito, che ha fatto versare tanto sangue?

    http://tuttouno.blogspot.com/2009/01/come-fu-inventato-il-popolo-ebreo.html

  • Santaruina

    Ciao Giuditta

    ho pensato che la cosa migliore fosse inserire un link al tuo articolo direttamente alla fine del post.

    L’intervista a Shlomo Sand andrebbe davvero letta, è un professore molto coraggioso.

    E speriamo che non ci chiudano i blog :-)

    A presto

  • Chapucer

    è veramente un tema delicato quello delle origini del popolo ebraico…

    credo sia anche necessario andare a rileggere la storia di Abramo, del suo patto con Dio che tu giustamente ricordi, Isacco e Ismaele, fratelli di fatto, ma non di sangue…il nucleo sta proprio qui, nella diramazione del sangue che da puro si “contamina”, nonostante la fratellanza.

    Grazie per gli spunti di riflessione che sai offrire in modo sempre limpido e chiaro…

    a presto

    Chapucer

  • tristantzara

    Esatto.Gli arabi,o ismaeliti,xkè discendenti da lui e figli di Abramo e non di Sara,mentre gli ebrei,discendenti da Abramo e Sara.Padre e madre.Santa,dici sbagliato quando vuoi insistere sulla non antichità del popolo ebreo fin prima della nascita di Gesù,ebreo e che parlava in aramaico.Ci sono dei ritrovamenti archeologici che confermano alcuni passi della bibbia ebraica tra i quali la recente scoperta a Hebròn di templi e manufatti divinatori ebraici.Per non parlare del fatto che quella terra è stata abitata per secoli da loro ben prima dei cristiani.E in Egitto è dimostrato che già 1.000 prima di Cristo abitavano tribù ebree,si trovano in papiri trovati.Vedi giù dopo Assan e a El Amarna.Cioè a mio avviso,staresti prendendo pensieri per portare acqua al tuo mulino,mentre resoconti altrettanto scientifici dimostrano il contrario.

  • anonimo

    Salud Santa,

    complimenti per il lavoro che stai facendo, per usare una perifrasi, sul “nodo medio-orientale”.

    Scusami se vado un po’ OT…, ma mi ha fatto un immenso piacere, e provocato una profonda gioia interiore, vederti citato al termine dell’ultimo articolo di Paolo Franceschetti.

    Suerte,

    manolete

  • Santaruina

    Io sono convinto che nei miti antichi vi siano spesso racchiuse in maniera allegorica le vicende storiche dei popoli.

    E le due stirpi che da Ismaele e Isacco si diramarono sicuramente ci raccontano qualcosa riguardo gli avvenimenti di quei popoli in quegli anni.

    Detto questo, quello che trovo un po’ pretenzioso, e qui rispondo anche all’obiezione di Tristan, è il voler delineare in maniera “scientifica” una propria origine genetica, ed in base a questa rivendicare un territorio.

    Portando come dimostrazione del proprio diritto un Libro Sacro.

    Come disse Eric Fromm,

    Se tutte le nazioni dovessero reclamare i territori sui quali i loro antenati hanno vissuto 2000 anni prima, questo mondo sarebbe una gabbia di matti

    Detto questo, invito anche a leggere l’articolo tradotto da Giuditta, segnalato in fondo al post, del professore Shlomo Sand.

    Blessed be

  • Santaruina

    Salud Manolete :-)

    ti ringrazio, sei molto gentile.

    Leggo sempre le ricerche di Paolo Franceschetti, e mi piace lo spirito con cui affronta tali questioni.

    Suerte :-)

  • mrpikebishop

    Ciao Santa

    Proprio un paio di giorni fa ho postato un paio di interventi su LuogoComune: http://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/viewtopic.php?topic_id=4801&forum=47&post_id=132126#forumpost132126

    Ho una novita’ per te: i palestinesi sono gli ebrei, il popolo ebraico.

    Hanno magari cambiato religione, ma sono loro il popolo “eletto” e sono semiti. Gli israeliani sono in quasi totalita’ convertiti ebrei non semiti, ashkenazi o sefarditi o romanioti convertiti per altri motivi. I Mizrahi sono una minoranza sparuta in Israele (e tra le persone di religione ebraica in generale) ed i palestinesi di religione ebraica ancora molto meno di loro e sono trattati da terroni a casa loro dai padroni ashkenazi.

    […]

    Hai mai visto missionari israeliani?

    In teoria (ma non e’ sempre stato cosi’, visto che intere popolazioni hanno preso a chiamarsi ebrei come i Kazari, per mantenersi neutrali tra cristiani e maomettani, o individui, per i benefici che portava il fatto di poter praticare l’usura, o per altri vari motivi) per essere ebrei bisogna avere madre ebrea.

    Solo gli ebrei, cioe’ quelli che abbiano la madre ebrea, possono dirsi tali e percio’ praticare la religione degli ebrei. Se non fosse cosi’, dove starebbe una delle novita’ principali del cristianesimo, ebraismo per goi’-yim(la gente, nel senso di non ebrei, da cui gentili)?

    Naturalmente da parte sionista si e’ cercato di dimostrare con esami del DNA che tutti gli ebrei sono, di fatto, la stessa stirpe, ma le conclusioni sono alquanto discutibili (e la genetica, in genere, fuffa con la quale si riesce a dimostrare quel che si vuole – un po’ come la statistica).

    In ogni caso Israele e’ una razza, non una nazione od una religione. E’ per questo che i nazisti potevano pensare alla pulizia etnica (e lasciare indisturbati in posti chiave personaggi con ascendenza ebraica patrilineare): se fosse stata una religione non avrebbe avuto senso, in quella accezzione.

    La maggior parte degli ebrei, abitanti della Palestina , nel corso dei secoli avevano trovato conveniente od attraente convertirsi all’Islam e utilizzare la lingua dei dominatori arabi invece dell’Aramaico usato in tutta la regione (l’ebraico Yiddish e’ la lingua dei Kazari modificata nel tempo e questo la dice lunga sull’origine non ebraica degli Ashkenazi) e sono ora chiamati Palestinesi, dal Latino Filistia o dall’arabo Falestin, ovvero Filistei, dagli antichi abitanti di quelle terre scacciati dagli israeliti ma che, come spesso accade (Lombardia, Inghilterra etc) avevano lasciato la loro traccia nel nome della localita’.

    So che il mio ultimo intervento su quel forum ti avra’ fatto rizzare il cuoio capelluto, ma tu mi conosci e sai da dove vengo e dove vado…

    Per la settimana prossima dovrei avere dati di primissima mano…

    Ciao

  • messier

    Di ieri e di oggi. Se è interessante capire le origini di questo popolo, gonfia gli occhi di attesa intravedere anche la sua finale Destinazione. Ritengo di importanza fondamentale la diaspora Sefardita, per esempio. Dopo 5 secoli essa si inserisce al centro della nostra storia. L’attivissimo Sarkozy ha lontanissime radici sefardite, ma di più, è la punta di diamante, il prescelto, della loro gloriosa comunità sparsa per il mondo. Ed è insieme ad altri due ebrei residenti in occidente, Kouchner e l’inglese Miliband, che ha costruito il tavolo del cessate il fuoco. Vedremo.

  • 6by9add6add9

    Caro Carlo.., permettimi di chiamarti cosi., quel caro e’ dovuto ad una tua incessante ricerca della ragione del perche’ delle cose.., e mi fa molta tenerezza questo tuo modo assai proficuo di entrare nei dettagli.., dettagli che ci riportano alla verita’ non piu’ soggettiva ma oggettiva degli eventi che hanno caratterizzato la nostra vita di esseri umani.., nel bene e nel male.., siamo quasi al punto centrale della questione? lascia perdere il male che a questo punto diventa irrisorio.., e ben sconfitto sarebbe se davvero da tutte queste verita’ che ci spiattelli se ne prendesse una volta per tutte la reale conoscienza.., ed e’ questo di cui mi pregio farti partecipe al mio sottile piacere di leggerti e di essere sempre piu’ convinta che la mia scelta e’ vera., unica e fuori da ogni altra illazione..,

    grazie a te la mia fede e’ sempre ( se mai ne avesse bisogno ) piu’ forte.. piu’ convinta..,

    che Allah(swt) te ne renda merito e ricompensi.. ameen.

  • Santaruina

    Ciao Pike

    non mi era sfuggito questo tuo intervento, ed ovviamente mi trovi del tutto d’accordo.

    D’altra parte si tratta di fatti, e dei fatti si prende solamente atto :-)

    ed attendo ovviamente di conoscere cosa avrai da raccontare dopo l’incontro che hai in progetto :-)

    ______________

    Messier, come dici, vedremo.

    Io resto convinto che vi sia un progetto di fondo che si eleva al di sopra delle faccende “terra terra”.

    Ma sono solo sensazioni.

    __________

    Fatma, grazie a te :-)

    Blessed be

  • anonimo

    …la Verità é lampante e palese e, proprio per questo, diventa oscura, perché nella sua evidenza crea scompiglio nel cuore di chi, pensando soltanto al potere terreno, rende i propri organi incapaci di cogliere il senso, i significati della storia e della ierostoria. Da non dimenticare, fra l’altro, che Ismaele é il figlio primogenito di Abramo, Isacco é nato dopo, quindi si potrebbe anche pensare che la primogenitura di Ismaele (il primo dice il Deutéronome racchiude l’inizio della potenza creatrice del padre), lo porta ad avere la stessa nobiltà di Isacco nato come secondo dalla prima moglie Sara. Hagar, la schiava, é la seconda moglie di Abramo, ma é lei che gli ha generato il primogenito, cioé colui che porta in sé la potenza del padre. Ismaele non puo essere visto come “figlio della carne’ perché Abramo non lo ha concepito perché aveva desiderio di un’esperienza carnale, lo ha concepito perché voleva un erede spirituale per lodare Iddio… Ismaele e Isacco sono fratelli, il sangue di Abramo scorre nelle loro vene…ciaociaociao!!!!!!!!!!jam

  • umargamal

    Cari amici,

    una piccola precisazione:

    Abrahamo, tale divenne il suo vero nome dall’originale Abramo, non era ebreo.

    Lui e sua sorellastra Sarai erano originari di Ur, come il loro padre Tera, adoratore del Sole, se proprio vogliamo dare un nome alla sua religione per sommi capi.

    La città di Ur si trovava vicino all’attuale Nassirya, laddove alcuni nostri militi

    (assieme a decine di migliaia di indigeni autoctoni) son stati massacrati, chi da un attentato dinamitardo chi dalle bombe al fosforo bianco, chi da incursioni e relative esecuzioni sommarie casa per casa, durante questa ultima guerra, detta del golfo.

    Ognuno per difendere la sua causa, chi quella della sua casa chi quella dei giacimenti petroliferi.

    Torniamo ad Abrahamo, anzi a Sarai (colei che litiga) che divenne poi per volontà di Dio

    Sara (principessa) e madre di Isacco.

    Agar era invece egizia e partorì Ismaele.

    Non stiamo lì a perderci sulla primogenitura, Isacco e Ismaele sono in ogni caso fratelli.

    Come lo sono Esaù e Giacobbe, i figli di Isacco.

    E’ qui che compare nella Scrittura per la prima volta il nome Israele.

    Che è il nuovo nome da Dio imposto a Giacobbe, il quale furbamente acquistò da Esaù il diritto di primogenitura e dunque di successione.

    Invito coloro che credono alla favola dei cattivi musulmani intolleranti a verificare su

    http://it.wikipedia.org/wiki/Gerusalemme

    le percentuali di presenza ebraica nella Città Santa.

    Noterete che nei secoli addietro, quando la città era governata dai musulmani,

    gli ebrei erano già larga maggioranza e nessuno torceva loro un capello per il fatto di esser tali.

    In ultimo vi invio la storia di questo personaggio che a me pare emblematica:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Eli_Cohen.

    Cari saluti a tutti.

  • anonimo

    …ti manderei pezzi di nuvole in un’astronave di stelle per dirti che la palma é bellissima quando il vento le sussurra qualcosa e lei , forse in estasi, si dondola nell’immobilità glorificante del movimento… ! jam

  • enzas

    Possono far chiudere i blog, ma il pensiero vola libero…ha i suoi tempi ma prima o poi arriva e agisce.

    Ciao Carlo

  • ikalaseppia

    Sinceramente non capisco che c’entrano i cromosomi. C’è evidentemente una confusione di piani. Anche nella tradizione indù esistono bramani bianchi ed altri “abbronzati”, il che significa che ci sono stati delle fasi di integrazione e apertura ed altre di cristallizzazione. La trasmissione nella carne è una regola che (anche se non per il sacerdozio) era pertinente anche alla civilizzazione cristiana (si pensi alla nobiltà) e che peraltro non esclude a priori altre forme di trasmissione, ad esempio nell’alto medioevo un contadino che sconfiggieva un orso a mani nude poteva sedere a tavola con i nobiluomini essendo di fatto ad essi assimilato. Poi venne il denaro con quale si comprarono assoluzioni, titoli nobiliari e alte cariche ecclesiastiche…ma questa è un’altra storia, che si intreccia con la storia della fine della nostra civiltà dove principi avidi erano papi, uomini fiacchi e indolenti re. Ciao

  • Santaruina

    Ciao Ika

    quella dei cromosomi è a tutti gli effetti una vera e propria ossessione.

    E nei termini in cui viene posta è anche una ossessione dai tratti tipicamente moderni, e questo in contraddizione con la sua pretesa di recuperare i caratteri tradizionali.

    E’ un po’ il discorso che avevamo fatto qualche tempo fa.

    C’è molta confusione, evidentemente.

    _________

    Enza, intanto il pensiero lo si mette in circolo .-)

    ________

    Jam, come sempre con le tue parole si vola in alto.. :-)

    _______

    Umar, considerazioni pertinenti.

    Tra l’altro, Abramo non era ebreo, nello stesso modo in cui Gesù non era cristiano :-)

    Non solo, Abramo riconosce quale suo superiore Melchisedek, il Sacerdote dell’Altissimo.

    E qui si inizierebbe un discorso molto più ampio.

    Per quanto riguarda la storia di Gerusalemme, i dati storici sono chiari.

    Le popolazioni musulmane ebree e cristiane vi hanno sempre convissuto, i problemi sono sempre stati creati dai vari dominatori che di volta in volta ne rivendicavano il possesso.

    A presto

  • anonimo

    Sentite vorrei rispondere ad alcuni di voi, non amo la polemica, ma vi dico: “avete occhi e non vedete, avete orecchie e non sentite!” quando scienziati e studiosi SERI E ONESTI, i quali non possono assolutamente essere tacciati di antisemiti, perché “semiti” loro stessi, cercano di far conoscere la verità sulle manipolazioni continue e criminali che causano tanto dolore e versa tanto sangue, ascoltateli e informatevi, non fidatevi della Storia “ufficiale”….

    Chapucer non è un tema delicato, è tutto falso! E’ delicato solo per i Sionisti che hanno creato di sana pianta la Diaspora. Se ci riferiamo alla Bibbia, cosa prova questo “patto”? Niente di certo e verificabile, una leggenda. Il DNA è una prova scientifica, i veri discendenti degli abitanti della Terra Santa sono i Palestinesi.

    Tristanzara citi la stessa leggenda, non metto in dubbio i ritrovamenti archeologici, ma mi sembra che non hai letto bene il post, gli ebrei sono esistiti, abitavano la Palestina, ma la verità storica è che hanno semplicemente cambiato religione, una parte sono divenuti cristiani, e in seguito moltissimi sono divenuti mussulmani. Non sono mai stati “dispersi” per il mondo, eccetto qualche schiavo, vedi gli storici latini come Flavio Giuseppe. Tutte le storie di discendenza sono state inventate a tavolino dai Sionisti.

    Il Giudaismo era una religione che “amava” fare proseliti come del resto il Cristianesimo che tante cose ha “copiato” dal Giudaismo, allora piano piano le comunità straniere, del nord dell’Africa, della Spagna, dell’Europa del nord, si sono ingrandite, facendo semplicemente proseliti. Questi “nuovi” ebrei sono stati manipolati, non sono i discendenti della Nazione d’Israele, sono i discendenti di pagani del bacino mediterraneo, etc.!

    Giuditta

  • tristantzara

    Giuditta,l’ebraismo non prevede opere di loro missionari in giro per il mondo.Non fa proselitismo come il cristianesimo.

    La teologìa cristiana afferma che la salvezza dai peccati porterà gli uomini in Cielo,gli ebrei sostengono esattamente il contrario,e cioè che la salvezza arriverà dal Cielo per salvare la Terra.Per loro questo è il Messìa,non un uomo ma un ciclo storico che si deve compiere.Per i rabbini ortodossi tale è il suo significato.D

  • qualquna

    Lascio un saluto,

    difficile a commentarti,

    argomenti seri,

    bisogna conoscere bene la storia

    fin dall’inizio per capire quella d’oggi

    un caro saluto!

  • anonimo

    Tristantzara Continuo a sostenere che o non sei informato, o troppo legato alle credenze che da 200 anni ci hanno propinato! Ti racconto una storia: un giorno un principe russo decide di unificare il suo paese, allora pensò: “Se continuiamo ad essere pagani-animisti non ci riuscirò mai, perché non seguo l’esempio di Costantino (l’imperatore romano) che circa 800 anni fa ha messo d’accordo tutto l’impero con una religione monoteista? e Maometto non ha fatto lo stesso con un’altra religione? Facciamo venire sacerdoti, imam e rabbini e indottriniamo la gente, l’unica libertà che concederò al mio popolo sarà quella di scegliere fra una di queste tre religioni.” per lui e la sua corte scelse la religione di Bisanzio, per convenienza commerciale, etc.

    E così fu fatto…Questo principe era Vladimiro ilo padre del potere centralizzato russo.

  • gigipaso

    ci sarebbero molte cose da dire ed ognuno dice la sua …. intanto mi riguardo la l’estensione della Palestina com’era e l’espansione inarrestabile di

    Israele …

  • anonimo

    Un altro esempio:

    Tra la fine del VIII secolo e l’inizio del IX secolo, il khan e i nobili Cazari si convertono all’ebraismo seguiti da una parte della popolazione. Alcune ricerche suggeriscono che, almeno in parte, questa conversione di massa fu un espediente politico atto a prevenire tentativi, provenienti dall’esterno, di condizionare le credenza religiose dei Cazari e quindi influenzarli anche politicamente. Il Khanato si trova infatti stretto tra l’Islam ad est ed il Cristianesimo ad ovest. I sostenitori della teoria “ashkenazita”, hanno ipotizzato che intorno al 950 la religione con il maggior numero di fedeli nel khanato potesse essere l’ebraismo a seguito della CONVERSIONE di alcuni khan; il primo khan di religione ebraica è Bulan, mentre un altro, Obadiah, rinvigorisce l’ebraismo invitando rabbini dall’esterno e promuovendo la costruzione di sinagoghe. La tolleranza religiosa è peraltro una caratteristica del khanato che viene mantenuta per più di trecento anni: ad esempio, la corte suprema, consiste di due ebrei, due cristiani, due musulmani ed un credente nella vecchia religione.

  • anonimo

    Altro esempio:

    I cronisti arabi ci danno la notizia dell’esistenza, nel VII° secolo, di tribù berbere giudaizzate: di fronte alla spinta araba, che raggiunse l’Africa del Nord alla fine di questo stesso secolo, appare la figura leggendaria della regina ebrea Dihya el-Kahina,che tentò di fermarla. Alcuni Berberi giudaizzati prenderanno parte alla conquista della penisola iberica, che pose le basi della particolare simbiosi tra ebrei e musulmani, caratteristica della cultura ispano-araba.

    Giuditta http://tuttouno.blogspot.com/

  • Santaruina

    Sulla questione del “proselitismo” della religione ebraica, in effetti, come fa notare Giuditta, vi era un tempo in cui non era un tabù per i suoi rappresentanti.

    L’ossessione per la purezza del sangue, e di conseguenza la ritrosia nel perseguire conversioni, è qualcosa che si è affermato nel periodo moderno.

    __________

    Qualquna, un saluto anche a te :-)

    ________

    Gigi, in effetti le cartine parlano già abbastanza da sole…

    a presto

  • tristantzara

    Giuditta e santa,ho capito il vostro ragionamento sulla conversione forzata e sulla non esistenza effettiva della diaspora.Fa riflettere.La conosco la storia di quella regina ebrea e anche l’islamizzazione di El andalus.Mi sa che abbiamo le medesime fonti di studio ma che ne ricaviamo tesi un po’opposte.E questa è una buona cosa dal mio punto di vista.D

  • ikalaseppia

    Belli e utili i commenti di Giuditta. In effetti la tradizione ebraica ebbe una funzione di raccordo anche sotterranea tutta da studiare, che è come l’altra faccia di quello che spesso viene denunciato circa il ruolo giudaico nell’evoluzione della modernità.

  • SLec

    Lo smantellamento di un mito.

    [..] Gli ebrei formano una nazione? A questa vecchia questione, uno storico israeliano apporta una risposta. Contrariamente all’opinione comune, la diaspora non nasce con l’espulsione degli ebrei della Palestina, ma da successive conversioni in Africa de [..]

  • todikaion

    Ho appena scritto qualcosa che potrebbe essere integrato con queste notizie…provvedo, grazie

  • Santaruina

    Aspetto di leggere :-)

    a presto

  • Gazurmah

    L’unica razza che conosco è quella Umana..

  • […] Così, viene bollato con l’appellativo di “antisemita” (anche qui, usato non nella sua accezione originaria ma nel significato di “antiebreo”3) chiunque si permetta per esempio […]

  • Io dico solo una cosa: VERGOGNA IL RAZZISMO!!! Gli Ebrei son buioni! Perchè c’è la sterminazione degli Ebrei!?!?
    BASTA AL RAZZISMO!!!
    IO SONO EBREA!! e i miei genitori sono morti!!! Solo per colpa vostra!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
     

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>