Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
16 aprile 2008

Aspen Institute

Il “metodo Aspen” privilegia il confronto ed il dibattito “a porte chiuse”

Identità

Aspen Institute Italia è un’associazione privata, indipendente, internazionale, apartitica e senza fini di lucro dedicata alla discussione, all’approfondimento e allo scambio di conoscenze, informazioni e valori.[…]
The Aspen Institute nasce negli Stati Uniti nel 1950 per iniziativa di un gruppo di intellettuali e uomini di affari americani; in Italia l’Istituto nasce nel 1984 e ha oggi una sede centrale a Roma e un ufficio a Milano.
La missione dell’Istituto è l’internazionalizzazione della leadership imprenditoriale, politica e culturale del paese e la promozione del libero confronto tra culture diverse, allo scopo di identificare e valorizzare idee, valori, conoscenze ed interessi comuni.
L’Istituto concentra la propria attenzione verso i problemi e le sfide più attuali della società e della business community, e invita a discuterne leader del mondo industriale, economico, finanziario, politico, sociale, culturale in condizioni di assoluta riservatezza e di libertà espressiva.

Metodo

Il “metodo Aspen” privilegia il confronto ed il dibattito “a porte chiuse”, favorisce le relazioni interpersonali e consente un effettivo aggiornamento dei temi in discussione.
Lo scopo non è quello di trovare risposte unanimi o semplicemente rassicuranti, ma di evidenziare la complessità dei fenomeni del mondo contemporaneo e stimolare quell’approfondimento culturale da cui emergano valori ed ideali universali capaci di ispirare una leadership moderna e consapevole.

Comitato Esecutivo

Luigi Abete
Giuliano Amato
Lucia Annunziata
Alberto Bombassei
Francesco Caltagirone
Giuseppe Cattaneo
Fedele Confalonieri
Francesco Cossiga
Maurizio Costa
Gianni De Michelis
Umberto Eco
John Elkann
Pietro Ferrero
Jean-Paul Fitoussi
Franco Frattini
Cesare Geronzi
Piero Gnudi
Gian Maria Gros-Pietro
Enrico Letta
Gianni Letta
Emma Marcegaglia
Francesco Micheli
Paolo Mieli
Mario Monti
Tommaso Padoa Schioppa
Corrado Passera
Riccardo Perissich
Angelo Maria Petroni
Mario Pirani
Roberto Poli
Ennio Presutti
Romano Prodi
Gianfelice Rocca
Cesare Romiti
Paolo Savona
Carlo Scognamiglio
Domenico Siniscalco
Lucio Stanca
Robert K. Steel
Giulio Tremonti
Giuliano Urbani
Giacomo Vaciago

Romano Prodi, Tommaso Padoa Schioppa, Gianni Letta, Cesare Romiti, Fedele Confalonieri, Gianni de Michelis, Giulio Tremonti.
Solo un distinto salotto, un luogo tranquillo in cui smessi i panni della rivalità politica le eminenze grigie della nazione discutono in un clima sereno, a porte chiuse, delle direttive da dare al “sistema paese”.
Nel frattempo c’è chi vota  per “rinnovare il parlamento.
“.
..ma cos’è la destra… cos’è la sinistra…”

Si veda anche: L’Aspen Institute italiano, ovvero il cuore del potere

23 comments to Aspen Institute

  • messier

    ecco vaglielo a spiegare a Martinelli, Travaglio, Ricca e compagnia bella… tutti questi Eroi della Rete che in questo momento stanno soffiando come draghi contro IL CRIMINALE DI ARCORE … “il responsabile della nostra disfatta”…

  • anonimo

    io credo che si potrebbe, in alcuni casi, dare una lettura letteralmente double-face di queste appartenenze, spesso gentilmente e pressantemente richieste.

    penso a fitoussi, e al nostro davvero amletico ministro ritornante.

    andrea

  • freenfo

    Che bella riunione di affaristi! La crema della società civile… chissà la bildeberg italiana cosa avrà deciso dei nostri miseri futuri?

    Ciao, un abbraccio.

    Ps. La citazione a Gaber mi ha messo di buon umore…

  • fraterPetrus

    Caro Carlo,

    la nota più positiva della tua ottima segnalazione resta la citazione da Gaber. Il resto, se vero, lascia di stucco.

    In fede

    Petrus

  • anonimo

    La vera nota positiva è che di queste persone conosciamo le facce; il corollario è che con un poco di esperienza possiamo fare nostre le tecniche di lancio dell’uovo e che Youtube è gratis.

    Giorgio

  • Samael

    Io proporrei di mettere in grassetto anche i nomi di Domenico Siniscalco e Lucio Stanca, ministri del precedente governo Berlusconi. Fino ad allora erano nomi che non potevano dire molto all’uomo della strada. E’ un caso che questi “signor nessuno” si siano ritrovati da un giorno all’altro a guidare due ministeri della Repubblica? Ma soprattutto: vogliamo scommettere che nell’imminente nuovo governo ci sarà almeno un nome che possiamo trovare in questo elenco? Santa, nel caso, ci ritorniamo sull’argometo? ;)

  • Asno

    Caro Carlo,

    in effetti sono ben pochi gli illustri sconosciuti di questa lista. Ce n’è qualcuno in più, di sconosciuto, in quella del Bilderberg (che è mutevole, per giunta). Mi sa che, più si sale lungo la scala della notorietà pubblica, meno si conta in quella dell’influenza effettiva (il che non significa che siano inutili, gli utili idioti che prestano il loro nome a quelli che contano davvero).

    Andrea (#2) è sempre magnanimo. Vorrei anch’io credere che Fitoussi e Tremonti – se alludi a quest’ultimo – si siano semplicemente trovati davanti richieste che non potevano rifiutare. Il mio timore, invece, è che oggi la sola alternativa possibile sia 1) ossequiare il potere della finanza usuraia o 2) avere la stessa importanza dell’urtimu buttunu di la vrachetta. Tertium non datur, visto che la Chiesa sta lentamente scivolando verso la seconda condizione (il che ha almeno un pregio, nel suo smentire chi le attribuisce la prima condizione).

    Ci sarebbe l’Islam, in effetti, a rappresentare in qualche modo una collettività alla quale non si possono attribuire le suddette due condizioni. Ma non a caso l’aggressione occidentale è rivolta solo contro i musulmani. Sicché anche loro finiranno come i cristiani, vale a dire due di picche o urtimu buttunu di la vrachetta (quello che – traduco per i non iniziati al lessico calabro-saudita – non si abbottona mai, nei pantaloni maschili).

    Manca, finora, la voce di Pax. Perché è solo nella sua Laputa dalla povertà obbligatoria (e pertanto socialmente condivisa) che c’è qualche speranza. Ma, finché comanda l’usura, campa cavallo.

    Del resto, tornando ad Andrea, se la Chiesa contasse qualcosa potrebbe almeno scomunicare chi esercita l’usura. Torneremmo ipso facto al Medioevo (ed a Laputa).

    Pace a tutti.

  • elwin

    sarà pure come dite voi, ma a me pare solo un associazione in cui figura tanti potenti, certo… ma anche altri che potenti non sono. Per non parlare del fatto che tanti veri potenti in questa lista non ci sono… ripeto… sarà…

  • Sintagm

    Io evidenzierei pure Lucia Annunziata e Paolo Mieli… Il fatto che in tutti questi “club” esclusivi siano puntualmente presenti esponenti di spicco dell’informazione “mainstream”, e che nonostante ciò si viene a sapere di questi ritrovi solo rovistando in rete, già di per sé qualche sospetto dovrebbe destarlo.

    E se quello che si dicono non dovrebbe preoccuparci, quale sarebbe il motivo di farlo “a porte chiuse?”.

    Forse si divertono a farci credere il peggio, quando invece parlano di dove si mangia meglio o delle loro esperienze sentimentali?

  • anonimo

    Salud Santa,

    giusto per “enfatizzare” la presenza di Gaber:

    “…e l’Italia giocava alle carte,

    e parlava di calcio nei bar…”

    Suerte,

    manolete

  • anonimo

    Vedo che sei tornato al tuo tema preferito: il complottismo.

    Chi non fa parte della suddetta organizzazione, mi pare di capire, è un perfetto signor nessuno.

    Ma di prima mattina mi devi deprimere così? Sadico! :-))

    chirieleison

  • anonimo

    Il MedioEvo non è assolutamente da disprezzare; ha avuto il solo torto di avere un pessimo ufficio-stampa.

    No-disoccupazione, No-stress, No-TAV.

    Un gran bel periodo

    Gianni Pesce

  • MINICHINIBLOG

    Caro Santa , esiste qualche paese al mondo che resiste a questi globalisti che sembrano ormai avere il dominio del mondo ? Roberto

  • qualquna

    pensando positivamente,

    ritirarsi “a porte chiuse”,

    a poter riflettere senza distrazioni dei accaduti, discutere, cercare le solozioni migliori per il futuro…

    riflettendo sul tuo post!

    un caro saluto e

    buon giovedi!

  • Santaruina

    mi sono ricordato dell’Aspen institute dopo aver sentito la notizia che annunciava l’incontro di Berlusconi con Gianni Letta subito dopo l’esito delle elezioni.

    Gianni Letta è la prima persona con cui Berlusconi si consulta quando ci sono da prendere decisioni importanti.

    E Gianni Letta è anche il punto di riferimento dell’Aspen Italia.

    Oggi sul corriere in prima pagina era segnalato l’incontro di Berlusconi con Veltroni, a casa di Gianni Letta.

    La situazione è alquanto chiara; il Letta fa da tramite con gli organismi sovranazionali a cui l’Aspen fa riferimento e dà le direttive ai “nostri” rappresentanti”.

    Tra le altre cose, suo nipote Enrico Letta ha lo stesso compito nello schieramento del centrosinistra.

    Sarebbe bello se tutto ciò fosse solo “complottismo”.

    Sono notizie che tutti possono leggere, e che basta collegare.

    Un saluto a tutti :-)

  • elwin

    Sarebbe bello se tutto ciò fosse solo “complottismo”.

    Sono notizie che tutti possono leggere…

    … appunto. Questo è “complottismo” spicciolo con cui si (ci) dilettano(dilettiamo) perdendo solo tempo.

    I veri “pupari” sono inaccessibili.

  • Santaruina

    questo è un momento particolare, in cui si divertono nel mostrarsi.

    Lo spiega molto bene Winfield nel “finale di partita”.

  • padella

    Ho preso in prestito il tuo post magico Santa.

    Si mostrano, si mostrano …

    Padella

  • anonimo

    ringrazio Asno, anche per avermi insegnato quella dell’urtimu buttunu :-)

    non so se sono magnanimo, di sicuro sono in preda al dubbio, e alla speranza, che qualcuno di lorsignori viva con tormento la semi-schiavitù che gli è concessa e che al popolo pare un grande potere.

    non mi viene immediato qualche riferimento biblico per descrivere questa condizione, ma sono sicuro che c’è.

    Andrea

  • LuceInvernale

    La prima cosa che ho pensato, leggendo la lista degli allegri partecipanti, è stata “chissà che tipo di tartine servono lì dentro?”.

    Ovviamente mi è sembrata una valutazione culinaria infima.

  • Santaruina

    Penso che sia stata la domanda che si sono posti tutti, leggendo quella lista.

    ssc

  • LuceInvernale

    siamo dei grandi gourmet, nulla da eccepire.

  • Santaruina

    la classe non si può nascondere, no no.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>