Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
16 ottobre 2008

City of Light

Immagine tratta da nero.noblogs.org


Coloro che hanno costruito la città di Milano hanno fatto in modo che gli edifici e le strade si potessero mimetizzare col suo cielo.
Grigie strade ai piedi di grigi palazzoni, sotto un grigio cielo.
Ed anche la nebbia ha vagato a lungo prima di trovare in Milano la sua giusta dimora.

E come può, alla lunga, questo grigio non entrare dentro anche alle persone che sotto quei cieli si muovono, su quelle strade corrono, dentro quei palazzoni mangiano e dormono, che il tempo è quello che è.

A Milano.
A Londra.
A Kuala Lumpur.
A New York.
In città.

17 comments to City of Light

  • messier

    Lo spazio antropico. Posso dire che sia uno dei due o tre miei argomenti preferiti, non tanto di discussione, ma di esplorazione. Penso – brevemente – che l’urbanizzazione come si è affermata nel ventesimo secolo, sia un fenomeno mostruoso al pari della concentrazione finanziaria, e che sia un fenomeno intenzionalmente prodotto come l’inflazione monetaria. Se si esplora bene l’argomento antropico, salta agli occhi che NON C’E’ NESSUN BISOGNO che così TANTI uomini, sulla terra, abitino in modo così stretto gli stessi spazi… (Anche in Grecia per esempio, la conurbazione di Atene non ha alcun senso). Queste nostre città sono un’invenzione, non una necessità. Come la Borsa e la Cartamoneta.

  • Santaruina

    Atene è stata una follia.A metà dell’ottocento contava dai 10.000 ai 30.000 abitanti.

    Ora nel suo agglomerato vivono circa 4 milioni di persone, e la Grecia intera ne conta 10 milioni.

    Una follia.

    Eppure, è stato un modello di sviluppo voluto e perseguito, dritti verso il disastro.

  • qualquna

    mi vien mente un film di Totò , che mi fa sorridere :-),

    purtroppo è aggosciante il grigio, che copre città e l’anima,

    ma sopa , il sole splende ugualmente,

    e il calore umano non si spenge nella nebbia…

    ma cè da dire, che architetti d’oggi pensano da ricavare tanti guadagni,

    e sono blendati quando passeggiano nei centri storici…..

    un caro saluto e

    buon fine settimana!

  • anonimo

    Cielo grigio, ma non è il grigio avvolgente ed ossianico delle nebbie naturali, ma il grigio cadaverico e livido creato dagliaerei chimici…

    Ciao

    Zret

  • HAVEADREAM

    Per chi come me, ad ogni mattino, si è svegliato per anni con la finestra che dava sul tristemente famoso “serpentone” di Corviale a Roma, robe del genere non sono una novità.

    E’ la folle ricerca dell’assoluto, di innalzarsi fino a toccare il cielo del loro Dio, dove al confine ideale di un orizzonte ed un sole che ne illumina i limiti si contrappone la “verticalità” senza punti di riferimento.

    Sentite condolianze alla civiltà tutta.

    Gustatevi il video

    http://video.google.com/videoplay?docid=-8375329710337079120&hl=it

    ciao

    Salvatore

  • Santaruina

    Ciao Havedream, personalmente di fronte al Corviale sono sempre rimasto incredulo.

    Mi pare una autentica follia, ed ancora non riesco a comprendere con quale coraggio e con quale spregiudicatezza sia stato possibile edificare una simile calamità.

    E’ un pensiero utopico, o meglio distopico che prende forma, del tutto indifferente all’essere umano che vi andrà ad abitare, che in quello spazio dovrà vivere.

    Ma il problema nasce nel momento in cui l’essere umano è visto come una macchina con delle esigenze da soddisfare.

    Un pensiero ereditato dai primi teorici del modernismo dell’inizio del XX secolo.

    E’ un argomento enorme…

    _______________

    Qualquna, una prima domanda che chi si occupa di architettura si dovrebbe porre è perchè le persone quando hanno un pomeriggio libero lo passano al “centro storico”, e fuggono dalle “periferie moderne” come si fugge da una malattia.

    A presto

    __________

    Zret, è come dici.

    Ed ormai la visione di un cielo blu, di un blu vero, diviene un evento eccezionale.

    Pochi giorni all’anno.

    E li ci si accorge di cosa ci stanno rubando.

    Blessed be

  • Asoka

    io la nebbia a Milano non la vedo da un po’…

  • Santaruina

    In effetti gli apprendisti stregoni dei cieli hanno ulteriormente incupito il cielo e diradato la nebbia, negli ultimi anni.

  • sadlandscape

    D’incredibile effetto la metafora (in realtà pura verità) di come l’ambiente condizioni le persone…davvero bello e malinconico questo post..

    Un caro saluto

    Giacomo

  • Santaruina

    Ciao Giacomo

    purtroppo il grigio è un colore reale.

    A presto.

  • anonimo

    …forse perché sono allucinata, io vedo bianche yurte,ger, dappertutto, quelle che fanno diventare il cielo blu, anche quando é grigio. La ruota centrale del soffitto é un sole in legno/luce, soffitto sostenuto dai suoi raggi e dall’apertura centrale , chanirak,esce il fumo della stufa piazzata in corrispondenza al suolo, in mezzo alla ger, fuoco, centro del mondo albero sacro che sprigiona la vita-fuoco-luce e con il quale si dialoga con l’invisibile. I ‘muri’ sono in feltro di yack e montone; lana battuta e trasformata per diventare nuvola di sogno eterno, tappezzante pareti delle praterie celesti delle steppe che rachiudono gli umori del clima, pioggia neve sole vento, ma soprattutto i messaggi-essenza della spiritualità sudata a calde e fredde lacrime di sacrificio che oltrepassano la barriera del tempo, e vivono nell’altra realtà, fotografia luminosa del Suo amore. Chanirak buk boleçiniz, bossara berik boleçiniz!!!( che il tuo chanirak sia alto, che i pilastri della tua porta siano forti e potenti, cioé che i due punti d’entrata della tua yurta, siano nel migliore stato possibile per comunicare con Dio.) ciao! jam

  • enzas

    Sentendo questo video ho l’impressione che il grigio sia entrato anche nella musica. La chiamano gotica, ma io del gotico ho un’altra idea.

    Ciao Carlo, a presto

  • CeciAlcyone

    mi viene in mente metropolis di georg grosz, sebbene i colori siano tutt’altro che grigi…

    un saluto :-)

  • Santaruina

    Jam, dove vivi tu è più facile per le persone essere azzurre dentro :-)

    ____________

    Enza, trattasi dei Theatre of Tragedy nel lor periodo industrial-gothic.

    Ho scelto questa canzone perchè mi pare esprima assai bene il ritmo metropolitano.

    A presto :-)

    ________________

    Ciao Ceci

    Metropolis era visionaria, però vi erano delle intuizioni notevoli.

    E’ curioso perchè a volte sembra che le siano le creazioni reali ad inseguire le visioni dell’arte, e non il contrario.

    Blessed be

  • enzas

    Bello questo scambio musicale ;)

    Grazie :)

  • Santaruina

    Prima o poi posterò qualcosa dei Theatre of Tragedy del loro periodo Melodic-doom- Gothic e allora sarò curioso di sentire il tuo parere :-)

    Blessed be

  • enzas

    Aspetto con curiosità :)

    Buon lunedì!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>