Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
8 gennaio 2008

Colorando la nebbia


Quando ha inizio l’inverno vorrei sempre andare in letargo.
Ma intorno tutto si ostina a girare, ed è strano che le persone continuino a trovare cose importanti da portare a termine, quando fuori c’è l’inverno.
Ho sempre pensato che in certi giorni la cosa più normale da fare, la più umana, sia stare a letto, che la nebbia vista dalla finestra di casa appare pure bella.
Ma il mondo, si sa, è folle, ed anche in queste giornate occorre uscirsene fuori, persi nelle proprie occupazioni, tanto importanti, più importanti di un caffè caldo bevuto mentre si guarda la nebbia dalla finestra di casa.Tornando dal lavoro stasera pensavo all’inverno padano, all’impossibilità di non farsi contagiare dal suo grigio.
Il cielo è sempre grigio, le strade sono grigie, i campi grigi.
E’ naturale che diventino un po’ grigie anche le persone.
Guidavo e cercavo dei colori, intorno a me.
Poi dall’autoradio è partita la canzone giusta, ed anche la nebbia sa trovare un po’ di senso.



20 comments to Colorando la nebbia

  • messier

    ma io sono ancora più folle del mondo e di inverno mi fermo davvero

  • freenfo

    Secondo la Medicina Cinese, l’inverno è la stagione del riposo e della conservazione. Noi Occidentali facciamo il contrario, lavoro lavoro e ancor lavoro. Poi ci chiediamo perchè siamo così stanchi e grigi dentro.

    Ciao, un abbraccio uggioso.

  • qualquna

    Inverno ha tante faccie,

    quando cade la neve è divino,

    il freddo ghiaccia le mani,

    ma davanti a focolare siamo incantati dal fuoco “vivo “nella casa,

    e la grigia nebbia, risalta il sorriso chi amiamo

    è bello l’inverno!

    un caro saluto

    e grazie al tuo passaggio!

    Buon Martedi!

  • Morganne

    come ti capisco, stasera abbiamo intrevisto la stessa nebbia, compaesano.

    Io i colori del mio inverno, le trovo sempre dentro di me, cosi che tutto diventa allegria. Quello che vediamo, spesso lo vediamo come siamo :)

    un caro abbraccio

    astrid

  • anonimo

    A me la nebbia piace, mi piace immergermi in un paesaggio che improvvisamente e’ trasfigurato e irriconoscibile. E immediatamente mi riapproprio di quella sensazione di incertezza e di timore, laddove pensavo con arroganza di conoscere gia’ tutto e di essere padrone della mia realta’… e la sicumera che ostentavo ammutolisce e finalmente mi rendo conto con sgomento di essere ancora una volta solo con me stesso di fronte all’ignoto…

    :-)

    mvl

  • Spennacchiotto

    Probabilmente non c’entra nulla, ma io apprezzo moltissimo il tono pacato ed equilibrato del padrone di casa di questo blog e pertanto lo frequento sempre volentieri, anche in caso di nebbia. :-]

  • Santaruina

    Messier, è una decisione, in fondo…

    freenfo, credo che in questo caso i cinesi non abbiano tutti i torti.

    Un saluto a te :-)

    Qualquna, l’inverno è bello quando riesci ad osservarlo, standoci a distanza, magari davanti al camino… :-)

    Astrid, intravedere la stessa nebbia…

    già, tra le altre cose la nebbia cancella le distanze.

    Quel che nasconde può essere a 100 metri come a 1000 miglia

    Un bacio a te.

    Mvl, è proprio “l’ignoto” che mi ha sempre colpito della nebbia.

    La sensazione che il mondo svanisse, e che qualcosa di sconosciuto ne prendesse il posto.

    Spennacchiotto, sei sempre gentile :-)

    Grazie a te per i tuoi passaggi.

    Blessed be

  • anonimo

    la nebbia è fatta dei ricordi persi nel vento…la nebbia è fatta di promesse dimenticate come fanno i marinai con le loro donne..la nebbia avvolge come una sciarpa ogni malinconia colorandola del colore giusto…essere grigi a volte serve per comprendere il valore di ogni colore..(e stavolta mi inchino io)

  • anonimo

    Da bambino capivo meno di quel poco che capisco adesso.

    La maestra aveva assegnato la poesia di Carducci da imparare a memoria.

    “La nebbia agli irti colli piovviginando sale

    e sotto il maestrale urla

    e biancheggia il mar…”

    Mi domandavo come potesse piovviginare sale,

    non SE potesse ma COME potesse.

    Forse erano le onde che sbattendo sugli scogli nebulizzavano l’acqua lasciando poi un sottile strato di sale.

    Pochi anni fa ho scoperto che era la terza persona del verbo salire quel sale che piovviginava.

    L’associazione di idee forse era dovuta al rigore dell’inverno,

    in fondo era normale nella mia mente di bambino che piovviginasse quel sale che significa desolazione.

    Tanto normale che non ho badato all’analisi logica e del periodo sino a pochi anni orsono;-)

    Ciao da ‘Umar

  • anonimo

    Oltre all’analisi logica sbagliavo (e sbaglio) anche l’ortografia, piovigginare e non piovviginare.

  • oscaraph

    salace

    Eccezionale Umar (sia 9 che 10).

    Più eccezionale ancora Carlo, che ce lo ha fatto conoscere. Chissà se viene prima l’uovo [della bontà intrinseca] o la gallina, che esplicita la bontà? Chi è il migliore, colui che è buono o colui al quale il buono si accompagna?

    D’altra parte, chi conosce il Bello è il Bello. Amore-Amato-Amante sono tutt’Uno come Conoscenza-Conosciuto-Conoscente. Poi dici, il senso biblico dei termini vedici…

    Un caro saluto a tutti.

    Oscar

    P.S. Oggi volevo scrivere un post mio, ma mi sa che non è cosa.

    L’assonanza tra sale, salute e salvezza, è cosa nota. Idem, il “salario”, inteso anche come retribuzione futura della vita presente. C’è chi scende, insomma, condannato a sciogliersi nei liquidi bassifondi dell’esistenza, e chi sale. Quest’ultimo scinde il sale nei due aspetti della corrosione delle spoglie corporee e della conseguente liberazione: al basso ciò che è basso e all’alto ciò che è alto(als).

    Hic Rhodus – commenta il poeta salace – hic saltus.

    Chiedo scusa per il vaniloquio. Prima, però, incollo quanto segue.

    Lungo gli scaffali dell’ESSELLEMME,

    dopo sùllam (“scala”), sàlem (“salvo”), salàm (“pace”)

    e dopo l’Islàm stesso,

    è impertinente qualsiasi salume

    non visto come salma,

    come carne secca da “consegnare” (iusàllem),

    come corpo “incorrotto” (salìm) e incorruttibile,

    come quattordicesima “falange” (sulàmi),

    quella che poi comincia l’altra mano,

    l’altro mezzo alfabeto,

    l’altra metà del giorno, il noon, la nun.

  • oscaraph

    Se quanto ho detto nella prima parte del commento n°11 ha qualche senso, la segnalazione quale tinking blogger di cui Carlo (post del 4 gennaio) mi ha onorato comporta le seguenti riflessioni: a) se io apprezzo quel che scrivo (non per vanità, ma perché altrimenti non scriverei) e lui apprezza quel che scrivo, io apprezzo quel che lui scrive; b) se, ciò premesso, lui apprezza quel che altri scrivono, io non posso non apprezzare quel che gli altri [da lui segnalati] scrivono.

    Oggi ho cominciato con Paxtibi, che ha confermato appieno quanto detto sopra. Eccellente. Purtroppo, però, così il tempo per scrivere un post mio cala ulteriormente.

    P.S. Per Carlo. A proposito di quel post del 4 gennaio, la dizione esatta è ‘o scarrafone. La tua variante, per il povero Oscar Raffone scrivente, sembra alludere a colui il quale non faccia altro che ‘scaraffare’ una caraffa. Vino? Ambrosia? Acqua LETE per dimenticare?

  • Santaruina

    Oscar, grazie a te per le tue preziose aggiunte.

    Ho reso giustizia anche ad O’scarrafone, ponendo rimedio al refuso :-)

    Per quanto riguarda Umar, è davvero un piacere leggere le sue riflessioni.

    L’immagine del sale che pioviggina la trovo molto evocativa…

    Blessed be

  • PerlaBronzea

    Brillare sul grigio, dono di pochi.

  • Santaruina

    ssc

    Blessed be

  • chirieleison

    io vado in un quasi letargo

    vivo al minimo,

    sotto traccia

    quasi in sordina

    e alla fine di gennaio quando i mandorli iniziano a fiorire

    respiro già il profumo della primavera

    ma il risveglio vero e proprio avviene con l’ora legale

    E’ da lì che il mio letargo finisce :-))

  • Santaruina

    I mandorli che fioriscono a gennaio…

    che invidia :-)

    Blessed be

  • Airel81

    Amo la nebbia. La bruma serala che sale ed avvolge ogni cosa… anche i miei pensieri.

    Ti penso caro R. e mi domando i tuoi dove mai puntino. I miei oramai sono totalmente fuori controllo: non so più nulla, ne dove vado. Ma la cosa non mi crea più “depressione”… guardo il tutto con curiosità, per vedere come mai finirà.

    La nebbia… ci permette di scomparire, ci dona l’invisibilità. PEccato che tanti non si accorgano che non esiste solo la nebbia fuori, lì suoi campi, ma anche nel nostro essere… così fitti a volte…

    Ciao carissimo :) alla prossima. Il vagabondare continua ;)

  • anonimo

    Santa, hai sbagliato canzone, quella adeguata e’ questa qui:

    Prendi la chitarra e comincia a cantarla, poi vedi se riesci a smettere…

    Peace, Dude.

    PikeBishop

  • Santaruina

    Airel, un caro saluto a te ed al tuo vagabondare :-)

    Pike, piacere di vederti da queste parti :-)

    Hai segnalato l’ Inno al Sole moderno…

    Blessed be

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>