Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
12 gennaio 2009

Crisi economica: ripresa entro il 2010 (e giù risate)

Quanto durerà la crisi economica che stiamo attraversando?
E’ solo una crisi passeggera, un lieve rallentamento,  oppure ci attendono anni diversi da quelli a cui siamo abituati?
Probabilmente è vera la seconda, ma non è il caso di farsi cogliere dal panico.
Non ancora, almeno.
Nel frattempo, si leggono e si odono diverse analisi, e gli analisti più prestigiosi prevedono una lenta ripresa a partire dal 2010. Gli stessi analisti che fino a due giorni prima dei primi crolli in borsa rassicuravano sulle fondamenta solide del sistema economico, senza minimamente ipotizzare la bufera in arrivo, adesso sono  in grado di prevedere anche il periodo in cui avverrà la ripresa.
C’è di che fidarsi.
D’altra parte, lo stesso Trichet, presidente della Banca Centrale Europea, con volto corrugato e severo, annuncia un 2009 difficile, ed un miglioramento a partire dal 2010.
Per coprire quell’incarico, sicuramente saprà il fatto suo, il buon Trichet.
Le stesse considerazioni ci giungono dagli analisti di oltreoceano, dove il presidente della FED Ben Bernanke, coadiuvato dall’ autorevole segretario del Tesoro statunitense Paulson, sta varando le misure necessarie per uscire in fretta dal periodo di crisi.
Ci riusciranno mettendo in campo tutta la loro competenza, più volte dimostrata.
Ecco come si esprimevano nel novembre del 2007, alle prime avvisaglie della crisi in arrivo:


CRISI MUTUI: BERNANKE, FED NON VEDE RISCHIO RECESSIONE

L’economia Usa rallentera’ il passo ma la Fed non vede il rischio di recessione ne’ di ritornare alla ‘stagflazione’ degli anni ’70. Lo ha detto il numero uno della banca centrale Usa, Ben Bernanke, nel corso di un’audizione al Congresso, sottolineando che l’economia americana riprendera’ a crescere a un tasso “piu’ ragionevole” dalla prossima primavera.

 

USA;PAULSON: FONDAMENTALI ECONOMIA SANI NONOSTANTE CRISI MUTUI

New York, 10 nov. (Apcom) – Il segretario al Tesoro americano Henry Paulson ha detto di aspettarsi una crescita continua dell’economia, nonostante i moltissimi problemi generati della crisi del mercato immobiliare.
Come ha spiegato all’agenzia di stampa Dow Jones, Paulson ritiene non ci siano “dubbi sul fatto che entro un ragionevole periodo di tempo i nostri solidi fondamentali economici riporteranno la luce”

 

Se questi stessi personaggi oggi ci assicurano che ci sarà una ripresa entro il 2010, possiamo dormire sonni tranquilli.

23 comments to Crisi economica: ripresa entro il 2010 (e giù risate)

  • messier

    Io temo molto l’anno 2010. Sappiamo per certo che in quell’anno il Tempo comincerà a riavvolgere la sua pergamena. E poi avanzerà davvero poco, prima che qualcuno voglia mettere il sigillo al rotolo.

    (Che allegria, eh?)

  • anonimo

    Io credo che nella migliore delle ipotesi la ripresa ci sara solo nella seconda parte del 2010 e sara debole .

    Naturalmente senza contare che ci sono altre variabili in gioco che potrebbero rendere ogni previsione puro argomento da bar dello sport.

    Mi riferisco ad un aggravamento della situazione mediorientale, un ascesa della tensione usa-russia, un crollo del sitema monetario fattori che anche singolarmente porterebbero a complicazioni di cui non possiamo sapere la portata.

    comunque vi racconto la situazione nel mio piccolo: lavoro in una multinazionale che produce componentistica per automobili, da settembre ad oggi ho totalizzato oltre 30 giorni di cassa integrazione (lavorativi) e normalmente ricevo lo stipendio mensile entro il 10 di ogni mese sul mio conto(unicredit). Ebbene ad oggi 13 gennaio non ancora vedo la mensilità di dicembre…come me anche molti miei colleghi stanno avendo lo stesso problema….in pratica stanno ritardando i pagamenti!!!..speriamo bene nei prossimi giorni…altrimenti c’è veramente da peroccuparsi…

    Un saluto

    Angelo

  • Santaruina

    Messier

    Luca 12,35-38

    :-)

  • Santaruina

    Ciao Angelo

    purtroppo la situazione che descrivi è comune a molti.

    Anche qua nel ricco e produttivo centro nord molte aziende hanno “regalato” ai loro dipendenti ferie prolungate.

    Tante imprese stanno lavorando sugli ordini in sospeso, finiti i quali ci si chiederà cosa fare, poichè pare che in molti settori di nuovi ordini non ce ne siano.

    Vi è una strana atmosfera, si continua a procedere quasi come se nulla fosse mentre tutto è fermo, sperando che da un momento all’altro qualcosa succeda e si riprenda come prima.

    Difficilmente succederà quel qualcosa, e molte imprese dovranno rivedere i loro piani.

    Gli effetti reali di questa crisi non si sono ancora visti, è questo il vero problema.

    Occorrerà essere pronti ad affrontare tempi un po’ duri, probabilmente.

    A presto

  • tristantzara

    Questo tuo lavoro di resoconto sullo scempio finanziario che è accaduto è encomiabile.Davvero.Tanti complimenti,sei molto bene informato e tieni tutto in archivio,fai bene.Io mi linko delle notizie soltanto,niente più.ciao

  • enzas

    Tempi durissimi! Quando è lo Stato stesso che non ti paga più le fatture e quando devi pignorare i beni dello Stato per ottenerne il pagamento, non si può pensare altro che siamo allo sbando…

    ps ed io sono un’inguaribile ottimista come te, pensa un pò!

  • Infettato

    Ciao enzas, non riesco a trovare riferimenti in rete, che possano supportare il tuo commento, se puoi aiutarmi ti ringrazio.

    Santa a mio modestissimo avviso, tutte le variabili possono giocare un ruolo se non decisivo quantomeno importante per l’evolversi della crisi.

    Certo se il buon anno si vede dal mattino, non ci sono belle prospettive future, ormai è rimasto pochissimo, aspettiamo le misure del “nuovo” presidente u$a per vedere se almeno si riescono ad arginare i danni.

    A prescindere da come verrà consigliato dai “big della finanza”, le iniziative che prenderà potrebbero influire molto sia in positivo che in negativo (una delle variabili di sopra).

    Roberto

  • Santaruina

    Ciao Tristan.

    Una delle caratteristiche differenzia il mondo della rete da quello dei media tradizionali, è proprio l’immenso archivio che è sempre ad ogni momento a disposizione.

    Sui giornali il politico x può permettersi di dire “sarò sempre contrario all’approvazione della legge Y” e dopo qualche tempo leggere una sua intervista in cui ci spiega perchè la legge y era necessaria.

    Ogni giorno è un nuovo giorno nel magico mondo dei giornali, che essendo appunto quotidiani vivono alla giornata.

    Nella rete ogni dichiarazione, ogni previsione rimane fissata, ed è subito recuperabile.

    Si può quindi facilmente cogliere in fallo chi si contraddice.

    ed è anche divertente farlo, onestamente.

    ____________

    Enza, l’ottimismo prima di tutto :-)

    __________

    Infettato

    sinceramente penso che difficilmente Obama possa invertire questa tendenza.

    Sempre sperando che non gli capiti nulla di brutto nelle prossime settimane, come profetizzato da Biden e da Colin Powell.

    Blessed be

  • enzas

    Infettato, non so se troverai riferimenti in rete, il mio commento nasce da una situazione che vivo in prima persona. In altre parole le fatture le ho fatte io all’amministrazione statale ma di fatto non ho ricevuto un euro e non si sa quando mi pagheranno, ma intanto dovrò pagarci le tasse. Ti rendi conto? Siamo alla frutta…no, anzi all’ammazza caffè.

    Lo stato ha “solo” i soldi per pagare l’esercito di dipendenti pubblici…senza considerare che su ognuno di noi pende un debito di 28.000 euro.

    Pazzesco!

  • qualquna

    si deve migliore per forza,

    risalire alcuni gradini,

    poter vivere meno ansiosi

    un caro saluto!

  • Santaruina

    Qualquna, speriamo di non dover attendere di tastare il fondo prima di risalire alcuni gradini :-)

    a presto

  • anonimo

    io faccio come te Santaruina! mentre sprofondiamo nell’abisso, mi tengo stretta la fiaccola!se perdessi quella penso sarebbe la fine.

    il giocattolo economico si è rotto, siamo solo all’inizio!

    ottimista no?

    un saluto

    sR

  • Santaruina

    Ciao sR

    è importante avere lo spirito giusto :-)

    A presto

  • anonimo

    A quanto pare qualcuno (USA) sta perdendo interesse in Israele più di quanto sembri.

    Mi permetto di consigliare questo articolo: http://www.europe2020.org/spip.php?article583&lang=fr

    Fabiano

  • Santaruina

    Ciao Fabiano

    sotto sotto la stessa dirigenza Israeliana sente che questi scenari si possano avverare.

    Però non riesco ad immaginarmi una fine “pacata”.

    A presto

  • anonimo

    Ah, domando scusa, ho commentato il post sbagliato :P

  • Santaruina

    non c’è problema Fabiano, questo spazio è molto flessibile :-)

  • anonimo

    Attenzione che i vari signori di cui sopra ed anche maghi dell’ economia i “nostrani” dicono che nel 2010 ci sara’ ripresa…ma rispetto al 2009 !

    Quindi se nel 2009 ci sara’ un -x%…nel 2010 ci sara’ un -y% dove y sara’ un pochino minore di x !

    Tradotto 2009 -6%, 2010 ripresa e quindi -5%…2010 su 2009 +1% !

    Un po’ come i dati sulla FIAT che perde il 40% di vendite ma allarga la fetta di mercato….tradotto (con numeri a caso, giusto per rendere l’ idea):

    2007 vendute 10000 auto di cui 5000 FIAT / 5000 altri

    2008 vendute 3 macchine di cui 2 FIAT / 1 altri

    …nonstante il calo delle vendite di 997 auto (pari al -99,8%) la FIAT incrementa la sua quota di mercato dal 50 al 67%…wooow !

  • Santaruina

    è la magica magia dei numeri :-)

  • anonimo

    secondo me la positivita e la miglior strada … viviamo una civilta consumistica , magari non riprenderemo subito con i numeri di prima , ma sicuramente qualcosa si muovera anche a breve .. teniamo duro ancora un po .

  • Santaruina

    L’ottimismo è il sale… ecc. ecc.

    Comunque è questione di poco, e vedremo come andrà a finire :-)

  • anonimo

    guarda caso a me mi hanno anche licenziato da 2 mesi, un licenziamento disciplinare di cui non posso percepire neanche la disoccupazione e tanto meno se sto pagando delle rate dell’auto l’assicurazione della finanziaria con quella lettera d ilicenziamento difficilmente mi aiuterà! bisognerebbe spararsi a questo punto? o sperare nella ripresa? non ho parole finchè riusciamo a tirare avanti bene poi e la fine!

  • Santaruina

    Occorre resistere, la situazione sarà sempre più complicata.

    Un saluto a te

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>