Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
19 maggio 2008

Dal Materialismo al Neospiritualismo


di M.V. Dharmamenta

Verso la fine dell’ottocento, esauritosi il positivismo filosofico, fase estrema dello scientismo materialista, l’azione antitradizionale subisce apparentemente un cambiamento radicale con l’affermarsi e il dilagare delle filosofie irrazionaliste.
Tali filosofie coincisero, e non solo cronologicamente, con l’affermarsi dei movimenti neo-spiritualisti e con nuovi, disastrosi rivolgimenti sociali.
Il motivo di tali mutamenti è indicato da René Guénon, che individuò nell’azione antitradizionale due fasi distinte: Dobbiamo fare la distinzione fra due tendenze che si esprimono mediante termini apparentemente antinomici: da un lato, la tendenza verso quella che abbiamo chiamato la “solidificazione” del mondo, dall’altro la tendenza verso la “dissoluzione”
Già ora è d’altronde possibile constatare che la seconda delle due tendenze comincia a diventare predominante; infatti, innanzitutto, il materialismo vero e proprio, che corrisponde ovviamente alla solidificazione nella sua forma più grossolana, ha ormai perduto molto terreno …
Vi è, nella riduzione graduale di tutte le cose alla quantità, un punto a partire dal quale tale riduzione non tende più alla solidificazione. (1)

Il materialismo e i suoi corollari non furono insomma che la preparazione del terreno all’opera di dissoluzione vera e propria; scacciata e derisa ogni forma di spiritualità autentica, dimenticate le fondamenta dottrinali che da essa emanano e che sono alla base della religione, l’Occidente, ormai ignaro e impreparato, era pronto ad accogliere ogni sua caricatura, in chiave esotica, spiritica, occultista, di religione psichica, di umanitarismo laico, di “liberazione” psicoterapica.

Certamente il materialismo vi ha avuto la sua parte, ma a questo punto la negazione pura e semplice che esso rappresenta è diventata insufficiente; essa è servita efficacemente ad impedire all’uomo l’accesso alle possibilità d’ordine superiore, ma non sarebbe in grado di scatenare le forze inferiori che sole possono portare al suo acme l’opera di disordine e di dissoluzione. (2)
Il disordine di cui parla Guénon è ovviamente la negazione del Dharma ; si tratta ora di focalizzare la nostra attenzione su queste “forze inferiori” alle quali sarebbe affidata l’opera di dissoluzione in un mondo che ha ormai perduto ogni conoscenza di carattere tradizionale del dominio psichico o sottile e che è facile preda, per la sua curiosità infantile, delle influenze inferiori presenti in tale dominio.
Il risultato più deleterio di questa fase dell’azione antitradizionale è la sostituzione, nella mentalità comune, dello “spirituale” con lo “psichico”, dell’universale con l’individuale.

______

1) Il Regno della Quantità e i Segni dei Tempi – pag. 161, 162.
2) Idem – pag. 165.
_____

M.V. Dharmamenta, “Lo Yoga e il neo-spiritualismo moderno”

42 comments to Dal Materialismo al Neospiritualismo

  • Santaruina

    Articolo inizialmente pubblicato nel novembre del 2006.

    Lo ripropongo a distanza di un anno e mezzo perchè ritengo che nella sua sintesi è probabilmente lo scritto più “prezioso” comparso in questo blog

  • Asno

    Caro Carlo,

    anche oggi ti tocca sciropparti qualche verso, che spero in tema col tuo post [hoc, ergo

    propter hoc].

    _______________

    Volatilizzare il fisso e fissare il volatile

    era l’imperativo alchemico dei bei tempi

    in cui non c’era bisogno di dirsi

    materialisti,

    perché la materia era materiale, carnosa

    e, a morderla, sprizzava succulenze di femmina

    e di peccato integrale, d’anima e di corpo.

    Questa nostra età dell’oro, invece, si considera

    materialista

    come il santo si crede peccatore.

    Ci stiamo rarefacendo, smaterializzando

    in una nebulosa di ipotesi, astrattezze,

    chimere, sogni ad occhi aperti e veglie

    ad occhi chiusi.

    Quando era il sole a girare e la terra,

    immobile, immutabile,

    si limitava ad alternare i quattro tailleur

    del suo ristretto guardaroba, ristretti, certo,

    eravamo anche noi.

    Da quando è la terra, invece, a girare,

    ci siamo allargati, forse allungati,

    comunque diluiti.

    Più siamo, meno siamo. Eccoci qua,

    labili, inconsistenti, inaffidabili,

    evasivi, sfuggenti, bugiardi (non per calcolo,

    ma per pura e semplice irresponsabilità),

    smemorati, distratti,

    cangianti come i vestiti di plastica

    del nostro guardaroba.

    _______________

  • messier

    Prima ancora di leggere il tuo commento, Santa, ho pensato la stessa cosa ! “Accidenti, in queste righe si focalizza davvero Il Progetto (dell’UomoIniquo)…”

  • Spennacchiotto

    …. Salva Santa. Post eccellente. Assistiamo quindi ad una specie di “solve et coagula” al contrario e su scala intergenerazionale…..

    Be blessed. ;-)

  • Santaruina

    Asno, notevole, davvero…

    grazie.

    Messier, quel progetto qui spiegato da Dharmamenta in maniera diretta e sintetica.

    Ciao Spennacchiotto: solve et coagula, et solve…

    a presto

  • JesterTear

    Caspita: mi hanno anticipato. Solve et coagula, dissoluzione e calcificazione. L’opera al nero. Il destino, non si può fare a meno di ammetterlo, risulta circolare (o così mi sembra di vederlo)

  • Airel81

    post densissimo… su cui devo molto riflettere. Grazie

  • Santaruina

    Ciao Jester

    circolare come un serpente che si morde la coda, per usare una immagine che si ripresenta spesso in queste pagine :-)

    Airel, a presto..

  • Asno

    A proposito, Carlo, ottimo quel link.

    Vi ho trovato due brani di Evola, che ogni tanto critica Guénon

    “Ebbene, se è appunto nella sua accezione più alta, metafisica, che la si assume, già a priori si deve pensare che l’iniziazione in una epoca come l’attuale, in un ambiente come quello in cui viviamo e data anche la conformazione interiore generale degli individui (che ormai risente fatalmente di una eredità collettiva già secolare assolutamente sfavorevole), si presenta come una eventualità più che ipotetica, e chi oggi prospetta le cose in modo diverso, quegli o non capisce di che si tratta, oppure inganna se stesso e gli altri. Ciò che bisogna negare nel modo più reciso è la trasposizione in questo campo della veduta individualistica e democratica del self-made man, cioè l’idea che ognuno che lo voglia possa divenire un “iniziato”, e possa anzi divenirlo da sé, con le sue sole forze, ricorrendo a “esercizi” e pratiche di vario genere. Questa è una illusione, la verità essendo che con le sole forze dell’individuo umano non si saprebbe andar di là dall’individuo umano, che qualsiasi risultato positivo in tale campo è condizionato dalla presenza e dall’azione di un potere reale d’ordine diverso, non individuabile. E noi possiamo dichiarare categoricamente che a questo riguardo i casi possibili si riducono a tre soltanto.

    […] Il Guénon non ha visto la situazione in termini così pessimistici a causa di due equivoci. Il primo deriva […] dall’introdurre il concetto di una “iniziazione virtuale” che può aver luogo senza alcun effetto percepibile per la coscienza, restando concretamente così inoperante quanto – per prendere anche qui un parallelo dal mondo della religione cattolica – lo è nella quasi totalità dei casi la qualità sovrannaturale di “figlio di Dio” che il rito del battesimo indurrebbe perfino in un neonato deficiente. Il secondo equivoco del Guénon deriva dal supporre che la trasmissione dell’anzidetta forza sia reale anche nel caso di organizzazioni che ebbero già un autentico carattere iniziatici, ma che da tempo sono entrate in una fase di estrema degenerescenza, tanto da esservi ragione di supporre che da esse il potere spirituale che originariamente ne costituiva il centro si sia ritirato, non lasciando, dietro la facciata, che una specie di cadavere psichico”.

    È un passo che mi fa pensare sia a qualche discussione avuta con Ika, sia all’ultimo commento di Umar presso Petrus. Che ne dici?

  • fraterPetrus

    Santa,

    che bel post: sintesi qualitativa esemplare. Leggiamo, meditiamo, impariamo.

    Aggiungiamo la ciliegina sulla torta: guerra occulta e Pace trascendente, uno dei temi cari ad un profondo conoscitore ed estimatore dell’opera di Guénon, il nostro Silvano Panunzio.

    Ottimo l’ultimo commento di Asno. In generale le religioni, a nostro modestissimo parere, andrebbero comprese a partire dalle loro fonti. Autori moderni,cosiddetti “tradizionali”, forniscono semplicemente un supporto per il reinserimento nel solco della Tradizione. Inserimento che noi sappiamo essere flglio di una elezione chiara e netta.

    Una splendida preghiera che si recita spesso durante i Vespri, ricorda come noi siamo stati scelti in Cristo prima ancora della Creazione del mondo. Mistero grande: l’ unicità della nostra anima. Dio non si ripete, mai.

    Un caro saluto ottimo Santa,

    Petrus

  • MINICHINIBLOG

    Le forze antitradizionali hanno saldamente in mano il potere politico e una delle loro strategie è “offrire” all’umanità due false alternative : o laicismo agnostico che rifiuta la dimensione sacra o pseudospiritualità sincretista ,animata da falsi maestri e da sette e concezioni prive di grazia divina e disconnesse da un autentico collegamento a una catena spirituale antica.Esiste inoltre il fenomeno ridicolo ed individualista della “religione fai da te”.Da notare che in tutto questo pantano anche il fondamentalismo o il letteralismo religioso non sono certo una soluzione degna di rispetto.Quindi :agnosticismo laico-neospiritualismo ciarlatanesco-fondamentalismo bigotto.Tre false concezioni del sacro. Roberto Minichini

  • Santaruina

    Caro Asno, in particolar modo per quanto riguarda la seconda parte dell’intervento di Evola che riporti, devo ammettere che mi trovo in piena sintonia con quanto vi è sostenuto.

    Facendo nomi, dicendo “massoneria”, ad esempio, penso che si abbia sotto gli occhi quel che Evola descrive.

    E penso anche che qui come mai torna utile il precetto “li riconoscerete dai loro frutti”.

    Soffermandosi infatti sulle “opere” della libera muratoria moderna, e sul etat d’espirit che ha contribuito ad alimentare, pare che la strada che ha da qualche secolo scelto risulti chiara.

    Potrebbe essere anche un limite personale, ma davvero risulta difficile comprendere come all’interno di una siffatta organizzazione possa essere ancora possibile ricevere una iniziazione regolare.

    Sempre premesso che da estranei a qualsiasi iniziazione si possa solamente “speculare”, su tali questioni.

    Per quanto riguarda la questione del battesimo, sto seguendo il dibattito da Frater Petrus, e farebbe anche a me piacere poter leggere una risposta di Padre Scomparin sulle riflessioni sollevate da Umar.

    Resta il fatto che di per sè il concetto di “iniziazione universale”, donata a tutti senza distinguo è un piccolo/grande paradosso.

    Nondimeno, nulla è impossibile a Dio ed alla sua volontà, nemmeno conciliare ciò che pare inconciliabile.

    Grazie a te, Petrus, interessanti le tue aggiunte.

    Devo approfondire l’opera di Silvano Panunzio, una lacuna da colmare :-)

    Ciao Roberto

    i fenomeni che descrivi sono tutti interconnessi tra loro, e tutti originano con l’eclissi della tradizione autentica.

    Da lì in poi, il dilagare di tutto questo ebbe strada libera.

    A presto

  • Profondoceano

    Sicuramente si va verso la dissoluzione definitiva, secondo me è quasi impossibile recuperare ormai.

  • anonimo

    In riferimento all’ultimo post di Asno vorrei dire che mi pare che l’equivoco di cui parla Evola sia inesistente, considerando i principi espressi da Guénon nei suoi scritti.Per G. l’influenza spirituale dovuta all’iniziazione o su un altro piano ai sacramenti è ben concreta e indipendente dalle qualità personali di chi la amministra che deve però appartenere ad una catena iniziatica ininterrotta. Nell’ottica Guénoniana la Massoneria può fornire una reale ( per quanto virtuale ) “influenza spirituale” nonostante l’inconsapevolezza di ciò degli stessi massoni attuali.

    Similmente l’influsso spirituale ( brutte queste espressioni, ma al momento non me ne vengono di migliori) impartito dal prete, anche il più indegno, nell’amministrare i sacramenti è reale e concreto, purchè sia inserito in una legittima catena apostolica.

    Per quanto mi riguarda la moderna (dal 1717 per lo meno) libera muratoria è ” cavalcata” e deviata da forze per niente edificanti ( certo non mirano ad edificare la civitas Dei ).

    Scusate le precisazioni che a voi , vecchi volponi conoscitori del Guénon parranno pleonastiche.

    Saluti

    Max

  • Santaruina

    ciao profondoceano.

    Non si torna mai indietro, e questo occorre sempre tenerlo a mente.

    Però il prossimo “stadio” sarà decisamente interessante da vedere.

    Max, considerazioni corrette.

    l’influenza spirituale dovuta all’iniziazione o su un altro piano ai sacramenti è ben concreta e indipendente dalle qualità personali di chi la amministra che deve però appartenere ad una catena iniziatica ininterrotta.

    Però, e qui esprimo una mia idea, occorre che la catrena iniziatica sia inserita all’interno di una organizzazione che abbia un certo obiettivo, una direzione.

    magari i suoi membri non ne saranno degni, ma la direzione rimane comunque immutata.

    La direzione della massoneria moderna, dove porta?

    Blessed be

  • anonimo

    Il senso della Religione é soprattutto la collettività, la umma, l’individuo nella comunità, il molteplice nell’Unione.Nella sincerità della fede è sempre e soltanto Dio che agisce e questo é quello che i Santi ci hanno insegnato.Non siamo noi che agiamo, ma é Lui attraverso di noi. Esiste un’ ispirazione divina continuamente in atto, e Iddio la da a chi vuole, e che bisogna meritare. Cioé c’é uno sforzo, un impegno individuale necessario per raggiungere la liberazione, e questo sforzo é il sangue di Cristo sigillo dell’amore. Ma se non facciamo nulla o facciamo le cose sbagliate, annulliamo tutte le iniziazioni ricevute, cioé le restringiamo, diventano piccolissime, soltanto virtuali.Essere figli di un Re non basta, biogna anche saper diventare Re . Noi siamo stati scelti in Cristo perché siamo stati scelti in Mohammed (Gesù apice della Santità, Mohammed, apice della Profezia) e l’Ultimo giorno, l’Ultima ora, l’Ultimo istante sarà Mohammed che reciterà l’ultima preghiera dell’era umana, con parole che sono ancora nel mistero dell’eternità ed appartengono alla Luce iniziale di Dio, da cui tutto sgorga e nella quale sono avvolti i suoi rappresentanti sulla terra e della quale Gesù e Mohammed sono il movente. ciao! jam

  • arcangelica

    rimango a bocca aperta (—) scritto molto complicato per me!

    ho un mio credo che affonda nella religione cattolica, vivo il disagio di non credere alla chiesa, mi riconosco i limiti imposti dalla mia condizione di Essere Umano ignorante.

    ma sento che opus dei e massoni sono vicini e osservano

    dimmi Santaruina devo temerli?

  • Lala76

    per non parlare del parafango della graziella che ho distrutto per impare ad impennare come i miei cugini :)

  • Santaruina

    jam:

    Essere figli di un Re non basta, bisogna anche saper diventare Re

    infatti.

    secondo l’esicasmo orientale, anche l’anima va nutrita e costruita giorno dopo giorno. :-)

    Arcangelica, penso che non occorra temere.

    Stare vigili, ma non temere.

    Opus dei e massoneria, sono entità diverse.

    Sull’opus dei non ho elementi per esprimermi, conosco poco.

    Da orientale trovo la sua ideologia di fondo lontana dalla mia, ma oltre non saprei.

    Per quanto riguarda la massoneria, più che temere, io direi “diffidare”.

    Per adesso.

    E’ solo un mio parere personale, ovviamente.

    A presto :-)

    Lala, :-)

    si vede che siamo della stessa generazione…

    Blessed be

  • arcangelica

    Grazie, i tuoi consigli per me sono preziosi!

    per la vigilanza mi affido alle forze celesti, che sanno sempre come intervenire.

    per colmare la mia ignoranza seguirò con più attenzione, ti trovo molto preparato.

    un abbraccio Santaruina, buona giornata con ogni bene. smak :-)

  • isher

    … interessante.

    Un saluto

  • Santaruina

    Ciao Arcangelica, grazie a te :-)

    Un saluto anche a te, Isher.

    Blessed be

  • anonimo

    La cosa assurda è che Evola avvallò invece il progetto di rinascita pagana.

    A suo tempo nella mia difesa d’ufficio della Massoneria tradizionale (i cui frutti visibili sono ad esempio gli studi di Denis Roman, o quelli pubblicati nella Rivista La lettera G, ed è precisamente questo quello che ho tentato di difendere) dissi che forse si trattava di un accanimento terapeutico, poiché non mi sfugge l’estremo degrado che investe i suoi alti gradi (o forse essa è davvero “l’arca dei simboli” della tradizione occidentale di cui parla Roman) ma quella di Evola (new age malgré soi) assomiglia di più al tentativo di rianimazione di un cadavere…

    dalla deviazione alla sovversione c’è sempre un salto di qualità, una rottora definitiva con la tradizione vivente,

    saluti a tutti

    Ika

  • Santaruina

    ciao Ika

    concordo su quanto dici su Evola.

    Con il suo operato dimostrò in certe occasioni di essere in contraddizione con gli studi teorici di cui si faceva divulgatore.

    L’idea di far “rivivere” antiche tradizioni è considerata del tutto velleitaria, infatti, dal pensiero Tradizionale.

    Nel complesso comunque non ho di Evola una cattiva idea, fece i suoi studi e scrisse opere di un certo interesse.

    A presto Ika :-)

  • ikalaseppia

    Vanno diffondendosi, caro Carlo, tentativi da parte di ex-evoliani di far rivivere l’esoterismo cristiano artificialmente,

    alla fine Schuon sembra aver fatto breccia tra chi cerca una via facile, apparentemente sicura (l’idea di fondo è che il battesimo cristiano sia già un’iniziazione). Ma la questione, lo riconosco, è complessa, tuttavia per chi crede che Guénon fosse più di un semplice pensatore, esistono tutti i chiarimenti per orientarsi in simili vicende.

  • Santaruina

    Ciao Ika

    sono operazioni che hanno poco senso, ed anche pericolose.

    E come si diceva prima, in netta contraddizione rispetto agli Insegnamenti tradizionali che queste persone dicono di voler “seguire”.

    A presto

  • ikalaseppia

    E’ proprio perché ci sono simili inganni in atto che penso sia errato ridurre la tradizione alla sola religione. Perché questo crea i presupposti per ulteriori confusioni. Un’altra fattispecie di inganno nel cattolicesimo (bisogna dare atto a Benedetto di essersi sempre battuto contro costoro e riconoscere che quella del cattolicesimo è per certi versi una galassia sempre più difficile da definire) sono le meditazioni post Junghiane, quando la psicologia prende il posto dell’esoterismo per reggere alla concorrenza orientale e new-age…e che dire dello psicologo obbligatorio per chi vuol’essere ordinato?, mah… speriamo il meglio attendendo il peggio, Ciao

  • anonimo

    Non sono molto daccordo che Guenon (che penso possa essere stato manipolato dall’elite nel suo studio teosofico) abbia ragione quando dice che nel mondo la tendenza è verso la dissoluzione.

    Penso che entrambe le cose vadano di pari passo: più una parte si solidifica, più l’altra si dissolve; Ogni concetto esiste solo in virtù del suo opposto e quindi aumentando uno dei due aumenta per forza anche l’altro.

    Quello che si stà perdendo di vista è ciò che ci è necessario, cioè la “via di mezzo”.

    Fender207 di LC

    http://riprendersilaliberta.blogspot.com

    http://blogs.myspace.com/defender2222

  • Santaruina

    Guénon riprende le conoscenze tradizionali e le riporta.

    Secondo la sua analisi la solidificazione è un processo che precede la dissoluzione, e questo è coerente anche con il ciclo della materia e di tutti gli esseri viventi.

    Lo stesso processo alchemico riproduce tale ciclo.

    A presto

  • Paxtibi

    Sorpresa:

    Double kill shot dealt to the religion of scientific materialism

    Since the technocracy needs to reduce everyone to a controllable, predictable material entity, it obviously favors a worldview that considers human beings to be nothing but trousered apes.  To be properly denigrated, humans must be reduced to nothing more intrinsically important than a temporary, biological cog in the giant mega-machine’s creeking march toward greater progress and control over nature.

    Unfortunately, to the dismay of the apostles of technocratic nihilism, this summer two findings, largely ignored by the mainstram media, were published that dealt devastating blows to the materialist philosophies that justify the technocracy’s agenda:  1) the conclusive evidence that Carbon-14 and other radiometric dating methods are invalid; and 2) strong evidence that the once universal and finely-tuned physical constants now actually vary throughout the universe.

    The implications of one of these findings alone is enough to rewrite history and our place in the universe.  But taken together, they seem to be almost a beacon from a lighthouse outside of time and space cautioning us not to venture further into the rocky crags of materialist philosophy.

     

  • Paxtibi

    Sorpresa:

    Double kill shot dealt to the religion of scientific materialism

    Since the technocracy needs to reduce everyone to a controllable, predictable material entity, it obviously favors a worldview that considers human beings to be nothing but trousered apes.  To be properly denigrated, humans must be reduced to nothing more intrinsically important than a temporary, biological cog in the giant mega-machine’s creeking march toward greater progress and control over nature.

    Unfortunately, to the dismay of the apostles of technocratic nihilism, this summer two findings, largely ignored by the mainstram media, were published that dealt devastating blows to the materialist philosophies that justify the technocracy’s agenda:  1) the conclusive evidence that Carbon-14 and other radiometric dating methods are invalid; and 2) strong evidence that the once universal and finely-tuned physical constants now actually vary throughout the universe.

    The implications of one of these findings alone is enough to rewrite history and our place in the universe.  But taken together, they seem to be almost a beacon from a lighthouse outside of time and space cautioning us not to venture further into the rocky crags of materialist philosophy.

     

  • Santaruina

    Già, sorpresa :-)

    Me le ro completamente perse queste notizie, grazie Pax.

    A presto

  • […] la modernità , con il suo frazionare e il suo concentrarsi sulla materia, abbia portato avanti un lungo percorso di “materializzazione” dell’esistente. Questo percorso però nei nostri giorni ha subito una evoluzione: dopo aver attraversato un lungo […]

  • […] termine neospiritualismo fu coniato da René Guénon verso l’inizio del XIX secolo, nel tentativo di dare un nome a […]

  • juan

    ciao carlo, volevo chiederti una conferma: quando guènon si riferisce ad essenza(qualità) intende anche anima quindi opposta alla materia? grazie

  • Sì, anche se non sarebbe del tutto corretto contrapporre l’anima alla materia.
    L’anima è più da considerarsi come un lugo di passaggio, un tramite che mette in comunicazione il mondo materiale con quello superiore e quello inferiore.

    a presto

  • […] e vi stiamo rapidamente trasferendo le nostre vite. Mai come oggi i segnali di un repentino cambiamento di era sono stati più evidenti, e solo il tempo saprà dire il carattere dello spirito che attraverserà […]

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>