Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
20 marzo 2009

Definisci 'recessione'

Rancho Cumanonga, California. Lotti abbandonati a seguito della crisi del settore immobiliare

Hefei, provincia di Hanui, Cina. Giovani in cerca di occupazione presso un centro di collocamento.20 milioni di cinesi hanno perso il proprio lavoro negli ultimi mesi.

Las Vegas, Nevada. Tour organizzati per prendere visione delle case messe all’asta a seguito dell’impossibilità dei proprietari di onorare il mutuo.

18 comments to Definisci ‘recessione’

  • messier

    Una cessione al re

  • anonimo

    Quindi in tutto il mondo ci sono code di laureati disoccupati, paesaggi puntellati di case costruite a metà e industrie automobilistiche tenute in piedi a colpi di soldi pubblici che chiudono.

    Be’, in Italia è così da vent’anni e non ci siamo mai sognti di lamentarci come fanno questi qui. Che lagna questi stranieri :-)

    Giorgio

  • Santaruina

    Messier: non fa un piega :-)

    __________

    Giorgio, dici che è per questo che Berlusconi continua a ripetere che noi siamo meglio attrezzati per la crisi?

    Della serie:

    “Sta per andare tutto a peripatetiche? e allora? per noi nulla di nuovo”

    E’ un ragionamento che ha una sua valenza di fondo…

    Blessed be

  • Vdipassaggio

    bellissima quella di Messier. Purtroppo tanto vera.

    mi rendo conto che sono immagini inquitanti …ma la foto con le migliaia di Suv mi fa un effetto diverso rusoetto alle altre, per certi versi mi scopro contenta, a vedere simili cimiteri di quelle auto nuove…

  • tristantzara

    Anche per me la preferita è la foto delle auto.Che cosa vuol dire “una cessione al re” per piacere ?

  • Chapucer

    tutto questo lascia un senso di abbandono, molto amaro in bocca

    e un vuoto negli occhi…

    è come veder retrocedere il progresso…in attesa del deserto.

    resteranno un uomo e un bambino, lo stesso scenario di: “La strada” di Cormac McCarthy…

  • anonimo

    Guarda Carlo, quando ero un fantolino ho percepito i colpi di coda dell’ormai defunto terrorismo, rosso e nero. Sempre in quegli anni sentivo i grandi lamentarsi della corruzione e dei politici ladri; poi sono cominciati gli anni ’90 e c’era la crisi, eravamo in bancarotta; per tutti gli anni ’90 ho sempre e solo sentito parlare di disoccupazione; tra l’altro è pure salito al potere il nano di merda, alternato agli altri imbecilli ex-comunisti. Poi c’è stato il lavoro temporaneo; la prima guerra in Iraq, le guerra in Jugoslavia; l’Italia ha cominciato ad invadere e bombardare nazioni sovrane; poi c’è stato l’11 settembre, poi la bolla delle dotcom, poi la guerra in Afghanistan (stavolta degli americani, non dei sovietici, come tre anni prima) poi in Iraq (‘n’atra vota) poi la disoccupazione (mia); poi l’emigrazione (la mia, sempre la mia); in mezzo a queste cose ce ne sono state altre, sia chiaro. Vado a memoria

    Certo, mo ce sta ‘a crizi, ma pur sforzandomi non riesco a pensare ad un peggioramento rispetto al passato.

    Dev’essere una mia carenza :-)

    D’altronde quando ero pargolo il massimo della teconologia disponibile era un registratore VHS (non che ci fosse niente da registrare) e un Commodore 64, andavamo in giro con la bici e le macchine erano dei pezzi di lamiera senza cinture di sicurezza. I miei fumavano persino in camera da letto e la maestra ci prendeva a sberle sulla testa (e no, la maggior parte delle volte non ce lo meritavamo).

    La mia dolce metà, invece, marciava in divisa, scriveva le poesie a Lenin e la prima simil-Barbie l’ha vista solo dopo il crollo di un certo muro. In senso letterale, non metaforico.

    Se siamo sopravvissuti a questo, sopravviveremo anche alla crisi. Spero.

    Giorgio

  • anonimo

    Se la recessione diviene depressione si rimpiangerà qualsiasi cosa passata, a mio avviso.

    Fabiano

  • Santaruina

    Ciao V.

    molti porti in giro per il mondo presentano quella stessa situazione.

    D’altra parte non si poteva pretendere che le persone cambiassero macchina due volte all’anno.

    E questo vale per tutte le altre merci prodotte negli ultimi anni.

    Può essere vista anche come l’immagine di una follia collettiva che giunge al termine, ed in questo senso non manca di una accezione positiva.

    Ci sarà comunque un altro prezzo da pagare.

    A presto :-)

    ________________

    Tristan

    con “cessione al re” si può a mio parere sintetizzare una serie di processi in atto.

    Se al re assimili tuta la struttura decisionale che sta nei piani alti, quello che il popolo sta portando avanti con questa crisi non è altro che un cedere loro anche quel poco che aveva messo da parte.

    _____________

    Chapucer

    forse tutto questo non era propriamente “progresso”. :-)

    Blessed be

  • Santaruina

    Giorgio

    io penso che alla fine occorre riflettere sul che cosa si teme veramente, a proposito di questa crisi.

    Una delle caratteristiche del cosiddetto “progresso” consiste nell’impossibilità dei più nel ritornare indietro una volta che lo sperimentano.

    Puoi nascere tra in una casa senza riscaldamento e viverci per anni, ma una volta che metti il i caloriferi, il bagno e l’acqua calda, il pensiero di ritornare indietro ti pare impraticabile.

    Penso che questa sia una allegoria di quanto più si teme.

    Gli esseri umani si abituano in fretta ala benessere, ed una volta sperimentato, quello diviene il minimo indispensabile per poter sopravvivere.

    Staremo a vedere quanti passi indietro si dovranno fare, adesso.

    A presto

    _____________

    Fabiano, è probabile che la depressione ci sarà.

    Forse sarà un’occasione per esprimere il meglio di noi stessi :-)

    Blessed be

  • enzas

    Forse si produceva più del dovuto? o è l’effetto di una globalizzazione troppo affrettata e non ben regolamentata? o ancora un bluff per scoraggiare le masse e renderle fragili? o…

  • Santaruina

    Forse il tutto è stato anche fin troppo regolamentato :-)

  • enzas

    Ecco, infatti! :)

  • messier

    Sì, ma stiamo attenti. Quando saremo tutti intenti a reimparare come si rammenda un calzino, qualcuno ci offrirà gentilmente un ago d’oro con fil di seta.

  • enzas

    Caro messier, in quel caso confido nella qualità inconscia di ogni uomo di cavarsela facendo frutto di tutto quel che gli si presenta, fosse anche un ago d’oro con fil di seta. :)

  • Asoka

    non credo si faranno passi indietro, ma semplicemente si starà fermi per un po’ (non tutti per giunta). non so voi ma non mi pare che ieri la gente avesse soldi da buttare mentre oggi no. i ricchi son sempre più ricchi e poveri sempre più poveri. fortunatamente i poveri sono di più, certo non possono passare inosservati.

  • Santaruina

    Questo è un momento in cui si va avanti a vivere più o meno come ieri, mentre molte cose stanno mutando radicalmente.

    E’ un periodo di passaggio, e potrebbe durare più o meno a lungo.

    Blessed be

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>