Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
22 gennaio 2007

Del complottismo

Cospirazionista è chi la cospirazione la fa.


Era il 2003, e all’epoca mi aggiravo di biblioteca in biblioteca alla ricerca di testi interessanti, libri che potessero insegnare qualcosa.
Mi ero reso conto da qualche tempo che vi erano molte cose da sapere, degne di essere apprese.
Finché un giorno mi capitò tra le mani un piccolo libretto, Politica Occulta.
L’autore era Marco Dolcetta, ex giornalista del Corriere della Sera, come appresi dalla quarta di copertina.
Il libro parlava di gruppi di potere che lavorano all’ombra, raccontava le storie di famiglie dalla grande influenza, il tutto ben documentato.
Mi incuriosì molto, ma fu una singola parola, per un qualche motivo particolare, ad attrarre la mia attenzione; si leggeva ad un certo punto la seguente considerazione: “… il professor Romano Prodi, già membro della Trilaterale…
he cavolo era la Trilaterale?
La mia ignoranza a tale proposito mi toccò nell’orgoglio; mi informavo regolarmente leggendo diversi quotidiani, avevo letto decine e decine di saggi politici, ero convinto di “essermi fatto una cultura” sulle questioni politiche, e non sapevo cosa fosse la Trilaterale.
Così mi armai di Google.
All’epoca con la mia connessione 56 K il mondo della rete per me consisteva nella lettura delle mail e nel controllare periodicamente se per caso gli Héroes del Silencio si fossero rimessi insieme (si sciolsero nel 1995, e ancora adesso di tanto in tanto cerco qualche news, non mi sono del tutto rassegnato).
Comunque, andai su Google e digitai “Trilaterale”.
Il primo articolo della lista all’epoca era uno studio dell’indimenticato Giuseppe Cosco, personaggio molto particolare ma che aveva l’ottima abitudine di segnalare diversi riferimenti per ogni affermazione che riportava.

“Il mondo si divide in tre categorie di persone: un piccolissimo numero che fanno produrre gli avvenimenti; un gruppo un pò più importante che veglia alla loro esecuzione e assiste al loro compimento, e infine una vasta maggioranza che giammai saprà ciò che in realtà è accaduto”.
Così si espresse Nicholas Murray Butler. Giova ricordare chi era questo personaggio.
Il Dr. Nicholas Murray Butler è stato presidente dell’Università di Columbia, presidente della Carnegie Endwment for International Peace, membro fondatore, presidente della Pilgrims Society e membro del Council on Foreign Relations (CFR) e capo del British Israel.

Da quel momento iniziò la discesa nella caverna, di riferimento in riferimento raccolsi migliaia di articoli che trattavano dei vari gruppi del potere più o meno “occulti”, Bilderberg, CFR, British Israelites, Skull and Bones…  l’abisso pareva non avere fine.
Bisognava ovviamente vagliare la veridicità di ogni informazione, e selezionare il materiale davvero meritevole dalla fuffa fantasiosa, che sicuramente non mancava.
La ricerca comunque si dimostrò fruttuosa, la rete mette a disposizione diverso materiale, ed offre anche la possibilità di verificare rapidamente l’affidabilità delle informazioni trovate.
Infine vi fu il naturale approdo su Luogocomune, covo di complottisti incalliti, che all’epoca contava 300 iscritti.
Oggi ne raccoglie più di 6.000, e il lavoro che là si svolge comincia ad avere una certa eco anche nei media ufficiali, a cominciare dalle diverse presenze del boss Massimo Mazzucco nel programma Matrix di Enrico Mentana, nelle puntate dedicate alla madre di tutte le cospirazioni moderne, l’inganno dell’ 11 Settembre.

Quello che ho scoperto in questi anni è che il “complottismo” per come lo si intende generalmente, è fenomeno alquanto raro.
Vi sono invece numerose persone che ad un certo momento della loro vita scoprono, qual novità, che i governi mentono, scoprono che la storia che si insegna a scuola omette alcuni particolari alquanto importanti, che gli eventi spesso si svolgono in modi molto più complessi di come potrebbe apparire ad uno sguardo superficiale.
E’ una questione di ricerca, perché, per quanto possa sembrare strano, documenti e fonti autorevoli che svelano la faccia occulta della storia esistono, sono a disposizione.
Basta cercarli.

Reverendo,
non era mia intenzione mettere in dubbio che la dottrina degli Illuminati e i principi del Giacobinismo non si fossero estesi agli Stati Uniti.
Al contrario nessuno più di me è convinto di questo fatto. L’idea che volevo esporLe era che non credevo che le Logge dei Frammassoni del nostro paese avessero cercato, in quanto associazione, di propagare le dottrine diaboliche dei primi, o i perniciosi princìpi dei secondi, se mai è possibile separarli. Che delle personalità lo abbiano fatto, o che il fondatore, o gli intermediari impiegati per fondare le società democratiche negli Stati Uniti abbiano avuto questo progetto e che abbiano mirato a separare il popolo dal proprio governo è troppo evidente per metterlo in dubbio.
Con ossequio…
George Washington

Questo ad esempio è un frammento di una lettera scritta da George Washington al pastore Snydernel nel 1798.
George Washington parla degli illuminati di Jean Adam Weishaupt, della massoneria, della loro influenza nella costituzione della democrazia americana.
Un buon punto di partenza da cui approfondire la questione, un testo di prima mano scritto da uno dei personaggi più importanti nella storia degli Stati Uniti.
Così, da riferimento a riferimento, con un continuo e paziente lavoro di raccolta, è possibile collezionare diverse tessere di un enorme mosaico, una composizione che con il tempo comincia a prendere forma ed ad assumere un significato.
Questo blog ha l’umile pretesa di essere un piccolo raccoglitore di frammenti, ogni post rappresenta una piccola storia a sé, e tessera dopo tessera, vorrebbe cercare di suggerire la forma del grande disegno che ci circonda, una realtà che è sotto i nostri occhi, e che forse dovremmo di tanto in tanto osservare, per quanto brutta possa apparire.
Senza mai dimenticare il consiglio del vecchio Nietzsche:

Chi lotta contro i mostri deve fare attenzione a non diventare un mostro lui stesso.
E se tu scruti a lungo l’abisso, anche l’abisso guarderà dentro di te.

18 comments to Del complottismo

  • anonimo

    Bellissimo post, che rende perfettamente i sentimenti che si provano quando si inzia una “discesa all’inferno”… destinata a portare infine a una dolorosa, ma necessaria, “apertura d’occhi”.

    Benritrovato, Santa! Più determinato che mai.

    _gaia_

  • Santaruina

    Sempre con la fiaccola ben stretta.

    A presto _gaia_ :-)

    Blessed be

  • anonimo

    Santa….chi la cospirazione la fa si chiama cospiratore non cospirazionista. L ho fatto anche cambiare a massimo in luogocomune. Faccio il pignolo perchè ce le stanno cambiando abbastanza le parole, noi buoni :-D usiamole correttamente. Ciao

    sick-boy

  • Santaruina

    Ciao Sick boy

    la frase in questione è ormai parte del patrimonio condiviso di coloro che si occupano di tali tematiche, ovvero del guardare dietro le quinte.

    Nacque come risposta, come ricorderai, alle ripetute e alquanto noiose “accuse” di “complottismo” rivolte contro coloro che investigavano per vedere chiaro oltre le menzogne delle versioni ufficiali.

    Mi ci sono affezionato così com’è… :-)

    Blessed be

  • anonimo

    ooooookkkk….però preferisco la versione con complottista, come c’è anche su luogo comune… d’altronde il blog (il bellissimo blog) tuo :-D

    sick-boy

  • Paxtibi

    Boh, io me ne frego se mi danno del cospirazionista. Anzi, ne vado fiero: mi piace fregiarmi delle etichette che la massa belante è solita affibbiarmi come di medaglie al valore.

    La prova migliore che di tale massa ancora non sono parte, scusate se è poco.

    Buona Pasqua a tout le monde, e in culo a Foxman, ovviamente!

    :-)

  • anonimo

    buona pasqua anche a te, a tutti quanti, non che ora di colpo ci creda, ma augurare “buone cose” va sempre bene.

    (pax io dicevo solo che al posto di cospirazionista e cospirazione ci va complottista e complotto, per il resto concordo con te, Verona mi ha affibbiato mille medaglie anche stasera)

  • anonimo

    “Chi lotta contro i mostri deve fare attenzione a non diventare un mostro lui stesso.

    E se tu scruti a lungo l’abisso, anche l’abisso guarderà dentro di te”

    Ma allora anche il vecchio Friedrich di tanto in tanto ne imbroccava una! :)

    Kirbmarc

    PS: Felicità e lunga vita a tutti.

  • Santaruina

    Il vecchio Nietzsche giocava nell’altra squadra, ma ne azzeccava parecchie…

    E comunque, in effetti, cospirazionista non è nemmeno così brutta come parola, è vero, nemmeno complottista… :-)

    Sempre in culo a Foxman.

    Blessed be

  • babilonia61

    Stamani avevo un po’ di tempo e mi ero ripromesso da diversi giorni vagare per i primi post del tuo sempre interessante blog, cosicché ne ho letto qualcuno sino ad arrivare a questo: complimenti!

    Felicità.

    Rino, nella ricerca storica

  • Santaruina

    Ti ringrazio per la tua gentilezza, caro Rino.

    A presto :-)

  • Spennacchiotto

    Caro Santa, credici o no oggi ho pranzato con Marco Dolcetta, evidentemente la tesi di Serrano che le persone che seguono determinati interessi alla fine si incontrano non è poi tanto sballata….

    A presto…. :-)

  • Santaruina

    Ah però :-)

    Marco Dolcetta è davvero in gamba, e tra l’altro aveva anche realizzato un servizio per la rai, mai andato in onda, sulle Sette Torri del Diavolo.

    Ci sono molte cose da discutere con lui :-)

    Blessed be

  • Spennacchiotto

    eheheh… :-)

    Premetto che non sono un giornalista; l’ho conosciuto tramite un amico comune. E’ una persona molto simpatica e con grande umiltà. So che è in preparazione un nuovo llibro e si spera anche un programma TV… ma non posso “bruciare” l’argomento che comunque non potrà che essere nello stile del personaggio.

    Ho avuto modo di vedere la sua agenda…. certo non mi sono messo messo a sbirciare… eh…l’ho solo vista chiusa ma ho una vaga idea dei contatti che possono esserci dentro. :-) in fondo ha girato tutto il mondo…..

    A presto

  • luciamerli

    l’ultima citazione mi ricorda il gollum di tolkien, che cercando sempre piu’ in profondita’ le radici ha dimenticato la luce del sole..

    quale dunque e’ il giusto equilibrio?

    come non essere imprigionati per sempre dalle proprie conoscenze come successe a mago merlino?

    ciao

  • Santaruina

    Occorre scendere nelle profondità, ma deve trattarsi di una “toccata e fuga”.

    Il rischio consiste nell’indugiarci troppo, e nel subirne il fascino.

    L’oscurità si osserva solo con la fiaccola in mano.

    Un caro saluto a te :-)

    Blessed be

  • anonimo

    INTEERSSANTE QUESTO BLOG, MI RICORDA ANGELA, HACK, CICAP, ATTIVISSIMO, CASONATO E COMPAGNIA BELLA…

  • Santaruina

    Ti si è incastrato il caps lock.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>