Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
3 gennaio 2009

Dopo gli Stati Uniti

Quanto durerà la prossima guerra civile americana?
Quante federazioni nasceranno a seguito del collasso degli Stati Uniti d’America?
Saranno sei, come sostiene Igor Panarin, o forse più semplicemente il territorio statunitense confluirà nel famigerato progetto del Nafta?
La Nigredo è giunta al culmine?
E’ il tempo delle scommesse, a quanto pare.

13 comments to Dopo gli Stati Uniti

  • messier

    La dis-Unione, la North American Union, o semplicemente l’ignoto. La prima ipotesi mi sembra forzare la logica delle cose. Non ci sono più volontà istituzionali da parte delle persone e delle residue comunità, vere o presunte che siano. Anche soltanto il proclamare una secessione, o un nuovo indipendentismo, è TROPPO per le persone del 2010. A meno che l’operazione venga “ordinata” dalla stessa Amministrazione in Disunione. Mi sembra un controsenso. Più facile che, se non nel 2010, almeno entro il 2012, addivengano alla NAU. Se la crisi interna allo stato confederale centrale è somministrata dai poteri di cui parliamo, allora quel potere non promuove altro che la centralizzazione. E non hanno cento anni per raggiungerla, attraverso una fase di dis-unione e tribalismo. La devono raggiungere entro vent’anni al massimo, a tutti i costi. E poi c’è l’ignoto. Forse è l’ipotesi più verosimile. Si verificheranno diversi “Waco siege”. Gli Scientologisti proveranno a prendere il controllo di determinate aree. I simili nella razza si coalizzeranno, ma ci saranno anche coalizioni imprevisti, inter-razziali e persino inter-religiose. La campagna ovviamente tornerà a prendere il sopravvento sulle città. I ricchi soprattutto saranno in fuga. Magari verranno tutti a risiedere sul Lago di Como, chissà.

    Intanto Obama ha affittato la suite presidenziale (ovvio) di un grande e prestigioso albergo, nei pressi della W.H. In attesa di silurarsi dentro. Costo per una singola notte? Molte migliaia di dollari. Finchè tutto fila liscio, eh.

    O.T. – complimenti per la citazione su CDC !

  • padella

    Buon Anno Santa.

    Padella

  • Santaruina

    Ciao Messier

    anche a me l’ipotesi di nuove federazioni pare un po’ azzardata; in uno scenario di dis-gregazione sembrerebbe più probabile una riorganizzazione le cui caratteristiche siano assai lontane da quelle di uno stato-nazione.

    Si tratta ovviamente di scenari “ipotetici”, ma quello che risulta interessante è che tali previsioni che fino a pochi mesi parevano estremamente fantasiose, per usare un eufemismo, oggi vengono considerate con più attenzione.

    Quello che è certo è che il clima è assai mutato, ed è un clima “percepibile”, anche se non è immediato prevedere a cosa porterà.

    A presto :-)

    ___________

    Ciao Padella,

    buon anno anche a te :-)

  • Chapucer

    dopo tutti questi interrogativi…

    come essere ottimisti?

    (p.s., per Francesco, il lago di Como è già al completo!):-)

    Blessed be, Carlo

  • tristantzara

    Se la tua cartina geografica sarà corretta io tifo per il mèxico..sì senor y senores.

  • MINICHINIBLOG

    Il destino dell’America è quello dell’Europa.L’America ci precede soltanto di pochi decenni , ma noi la seguiamo in tutto.Potevi mostrare una mappa uguale coll’Europa del futuro , i fenomeni sociologici e le dinamiche economico-politiche sono simili e fanno parte dello stesso sistema di vita.Ricordiamoci che in fin dei conti l’America è un continente europeo. Le lingue ufficiali sono l’inglese ,lo spagnolo ,il portoghese e il francese.Gli americani (del nord e del sud , non fa di differenza ) sono in gran parte , come diceva lo scrittore argentino Borges , europei in esilio. Roberto Minichini

  • qualquna

    quante incertezze,

    il Tempo, che deciderà,

    nei probblemi ci sono anche le soluzioni,

    basta trovarli,

    ancora in tempo :-)

    un caro saluto,

    fiduciosa per un futuro migliore!

  • Asoka

    John Titor parlò di una guerra civile americana…

    Ciao Santa, mi dispiace tornare con un commento che più scemo di questo non si poteva… ma a quest’ora tarda, dopo aver visto speciali su speciali, dopo aver sentito il vicesindaco di milano lamentarsi (!!!!!!!!!!!!!!!!!!!) perché la manifestazione di oggi pro-gaza aveva impedito ai milanesi di godersi i negozi aperti a milano….. io, dico davvero, non riesco più a pensare a nulla.

    ma quando l’uomo è diventato così bastardo? (perdona il termine)

    ciao carissimo

  • Asoka

    dimenticavo… la nuova veste grafica mi piace! più stilosa!

  • toporififi

    Immaginare scenari futuri è un’attività che cela aspetti interessanti, ma anche risvolti poco felici.

    Il profeta dell’Islam diceva; diffidate delle genti del due.

    Nessun numero nella storia è stato così pernicioso come il due, in effetti lo troviamo generalmente nelle guerre, nelle divisioni, nell’informatica, e nelle previsioni.

    Lo troviamo dunque in ogni conflitto o filosofia profana, la polarizzazione è infatti alla base di ogni abuso e discordia.

    Ho letto il tuo bel post su Antigone, al quale non ho molto da aggiungere per la chiarezza e la delicatezza con cui hai presentato la storia, ma mi è sempre sembrato di vedere in quella vicenda un altro elemento, un aspetto, come dire, profetico, un portato che la Grecia ha continuato a rendere vivo fino ad oggi.

    E’ la sconfitta di Antigone, della verità “Naturale”, secondo i Padri Kata Fysis, secondo natura equivale a “secondo la volontà di Dio”, ed è proprio da questa sconfitta che la verità non solo si manifesta sempre e di nuovo, ma consente a chi l’abbraccia la trasformazione, la metanoia, il ritorno a quello stato naturale che è il superamento dell’opposizione, dell’antinomia.

    Allora in questo scenario di tentativo di nuovo ordine mondiale e di conflitto di civiltà conseguente si vedrà lo spartiacque tra i “Buoni” da una parte e il nemico dall’altra e lì si giocherà l’inganno più terribile e insidioso.

  • Santaruina

    Di questi tempi immaginare scenari futuri pare essere un passatempo molto diffuso.

    Previsioni che lasciano il tempo che trovano, ovviamente.

    Accadrà quel che deve accadere.

    Detto questo, predire una guerra civile in america è ormai fin troppo semplice, così come parlare della crisi economica imminente due anni fa.

    Solo gli economisti del sole 24 ore e i bancari non ci potevano arrivare.

    Un saluto a tutti, chiedo scusa per non essere stato molto presente in questi giorni.

  • anonimo

    Ricordo, all’alba della “grande prova di democrazia dataci dagli stati uniti”, un tuo ottimo post che invitava a guardare chi erano stati i sostenitori dell’ “abbronzato”.

    Vi lascio sotto un articolo (in inglese), ricordandovi, e questo ora come ora e’ piu’ attuale che mai, che il giorno in cui Obama Hussein vinse le primarie non ando’ a festeggiare in mezzo nel ghetto – finalmente un candidato di coloro – no, egli ando’ all’AIPAC (American Israel Public Affairs Committee), cioe’ la lobby israelo-sionista piu’ potente negli states.

    Yes, they can.

    ecco l’articolo

    ciao

    Tango

    “Chevron in the White House”

    By Amy Goodman

    President-elect Barack Obama introduced his principal national-security Cabinet selections to the world Monday and left no doubt that he intends to start his administration on a war footing. Perhaps the least well known among them is retired Marine Gen. James Jones, Obama’s pick for national security adviser. The position is crucial—think of the power that Henry Kissinger wielded in Richard Nixon’s White House. A look into who James Jones is sheds a little light on the Obama campaign’s promise of “Change We Can Believe In.”

    Jones is the former supreme allied commander of NATO. He is president and chief executive of the U.S. Chamber of Commerce’s Institute for 21st Century Energy. The institute has been criticized by environmental groups for, among other things, calling for the immediate expansion of domestic oil and gas production and issuing reports that challenged the use of the Clean Air Act to combat global warming.

    Recently retired from the military, Jones has parlayed his 40-year military career into several corporate directorships. Among them is Cross Match Technologies, which makes biometric identification equipment. More germane to Jones’ forthcoming role in Obama’s inner circle, though, might be Jones’ seat as a director of Boeing, a weapons manufacturer, and as a director of Chevron, an oil giant.

    Chevron has already sent one of its directors to the White House: Condoleezza Rice. As a member of that California-based oil giant’s board, she actually had a Chevron oil tanker named after her, the Condoleezza Rice. The tanker’s name was changed, after some embarrassment, when Rice joined the Bush administration as national security adviser. So now Chevron has a new person at the highest level of the executive branch. With Robert Gates also keeping his job as secretary of defense, maybe Obama should change his slogan to “Continuity We Can Believe In.”

    But what of a Chevron director high up in the West Wing? Obama’s attacks on John McCain during the campaign included a daily refrain about the massive profits of ExxonMobil, as if that was the only oil company out there. Chevron, too, has posted mammoth profits. Chevron was also a defendant in a federal court case in San Francisco related to the murder, 10 years ago, of two unarmed, peaceful activists in the oil-rich Niger Delta region of Nigeria. On May 28, 1998, three Chevron helicopters ferried Nigerian military and police to the remote section of the Delta known as Ilajeland, where protesters had occupied a Chevron offshore drilling platform to protest Chevron’s role in the destruction of the local environment. The troops opened fired on the protesters. Two were killed, others were injured. (Rice was in charge of the Chevron board’s public policy committee when it fought off shareholder resolutions demanding that Chevron improve its human rights and environmental record in Nigeria.)

    One of those shot was Larry Bowoto, who, along with the family members of those killed, filed suit in California against Chevron for its role in the attack. Just after Jones was named Obama’s national security adviser Monday, a jury acquitted Chevron. Bowoto told me: “I was disappointed in the judgment by the jury. I believe personally the struggle continues. I believe the attorney representing us will not stay put. He will take the initiative in going to the court of appeals.” I met Bowoto in 1998, just months after he was shot. He showed me his bullet wounds when I interviewed him in the Niger Delta. I also met Omoyele Sowore, who has since come to the U.S. and started the news Web site SaharaReporters.com.

    Sowore has followed the case closely. Though disappointed, he said: “We have achieved one major victory: Chevron’s underbelly was exposed in this town. … Also there is Nigeria: Protesters won’t give up. … This will not discourage anybody who wants to make sure Chevron gives up violence as a way of doing business. American citizens are increasingly protective of their economy. … Chevron played into fears of … the jurors, saying these are people [the Nigerian protesters] who made oil prices go through the roof. This was a pyrrhic victory for Chevron. If I was in their shoes, I wouldn’t be popping champagne.”

    Nigerians know well the power of the military-industrial complex in their own country. While Obama was swept into office promising change, his choice of Marine Gen. James Jones as national security adviser probably has U.S. corporate titans breathing easy, leaving the poor of the Niger Delta with the acrid air and oil-slicked water that lie behind Chevron’s profits.

    Denis Moynihan contributed research to this column.

  • Santaruina

    davvero, loro possono…

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>