Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
24 luglio 2007

Eliminare 4 miliardi di uomini

di Maurizio Blondet

«I carburanti fossili stanno finendo: sicchè dobbiamo tagliare la popolazione fino a due miliardi, un terzo di quella che c’è attualmente».

Parlava sul serio il professor Eric R. Pianka, zoologo evoluzionista dell’università di Austin in Texas  il 3 marzo scorso. (2006, n.d.S)
La relazione che ha tenuto alla Texas Academy of Science è stata così delicata, che per ordini superiori è stata tenuta «off the records».
Niente telecamere, niente pubblicazione: il grosso pubblico, ha spiegato lo zoologo, non è pronto a sentire quello che sto per dirvi.
Ma l’hanno udita centinaia di studenti, docenti e scienziati.

Dobbiamo ad uno studente, che ha preso appunti di nascosto, se sappiamo qualcosa.
Pianka ha esordito deplorando «l’antropocentrismo», la malaugurata idea che l’uomo occupi un posto privilegiato nel mondo.
«Non siamo meglio dei batteri!», ha detto lo scienziato, ridanciano, fra gli applausi.
La crescita della popolazione umana sta «rovinando» il pianeta.
Bisogna salvare il pianeta prima che sia troppo tardi.
Per salvarlo, ha detto, occorre che la popolazione umana sia ridotta al 10 % di quella attuale («oltretutto, i carburanti fossili sono alla fine»).

Ed ha proposto le varie soluzioni possibili al problema.
Ha ordinato: «prossima diapositiva», e sullo schermo dietro di lui è apparso un quadro dei Quattro Cavalieri dell’Apocalisse.
Due di questi cavalieri, ha scherzato Pianka (decisamente era di buon umore) non sono «efficienti».
La «fame» e la «guerra» non servono al nostro scopo.
Pianka ha lodato la politica cinese del figlio unico, con sterilizzazione forzata delle donne che infrangono la norma: «dovremmo sterilizzare ognuno sul pianeta», ha esclamato: «se no, gli incoscienti erediteranno la terra» (applausi, risate).
Ma la sua preferenza va al cavaliere della «peste»: una qualche forma di pandemia è quel che ci vuole per uccidere rapidamente miliardi di persone.
Nuova diapositiva: file di teschi umani.
L’influenza aviaria?
Magari scoppiasse, ma ancora non basterebbe (risate dal pubblico).
L’Aids?
Decisamente troppo lento.

Il primato dell’efficienza va all’Ebola: è straordinariamente letale e uccide in giorni, non in anni.
«Si diffonde per via aerea e ammazza il 90 % degli infettati. Pensateci», ha detto sognante.
Di fatto – ma questo lo zoologo non l’ha detto – l’Ebola è «troppo» letale: il virus uccide così rapidamente, da essere «auto-spegnente».
[…]
Risale al 24 aprile 1974 il «Memorandum 200» per la Sicurezza Nazionale dal titolo eloquente:
«Implicazioni della crescita mondiale della popolazione per la sicurezza degli Stati Uniti e i suoi interessi all’estero».
In questo memorandum, Henry Kissinger proponeva: «lo spopolamento (depopulation) dovrebbe divenire la prima priorità della politica USA verso il Terzo Mondo».

Ciò perché «l’economia USA richiederà grandi e crescenti quantità di materiale minerario dall’estero, e specialmente dai Paesi meno sviluppati», la cui instabilità politica cresce con l’esplosione demografica.
«Poichè la diminuzione della popolazione può accrescere la stabilità, la politica demografica diventa rilevante riguardo alle risorse, forniture e interessi economici degli USA».
Kissinger trasformò poi questo memorandum in un vero manifesto ambientalista per il presidente (Jimmy Carter) che si chiamava «Global 2000»: dove tra l’altro si contemplava la scarsità alimentare programmata per spopolare il terzo mondo.
L’idea di una eliminazione demografica forzata è da allora più volte riemersa.

continua

 

Si veda anche: RiscaldamentoGlobale.org
                    Il Razzista Al Gore
                    Con la scusa dell'Ambientalismo, progetti di Sterminio
                    La Cina è vicina?

45 comments to Eliminare 4 miliardi di uomini

  • Morganne

    non mi sorprende questo genere di discorsi. Non so se è lo stesso personaggio che aveva parlato di questo genere di approccio di uccisione mondiale della populazione anni fa in Australia, e che cercava di creare un virus proprio per farlo.

    In sostanza, voleva soltanto salvare la populazione dell’Australia e uccidere tutti gli altri.

    Per salvare il genere umano, dicevo.

    Io penso che queste idee vengono alle persone per totale mancanza d’intelligenza – probabilemente hanno scambiato il buco che hanno del cervello con quello dell’ozone.

    Molto probabilmente.

    un caro saluto a tuttiiiiii!

    astrid

  • Santaruina

    Forse questi personaggi hanno anche una “visione”…

    Un caro saluto anche a te, Astrid :-)

    Blessed be

  • domenicotis

    La cosa che sconcerta di più non sono le affermazioni di un tale idiota (ce ne sono a iosa), ma il fatto che nessuno lo abbia scaraventato giù dalla cattedra. Questi discorsi folli possono diventare pericolosi se vengono recepite da menti altrettanto folli.

    Questo post mi ha turbato non poco. E te lo dice uno che non crede al cospirazionismo pre-post-intra-ultra 11/9 :)

  • PaulTemplar

    Sicuramente una provocazione folle.

    Però ha ragione su una cosa.

    Di questo passo non ci sarà bisogno di una malattia su scala mondiale.

    Siamo dannatamente bene indirizzati sulla strada dell’autodistruzione.

    E a perire non saranno 4 miliardi di esseri,ma molti di più.

    Per cui il suo discorso si avvererà senza bisogno di forzare le cose.

    Amen

    Paul

  • chirieleison

    certe volte mi sembra di fare parte di un romanzo dell’orrore dove la fantasia non ha confini e dimentico che la realtà il più delle volte supera la stessa fantasia.

  • babilonia61

    …e pensare che ci sono dei ritmi nella natura, dei ritmi regolari che regolano, appunto, il crescimento demografico: guerre, malattie, epidemie, …

    Perchè nessuno pensa al cancro, alla leucemia, al sida? La natura ha i suoi tempi, l’uomo vuole solo affrettarli.

    Felicità

    Rino, realista.

  • Santaruina

    Sul fatto che siamo avviati sulla via dell’autodistruzione, direi che potrebbe anche essere; probabile ci sarà un mutamento, probabilmente non indifferente.

    Ma con certezza non si può sapere.

    Quello che ancora mi inquieta di questi personaggi è il fatto che si arroghino il diritto di chi debba vivere e di chi debba morire, e parlano di miliardi di vite umane come si trattasse di granelli di sabbia.

    Indubbiamente nella loro visione loro sono l’elite che ha il compito di decidere per il bene “assoluto”, a scapito di miliardi di esseri ai loro occhi insignificanti.

    Domenicotis, benvenuto :-)

    Blessed be

  • Oniros

    Mi pare evidente: siamo troppi, e lo saremo sempre di più.

    Niente false ipocrisie: una crescita smisurata del genere umano non è tollerabile, ne ammissibile. Rimedio: certo non stermini di massa, ne strane tecniche.

    Il problema è il terzo mondo che fa figli come conigli. Più muoiono di fame e più bocche da sfamare tirano su. Non sono un razzista, misantropo o che altro.

    Se vogliamo un futuro per la specie umana è bene rifletterci su, e trovare una soluzione “umana”, prima, come dice Paul, di arrivare a soluzioni estreme.

    Forse ragionare e parlare, senza false ipocrisie, farebbe bene a tutti.

    Ciao, spero di non aver detto cose così orribili.

  • anonimo

    C’era qualcuno che un po’ di anni fa (ma anche adesso) diceva le stesse cose… si chiama Charles Manson.

  • anonimo

    oops, ecco la firma del messaggio precedente: mvl

  • Oniros

    Non sono un pazzo assissino! Dico solo che, forse, il problema della “sovrappopolazione” è una faccenda seria.

    Servono soluzioni, non facili ironie. Un caro saluto

    Santaruina spero di non essere sembrato davvero uno schizzato squilibrano alla Manson, mi pare eccessivo il paragone. Ciao

  • Santaruina

    Ciao Oniros.

    Non direi che sei un pazzo, ovviamente :-)

    La mia opinione a riguardo è che siamo tutti “vittime” di una propaganda ben orchestrata.

    La questione della sovrapopolazione potrebbe essere un falso problema, in particolar modo la sua reale portata potrebbe essere stata amplificata con delle intenzioni ben precise.

    Invito a proposito aleggere la scheda che avevo scritto qualche tempo fa per Luogocomune, “con la scusa dell’ambientalismo”, segnalata a fine dell’articolo, in cui si analizza l’origine della questione “sovrapopolazione” e fine delle risorse.

    Si scopriranno aspetti interessanti a proposito dei primi propagatori di queste teorie catastrofiste, Peccei e il suo Club di Roma, neomalthusiani in combutta con l’alta finanza e strutture di governo filo mondialiste.

    Insomma, la questione è tutt’altro che scontata :-)

    Un saluto.

    Un benvenuto anche a Mvl.

    Blessed be

  • Oniros

    Ciao Santa, riporto qui il link della tua scheda (ho fatta fatica a trovarla, così altri possono leggerla)

    http://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/viewtopic.php?topic_id=2620&start=0

    Ho letto con attenzione: documentata ed approfondita. Un buon lavoro. Devo dire però che mi pare eccessivo ricondurre tutto a manovre varie ed occulte.

    Mi devo documentare meglio, confesso che l’argomento mi è nuovo. Ti ringrazio comunque, sei un tipo che pensa, e questo è sempre un bene.

    Ciao, mi permetto di linkarti e di inserirti come amico ;)

  • Santaruina

    Ti ringrazio Oniros, sei molto gentile.

    A presto allora :-)

    Blessed be

  • anonimo

    nel tuo ragionamento, Oniros, c’è un problema di fondo: devi pensare in termini di “Consumatori equivalenti”; se un americano consuma 400 volte quello che consuma un africano, gli americani sono 400 * 300 milioni consumatori equivalenti contro i 294 milioni di c.e. africani; detto questo secondo te chi sarebbe meglio che si facesse un esame profondo di coscienza sullo stato del mondo e sull’egoismo.

    Ciao

    Sandro

  • Airel81

    Certo, certo… peccato che queste siano solo parole.

    Dimmi Sandro, vai tu negli USA a strappare di mano il conosciotto di pollo unto e bisunto che la classica teenagers tutta ciccia e brufoli si sta strafogando?

    I FATTI sono chiari. Parlare non cambia nulla. Gli USA, gli Europei, il mondo ricco insomma, consuma di più perchè se lo può permettere sfruttando ogni povero cristo che sta sotto l’equatore.

    Questi sono i FATTI. Soluzioni? Fare della facile retorica? Aiutare i poveritti hindù? Fare una colletta per quegli scheletri che camminano degli etiopi? Certo, cose sante e giuste. Ma poi?

    Cambia davvero qualcosa?

    Non cambia mai nulla. Il mondo ricco è prepotente fa quel bip che vuole. Quelli muoiono di fame, fanno figli, e si ritrovano ancor più nella bip.

    Tutto ciò mi mette una tristezza immensa. Non vedo soluzioni. Non credo nel “buon cuore” dell’uomo.

    Parli di “egoismo” Sandro, e di che mai dovremmo parlare quando si parla dell’uomo?

    Pace, non t’arrabbiare. Sono già incazzato io per tutti e due ;) Questo mondo mi fa sempre più schifo.

  • Oniros

    Quoto Airel.

    Aggiungo: stiamo per arrivare ad un punto di non ritorno. Il BOOM si sta avvicinando. Come Santaruina credo che mani occulte e diligentemente preparate facciano del loro meglio per pilotare gli avvenimenti.

    Lo schema è chiaro. Lo scopo un po’ meno. Delirio di onnipotenza? Una visione misticheggiante celata dietro intenti di potere e di controllo? Non so, ma la cosa mi preoccupa.

    Ciao

  • anonimo

    i fatti sono che se tutto fosse distributito debitamente camperemo tutti;certo niente cellulari inutili,niente cibetti/snaks/fast food/pizze al taglio/panini/più macchine a famiglia/più televisori a famiglia/niente luce prima di una certa ore/energia limitata/niente condizionatori/acqua quantificata e via via chi più ne ha più ne metta.Questo “andrebbe” fatto,fatto da persone serie.Un auto limitazione per poter vivere tutti sopra la soglia della dignità, chi con più e chi con meno.ORa però farneticano la pulizia del pianeta,salvo però non scordarsi che coloro che rimaranno via via, dovranno subire col passare del tempo una limitazione stavolta imposta ben più severa di quella di cui sopra,però non per il bene di tutti, ma per permettere a quella decina di migliaglia di persone di vivere nel lusso, meglio di oggi.SUBLIME!

    solo per far capire che l’idea dello spopolamento è per me incondivisibile.

    saluti

    Davide

  • Santaruina

    Finchè le varie culture vivevano in aree circoscritte, il problema non si poneva, dal momento che ognuno si avvantaggiava delle risorse che nel suo luogo aveva a disposizione.

    Ancora oggi, ad esempio, non è che se noi risparmiamo sull’acqua aiutiamo le popolazioni del deserto africano, lì l’acqua non ci sarà comunque.

    Se noi risparmiamo sull’acqua facciamo un favore a noi stessi, ovviamente.

    Ci sono aeree del pianeta che potrebbe ancora fornire risorse.

    E le colpe delle “diseguaglianze” attuali non sono da attribuire a noi, sfruttati a nostra volta, ma ai grandi pianificatori che hanno definito le sorti del pianeta dividendolo in zone produttrici, zone da sfruttare e zone “dei consumi”.

    Basterebbe che ogni popolo fosse lasciato a se stesso, in grado di decidere per il suo destino, e la metà dei problemi attuali svanirebbe.

    Il problema, secondo me, non è rappresentato dalla questione delle risorse, ma dai pianificatori che ne decidono “la distribuzione”, o “redistribuzione”.

    E’ la pianificazione dall’alto che ha portato al disastro attuale, e credo sia inutile illudersi o sperare in una “pianificazione più equa”.

    Dal mio punto di vista, quando sono in ballo questioni tanto ampie e difficilmente porevedibili, la pianificazione in sè ad essere portatrice di disgrazie.

    Blessed be

  • Vautrin

    Come sempre, mi apri gli occhi

  • anonimo

    dico troppo santa,se ti correggo scrivendo “pianificazione dal basso”??

    :-)

    Davide

  • Santaruina

    Signor Vautrin lei è troppo buono :-)

    Ciao Sandro, ti direi “parliamone”. :-)

    E’ un invito, ovviamente, non una critica.

    Come potrebbe funzionare una “pianificazione dal basso”?

    Sul fatto che una una pianificazione dall’alto di carattere “mondiale” o anche “continentale” conduca sempre ad un disastro, credo che vi siano pochi dubbi.

    La pianificazione dal basso come funzionerebbe?

    Blessed be

  • mauritania

    vorrei invitarla per vedere lezione di democrazia:

    http://www.mauritania.splinder.com

    Cordili saluti.

  • Santaruina

    Grazie per l’invito.

    La democrazia si insegna? :-)

    Blessed be

  • anonimo

    Certo tutto questo è sconcertante, mette ansia e paura addosso, capisci che qualcuno con mente diabolica può decidere della tua vita ogni volta che vuole….è triste molto triste.

    Poco tempo fà mi è venuto sotto mano un’altro articolo che mi ha turbato, e il bello è che tutto sta accadendo sotto i nostri occhi senza che ce ne accorgiamo. Si tratta delle scie chimiche, che non sono scie lasciate dai comuni aerei di linea, ma sono scie che contengono sostanze nocive per l’uomo e i motivi per cui vengono rilasciate non sono per nulla chiari si sà solo che sono delle operazioni militari e per tanto non possono essere rese pubbliche. Io mi chiedo, ma perché avvelenarci dall’alto? Non sembra sempre essere lo stesso progetto riportato qui sopra?

    … Serena

  • heraclitus

    pur concordando sull’eccessivo antropocentrismo della nostra cultura, il resto di queste teorie è davvero assurdo…

  • Santaruina

    Ciao Serena, se ti interessa la questione scie chimiche ti segnalo gli articoli scritti qui da Roxe.

    Li trovi seguendo la tag “scie chimiche” dal menù nella colonna a sinistra.

    A presto :-)

    Ciao Heraclitus, assurdo è a dir poco…

    Un saluto

    Blessed be

  • qualquna

    ho letto questo post,

    non è nuovo ne anche a me, questo “punto di vista”, e

    concordo con “domenicotis”,

    ha parlato anche per me!

    ciao!

    sempre argomenti interessanti,

    e rifflettere- pensare-capire-!

  • anonimo

    scusa il ritardo con cui ti rispondo ma sono giorni che ho la febbre quasi a 40, appena mi sento meglio mi rifaccio vivo.

    Sandro

  • anonimo

    Forse questi personaggi hanno anche una “visione”…

    Certo: una visione della loro porca vita che passa davanti ai loro occhi, non appena qualcuno si deciderà ad attaccarli con una corda al pickup e trascinarli per 500 km di autostrada (ma prevedo che dopo i primi 150 km il problema dovrebbe essere ampiamente risolto).

    Leggiamo:

    Il problema è il terzo mondo che fa figli come conigli. Più muoiono di fame e più bocche da sfamare tirano su. Non sono un razzista, misantropo o che altro.

    Certo, ma se li tirano su vuol dire che non stanno morendo di fame, altrimenti non riuscirebbero a tirarli su, per il semplice fatto che sarebbero – indovina? – morti di fame. D’altra parte, in Europa non si muore di fame con altrettanto accanimento, però c’è il calo demografico da combattere sbracando il confine. Quale sarà dunque l’origine di questo misterioso fenomeno?

    ===

    nel tuo ragionamento, Oniros, c’è un problema di fondo: devi pensare in termini di “Consumatori equivalenti”; se un americano consuma 400 volte quello che consuma un africano, gli americani sono 400 * 300 milioni consumatori equivalenti contro i 294 milioni di c.e. africani; detto questo secondo te chi sarebbe meglio che si facesse un esame profondo di coscienza sullo stato del mondo e sull’egoismo.

    Tutto molto bello, tutto molto solidale. Allora però dobbiamo anche pensare in termine di produttori equivalenti, non solo di consumatori: se l’africano non consuma un cazzo e non produce un cazzo (anche grazie ai nostri generosi aiuti umanitari che gli fanno concorrenza in casa sua) allora non ci si deve lamentare se un americano consuma 400 volte tanto e poi magari produce 3000 volte tanto.

    Personalmente mi sono rotto il cazzo di sentirmi dire che “loro vivono consumando 300 volte meno”, tante grazie al cazzo: basta vivere nelle capanne di fango in mezzo alla malaria, e trasformare in merda tutto ciò che tocchi (Zimbabwe e Sud Africa docet, in coro).

    ===

    Dimmi Sandro, vai tu negli USA a strappare di mano il conosciotto di pollo unto e bisunto che la classica teenagers tutta ciccia e brufoli si sta strafogando?

    Non si vede perché dovrebbe: il cosciotto di pollo unto se l’è pagato, e qualcuno gliel’ha venduto. Chi sei tu per andar lì e strapparglielo di mano?

    I FATTI sono chiari. Parlare non cambia nulla. Gli USA, gli Europei, il mondo ricco insomma, consuma di più perchè se lo può permettere sfruttando ogni povero cristo che sta sotto l’equatore.

    Certo, lo sfrutta. Per cosa? Cosa produce il povero cristo che “noialtri” andiamo a rubare? Non mi risulta che qualcuno “sfrutti” la manodopera in Africa, anche perché solitamente sugli oggettini del mondo ricco occidentale c’è scritto “Made in China” o “Assembled in Mexico”. Forse le multinazionali cattive sfruttano le risorse. Certo sarebbe meglio non sfruttarle ed aspettare che, dopo aver inventato la ruota, qualcuno inventi il pozzo di petrolio e la miniera.

    Questi sono i FATTI. Soluzioni? Fare della facile retorica? Aiutare i poveritti hindù? Fare una colletta per quegli scheletri che camminano degli etiopi? Certo, cose sante e giuste. Ma poi? Cambia davvero qualcosa?

    No, non cambia nulla. Siccome il foreign aid crea dipendenza e miseria, finché ci sarà il foreign aid ci sarà dipendenza e miseria. Poi possiamo prenderci per il culo con le fiabe solidali, ma la realtà non cambia.

    Non cambia mai nulla. Il mondo ricco è prepotente fa quel bip che vuole. Quelli muoiono di fame, fanno figli, e si ritrovano ancor più nella bip.

    Dunque affermi che sono stupidi, perché dovrebbero capire da soli di non mettere al mondo 47 figli?

    Tutto ciò mi mette una tristezza immensa. Non vedo soluzioni. Non credo nel “buon cuore” dell’uomo.

    Allora suicidati e contribuisci a rendere il mondo un posto migliore.

    Parli di “egoismo” Sandro, e di che mai dovremmo parlare quando si parla dell’uomo?

    Se non sai parlare d’altro temo che ci toccherà sentir parlare di quello.

    ===

    Pace, non t’arrabbiare. Sono già incazzato io per tutti e due ;) Questo mondo mi fa sempre più schifo.

    Perché non ti spari anche tu? Così diamo da mangiare a 800 africani poveri.

    ===

    i fatti sono che se tutto fosse distributito debitamente camperemo tutti;certo niente cellulari inutili,niente cibetti/snaks/fast food/pizze al taglio/panini/più macchine a famiglia/più televisori a famiglia/niente luce prima di una certa ore/energia limitata/niente condizionatori/acqua quantificata e via via chi più ne ha più ne metta.

    Certo. E niente ospedali, e niente vaccini, e niente ricerca, e niente industria, e niente di niente, solo fango e malaria, niente elettricità né acqua corrente, né fogne. Bello, bravo, complimenti. Ci mancava solo l’acqua “quantificata” per chiudere il quadretto.

    Questo “andrebbe” fatto,fatto da persone serie.

    Questo “andrebbe” fatto da persone che non hanno la minima idea di come rendere i poveri meno poveri, quindi pensano che diventare tutti poveri sia una soluzione. Ideona. Basta essere tutti uguali, non importa se poi dobbiamo ingoiare sbocconate di merda.

    Intanto stai qui a scrivere col pc attaccato alla rete elettrica. Almeno non piangerti addosso.

    Un auto limitazione per poter vivere tutti sopra la soglia della dignità, chi con più e chi con meno.

    Certo, una “auto” limitazione spontanea, già immagino…

  • anonimo

    beh caro utente anonimo solo due cose.Dimentichi che la povertà di tali popoli è derivata dalla prevaricazione occidentale che ti/ci fornisce questa ricchezza.Semplicemente non gli è dato di fare produttività, o se la fanno,come in cina,la producono per la ricchezza di altri.Questo ragionamento non dovrebbe esserti avulso,tu stesso lavori per gli altri e arricchisci altri piuttosto che tu stesso(…oso scrivere ciò: meglio così),il meccanismo è qui ben presente,i salari europei si “avvicinano” a quelli cinesi.

    Poi alcune tue esternazioni fanno venir voglia di rispondere in altro modo(per fortuna internet fornisce un tempo di reazione che permette di contare fino a 10…) e palesano una qualche ignoranza .Ecco però che devo ringraziarti perchè mi fai notare di aver espresso un concetto(non per la confutazione,ma per la critica in sè) fallace essendomi fatto trasportare dall’emotività.Il mio errore è semplicemente l’aver affermato una sciemenza ed un’utopia al contempo.Con quell’andrebbe ho cercato di salvarmi,sapendo che scrivevo una cosa inutile.E’ pur vero che in fondo ciò potrebbe accadere come all’ultimo scrivevo su imposizione del NWO con scopi in stile “legge marziale”.Per quanto riguarda industria,medicina,scienze,filosofia e quant’altro vi sia di moderno non è inutile(come il calcolatore) ma deviante.

    saluti

    Davide

    Davide

  • Santaruina

    Utente anonimo, tuto mondo odia…

  • anonimo

    da riscaldamentoglobale.org

    Quello che sta accadendo all’azienda “Terra” controllata dalle varie multinazionali umane non è molto diverso.

    Ci è stata volutamente detta una grande menzogna, ovvero che la popolazione mondiale nell’ultima generazione è arrivata ad un livello troppo elevato per poter esistere in relazione alle risorse disponibili.

    Menzogna perché con le attuali risorse potremmo vivere benissimo se queste fossero distribuite equamente a tutti gli abitanti del pianeta e se il sistema basato sul capitalismo non esistesse.

    Non ce la faccio piu`. Tutto e il contrario di tutto…

    Andrea

  • Santaruina

    Andrea, lo so, è dura :-)

    occorre prendere quello che di buono ogni riflessione può fornire.

    Col tempo diviene più facile.

    Blessed be

  • anonimo

    passato … dicevamo ?

  • anonimo

    uffa …

    mi sono dimenticato di firmare

    sandro

  • Santaruina

    Ciao Sandro, benritrovato :-)

    si era rimasti a questa domanda:

    Come potrebbe funzionare una “pianificazione dal basso”?

    Sul fatto che una una pianificazione dall’alto di carattere “mondiale” o anche “continentale” conduca sempre ad un disastro, credo che vi siano pochi dubbi.

    La pianificazione dal basso come funzionerebbe?

    Personalmente sono perplesso sul concetto stesso di “pianificazione”, che può avere un senso in determinati ambiti (ad es°, si deve costruire una casa, si pianifica il lavoro dividendo i compiti)), ed ha meno senso in altre situazioni, come ad esempio la pianificazione “quinquiennale” del regime sovietico oppure la “pianificazione demografica” del fascismo.

    Quando questo genere di pianificazione non falliscono, producono disastri.

    Argomento vasto, tanto per cambiare…

    Blessed be

  • anonimo

    santa quando scrissi che ciò che sta avvenendo è pianificato dal basso intendevo che le gerarchie dei fantomatici illuminati agiscono per e dal basso,in sendo satanico.Se per basso si intende comunemente popolazione o popolo a mio parere ,se si riuscisse ad animare un’azione del genere, non produrrebbe granché,anzi.Sappiamo che il popolo è facilmente strumentalizzabile.

    Davide

  • Santaruina

    Vero, puntano nello smuovere le “energie” del basso.

    Creano stati d’animo, in altre parole.

    Blessed be

  • anonimo

    Presto detto.

    Ti sei chiesto perchè la fisica quantistica è tanto di moda ?

    Piace tanto perchè permette di veicolare l’idea che l’osservatore “crei” la realtà osservandola: è l’Uomo che crea, ce lo dice la Scienza, quella con la S maiuscola. !!!

    Naturalmente la fisica quantistica non dice questo.

    Ma il concetto importante, quello con cui stanno cercando di smuovere energie dal basso, con cui stanno ridefinendo il modello di controllo è l’olografia.

    Un fenomeno fisico praticamente incomprensibile alla totalità della gente, ma che permette di veicolare un sacco di belle idee sociali.

    Tutto è uno, e se tutto è uno a che servono tanti governi, ne basta uno globale, totale. Inoltre l’olografia ha la magica caratteristica che se divisa l’informazione totale non si disperde, quindi un governo di una realtà olografica sarà olografico: lo si può suddividere in tanti governi più piccoli ( la federazione nordamericana, la federazione centrosudamericana, la federazione europea, la federazione nord africana, quella mediorientale, ecc) e nulla andrà perso, saranno tutti perfettamente identici a quelli centrale, solo un po’ più piccoli. La realtà olografica è modificabile e modificando la realtà al presente modifico il passato e il futuro (tutto è uno, ricordati, anche dal punto di vista temporale: altro che i vincitori scrivono la storia, i vincitori cambiano il passato e il futuro); Presto detto.

    Ti sei chiesto perchè la fisica quantistica è tanto di moda ?

    Piace tanto perchè permette di veicolare l’idea che l’osservatore “crei” la realtà osservandola: è l’Uomo che crea, ce lo dice la Scienza, quella con la S maiuscola. !!!

    Naturalmente la fisica quantistica non dice questo.

    Ma il concetto importante, quello con cui stanno cercando di smuovere energie dal basso, con cui stanno ridefinendo il modello di controllo è l’olografia.

    Un fenomeno fisico praticamente incomprensibile alla totalità della gente, ma che permette di veicolare un sacco di belle idee sociali.

    Tutto è uno, e se tutto è uno a che servono tanti governi, ne basta uno globale, totale. Inoltre l’olografia ha la magica caratteristica che se divisa l’informazione totale non si disperde, quindi un governo di una realtà olografica sarà olografico: lo si può suddividere in tanti governi più piccoli ( la federazione nordamericana, la federazione centrosudamericana, la federazione europea, la federazione nord africana, quella mediorientale, ecc) e nulla andrà perso, saranno tutti perfettamente identici a quelli centrale, solo un po’ più piccoli. Io sono in tutti, tutti sono in me, la realtà olografica è modificabile e modificando la realtà al presente modifico il passato e il futuro (tutto è uno, ricordati, anche dal punto di vista temporale: altro che i vincitori scrivono la storia, i vincitori cambiano il passato e il futuro); se ti riesco a modificare, cambio te, ma cambio me, e anche gli altri, se ti voglio modificare è per il bene di tutti, perché non ti fai modificare eh ? eh ?

    Sandro

  • anonimo

    grande sono riuscito a produrre il primo post olografico al mondo!

    ogni frase ne contiene pezzi di tutti gli altri.

    Non mi chiedere come ho fatto, è un segreto

    Sandro

  • Santaruina

    Ciao Sandro, la questione della “creazione della realtà” è molto sottile; mi è tornata in mente una dichiarazione a proposito di un alto funzionario della casa Bianca, riportata nel post sopra.

    A presto

    (e comunque il post olografico non è da tutti…)

  • anonimo

    ti mando un pm; non so bene come comportarmi con le citazioni di persone in un simile contesto, in fin dei conti stiamo parlando di persone che stanno teorizzando massacri di massa.

    Ciao

    Sandro

  • lanegralatrante

    Agghiacciante; intendo dire, che persone simili abbiano accesso alle strutture preposte alla formazione degli individui, tipo le università.

    Ecco, appunto: saranno pure americani e peggio, texani, dunque secondo il luogo comune destrorsi, neocolonialisti, irritanti e ciccioni, ma possibile anche TUTTI scemi?

    Chi ha permesso a questo sterminatore in erba di tenere una conferenza in un istituto pubblico ? Perchè è stata ‘secretata’ ? Davvero nessuno dei partecipanti si è ribellato ?

    Perchè non c’è stata denuncia pubblica di questa cosa, francamente imbarazzante e forse anche un pizzico preoccupante?

    Comunque grazie per questo blog: fa sempre piacere sapere che c’è chi ci consodera meno utile di un pollo da batteria!

    a presto.

  • Santaruina

    Ciao lanegralante

    Se questo professore fosse un pazzo isolato, la stessa notizia sarebbe una semplice curiosità.

    Il fatto è che ha semplicemente esposto il pensiero di una numerosa intellighentja molto influente, che magari non si esprimeproprio in questi termini, non sempre, almeno.

    Blessed be

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>