Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
25 marzo 2007

I 300 contro l' Occidente


E’ arrivato anche nelle sale italiane il film 300, che racconta ancora una volta la battaglia più epica che i testi di storia abbiano mai documentato.
Si narra del re di Sparta Leonida e dei 300 opliti che nel 480 a.C. si opposero all’esercito del persiano Serse, composto da centinaia di migliaia di uomini, rallentandone l’avanzata e permettendo all’esercito degli stati greci di organizzarsi.
Il film, diretto da Zack Snyder, si ispira ai fumetti di Frank Miller, autore di culto, e come nei fumetti la separazione tra buoni e cattivi nello svolgersi degli avvenimenti è netta.
Gli eroi sono belli e valorosi, i cattivi deformi, mostruosi, spietati.
C’è chi ha visto nel film una sorta di propaganda di guerra, una di quelle tipiche operazioni che i regimi compiono nel tentativo di disumanizzare il nemico in procinto di un attacco bellico.
In effetti in questo particolare momento storico, in cui gli Stati Uniti si apprestano a devastare l’Iran, ricordare l’epica resistenza dell’Occidente contro le orde orientali potrebbe essere funzionale allo scopo, ed è altrettanto nota la funzione di Hollywood quale forte strumento di propaganda ideologica.
Ma questa volta coloro che hanno avvallato tale operazione forse hanno fatto male i loro conti.
Sicuramente Leonida e i suoi sono un forte simbolo dell’Occidente, ma di un Occidente quale non esiste più da secoli.
Il nuovo Occidente da tempo non crede più nei valori che gli spartiati esaltavano, sacrificio, amor di patria, il rispetto di una legge superiore; l’Occidente di oggi è sostanzialmente “amorale”,nel suo “imperialismo” vuole inglobare a sé tutte le culture che si oppongono alla sua avanzata.
Nel film, l’Occidente odierno si incarna nelle orde barbare di Serse.
Lo stesso re dei persiani, alto e luccicante nel suo carozzone da gay pride, con il suo volto dilaniato da piercing si troverebbe molto più a suo agio tra le strade di Londra o di New York, piuttosto che a Teheran.

Il suo esercito è composto da schiavi e disperati, come i messicani che combattono sotto la bandiera a stelle a strisce in Iraq nella speranza di un futuro migliore, e il suo osservare da lontano ed al sicuro gli esiti degli scontri ricorda il comportamento dei guerrafondai da salotto che mandano i giovani americani al macello a mille miglia di distanza.
Leonida, il re che combatte in prima linea a fianco dei suoi soldati rischiando la vita per loro, non potrà mai essere accomunato a nessun sovrano odierno.
In un’ottica ancora più profonda, i 300 che si oppongono all’avanzata dei barbari, consapevoli dell’esito della battaglia, ricordano gli ultimi eletti descritti dai testi sacri che contrastano l’avanzata del Kali Yuga pur sapendo che la loro opposizione in un primo momento sarà vana, ma altrettanto consapevoli della necessità dello sforzo.
Una ultima, strenua opposizione alla decadenza dell’Occidente.

16 comments to I 300 contro l’ Occidente

  • babilonia61

    E’ scritto che l’ epoca del Kali yuga finirà con una guerra di grande dimensione: sarà la nostra fine, la fine delle 4 ere, dopodichè sulla Terra ritornerà l’età d’ oro…così sino all’infinito, sino alla grande dissoluzione.

    Gli USA sono i giganti dai piedi d’argilla, prima o poi la loro prevalenza terminerà, così come è stata per Roma, Atene, Sparta, etc.etc.: la storia si ripete, è un grande ciclo, un corso e ricorso…

    mah! chissà se vivremmo sino a quell’epoca!

    felicità

    Rino, scendendo le scale

  • anonimo

    Bella Santa, sto controllando le mail prima di andare al cinema, indovina…300. In fondo, ho pensato, un film ispirato a un fumetto di Frank, non potreva essere troppo male, …a domani il mio report :-) ika

  • Vautrin

    Bellissima analisi, ma il film l’hai visto? Me lo consigli?

  • Santaruina

    Il film l’ho visto ieri, ero entrato nel cinema un po’ perplesso ma alla fine devo dire che è stato uno spettacolo divertente.

    Bisogna tenere conto che la sceneggiatura si basa su di un fumetto, non ci sono grosse pretese di “verosimiglianza” in alcuni punti.

    La fotografia è ottima, e le scene di guerra meritano.

    Aspetto anche il parere di Ika domani. :-)

    Rino: esatto, corsi e ricorsi…

    Blessed be

  • ikalaseppia

    mi spiace, ere già pieno (arrivo sempre all’ultimo…) quindi mi sa che il report deve atterndere martedì, mercoledì, sorry…

  • Vautrin

    Sono curioso, vado

  • anonimo

    Come sempre, la Storia la scrivono i vincitori, e non c’è dubbio che i Greci avevano uffici marketing più efficaci…

    E’ però sbagliato (perché anacronistico) dare una coloritura ideologica ad avvenimenti storici così remoti.

    Possiamo davvero “fare il tifo” per un popolo sanguinario e schiavista come quello spartano, che uccideva sistematicamente i neonati “non conformi”?

    Visti con gli occhi di oggi, questi “gloriosi” Spartani non possono certo meritare alcuna simpatia.

    (Il solo fatto di essere meno numerosi dei Persiani non è un merito né una colpa, mi pare.)

    Ma è la stessa idea di mettersi in Curva Sud, e fare il tifo per un avvenimento così lontano, che è sbagliata.

    (Soprattutto se lo si fa blaterando di “democrazia”, e dimenticando che la democrazia dei greci coincideva con il privilegio di un decimo della popolazione, mentre la grande maggioranza dei Greci era composta da schiavi…)

    J.Meslier

  • Santaruina

    Ciao Jean

    il punto centrale del tuo intervento è quel “visto con gli occhi di oggi”.

    Appunto.

    Per quanto riguarda la democrazia, oggi come ieri non vi è molto da esaltare.

    Blessed be

  • ikalaseppia

    Allora ho visto finalmente il film: premetto che sono partito con troppe aspettative e sono uscito decisamente infastidito, sopratutto dall’ultima frase sul misticismo. L’aspetto più esasperante (anche dal punto di vista fantasy) è che questa Sparta antica non ha nulla di sacro salvo l’etica macho-man.

    A proposito, storicamente pare che la cavalleria spirituale nasca proprio nell’esercito persiano.

    Rispetto alle tue considerazioni è vero che, sotto un certo profilo, oggi l’impero -persian-babilonico è l’Occidente, però, in termini psicologici, prevale l’idea dell’orda orientale-islamica che accerchia un occidente numericamente inferiore e sono solo in pochi i soldati scelti che vanno a combattere per tutti “noi”…

    Venendo all’azione, molte le scene buone, molte le scene deludenti (chi scrive pratica arti calleresche da qualche annetto) alcune poi, quelle con gli elefanti, ad esempio, sono irritanti nella loro staticità. Pazzescamente realistiche invece le scene di sesso, i ragazzi in sala per un attimo hanno sperato nell’hard.

    Insomma, l’impressione è di una bella occasione sprecata.

    passo e chiudo, i cicli dovranno attendere ancora :-)

  • Santaruina

    Ciao Ika

    spero di non aver contribuito eccessivamente ad accrescere le tue aspettative sul film… :-)

    Comunque comprendo quello che scrivi; io al contrario ero andato al cinema con molte perplessità e sono rimasto molto meno deluso di quanto mi fossi aspettato.

    In fin dei conti sempre di hollywood si tratta… :-)

    A presto

    Blessed be

  • anonimo

    Francamente descrivere gli spartani alle termopili come un esercito da signore degli anelli mi ha infastidito non poco.

    Dove era l’armatura degli spartani? Opliti che vanno in guerra armati di muscoli e addominali? Spartani che fanno la guerra come samurai giapponesi? Strane creature nell’esercito persiano?

    Se il tema fosse stato fantasy il film avrebbe datto qualcosa. ma il fumetto per descrivere l’esercito e la società spartana, il grande scontro fra Grecia e impero persiano mi pare proprio inadeguato.

    Ma la mia è forse la pretesa di chi divertendosi cerca anche di vedere e imparare qualcosa. Francamente mi sono divertito poco e non ho appreso niente.

    Padella

  • Santaruina

    Ciao Padella

    comprendo e rispetto il tuo parere, ma forse è chiedere troppo a hollywood che insegni la storia greca.

    Da un punto di vista però hai ragione perchè è proprio in questo modo che si creano i falsi storici che poi divengono di dominio comune, come il Gesù biondo, per dirne una.

    Se preso per quello che è, un film tratto da un fumetto, a mio parere il film in questione resta godibile.

    A presto

  • padella

    “Da un punto di vista però hai ragione perchè è proprio in questo modo che si creano i falsi storici”.

    E’ quello che intendevo.

    Se lo chiamavano “I 300 del pianeta Splat ammazzano gli Orchi alla gola di Blood” non avrei avuto molto da aggiungere.

    Curiosa la barba a punta di Leonida: non è elemento tipicamente orientale?

    Padella

  • Santaruina

    Curiosa la barba a punta di Leonida: non è elemento tipicamente orientale?

    Puoi confrontarla con la barba a punta dell’autore di questo blog, anch’egli di origini elleniche :-)

    Blessed be

  • padella

    Carissimo Santaruina,

    non mi sono presentato. Ed è ineducato.

    Innanzitutto ti faccio i miei complimenti per il tuo blog. Molto interessante, lo leggerò spesso.

    Abbiamo sicuramente una passione in comune: l’esoterismo. O dovrei chiamarlo il limite, il confine? O meglio la gnosi? O forse dovrei dire “l’incessante ricerca del reale”?

    Viviamo tempi strani, difficili.

    Meglio saperlo che ignorarlo, anche se si soffre di più, o meglio, anche se è più difficile.

    A presto

    Padella

  • Santaruina

    Ciao Padella, ti ringrazio.

    Ho visto il tuo interessante blog ed in effetti abbiamo molti interessi comuni.

    A presto :-)

    Blessed be

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>