Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
18 dicembre 2012

Il 21 Dicembre e la fine di un mondo

E’ ormai cosa nota, a tutti coloro che hanno approfondito un minimo la questione, che i Maya non predissero alcuna fine del mondo, per come comunemente viene intesa.
E, ad esclusione di alcuni irriducibili survivalisti che da anni accumulano provviste e conoscenze per affrontare la fine dei tempi, rimane ormai ben poca curiosità a proposito della fatidica data del 21 Dicembre del 2012.
L’argomento “fine del mondo” ha avuto il suo momento d’oro negli anni passati, ma l’entusiasmo è andato via via scemando man mano che la scadenza si faceva più vicina: in fin dei conti, vi sono questioni più importanti, e più concrete, di cui preoccuparsi, di questi tempi.
A questo si aggiunga che in una situazione simile si guadagna ben poco nell’atteggiarsi a veggenti: se nulla dovesse accadere, infatti, si rischia una pesante derisione, mentre se si dovesse, malauguratamente, avere ragione, allora non ci sarà più nessuno con cui vantarsi della propria lungimiranza.
E’ un gioco in cui si perde sempre.
Ed è per questo motivo che se proprio non si resiste alla tentazione di immedesimarsi in profeti di sventura, allora occorre sempre seguire la prima regola delle predizioni, ovvero individuare il momento della sventura in una data assai lontana nel tempo.
Nostradamus docet.

Così, a qualche giorno dall’una volta tanto atteso 21 Dicembre, sono rimasti davvero in pochi a riservare qualche aspettativa riguardo tale data, anche tra coloro che nei mesi passati si erano lasciati suggestionare dall’onda emotiva.
L’aspetto curioso dell’intera faccenda, casomai, sta nel modo in cui a livello collettivo, e periodicamente, le profezie riguardanti una prossima fine del mondo siano sempre in grado di generare un vivace interesse.
La fine del mondo fa infatti parte di quell’universo archetipale che ogni essere umano si ritrova nel proprio bagaglio interiore, e i profeti di sventura di ogni tempo, dai millenaristi medievali agli interpreti dei Maya attuali, passando per i contattisti e coloro che attendono la liberazione da parte di razze aliene, non fanno altro che agire su quel tasto, stimolando immagini e scenari già presenti nell’inconscio di ognuno di noi.
Tali profezie, inoltre, attecchiscono preferibilmente in alcuni determinati periodi storici, piuttosto che in altri.
Ed anche questo fatto riserva un certo interesse.

La verità è che il mondo non finirà, per ora, mentre finiscono “i mondi”, più e più volte, ed ogni volta che questo accade le collettività percepiscono i cambiamenti radicali intorno a loro e li traspongono, per immagini, in scenari di distruzione completa.
La storia umana infatti non procede seguendo una linea retta e regolare, ma passando per sbalzi, accelerazioni, rallentamenti, in un percorso a spirale fatto di cicli sempre simili a mai eguali a se stessi.
Ed ogni volta che un ciclo sta per giungere a termine, qualcosa a livello inconscio traspare, e diviene percepibile in maniera confusa.
In questo, il calendario Maya è da considerarsi alquanto preciso.
La loro concezione del tempo, infatti, era ciclica, così come quella di tutti i popoli dell’antichità, e il giorno che hanno segnato nel loro celebre calendario non fa altro che individuare una data in cui un grande ciclo avrà termine.
Questo non implica catastrofi, né distruzioni, e nemmeno presuppone segni celesti che scandiscano il passaggio in maniera eclatante: la fine di un era è un processo lungo, vago, e le date servono solo come simbolici spartiacque.
Perché un’era sta realmente finendo, e noi siamo testimoni viventi di uno dei periodi con più grandi cambiamenti sociali che l’umanità abbia sperimentato.
Stiamo vivendo la fine di un modello economico che ha caratterizzato l’occidente e il mondo intero negli ultimi secoli, stiamo assistendo all’emergere impetuoso di una nuova religione, con i suoi simboli, i suoi riti e i suoi sacerdoti, e per la prima volta nella storia abbiamo edificato una metafisica alternativa fatta di bit ed impulsi elettrici, abbiamo costruito un universo alternativo e virtuale e vi stiamo rapidamente trasferendo le nostre vite.
Mai come oggi i segnali di un repentino cambiamento di era sono stati più evidenti, e solo il tempo saprà dire il carattere dello spirito che attraverserà il nuovo ciclo in arrivo.




60 comments to Il 21 Dicembre e la fine di un mondo

  • Roby

    Diamoci da fare con questo Spirito allora! ;D
    Ecco un articolo simile e interessante come il tuo!
     
    http://matrixunaparabolamoderna.blogspot.it/2012/12/la-non-conoscenza-dei-cicli.html
     
    Ciao Santa!

  • Ciao Roby

    sì, nella sostanza viene ribadito il medesimo concetto, anche se io sono solito a toni più pacati :-)

    A presto

  • Max

    Ufff…mesi che scrivo male de 21.12.2012 e adesso incontro questo articolo di Santaruina.

    Peró há senso, senza dubbio. La fine di un ciclo é uno spettacolo che abbiamo sotto gli occhi. E il nostro bisogno di spettacolarizzazione ci occulta la lentezza implicita del cambiento: se non é tutto, subito e con effetti speciali non merita attenzione.

    Sará che i Maya avevano previsto um cambiamento? O la nostra é la stessa posizione di coloro che osservavano “strani segni” in prossimitá dell’anno 1000? Non sará che il cambiamento é sempre presente, alle volte come evoluzione, altre come involuzione?
    Sono propenso a dare ragione a Santaruina: esiste un cambiamento in atto. Data l’etá, ho vissuto gli ultimi anni della Guerra Fredda, una situazione cristallizzata, che sembrava immutabile. E lo era, sotto molti aspetti. Potevi fare delle previsioni, con la ragionevole certezza che il panorama di fondo non sarebbe cambiato di tanto.
    Non comparabile con quanto stiamo vivendo in questi ultimi tempi, dove sapere cosa accaddrá nei prossimi due o tre anni é quasi impossibile. Dalla caduta del Muro di Berlino, al 9/11, alla crisi del 2007-2008: tutto con una velocitá crescente.

    Santa, un dubbio: quale il significato della ciclictá? Da cosa dipende? Sará possibile individuare una causa? O, piú semplicemente, é fisiologica in una societá che ha come protagonisti gli uomini?

    Grazie e complimenti per l’articolo.

    Max

  • Ciao Max

    non saprei se la ciclicità abbia un significato, per come noi lo intendiamo.
    Ma nel nostro mondo, nel nostro universo, tutto si rifà al ciclo.
    I pianeti percorrono orbite elittiche, e tornano sempre sui loro passi, le costellazioni e le stelle disegnano dei cerchi, le piante nascono da semi e crescono e muoiono e lasciano sul terreno degli altri semi che fanno ripetere il ciclo.
    Anche gli uomini nascono e crescono e muoiono e lasciano dietro di sè altri uomini che ripetono il ciclo.
    Tutto ritorna, sempre simile e mai uguale a se stesso, come si ribadisce sempre.

    E’ una sorta di legge universale, che abbraccia ogni realtà.
    E il tempo non fa eccezione: ci sono i giorni, gli anni, e i grandi anni.

    A presto .-)

  • Anonimo

    molto semplicemente credo che se esiste un Dio (e per me esiste) prima o poi pronuncerà il suo basta,
    non penso nemmeno io che sarà la “fine del mondo” ma sicuramente qualcosa di traumatico a livello individuale e collettivo. m 

  • Hiei

    Non so Santa…non ci vedo nulla di repentino in questo “cambiamento”: sono decenni che c’è una precisa spinta dai soliti amici di sempre in questa direzione, verso il loro mondo ideale, allucinato e totalitario e per ora non vedo particolari sgni che ci sia qualcosa di naturale in questo specifico susseguirsi di eventi.
     
    Al contrario, ci sono mucchi di prove che sia pianificato a tavolino, come la crisi economica ed energetica e i conflitti vari, anche tutta la propaganda sulla fine del mondo, i gruppetti vari newage e quelli ecofascisti che la menano col “cambio di paradigma” e nuove “consapevolezze”: parole che per anni sono state in bocca e nei discorsi solo di massoni di alto rango come Napolitano, il Club di Roma e altri criminali assortiti, finchè di botto non è iniziato il bombardamento mediatico e adesso tutto il pecorume rimastica i nuovi slogan da mane a sera, come al solito.
     
    Immagino implicassi anche tutto questo nel tuo post…comunque stiamo a vedere, hai visto mai che si decidano a stupirci con effetti speciali e colori ultravivaci… :’D

  • Doulos


    è forse più corretto filologicamente nel testo dell’originale: quell’ as we know it gioca molto bene sul doppio senso inglese (così come lo conosciamo, sottinteso il mondo, oppure come tutti sappiamo, cioè la fine).
     
    il grande scettico della ciclicità nell’AT, qoelet, scriveva che ogni cosa ricomincia dalla sua fine – ma come direbbe jackblack aveva chiaramente il blues, in quei giorni lì.
     
    per il resto il Principale risulta avere detto che non era al corrente né del giorno, né della settimana, del mese dell’evento zero, cosa saldamente nascosta fra le carte di Papà: però, notare, non si è espresso sull’anno, magari una sbirciatina ce l’aveva data.
    In ogni caso è evidente che i vedo-prevedo-rivedo appartengono più ai cialtroni che ai discepoli: tutto il can can in atto è una lucida riprova delle relative distribuzioni nelle due categorie, in seno all’umanità.

    • Doulos

      giorno e ora, in effetti.
      Niente invece su anno e mese.

      Devo smettere di citare a memoria.

    • Pol

      Interessante infatti notare come del 21/12 “si sappia” persino l’ora esatta del cambiamento, le 11:11.
      Che poi il fatto che il Figlio dicesse di non sapere il giorno e l’ora penso sia più sottile come indicazione, non solo volta alla nostra dispersiva brama di sapere ma forse riferita anche al carattere “fuori dal tempo” dell’Ora in questione, e di sicuro cela molti altri aspetti che solitamente ci sfuggono.
      Sull’anno si sono episodicamente espressi anche numerosi dottori della chiesa e cristiani di ogni tipo…

  • max

    ….ma il 21 dicembre di quale anno ? Se non sbaglio Dionigi il Piccolo sbagliò i calcoli di 5- 7 anni rispetto alla presunta nascita di Cristo per cui dovremmo attualmente trovarci, grosso modo, tra l’anno 2017 e il 2019, se non pure di più !  Per fortuna non è successo niente ! Ma i vari fessi millenaristi o apocalittici nei loro pamphlet divulgativi fanno finta di non saperlo ! L’importante e battere cassa con libri, documentari e film catastrofici da grattarsi gli zibidei da mane a sera !
    Comunque pur volendo per ischerzo dar per buona l’attuale data ci vien da pensare che gli ortodossi subiranno la fine del mondo con un po’ di ritardo visto che stanno ancora al 6 dicembre 2012 , oppure più fortunati sono gli islamici che stanno ancora al 1434 mentre il calendario civile indiano segna ancora 1934. Anche l’apocalisse è relativa come tutto il resto !

  • Anonimo

    La cosa cosa che mi ha fatto ridere e’ il faccione al centro della pietra che ci fa una bella linguaccia.
    Di’ la verita’ l’hai scelta apposta…

    Ciao! 

  • gio

    Al di là degli atteggiamenti psicotici o degli interessi commerciali la data è interessante in quanto è una delle poche testimonianze giunte sino a noi di precisa temporalizzazione tradizionale.
    Se a breve terminerà un ciclo del lungo computo, ossia una delle ere del mondo, cominciata pressapoco con l’introduzione della scrittura ciò suggerisce che non è tanto la modernità a tramontare, ma qualcosa di cui essa è solo l’ultima manifestazione.

  • Anonimo

    Grande Hiei !!!

    Per dovere di informazione: il 21 è YULE, la ricorrenza celtica che festeggia il giorno più breve dell’anno (è infatti il solstizio d’inverno con culmine alle ore 11:11, interessante come ora, vero?). Inizia il periodo della rinascita del sole che gli antichi romani festeggiavano per 15 giorni con la ricorrenza del “Sol invictus” e che la Cristianità sostituitì con la Nascità di Gesù e con la morte di Giovanni l’Evangelista. Per i Celti (e per le popolazioni del nord europa) Yule rappresentava non solo la rinascita della Natura ma anche l’innalzarsi dello spirito umano verso più alte vette. Quindi il fatto del “passaggio” verso una più attenta spiritualità è vecchio di molti ma molti secoli. Forse sarebbe il caso di non pensare alla stupidità di una fine di questo nostro piccolo mondo ma di concentrarsi sull’universo che abbiamo dentro di noi e che sempre più spesso tendiamo a trascurare. Un sereno giorno di Yule  a tutti
    QWERT   

  • sono decenni che c’è una precisa spinta dai soliti amici di sempre in questa direzione

    Questo è vero, e i cospirazionisti più incalliti saprebbero trovare le origini di quanto accade oggi andando indietro di molti secoli.
    Ma penso che una accelerazione negli ultimi anni ci sia stata a prescindere.
    Senza andare lontano, internet e tutti gli strumenti tecnologi attuali hanno stravolto le nostre abitudini come mai era successo in passato.
    Chi come me è nato negli anni 70 ha passato l’infanzia e l’adolescenza senza cellulari e senza internet, e la vita quotidiana di allora, tra lavoro e tempo libero, era qualcosa di completamente diverso.
    Non c’era mai stato un tale scarto abitudinale tra due generazioni.
    Nemmeno tra due generazioni, dal momento che ragazzi che hanno 15 anni meno di me sono cresciuti avendo a disposizione strumenti che io alla loro età non potevo nemmeno immaginare.
    Non c’è bisogno di ripetere ancora una volta come le informazioni negli ultimi 10 anni abbiano subito una velocità di propagazione esponenziale, ma ci si può soffermare nel riflettere come questo abbia effettivamente cambiato la percezione del mondo da parte del “uomo comune”, e di come i programmi delle elite siano stati facilitati da tutto questo.
    Perchè se alla fine il cuore del progetto è la diffusione di un nuovo etat d’esprit, mai come oggi questo è stato così facile, proprio grazie alla rete.

    _____________________________

    La cosa cosa che mi ha fatto ridere e’ il faccione al centro della pietra che ci fa una bella linguaccia.

    Ci hanno pensato i Maya a mettercela.
    Forse sono stati i  più grandi trolloni della storia, per usare un termine che sta divenendo familiare :-)

  • cristiano

    Alla fine è sempre una questione di punti di vista per cui siamo noi umani ad avere paura della fine del nostro mondo anche se puntualmente si verifica individualmente, almeno per quanto riguarda il corpo, per ognuno di noi a scadenze diverse ma inevitabili … concordo con te sulla ciclicità (o ritmo) della storia anche se ne siamo così coinvolti che capire cosa veramente esiste è impossibile, almeno per me.
    Namastè 

  • Possiamo solo intuire, cogliere l’atmosfera, ma si tratta di processi talmente lunghi che non sarà mai possibile coglierli nel loro insieme.

  • Hiei

    OT (ma neanche tanto): giusto per stuzzicare la tua curiosità…è un video preso dalla TV USA subito dopo la recente sparatoria alla scuola:
     

     
    Il padre di una delle “vittime” non si accorge di essere parzialmente inquadrato e ride e scherza coi presenti per poi assumere la teatrale faccia affranta dal dolore per l’intervista “a caldo”.
    Tanto questa sparatoria quanto quella del cinema “Aurora” che han fatto tanto scalpore sono collegati, nonchè secondo alcune analisi subliminalmente preditti dal film “The Dark Knite Rise” (curiostià: l’abbronzato Obama viene eletto nel 2008 in concomitanza con l’uscita di “Dark Knight” primo della trilogia di Batman e rieletto nel 2012 in concomitanza con “Dark Night Rise” che chiude la trilogia).
     
    Facebook chiude gli account di chi dissente dalla versione della polizia, che ha minacciato di arresto chi discutesse versioni differenti o facesse domande sull’accaduto.
     
    Entrambe le sparatorie una volta analizzati molti dettagli poco chiari (così come l’assalto all’inesistente ambasciata di Benghazi in Libia, peraltro) potrebbero semplicemente non aver mai avuto luogo…e ci sono tutti questi succosi collegamenti con il film di Batman – che conterrebbe anche indicazione di una terza e ultima “false flag” – che gronda messaggi e simbologia da tutte le parti che valeva la pena segnalare.
     
    Altre info le trovi qui:
     
    http://www.jimstonefreelance.com/
     
    La più grande trovata di propaganda in assoluto è che il NWO “stia arrivando”…è già qui. Da un pezzo. E la quasi totalità della popolazione è così succube al lavaggio del cervello costante da non essere nemmeno in gradi di accorgersene.
    Ma tu diresti che il più grande inganno perpetrato dal diavolo è quello di aver fatto credere di non esistere, giusto? :’D

  • E’ davvero un video agghiacciante, davvero.
    O si trattava di un completo psicopatico, oppure di un attore.
    E nel secondo caso, sarebbe da chiedersi perchè.

    Per il resto, coincidenze e stranezze si accumulano anche in questi eventi.

  • Mande

    La battuta potrebbe essere semplice:
    I Maya, più di 5000 anni fa, hanno previsto la fine di Monti.
    Sono stati i traduttori a sbagliare nel decifrare la lingua ma non c’era scritto mondo bensì Monti.
    Scherzi a parte è stato proprio Monti a scegliere questa data simbolo come fine del suo governo dimettendosi in maniera alquanto irrituale nonché incostituzionale. Incostituzionale perché non è stato sfiduciato ma tanto Napolitano della costituzione se ne fa un baffo da parecchio tempo.
     
    Gli italiani comunque incassano e ringraziano sperando veramente la fine di questa politica che con i “tecnici” ha raggiunto l’apice del disprezzo. Fine dunque del “ciclo” liberticida e inizio della democrazia dal basso col movimento cinque stelle?
     
    Probabile e lo spero. Mi resta solo il dubbio su Monti.
    Alle volte pare sappia veramente ciò che vuole ottenere come lacrimuccia Fornero, dall’altra dimettersi proprio il 21/12/2012 per dimostrare alla coscienza collettiva che il “suo” ciclo è finito… Pare quasi un suicidio.
     
    Forse è proprio vero che le persone che ricoprono posti importanti sono solo le più ignoranti ed inadatte oltre che “psicopatici”.
     
    Buon fine ciclo a ciclo a tutti e soprattutto buon ciclo nuovo.

  • Anonimo

    “..Se la società cashless sarà introdotta, avranno il totale controllo sulla vita di ogni individuo. Il crollo finanziario iniziato nel 2007-2008 non è stata che la prima mossa della classe d’elite criminale, un assaggio di ciò che verrà. Con il prossimo crollo potremmo vedere una valuta digitale globale centralmente controllata giungere saldamente alla completa maturità”
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11239
    http://www.vocidallastrada.com/2009/11/la-lunga-ombra-degli-rfid.html
    http://www.the1phoenix.net/x-files/chip.htm
    m

  • daouda

    Dobbiamo ricordare che però c’è anche una cum-spirazione divina guidata dalla Provvidenza…a rigore, in termini complottistici, essa è la sola e vera cospirazione ma in termini positivi, mentre le altre sono solo progettualità alquanto scontate ed ovvie, prodotte da individualità deviate che altro non potevano fare.Dio dispone tutto al punto giusto, anche il demonio, anche il male. Per questo foss’anche qualcosa che a noi sembra dannoso, si riceve sempre per il bene e l’homo non ha che rendere Onore a Dio, e non facendolo è lì che ha l’opportunità di crescere e migliorare comprendendo. Ma da noi chi poco comprende arguisce, evitando obbedienza, umiltà e distacco, i 3 gradi di ogni Via.Chiaramente lo scrivo perché io invece sono una capra,ma l’importante è ritrovare la speranza. Come ho letto sul blog di Cabasilas in questa frase:

    “la società moderna vuole distruggere il santo Natale perché l’appello alla speranza non ferisca l’orgoglio dei vigliacchi”.

    Christus Regnat.

    • Hiei

      Sì, questa cosa che “fatevelo mettere nel c..o senza ribellarvi che è tutto a fin di bene, solo che non potete capire il grande disegno divino” è sempre un cavallo di battaglia anche della chiesa.
       
      Chissà a chi giova.
       
      E chissà come mai a questi individui deviati e criminali sei sempre qui pronto a fare il palo e parare le terga coi tuoi voli pindarici. Che caso.

      • daouda

        Veramente è obbligo combatterli, quindi…

        • Hiei

          Ah, sì?
          Avevo capito che tanto è tutto inutile e sarà comunque necessario un’intervento divino, quindi perchè sbattersi?

        • daouda

          E’ anche così infatti, se non altro pé non far essere tale intervento divino condanna per sé stessi. Ad ogni modo il bene , la verità e la giustizia vanno perseguite sempre e comunque, ergo…

        • Hiei

          Ma è bellissimo!
          Cioè prima il tuo dio crea i criminali che fanno soffrire un sacco di gente, poi ti costringe pure a combatterli sapendo che perderai lo stesso perchè nel suo piano divino ha comunque già previsto che ci sia la sua entrata in scena tronfia e trionfale? E poi i criminali stessi creati apposta così li sbatte all’inferno per aver fatto ciò che in fondo lui stesso voleva assieme a chiunque non si sia assoggettato a questa autoglorificante burattinata di regime??
           
          E con questa idea di dio megalomane e pazzo sadico vorresti convincermi della bontà della religione magari?? :’D

        • daouda

          Esigenza implica che per creare qualcosa , si abbiano due poli. Giudichi i criminali troppo facilmente, come apprezzi i buoni con qualche superficialità. Quel che è bene c’è se c’è del male, il prevalere dell’uno implica il decadere dell’altro. Dimentichi infatti il libero arbitrio come anche le leggi naturali del cosmo. Ingori che il paradiso e l’inferno non sono eterni e non sono il fine ultimo delle cose, essendo quello di venir reintegrate in Dio, con Dio, per Dio, poiché, in verità, solo Egli esiste. Fai ridere quando parli di religione, che effettivamente invoglia al bene, ignorando invece te stesso e ciò che veramente ti circonda. Non è la religione il problema difatti ma la vita stessa. In effetti poi è effettivamente così, dipende da come lo si legge.Molti santi hanno maledetto l’esistenza od il paradiso intendendola come prigione, ma erano però licenze poetiche-estatiche, altrimenti saremmo difronte gnosticismo-dualismo anticosmico.
          Ciò scritto sono temi difficilmente affrontabili su di un blog, e visto che la tua posizione è chiara, perché devi rompere le palle? Ed una domanda a me: e visto che Hiei fà ‘r cojone, perché je devi annà appresso? Questi sì che sò misteri…alla Mariello Prapapappo!
          Buon Natale

        • Hiei

          “Giudichi i criminali troppo facilmente, come apprezzi i buoni con qualche superficialità.”
           
          Logico: seguivo il modo di ragionare cristiano. O almeno “cristiano” secondo te.
          Ma tu sei cristiano o no? Parli come se lo fossi poi una volta hai detto di non aver detto di esserlo…una parola definitiva?
           
          “Quel che è bene c’è se c’è del male, il prevalere dell’uno implica il decadere dell’altro. Dimentichi infatti il libero arbitrio come anche le leggi naturali del cosmo.”
           
          Tranne il fatto che il bene e il male per me sono relativi, che le leggi del cosmo sono neutre e che dato che sostieni che il tuo dio ha stabilito il futuro (“dovrà intervenire lui, non importa cosa noi si faccia”) tanti cari saluti al tuo libero arbitrio.
           
          “il fine ultimo delle cose, essendo quello di venir reintegrate in Dio, con Dio, per Dio, poiché, in verità, solo Egli esiste.”
           
          “Fiesta ti tenta tre volte tanto!”.
           
          “Fai ridere quando parli di religione”
           
          E non ce ne sarebbe bisogno in effetti! :’D

        • daouda

          Il modo di ragionare cristiano prevede che si valuti la materia grave, la piena avvertenza ed il deliberato consenso entro il proprio stato. Non è cosa così banale e semplice.

          Il libero arbitrio è inerente alla sola libertà di coscienza ossia scegliere se essere schiavi della natura o dello Spirito. Schiavi lo si rimarrà comunque, ma una delle due vie,una delle due direzioni, apre la porta alla libertà.
          Questo tipo di libertà è ovviamente la libertà assoluta. Il tempo come la verità, possono benissimo essere delle “schiavitù”, ma fù detto che la verità renderà liberi ed il motivo risiede nell’essenzialità della via spirituale rispetto alla materialità di quella naturale.

          Il fatto che comunque dovrà intervenire Lui rientra nelle leggi neutrali inerenti alle cose. Il fatto che ciò comporti una nostra astenzione dall’intervenire è una logica contraddittoria.

          Io sono cristiano formalmente cattolico, anche se non mi ritengo tale ( cattolico ).

  • Anonimo

    Sono le 2 del mattino del 21/12/2012 e non sta succedendo niente. O i Maya erano dei rimbambiti, oppure i traduttori dei calendari non sono all’altezza.
    Comunque Santa guarda che ti sbagli. I Maya pensavano che la fine del ciclo fosse la fine di tutti gli uomini, prova ne sia i sacrifici umani che facevano per nutrire di sangue la divinità ed allontanare la fine del ciclo.
    Alla fine del 5 sole, il ciclo attuale, il mondo sarebbe divorato dal fuoco. La volta prima era stata l’acqua ad annegare ogni cosa e solo pochi si erano salvati tramutandosi in pesci.
    Adesso andrò a letto e sono ragionevolmente sicuro che non succederà nulla durante la nottata.
    Se si potesse prevedere il futuro, significherebbe che il futuro non esiste, in quanto perderebbe la sua peculiarità, cioè quella di non essere ancora in atto. Certo, esistono delle potenzialità che possono essere previste, ma ciò che smetterà di essere potenzialità e diventerà fatto, non può essere previsto, se non in maniera statistica.
    L’unica certezza che abbiamo è che ci sarà una fine. Sta nella natura delle cose, tutto ciò che ha avuto un inizio avrà sicuramente una fine.
    Come nelle tombe. C’è una data di nascita ed una di morte. Nel mezzo un trattino. Quello è il valore di ciò che hai vissuto durante la tua vita, dopo che sarai morto (l’esempio non è mio, ma mi piace riportarlo). Se c’è quindi un valore è ora che andrebbe apprezzato, dopo rimarrà solo un trattino.
    Ciao Democrito 

  • max

    Molto probabilmente la terra finirà per sovrappopolazione. Siamo sette miliardi adesso figuratevi fra una venticinquina di anni !  Tra disboscamenti, desertificazione,inquinamenti, carestie e guerre non ci sarà più un piffero da mangiare e la gente si ammazzerà per un tozzetto di pane o un pollastro, ammesso che ce ne saranno ancora ! Per il 2035 saremo una decina di miliardi affamati e inferociti , divoreremo tutto come cavallette e poi ci scanneremo, quindi il collasso finale così Madre Gea potrà tirare un respiro di sollievo per essersi finalmente liberata di quell’animale infame che è l’uomo ;   l’unico animale capace di concepire Dio eppoi uccidere il prossimo in Suo nome,  fare il satanista, il massone, i sacrifici umani, le politiche economiche tutte lacrime e sangue, etc etc. Quindi la Terra pian piano rigenererà se stessa e ricomincerà daccapo.  

  • Ciao Santa, siamo ancora qui! :)

  • Anonimo

    max mi sembri proprrio vittima della propaganda..
    leggiti la sezione  “Santa su luogocomune” (margine sinistro della home page)..specialmente
    post ” Con la scusa dell’ Ambientalismo.
    Progetti di sterminio.

    m

  • Mande

    Mi resta solo il dubbio su Monti.
    Alle volte pare sappia veramente ciò che vuole ottenere come lacrimuccia Fornero, dall’altra dimettersi proprio il 21/12/2012 per dimostrare alla coscienza collettiva che il “suo” ciclo è finito… Pare quasi un suicidio.

    Curiosa anche la dichiarazione di Monti di ieri:
    “Italia non dissipi sacrifici fatti dopo il voto”

    La parola “sacrifci” doveva proprio usarla, in un giorno come questo..

    ________________________________

    Democrito

    I Maya pensavano che la fine del ciclo fosse la fine di tutti gli uomini, prova ne sia i sacrifici umani che facevano per nutrire di sangue la divinità ed allontanare la fine del ciclo.

    I Maya e sopratutto gli Aztechi in qualche modo percepivano che il loro mondo stava per finire, e i sacrifici umani che aumentarono a dismisura nell’ultimo periodo della loro era avevano proprio il compito di allontanare quel momento.
    Fine del loro mondo che comunque arrivò, impersonata dai conquistatori europei.
    Sulle distruzioni da parte di acqua e fuoco al culmine dei diversi cicli, ancora una volta vi è molto di simbolico nelle immagini usate, anche se non è da escludersi che in quei momenti potessero verificarsi cambiamenti che con quel simbolismo fossero collegati (diluvi o scioglimento dei ghiacci per l’acqua, meteoriti o eruzioni di vulcani per il fuoco, e così via)

    _________________________________

    Max

    Molto probabilmente la terra finirà per sovrappopolazione. Siamo sette miliardi adesso figuratevi fra una venticinquina di anni !

    In verità c’è ancora spazio dulla terra, e vi sono ancora territori che potrebbero essere utilizzati per la produzione di cibo.
    Senza contare che già oggi vi è una percentuale incredibile di cibo prodotto che viene buttato via.
    Inoltre, la crescita del numero della popolazione umana non segue più la tendenza esponenziale che si ipotizzava in passato.
    Insomma, non siamo ancora così “troppi”..
    Comunque, se la questione ti interessa, ti consiglierei anche io di dare un’occhiata agli articoli segnalati da m.

    _______________________________

    Ciao Zuptepi

    Sì, siamo ancora qui, ed è  cosa assai buona :-D

    A presto

  • Doulos

    mi viene un po’ da ridere, poi mi è tornato in mente questo
     
    Salmo 2
    Perché cospirano le genti
    e vanità tramano le nazioni?
    I governanti della terra si danno convegno
    e i principali congiurano insieme
    contro l’Eterno
    e contro il suo Messia dicendo:
    Rompiamo i loro limiti
    rigettiamo i loro vincoli!
    Chi siede nei cieli se la riderà
    il Signore si farà beffe di loro.
     
    mmh, quasi 30 secoli di cospirazionismo sono troppi però!
    Buon calendario tolteco a tutti, adesso.

  • Anonimo

    Che salmo ragazzi, non lo avevo mai scovato, grazie Doulos per averlo riportato!
    Insomma i troll vengono trollati, ci aggiungo un lol e via.

    Non vi è il calendario ebraico a “vicina” scadenza?
    Sai che fanfara sara’! 

  • Doulos

    come ha già fatto notare qualcuno i calendari sono tutti approssimazione e convenzione, così come lo è il tempo che da bravi ominidi cerchiamo di misurare – chi ha studiato un po’ di fisica potrebbe farsi qualche domanda su relazione fra riferimenti inerziali e misura del tempo. Anche l’idea di ciclo sarebbe tutta da tarare, il problema è che rapportato al micro della vita individuale, il macro si perde, e rapportato al suo macro, è il micro che non cogliamo: siamo discronici nati.
     
    la sola clessidra che conta è quella che se ne sta presso il creatore, fra l’altro, del tempo, ma a noi non ne è dato accesso, solo qualche fotografia, o sarebbe meglio dire qualche pennellata qua e la in giro per le rivelazioni profetiche, chi vuole sghignazzi pure.
    Da questo punto di vista, dal momento che da quel fazzoletto di terra fra i due mari deve sempre passare il meglio ed il peggio della storia, giusto per mettere giù due eventi fra gli altri, direi che alcuni dei prossimi movimenti di lancetta dovranno essere (non è dato capire né sequenza né era) l’edificazione in Gerusalemme del terzo tempio (o quarto, dipende dal punto di vista sull’ampliamento distruttivo di Erode il Grande), la polarizzazione dei poteri dell’occidente intorno ad un’area pseudo-giudeocristiana (USA? EU?) a forte connotazione religiosa (spiacente per Hiei) di stampo anticristico apostatizzante, di quelli di un’altra area (il Nord) intorno a Mosca, e della terza a Est (chissà, India e Cina si consocieranno con scorno americano? mah!), capace questa del più grande esercito del globo in termini numerici. Pare che i tre poli vorranno fare i conti prima o poi proprio sul famoso suolo martoriato, non fossero sufficienti i casini già colà in corso…
    Quando? Eccheccacchio ne so? Però se sentite che arrivano fondi Unesco a Gerusalemme ed è stato identificato il sito per il prossimo sancta sanctorum ebraico siete messi in avviso nè?

  • max

    Ho letto gli articoli segnalati da m. e da Santa , che ho trovato molto interessanti veramente , però ho avuto la sensazione che non si discostassero più di tanto da quel che sospetto, e cioè che la massima preoccupazione di questi potenti, guru, politici e miliardari arruffoni vari sia di fermare se non addirittura invertire la tendenza dei popoli a moltiplicarsi come cavallette.
    Quando studiavo alle elementari ricordo che la popolazione italiana negli anni settanta era accreditata secondo censimento intorno ai 57 milioni mentre l’Iran e l’Egitto erano molto al di sotto. Adesso questi ultimi schioppano intorno agli ottanta milioni e sono costretti a morire di fame o ad emigrare. La Cina e L’India sono diventate qualcosa di assurdo per come si sono moltiplicate senza ritegno. Ci sarà forse terra e possibilità di sfruttamento della stessa per tutti ,ci mancherebbe ,ma perchè non lo fanno a casa loro che sono paesi immensi ? Perchè vengono tutti in occidente ? Al mercato quando vedo l’immigrato con la moglie con la pancia un pupo in braccio, uno nella carrozzina e tre che sgambettano appresso rimango basito !
    E di immigrati così ce ne sono tanti !  Ma l’Italia e tutto l’occidente europeo non sono al collasso economico ? Se non sbaglio in Grecia si chiede l’elemosina per strada e i barconi di Immigrati vengono respinti in malo modo . A Roma c’è un Africano a chiedere l’elemosina davanti ad ogni bar e mercato. E altri loro confratelli ti inseguono al parcheggio per venderti pedalini o portarti la busta della spesa in cambio di mezzo euro. Gli indiani ciondolano invece  davanti ai mercati tentando di vendere saccchettini di plastica con tre teste di aglio a un euro.
    Secondo le ultime stime ci sono almeno sei milioni di extracomunitari nel nostro paese che pesano sull’economia ma non mi venite a dire che fanno i lavori che pesano agli italiani perchè è un falso clamoroso. Tranne poche migliaia ri romeni che fanno lavori effettivamente pesanti gli altri , lo vedo con i miei occhi tutti i giorni, sciamano per strada senza avere alcun chè da fare. Comunque il figliolo di una signora rumena  bravissima che conosco da anni trasporta mobili per una notissima ditta di figli di puttana per 50 euro per 12 ( dodici !!!) ore di lavoro e senza un cazzo di contratto ! Chi ci va a lavorare al posto suo ? Qualche italiano laureato ? O come al solito vale la solita favola dei padroni sfruttatori ed evasori ! Chi scende in piazza a fare la rivoluzione ? I figli di papà che fanno finta di fare i black block eppoi se la spassano a spese dei genitori ? o i tifosi delle partite di calcio che fanno casino per un gol e poi si ammazzano tra di loro ? Comunque ‘sti guru della politica nostrana intanto stanno facendo ridurre gli italiani per fame , poi pian piano si passerà anche agli altri ! Ma ho la sensazione che quando gli italiani saranno morti tutti o fuggiti via ci saranno qualche duecento milioni di cinesi ben lieti di prenderne il posto facendo a botte con gli arabi e gli indù che già si erano stanziati , quanto ci scommettete ? Ancora un po’ di cura Monti con il servo Bersani alla prossima legislatura a febbraio- marzi 2013 eppoi vedremo i risultati, sono curiosissimo !!! Fra ,ripeto , una venticinquina di anni qui in italia si parlerà pechinese e bengalese con qualche punta di arabo e numerosi dialetti africani. Ci divertiremo , anzi si divertiranno i nostri epigoni !

    • Hiei

      “la massima preoccupazione di questi potenti, guru, politici e miliardari arruffoni vari sia di fermare se non addirittura invertire la tendenza dei popoli a moltiplicarsi come cavallette.”
       
      Non avrebbero capito un cazzo evidemente, dato che se guardi, la gente non di riproduce “come cavallette” dove c’è benessere ma dove c’è miseria e sottosviluppo quindi non farebbero certo un buon affare a ridurre in miseria la gente come stanno facendo.
       
      Ah, beh, certo poi magari salta fuori che “l’umanità non è capace di controllarsi da sola quindi dobbiamo installare la dittatura mondiale per salvare il pianeta”…
       
      “Fra ,ripeto , una venticinquina di anni qui in italia si parlerà pechinese e bengalese con qualche punta di arabo e numerosi dialetti africani.”
       
      Come programmato dall’ONU negli anni ’80.
      Tranquillo: è per salvare il pianeta quindi tutto regolare. Ma la supremazia della razza bianca bianca non farà niente al riguardo? :’D
       
      A proposito:
       
      http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=54925
       
      Dedicato a chi si beve le favole dello spacciatore di fuffa sotto casa sua che gli racconta che i cinesi pensano che la razzia bianca sia la razza padrona perchè c’ha il papa. Che non ne azzecca mai una…
       
      https://i.chzbgr.com/maxW500/6880771584/hEECB3910/
       
      :’D

  • max

    Pensa che imbecilli invece i nostri guru-politici masson-montian-europeisti : stanno  facendo di tutto per ridurre in miseria proprio i popoli occidentali per farne schiavi dell’europa unita finchè non si estinguono per fame e miseria, dopo di che le masse cino-indo-africane si possono prendere l’Europa e potranno farne quelche vogliono. Ma tanto già ci siamo ! I primi risultati sono visibili sotto gli occhi di tutti ! I guru che ci governano ,fateci caso, hanno un’età media sui settanta – ottanta anni come Monti e Napolitano , sono imbottiti di soldi rubati al cittadino e la loro vita volge tristemente alla fine . E con tutti quei soldi che ci hanno fregato ci imbottiranno le loro casse da morto . Quindi invidiosi e biliosi delle nuove giovani generazioni che avrebbero avuto un buon futuro stanno facendo di tutto per impoverirle togliendo loro lavoro e facendole crescere nell’ignoranza e senza certezze . Molti altri ancora si suicideranno per disperazione spianando la strada agli infami cinesi che senza pietà nè religione trasformeranno l’Italia e l’Europa in un immenso laogai. Sapete cosa pensano questi massoni europei ricchissimi ma ormai decrepiti e con un piede nella fossa ? : muoia Sansone con tutti i Filistei !  Marchionne e gli inutili Elkann sarebbero il futuro ? Montezemolo coi suoi trenini ? Padoa Schioppa ? Bersani rappresenta il futuro ?  Ma no il futuro saranno gli islamici con la sharia. Le masse di zingari che affollano le nostre città. I cinesini che come formiche cuciono pantaloni a Prato sotto terra per 18 ore al giorno per cinque euro . Gli africani che spacciano droga a Padova . L’invincibile camorra che impera sovrana a Napoli o la mafia che la fà da padrone ovunque paralizzando l’economia.  Và tutto bene madama la marchesa!!!

  • Doulos

    a proposito:

    http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=213277:ecco-come-monti-ci-portera-via-gli-ultimi-soldi&catid=83:free&Itemid=100021

    buon 25/12 alias Natale a tutti, e auguri per il 2013 in arrivo, ce ne è bisogno: vi rileggo con piacere dopo l’epifania, Dio volendo – o in mezzo se trovo un access point.

  • Hiei

    Senti un po’ qua:
     
    “”I’ve just been told that the children may be the intended victims for the Satanic ceremonies at the Navarre museum in Denver today. Here’s an article on this:” Children possibly shipped to Denver
     
    Vien da fare la battuta alla Fantozzi: “ma che c’è il centro di raccolta a Denver?”.
    Vabbè, allora buona festa del dio Mitra (per restare in argomento)!
     

     
    Ok, mettiamoci anche qualcosa di tuo gusto…
     

     
    Stucchevole, ma la parte in cui l’umanità si estingue in modo idiota è divertente… :’D

  • Santa, ti ricordi per caso il titolo di quel quadro bellissimo che rappresentava la carità, una regina con tutti i piccoli ai suoi piedi….aiutami a trovare quell’immagine ti prego, era talmente carismatica!

    ciao, un abbraccio forte!
    carla 

  • tristantzara

    Tra tutte le misure effettuate dal governo in carica santa, la più inquietante per me è la licenza di aprire sale giochi appresso le scuole (a mt. 200 minimo), nel significato che è in linea con quanto tu postasti tempo fa (e qui ripetuto in un commento) che per il fine di caratterizzare un’era si inizia prima a malleare i pensieri creando un’etat d’esprit, lo spirito del tempo. E non c’è distanza che tenga tra l’altro verrebbe da dire…..no ? pure l’apertura domenicale dei malls non è male, molto anti-cristiano tra l’altro. Ciao e auguri ma l’atmosfera natalizia non è più quella nostra da bambini, inutile girarci attorno :-((  

  • l’ho trovata, grazie carlo!
    e pensare che ero stata proprio io a portartela…:-)
    un saluto a tutti e tanti auguri! 

  • Mikhail Alexandrevic

    Credo però ci sia una differenza sostanziale tra mutamenti naturali legati alla nostra fragile e umana condizione, all’altrettanto fragile mondo materiale e cambiamenti pianificati a tavolino da applicare a suon di guerre e indottrinamento globale.
    Ammesso che anche il “21/12/2012” non appartenga a qualche strategia. Chissà quanta gente ora pensa che l’unica verità sia quella della Dea Scienza Ufficiale (con annesse politica ed economia).

  • anonino

    Fuori tema: Ma che fine ha fatto STAMPA LIBERA?

    • Antonio73

      In rete non si trova nulla a proposito, ed anche su altri siti non mi sembra se ne faccia cenno…mistero

      • Hiei

        In rete non si trova più praticamente niente che valga la pena di leggere, la rete è nata come strumento di controllo e l’illusione della “libertà” o della “verità” – piuttosto ingenua – serviva come esca per far abboccare il popolino.
         
        Adesso la trappola si chiude, ogni contenuto viene filtrato – che non è particolarmente difficile, nella maggior parte dei casi sono algoritmi e bot a fare il lavoro in automatico – e resta solo l’informazione di regime o la carrettata di fantocci della finta “controinformazione”, blogger di regime, dementi assortiti che quelli fanno comodo, giornalisti da riporto riciclati…

  • Ciao Carla

    vedo che nel frattempo l’hai trovato :-)
    era “la carità” di Bouguereau, quadro bellissimo..

    ______________________

    Ciao Tristan

    ma l’atmosfera natalizia non è più quella nostra da bambini

    e in più, noi eravamo ancora bambini, appunto, quindi vedevamo solo ciò che lucciacava..

    _____________________

    Che forza il discorso dell’ex ministro cinese: se non si tratta di bufala direi che è roba forte..

     

  • Grazie Santa, ho fatto un pò fatica ma alla fine…
    di William ne ho scelte ben tre, di opere meravigliose!
    a presto 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>