Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
5 febbraio 2009

Il Regno Unito sfiora il collasso

Le banche sono fottute, noi siamo fottuti, il Paese è fottuto
Un ministro del Gabinetto inglese.


Una decina di giorni fa i principali giornali inglesi riportavano voci sulla pesante situazione economica del Regno Unito.
Persino il celebre aplomb britannico veniva meno nel prendere atto della drammatica condizione delle finanze inglesi, letteralmente sull’orlo della bancarotta.
Non a caso, più di ogni altra nazione europea l’Inghilterra nei decenni passati ha puntato tutto sull’economia virtuale, de-industrializzando il proprio territorio e specializzandosi nella gestione di enormi capitali eterei.
Capitali in gran parte svaniti durante la tempesta della crisi economica internazionale.
Si scopre ora, grazie alle rivelazioni del ministro Paul Myners, che lo scorso 10 Ottobre il sistema economico inglese ha sfiorato il collasso.

Il ministero del Tesoro stava preparando l’ordine di chiusura degli sportelli bancari, lo stop alle transazioni elettroniche ed il blocco totale dei bancomat.
Il primo ministro Gordon Brown stava per apparire in tv a reti unificate per annunciare che l’intero sistema finanziario inglese sarebbe stato nazionalizzato.

Transazioni elettroniche bloccate, bancomat chiusi, uno scenario che a quanto pare è stato evitato per sole tre ore, grazie ad accordi non meglio precisati fatti dal governo inglese non si sa esattamente con chi.

Sempre il ministro ci ha informati che la causa è stata una “segreta corsa agli sportelli”, con protagonisti, si badi bene, “importanti titolari di deposito” che hanno ritirato i loro depositi in massa.
Ricordiamo che la corsa agli sportelli è la fine di una banca.
Si salvano solo i primi che riescono a ritirare i pochi liquidi rimasti. Tutti gli altri restano con un pugno di mosche, con la possibilità di riavere – forse – i propri risparmi “garantiti” quando il governo lo concederà.
E così, mentre la maggior parte dei cittadini ignari rischiavano di restare senza contanti, alcuni enormi investitori si affrettavano a stipare i loro quattrini sulle scialuppe di salvataggio e mettersi in salvo, accelerando ancor di più il disastro e lasciando di fatto in condizioni disastrate i piccoli risparmiatori.
Con tanto di probabili disordini di piazza e ragionevolmente coprifuoco

Con  l’intero sistema economico mondiale gravemente compromesso, basta un movimento brusco o un colpo di vento per far crollare l’intera impalcatura, con esiti facilmente prevedibili.

si veda : Corsa agli sportelli, tre ore all’apocalisse finanziaria

38 comments to Il Regno Unito sfiora il collasso

  • anonimo

    Proprio in questi giorni, alla notizia passata quasi sotto silenzio che il Regno Unito si starebbe apprestando ad entrare di soppiatto nell’euro, mi chiedevo come fosse possibile una cosa simile senza un reale cenno di imminenza di cedimento.

    Ora ho capito.

  • anonimo

    Prima o poi dovrò farmi un blog su splinder per evitare di continuare a postare senza firmarmi.

    Fabiano

  • Infettato

    Fabiano è la prima cosa che ho pensato quando la notizia è uscita.

    Se ricordo bene, credo sul blog di Pax, avevo letto che il governo si prestava ad approvare una legge che consentiva la banca centrale di non pubblicare i bilanci, in pratica facilitazioni per la stampa del denaro con conseguente iperinflazione.

    A questo punto lo scenario politico-economico diventa prioritario, la richiesta di entrare nell’euro non è ben vista da tutti i politici europei, (hanno scelto il momento più conveniente per loro) e se è vero che la sterlina è finita, l’entrata di Londra nell’euro, potrebbe trascinare giù tutti i paesi più a rischio.

    Vedremo quale sarà l’accordo segreto, comunque vada tra poco la bce taglierà i tassi…ho paura che la crisi, quella vera, è iniziata solo ora…

    Roberto

  • Santaruina

    Già, l’entrata nell’Euro vorrebbe essere un ultimo tentativo di salvataggio.

    Ma pare ormai un po’ tardivo, se non inutile.

  • anonimo

    il terrorismo finanziario prende sempre più le sembianze degli altri nemici degli stati. Ogni giorno che passa (lavoro in inghilterra) mi accorgo che è l’identica cosa successa dopo l’11 settembre. Le notizie imminente del collasso vengono dalle voci e dai media ufficiali. Dicono: “è una minaccia (creata da noi) e dobbiamo combatterla”. Ma la minaccia è finta, e l’ortodossia si guarda bene dal parlare degli interventi dello stato nell’economia, il vero problema.

    Le notizie della catastrofe finanziaria sono come le notizie che bin laden sta per attaccarci. E’ la creazione dello stato permanente di terrore per i soliti fini. Dietro si sta muovendo qualcosa che porterà a dei cambiamenti. Tali cambiamenti hanno bisogno dell’appoggio popolare. Ad esempio, la royal bank of scotland è stata già nazionalizzata (70%) e nessuna voce si è sollevata. Nel frattempo politici e giornali vari continuano a riportare le voci di un imminente collasso in attesa di salvare gli altri amici.

    E’ uno scenario già visto dove gli ultimi ad essere credibili sono i giornali, le televisioni e tutto l’apparato burocratico-politico. Se questa recessione venisse lasciate senza interferenza statale sarebbe un toccasana ma, a quant pare, viene pilotata per accentrare sempre di più il potere in poche mani.

    vincenzo

  • Santaruina

    Ciao Vincenzo

    penso che non sia da escludere quanto sostieni.

    Forse hanno davvero dato il via all’operazione “ok, panico”, necessaria per far accettare alla popolazione misure drastiche.

    Ed in effetti il fatto che queste notizie trapelino, il fatto che un ministro del gabinetto dica chiaro e tondo “il paese è fottuto”, non può non apparire strano..

    Resta il fatto che l’economia britannica è davvero sull’orlo del collasso, come tutte le altre economie mondiali.

    Bisognerebbe conoscere fino a che punto le elite possono gestire queste situazioni, ovvero allontanare od avvicinare il momento del crack.

    A presto

  • messier

    “Bisognerebbe conoscere fino a che punto le elite possono gestire queste situazioni, ovvero allontanare od avvicinare il momento del crack”. Credo davvero che sia questa, la domanda da 100 milioni di… (ops).

  • anonimo

    Concordo con quanto dice Vincenzo.

    E penso che sotto questa faccenda ci sia qualcosa di molto grosso.

    Accentrare il potere economico e finanziario nelle mani di pochi, concretamente e “visibilmente”, mi sembra un passo decisivo verso quel nuovo ordine mondiale che ormai sentiamo ripetere sempre più spesso da politici, analisti e giornalisti vari (tutti tessera Bilderberg o simile suppongo..)

    Potere economico -> potere politico -> potere militare

    Accentrare questi poteri in poche mani, per di più con il consenso delle popolazioni, è davvero l’impresa più sublime che Tavistok e compagnia gongolante abbiano potuto ideare.

    Tanto Huxley, oltre che una buona dose di Orwell per quei pochi che dicono “no”..

    _gaia_

    che da un po’ di tempo si ricorda di firmare e quindi si sente di poter incitare Fabiano a non disperare: che se c’è riuscita lei, c’è speranza per tutti :-D

  • anonimo

    Non è neanche da sottovalutare l’ipotesi che per creare un pò di panico, con effetto diversivo, ci si

    lasci scappare di mano un “virus”,

    un classico di questi ultimi trent’anni

    quando si tratta di perseguire determinate strategie globali.

    Sono pronto a scommettere.

    Ovviamente, vista la situazione, accetto tutto tranne soldi.

    Pyter

  • DellaRocca

    Il capitalismo è una cosa misteriosa e molto pericolosa…

    Giulio

  • anonimo

    Leggo proprio adesso che “La Banca d’Inghilterra ha portato il costo del denaro all’1%, il livello più basso dalla sua nascita nel 1694”

    Fabiano

  • Santaruina

    Messier

    100 milioni di amero?

    _________

    _gaia_

    sei ritornata più complottista che mai :-)

    _________

    Pyter, io ero pronto a scommette i 100 milioni di amero di messier..

    __________

    Ciao Giulio

    quello che ci troviamo di fronte è qualcosa che col capitalismo ha pochi punti in comune.

    Questa situazione è frutto di innumerevoli operazioni compiute dai vari governi e dagli “organismi” preposti alla “gestione” delle materie economiche.

    Il cui primo sbaglio è proprio quello di esistere.

    A presto

    ________________

    Fabiano, si ripropone la domanda di prima.

    Sono una manica di incompetenti disperati che ci stanno portando alla rovina, oppure sono una manica di furbastri senza scrupoli, che ci stanno portando alla rovina?

  • anonimo

    Continuiamo qui. Non credo che abbiano la situazione sotto controllo e non credo che i media lascino trapelare notizie di questo genere se non con un preciso scopo.

    Il problema è lo stato, il problema sono le banche centrali.

    La situazione è [i]proprio[/i] sotto controllo, l’incertezza che stanno creando volontariamente è la vera forma di terrorismo.

    Nonostante il taglio di interessi la sterlina è riuscita a guadagnare, nell’ultimo mese, 10 centesimi ogni euro (da 1,02 a 1,14 oggi ancora non chiuso). Potrebbe essereci una speculazione in atto, ma potrebbe esserci uno scontro tra forze europeiste e forze nazionaliste.

    La situazione nel regno unito è più complicata di quanto si possa credere. Questo caos è stato voluto e organizzato, e sono gli organizzatori ad avere tutto sotto controllo, non gente come brown o obama. Questi sono confusi e recitano la loro parte e leggno i discorsi che gli vengono scritti.

    L’unico modo per mandare a collasso il regno unito e far scoppiare una guerra europea. Ma secondo me il vero collasso è già avvenuto ed il nuovo ordine è già in atto, solo che si fa fatica a scorgerlo. Le banche sono tutte in bancarotta e quindi sono state nazionalizzate. Lo ripeto perché mi sembra la cosa più importante e che rispecchia per bene il momento storico. Qualche anno addietro si sarebbe gridato “comunisti”, oggi il sistema bancario inglese è stato nazionalizzato e nessuno ha sollevato nessuna critica.

    Non è ancora finita, ma il primo e importante obiettivo è stato raggiunto. Qui la gente continua a vivere ed ad andare in vacanza e a spendere. La cosa più scandalosa, irritante o immorale o umiliante o pessimistica è che tutto è avvenuto e sta avvenendo ma tutto continua a fare il suo corso come se nulla fosse o stesse accadendo.

    vincenzo

  • Santaruina

    Lo scenario più plausibile è proprio questo, infatti.

    Un programma ben delineato da centri di potere superiori, ed un gruppo di “rappresentanti” del popolo che lo attuano, a volte senza ben capire quello che accade, e magari credendo pure di tentare di migliorare la situazione.

    E mentre in piazza c’è trambusto, nei salotti le cose mutano radicalmente, quasi in silenzio.

    Sarebbe davvero un piano ben congegnato, usando la più antica tecnica degli illusionisti e dei truffatori: mentre si viene distratti da qualcosa di secondario, di nascosto si compie l’azione principale.

  • Spennacchiotto

    .. In effetti Felice Capretta non mi sembra tanto felice di questi tempi….

  • anonimo

    si, un piano del genere, ma non possiamo saperlo. Ma vorrei porre l’attenzione, se permetti, ancora su una cosa. Prendi l’articolo segnalato da felice sul dailymail, che è considerato un tabloid, uno di quei giornali che parlano di gossip e che da giorni la mena con la storia della neve e bla bla bla. Quell’articolo si potrebbe leggere come:”quel giorno che bin laden era a tre ore dal bombardare westminster”. L’articolo inoltre nasconde il fatto che una nazionalizzazione seppur abbondantemente parziale è avvenuta ma dice che c’è stato l’intervento dello stato. Un grande esercizio di bispensiero…

    Il nemico è altrove e bisogna cercare di mantenere la mente lucida e non cadere nei trappoloni.

  • Santaruina

    Felice riesce ad affrontare anche gli argomenti più complessi sempre col sorriso sulle labbra :-)

    _________

    Vincenzo

    comprendo bene quello che dici.

    L’unica aggiunta al tuo esempio, è che nel nostro caso è un ministro che fa questa “rivelazione”, in prima persona.

    Una cosa che mi chiedo, è se queste “rivelazioni” sono state riprese anche dai media inglesi maggiormente seguiti.

    La notizia infatti, sia che il ministro dica il vero o che menta, è davvero una notizia bomba, una notizia che se diffusa in maniera “adeguata” dai media potrebbe davvero spargere un panico incontrollato.

    Quando arrivavano i video di Bin Laden, i telegiornali la davano come prima notizia, ma la gente ormai sbadigliava.

    Immaginiamo se i telegiornali inglesi avessero aperto con la notizia “il 10 ottobre il sistema finanziario inglese stava per collassare e il ministro del tesoro aveva predisposto il blocco dell’emissione dai bancomat”.

    Sarebbe stato davvero il panico incontrollato.

    Se la volontà del ministro era quella di spargere preoccupazione, avrebbe scelto una rivelazione meno shockante.

    Questa notizia infatti se diffusa non diffonderebbe incertezza, ma scatenerebbe direttamente un panico incontrollato.

    E’ questo che non torna.

    Forse voleva mandare qualche messaggio, chissà.

    A presto

  • anonimo

    si, ci stavo pensando pure io. Sfortunatamente non seguo tv e telegiornali e quindi non te lo so dire.

    Non credo sia apertura di prima pagina, la notizia in questione, ma tutti i giornali che vedo in giro in albergo danno in prima pagina la crisi finanziaria un giorno si ed uno no.

    Una notizia che fu riportata e che ricordo fu una giornata di corsa all’oro che si ebbe a londra credo verso ottobre.

    Gli stessi discorsi di brown sono pieni di shock e terrore. Guardando in giro non mi sembra che si sia raggiunto il livello di paura che costoro cercano, ma ci stanno lavorando bene.

    Ritornando alla notizia. Il compito dei media non è diffondere quel tipo di panico, ma creare uno stato di terrore permanente. Ancora, se volessero creare quel panico ci metterebbero pochi secondi, perché non lo fanno, perché dilazionano e dosano tali notizie? Perché un giorno l’economia va a collasso, un giorno l’intervento del governo aiuterà l’economia ma non troppo quindi ne serve altro? Perché non passano una tale notizia ed ottenere l’ordo ab chao? Secondo me le manovre sono diverse dal passato, oggi non possono permettersi (beneficio del dubbio) di creare un’ondata di panico e per risolvere i problemi che loro creano fanno pagare le persone che onestamente lavorano. Detto altrimenti, per sollevare le sorti di un’economia senza senso milioni di persone lavorono e coattivamente finanziano.

    Il primo problema è la manipolazione della realtà che fanno i media e svolgono un lavoro egregio a quanto pare.

    Il secondo è che i settori produttivi che esistono ancora vengono penalizzati per salvare i settori improduttivi.

    Il terzo è che il sistema bancario internazionale è insolvente e non vedo come possa continuare su questa strada.

    Sono curioso di aspettere la prossima mossa e come usciranno da questa merda, ma ha pagare sappiamo già chi sarà.

  • Santaruina

    E’ questo il punto, un panico incontrollato non conviene.

    Quello che si deve raggiungere è una preoccupazione costante e diffusa, tenuta in qualche modo sotto controllo, e che faccia accettare alla gente i provvedimenti che i governi prenderanno “per il bene del paese”.

    Provvedimenti che a quel punto appaiono “inevitabili”.

  • gigipaso

    ” vi ricordate di Blair il premier ? ….. gia dimenticato…. ho fatto una piccola indagine… sapete che la maggior parte della gente a cui ho chiesto ” chi è il capo di stato inglese” non mi ha saputo rispondere …. per non parlare di quello Russo….! che vorrà dire ?

  • anonimo

    la situazione attuale della Gran Bretagna mi fa venire in mente la previsione di Icke sul fatto che gli inglesi prima o poi sarebbero entrati nell’area euro ma solamente dopo una grave crisi economica interna, perchè il popolo inglese di per se indipendente e fiero della propria unicità (ad un livello molto più forte dei francesi), non avrebbe mai accettato senza avere un ruolo leader e di comando, di entrare in un’organizzazione dove decisioni importanti vengono scelte insieme ad altre nazioni o da un’ente sovranazionale.

    Problema (crisi economica) reazione (panico della gente che chiede che sia fatto qualcosa), soluzione (Gran Bretagna nell’euro). Forse Icke aveva ragione.

  • Santaruina

    Ciao Gigi

    a Blair volevano addirittura affidare il ruolo di Presidente dell’Unione Europea permanente…

    Quale premio per i servigi resi..

    __________

    Icke sulla questione Inghilterra aveva visto giusto.

    Lo scopo finale dovrebbe essere la costituzione di megaorganismi sovranazionali in cui le singole autorità nazionali non hanno più poteri, e per far accettare all’Inghilterra, così come le altre nazioni, l’entrata in tali organismi occorrevano delle crisi profonde.

  • enzas

    La crisi economica inglese era prevedibile…ostinati a tenersi la sterlina e snobbando l’euro non poteva che finire così ( e quando penso all’euro penso alla Germania che zitta zitta ha inglobato uno stato e va avanti lo stesso).

    Forse a loro basterebbe incassare tutti i soldi che hanno prestato alla Regione Siciliana per riprendersi, e a noi? ;)

    Cosciente che dietro ci stanno ben altri misteri…Ti abbraccio

  • Santaruina

    Forse a loro basterebbe incassare tutti i soldi che hanno prestato alla Regione Siciliana per riprendersi

    anche se non sarà proprio facile recuperarli :-)

    A presto

  • messier

    beh gigi il capo DI STATO inglese, secondo le ultime informazioni, dovrebbe essere un r e t t i l e

  • qualquna

    cosi anche la regina deve fare economia :-)

    Buon fine settimana!

  • enzas

    Recuperarli non è per niente facile, dovranno mettersi in coda perchè non sono stati gli unici e dovranno accontentarsi di quel resta dei beni culturali dell’isola. Ammesso che qualcosa sia rimasta.

    Ciao Carlo, a presto

  • Santaruina

    il capo DI STATO inglese, secondo le ultime informazioni, dovrebbe essere un r e t t i l e

    Ne abbiamo anche una bella foto, qui.

    _____________

    qualquna, sicuramente non soffrirà la fame :-)

    ____________

    Enza, tanto nello scenario che si prospetta, in cui tutti devono a tutti, trovare i creditori non sarà immediato…

    A presto

  • Santaruina

    il capo DI STATO inglese, secondo le ultime informazioni, dovrebbe essere un r e t t i l e

    Ne abbiamo anche una bella foto, qui.

    _____________

    qualquna, sicuramente non soffrirà la fame :-)

    ____________

    Enza, tanto nello scenario che si prospetta, in cui tutti devono a tutti, trovare i creditori non sarà immediato…

    A presto

  • Santaruina

    il capo DI STATO inglese, secondo le ultime informazioni, dovrebbe essere un r e t t i l e

    Ne abbiamo anche una bella foto, qui.

    _____________

    qualquna, sicuramente non soffrirà la fame :-)

    ____________

    Enza, tanto nello scenario che si prospetta, in cui tutti devono a tutti, trovare i creditori non sarà immediato…

    A presto

  • Santaruina

    il capo DI STATO inglese, secondo le ultime informazioni, dovrebbe essere un r e t t i l e

    Ne abbiamo anche una bella foto, qui.

    _____________

    qualquna, sicuramente non soffrirà la fame :-)

    ____________

    Enza, tanto nello scenario che si prospetta, in cui tutti devono a tutti, trovare i creditori non sarà immediato…

    A presto

  • Santaruina

    il capo DI STATO inglese, secondo le ultime informazioni, dovrebbe essere un r e t t i l e

    Ne abbiamo anche una bella foto, qui.

    _____________

    qualquna, sicuramente non soffrirà la fame :-)

    ____________

    Enza, tanto nello scenario che si prospetta, in cui tutti devono a tutti, trovare i creditori non sarà immediato…

    A presto

  • tristantzara

    Cacchio ! allora i sex pistols sono stai i più bravi quando nel 1977 cantavano there’s no future for you.Cacchio che bomba atomica termoncleare.ciao

  • Santaruina

    L’hanno azzeccata, più o meno :-)

  • gigipaso

    ciao Carlo ….. (riferito al tuo comm. #22) vero , non me lo ricordavo più …. vuoi vedere che questa amnesia ha colpito pure mè e non me ne sono accorto ? ciao Messier (riferito al tuo comm#25) vedo che tu non hai bisogno di occhiali per vederci chiaro…. fraterno abbraccio …. gg..p

  • toporififi

    Viene in mente la famosa scena di Mary Poppins, quando per due piccoli e semplici penny la banca rischia il fallimento…

  • Santaruina

    Per fortuna si trattava solo di un film.

    La realtà è tutta un’altra cosa…

  • Anonimo

    – England – Arbitration Act (sharia…)
    http://www.ilsussidiario.net/News/Societa/2008/9/16/Parsi-Sharia-in-Inghilterra-e-razzismo-in-Italia-che-succede-al-processo-di-integrazione-/5404/
    http://www.rassegnastampa-totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4897
    – England – Equality Act (idiozia)
    Cristiani messi al bando e “rieducati” alla tolleranza,
    cattolici arrestati perché diffondono idee “minacciose” .
    È l’ultimo scorcio dell’era Blair, dove il relativismo è un
    dogma…
    http://www.fattisentire.org/modules.php?name=News&file=print&sid=2523
    ..decisamente un “faro di civiltà”.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>