Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
3 settembre 2007

Il Serpente Piumato

Quetzalcoatl, il dio serpente, signore della creazione, del sapere e del vento, era il re della città degli dèi.
Era totalmente puro, innocente e buono. Nessun compito era troppo umile per lui. Spazzava persino i sentieri degli dèi della pioggia, così che essi potessero venire a portare acqua alla terra.
L’astuto fratello di Quetzalcoatl, Tezcatlipoca, il dio dei guerrieri, del cielo notturno e del fulmine, era infuriato per la sua assoluta bontà.
Così decise, con alcuni amici, di fargli un brutto scherzo, trasformandolo in un furfante in cerca di piaceri. “ Gli daremo un volto ed un corpo umani !” sogghignò.
Mostrarono a Quetzalcoatl il suo nuovo aspetto umano in uno specchio fumoso.
Appena Quetzalcoatl vide il suo nuovo volto, si sentì posseduto da tutti i desideri materiali che affliggono il genere umano.
Allora Quetzalcoatl gridò inorridito “ Non sono più adatto ad essere un re! Non posso comparire davanti al mio popolo in questo modo! ”
Il dio chiamò a sè Xolotl, il coyote. Questi era legato a Quetzalcoatl come fosse la sua stessa ombra, gli fece un manto di piume verdi, rosse e bianche prese dall’uccello quetzal.
Gli fece anche una maschera di turchesi, una parrucca e una barba di piume blu e rosse. Poi gli dipinse le labbra di rosso, colorò la fronte di giallo e fece in modo che i suoi denti sembrassero quelli di un serpente.
Quetzalcoatl assunse così le sembianze del leggendario serpente piumato.
Leggenda azteca

Il serpente dotato di piume, o di ali, è una figura simbolica comune a diverse culture, una figura che integra in sé le due opposte aspirazioni dell’animo umano.
Nella racconto sufi “Il Serpente e il Pavone” i due animali evocavano rispettivamente gli impulsi terreni che trattengono l’uomo ancorato nella realtà materiale e l’aspirazione al ricongiungimento con il mondo celeste.
Aspetti che divengono negativi quando si assolutizzano.
Così una esistenza esclusivamente materiale implica la decadenza dell’essere umano, e la sua “caduta” nel regno animale, mentre un’aspirazione al celestiale dimentica delle origini “terrene” fa perdere il contatto con la realtà, come insegna il mito di Icaro.
La figura del serpente piumato unisce in sé entrambe queste due qualità, in una armonia perfetta e difficile da raggiungere.
Il serpente che acquisisce piume, o ali, rappresenta l’essenza terrena dell’uomo che prende coscienza di sé, e senza rinnegare se stessa conquista la capacità di elevarsi oltre la sua condizione materiale, senza per questo dimenticare le sue origini e il suo percorso.

 

5 comments to Il Serpente Piumato

  • PaulTemplar

    Molto bene.

    Non sapevo assolutamente delle origini del mito del serpente piumato.

    Per altri Queatzcoatl era un uomo dalla pelle bianca,con una gran barba,e insegnò ai Maya,agli Incas e agli aztechi a scrivere,a coltivare i campi.

    Come Kukulcan,suo eponimo.

    Ciao

    Paul

    ps:è sempre un piacere,leggerti

  • Airel81

    Con piacere continuo a leggere queste tue pillole “mitologiche”. Ti consiglio, se non lo hai già letto (ma dubito), di avvicinarti alle “Cronache di Akakor” e alla figura del giornalista Karl Brugger (solo la sua misteriosa fine già è motivo di interesse).

    Buone ricerche.

    Un caro saluto mattutino ;)

  • Sahira

    Sempre interessante leggerti :)

    Un saluto

  • Santaruina

    Ciao Paul, i miti spesso si intrecciano.

    Penso che questo in particolare sia antecedente al Queatzcoatl bianco e barbuto che porta la civiltà; grazie per le tue parole gentili.

    Airel, grazie per la segnalazione, il libro in questione non l’ho letto.

    A presto :-)

    Sahira, sai bene che l’interesse è reciproco. :-)

    Blessed be

  • dantem

    Preferisco sempre le piume del volatile alle piume/squame del serpente ;-)

    Forse il mito del “serpente” ricalca un po’ il mito della Dea Madre. Ad un certo punto il simbolo delle onde dell’acqua (fertilità-creatività) venne sostituito da quello del serpente, come alla Dea Madre si sostituì il Dio Padre, maschio e guerrafondaio, origine dei culti monoteistici, origine della violenza tra i popoli secondo Mircea Eliade.

    Solo una nota, frammenti di letture di qualche lustro addietro.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>