Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
31 marzo 2009

Imperi II

Non capita a tutte le generazioni di poter assistere alla fine di un impero.


Nella storia da noi conosciuta hanno fatto la loro comparsa due tipi di imperi.
Vi sono stati imperi che si sono imposti ed hanno prosperato per secoli, seppur a fasi alterne, come l’Impero Romano oppure quello Ottomano,  e ve ne sono stati altri che hanno avuto un rapido sviluppo ed una fine altrettanto veloce, come l’Impero di Alessandro il Macedone.
L’Impero Americano appartiene a quest’ultimo genere, e si appresta a concludersi pochi anni dopo aver raggiunto la sua massima espansione.
Al pari della dominazione spagnola del XVI secolo e di quella britannica dell’ottocento, l’egemonia americana ha interessato la quasi totalità del mondo conosciuto*,  con un predominio culturale indiscusso che andava a raggiungere anche quei luoghi che non erano toccati da una presenza militare diretta.
La sovranità economica, così come emerse dai trattati Bretton Woods che dopo la II Guerra Mondiale assegnarono al dollaro americano il ruolo di moneta di riferimento globale, completava il quadro della supremazia mondiale.

La storia quindi insegna che gli imperi si sgretolano per cause sia interne che esterne, ed il più delle volte ci si ritrova di fronte ad una concomitanza di questi eventi.
L’ Impero Romano d’Occidente, ad esempio, cadde innanzitutto a causa della impossibilità di gestire un territorio sempre più vasto da parte di una popolazione che andava sempre più disaffezionandosi alle questioni militari.
La corruzione, il clientelismo, lo stile di vita parassitario di molti dei cittadini dell’impero corrosero dall’interno la società romana, e le popolazioni barbariche non fecero altro che inserirsi dentro crepe sempre più vaste.
Similmente gli Stati Uniti, dopo la vittoria nella seconda Guerra Mondiale ed il loro emergere quale potenza di riferimento del mondo occidentale, basarono la loro egemonia sulla propria superiorità militare e tecnologica, e dopo la disgregazione dell’ Unione Sovietica parevano essere rimasti  l’unica superpotenza in grado di imporre la propria visione a tutto il globo.

Ma ancora una volta più delle pressioni esterne poterono le questioni interne, e l’american way of living si è dimostrato nel breve periodo insostenibile.
Con la differenza che questa volta la malattia dell’impero, ovvero un modello di sviluppo senza solide basi, fondato sul debito e su capitali fittizi, ha contagiato l’intero pianeta.
Così l’impero cadendo porterà con sé tutti i suoi vassalli e i suoi oppositori, tutti indirizzati verso  lo stesso destino.
Ci si troverà quindi di fronte ad uno scenario inedito: per la prima volta nel corso della storia non vi sarà alcun pretendente pronto a cogliere lo scettro dell’impero cadente; quello che emergerà sarà un ordine inedito,  mondiale e del tutto nuovo.
Nuovo nella forma, perlomeno.


*ci si riferisce ovviamente agli imperi nella loro forma esteriore, quella suscettibile di trattazione storica: capita a volte infatti che le strutture cambino forma, ma che restino invariati i grandi pianificatori.

15 comments to Imperi II

  • anonimo

    Che siano i Cinesi essere pronti a cogliere lo scettro?

  • anonimo

    Articolo eccellente.

    L’impero Americano crolla xchè troppo estremizzato in ogni sua espressione.

    Le auto americane, per esempio, sono 6000 di cilindrata, le case devono essere ville faraoniche come quelle di Beverly Hills, la finanza deve esagerare, prestiti enormi, debiti enormi, bilioni, trilioni ecc. tutto in america deve essere grande, il più grande.

    L’america è la massima espressione dell’egoismo umano. E’ l’IO imperante che detta le leggi. La solidarietà non esiste, lo stato sociale non esiste, questa è la filosofia anglosassone imperante che pone al centro di tutto l’IO.

    Tutto quello che esiste intorno a me è una proiezione di me stesso. Mentre Io sono vivo e so di esistere, non so se tu esisti o se sei solo la proiezione della mia mente. Non esiste nulla sopra di me, io sono dio.

    Seguire questa filosofia porta diretti agli stati uniti come sono oggi.

    La filosofia greca indica invece un tutto superiore all’io. Noi siamo parte di un tutto, il tutto esiste a prescindere da noi. Da qui nasce il concetto di società intesa come comunità di persone unite dallo stesso destino. Lo stato sociale diventa necessario per salvaguardare la società e lo stato stesso dalla disgregazione.

    Credo che questo sia il nocciolo del problema americano, solo una questione di punti di vista filosofici ispiratori.

    Questa non è farina del mio sacco ma proviene da un articolo di M.Blondet (quello vero non il falso) di qualche settimana fa. Spero di aver capito bene il senso e di averlo qui riportato correttamente.

    Saluti

    Faurio

  • gigipaso

    analisi molto lucida e convincente…..

    >

    credo che non ci sarà una guida che riempirà il vuoto di potere lasciato dagli USA a breve termine,ma tanti poteri legati alla politica americana, che prima faranno pulizia, (cambiamenti di rotta,caos,stabilizzazzione) nel loro interno, e poi se la storia non avrà insegnato nulla, ripeteranno gli stessi errori….sempre che non accada l’imponderabile profetizzato

    (NIBIRU)

    ….. ciao Carlo

  • gigipaso

    PS

    analisi molto lucida e convincente…..

    mi riferivo all’articolo di Carlo….

    condivido anche il comm di Faurio….a livello filosofico…. ciao

  • Santaruina

    Che siano i Cinesi essere pronti a cogliere lo scettro?

    I cinesi, al momento, sono del tutto dipendenti dal mercato occidentale.

    Hanno i mezzi di produzione, una industria ben organizzata su larghissima scala, una numerosa manodopera ma non hanno un mercato interno.

    Se l’occidente si ritrova nell’impossibilità di comprare le loro merci, si ritroveranno di colpo senza clienti.

    Ragion per cui la Cina ha continuato a sostenere l’economia americana da tempo in bancarotta.

    Ovviamente Questi aspetti sono ben noti anche alla intellighentja cinese, che non è composta da ingenui.

    Quindi qualche sorpresa dalla Cina potrebbe pur sempre arrivare.

    Ma questa sembra proprio la volta buona affinchè emerga finalmente un potere sovranazionale

    _____________

    Ciao Faurio

    in effetti gli abitanti degli stati uniti nel loro insieme hanno vissuto negli ultimi anni molto al di sopra delle loro possibilità, e questo non è sostenibile a lungo.

    Nello stesso modo la politica monetaria americana ha immesso nel sistema una grande quantità di liquidi, spalmando l’inflazione su tutto il globo, considerando che il dollaro è stato fino ad oggi la valuta necessaria per compiere le principali transizioni, e di conseguenza tutti gli stati erano costretti a procurarseli.

    Per tale motivo quando il dollaro perderà il suo valore tutte le nazioni ne risentiranno.

    Per quanto riguarda la questione dell’Io e della collettività, questa assume reale importanza solo quando nasce dal basso.

    Il concetto di collettività è stato trasfigurato negli ultimi secoli dai poteri centrali.

    Collettivismo ed individualismo, per dirla con Guénon, sono due facce della stessa medaglia che hanno caratterizzato il XX secolo, ed entrambe sono proprie della concezione moderna.

    A presto

    _____________

    ciao Gigi

    e chissà che forma avrà questo imponderabile :-)

    Blessed be

  • anonimo

    “quello che emergerà sarà un ordine inedito, mondiale e del tutto nuovo.”

    Una nuova versione del “Tiranno”.

    Ma se tutto procede come dice la profezia, gli ultimi cinque lo faranno fuggire, anche se non conosceremo mai il suo volto.

    There once was a wealthy man with a wonderful idea

    To bring children from all places

    With all kinds of faces

    Together in a sailing ship

    there were 40 boys and girls

    They would sail the ship around the globe

    so they called it The United World

    […]

    Five children were left behind

    […]

    Hiding in the bushes were a watchful pair of eyes

    And living in the valley were people lost in time

    Ruled over by a tyrant whose face was in a mask

    The children must defeat him

    So they can escape at last

    From the lost islands

    http://www.youtube.com/watch?v=MnfZVk7sdk8

    Pyter

  • anonimo

    Buonasera a tutti,

    buonasera Santaruina,

    desidero fare alcune precisazioni, in quanto l´articolo indica una imprecisione che porta a una constatazione errata: impero americano – impero effimero con meno di 1 secolo di esistenza.

    Analiziamo la parola “impero” nel senso dell´articolo: un´insieme (piú o meno omogeneo) che “domina” su altri insiemi (piú o meno omogenei) in un dato tempo, in un determinato territorio; appunto come gli esempi elencati nell´articolo stesso – Romani, Ottomani, Macedoni etc.

    Analizziamo questo nostro impero attuale: gli USA.

    Sono gli USA dei neri, quelli che vanno in giro a dire “hey yo …”, facendo banda nelle towns … direi di no, loro sono solo una parte del grande impero, molto folkloristica ma poco centro di controllo/potere.

    Sono gli USA dei latini, quelli che ballando la salsa ti apostrofano di “hermano …”, inveindo sulla dittatura cubana … direi di no, un poco di peso politico lo hanno, ma non hanno le redini dell´impero.

    Sono gli USA degli indiani, gli originari abitanti (proprietari no, quest´ultimo é un concetto nostro, non loro) del paese, … no, direi che contano meno dei primi …

    Se dietro SPQR c´erano i Romani, dietro USA chi ci sono ?

    Ma gli anglosassoni naturalmente. Un termine forse piú preciso, usato spesso per fare del sarcasmo é WASP (White Anglo-Saxon Protestant).

    Se diamo per vere queste mie riflessioni, possiamo dire che l´impero USA é l´impero degli anglosassoni …

    … mah un momento, gli anglosassoni non sono ubicati solo in USA … abbiamo gli anglosassoni inglesi e del commowealth … si, quegli stessi anglosassoni che costituivano l´impero … (?) precedente …

    Ritengo che l´impero attuale sia quello Anglosassone. Il chiamarlo “USA” o “Inglese” é come disquisire di “matrioske”. La data di fondazione dell´impero potremmo portarla (soggettivamente) al momento che dimostra di resistere al grosso dell´epoca … direi 1588, con la vittoria sull´Invincibile Armada spagnola.

    Se accettate questo punto di riferimento storico, direi che il nostro impero “Anglosassone”, pur non avendo i 1000 anni dell´Impero Romano di occidente, comunque stia per compiere i 500 anni … tanto effimero non mi sembra …

    Sul fatto che stia per saltare … lo devo ancora vedere.

    Il fatto che venga messa in liquidazione una filiale, non significa che stia fallendo pure la casa madre.

    Sopratutto quando la liquidazione é pilotata dalla casa madre …

    Poi, come la vita é una grande soap-opera (o viceversa ?), ricca di colpi di scena, e di intrecci dietro le quinte, scopriamo poi che questo “Impero Anglosassone” in realtá non é diretto dagli stessi anglosassoni … ma questa é un´altra storia …

    Per farla breve, crederó a questo fallimento, non solo quando vedró chiudere una filiale, ma quando vedró chiudere anche la matrice, e naturalmente la societá off-shore che la controlla.

    Un abbraccio a tutti

    xmas

  • Santaruina

    Ciao Pyter

    non la conoscevo proprio.

    They would sail the ship around the globe

    so they called it The United World

    what a “wonderful idea”… :-)

    _____________

    Ciao xmas

    a dire il vero non avrei molto da obiettare alla tua precisazione.

    Non a caso a fondo dell’articolo ho voluto aggiungere una nota in cui specificavo che qui ci si occupava solo dell’aspetto “esteriore” assunto dall’impero.

    Corre voce infatti che la vera capitale di questo impero non si sia mai spostata da Londra, dalla City, per essere precisi.

    “A golden age empire…”

    Blessed be

  • Santaruina

    xmas: ho inserito un breve post ispirato alle tue considerazioni.

    Un po’ ermetico, forse, ma se ne potrà discutere nei commenti, eventulmente.

    Blessed be

  • Asoka

    la mia domanda sarà banalotta e ingenua… ma io non riesco a rispondere a una semplice domanda: chi manovra, perché lo fa? Un Nuovo Ordine Mondiale sorgerà… ok… dunque?

    Rammenti le “Georgia Guidestones”… ovvio un “segnale” come tanti altri nasconsti (con più o meno dovizia) all’interno della storia, dell’arte, dell’architettura e via dicendo… ma perché?

    ciao carissimo

  • Asoka

    io voglio capire di chi è questa “societá off-shore” di cui parla xmas nel suo intelligente commento… mi sento frustrato: intuire un disegno immenso in mezzo al deserto: chi la fatto e per che cazzarola l’ha fatto?

    (troppi stimoli, troppe idee… mi viene in mente nazca… ci sarà stato un motivo, immagino, chi doveva “vedere”… vide, penso io).

  • Santaruina

    Ciao Asoka

    le persone che da tempo teorizzano il nuovo ordine mondiale partono dal presupposto che i nostri anni siano gli ultimi di una lunga era di decadenza a cui seguirà una nuova età dell’oro.

    Nella loro visione, essi vorrebbero porsi come guide in questo nuovo mondo.

    Sono anche convinti che il passaggio di era vada anche un po’ “facilitato” (con guerre stermini morti e cose simili).

    A presto

  • anonimo

    Ma tutte queste guide, secondo te, “ci sono” o “ci fanno”?

    Lo fanno perchè ci credono, perchè è nel loro interesse, o tutte e due le cose?

    Io spero che almeno “ci siano”.

    Pyter

  • saonda

    Ricordo un bel film canadese di molti anni fa “Il declino dell’impero americano”, nel quale si insisteva nel porre tra le cause della caduta dell’Impero Romano la crisi demografica. Questo è il sintomo che mi allarma di più, perchè anche nelle società animali il calo demografico è segno di declino dell’intero gruppo.

    Ma davvero la storia si ripete? Credo piuttosto che siamo scossi dal ricordo di quell’evento lontano del 476 d.C., come ho scritto in un post, e che per timore soltanto tendiamo a interpretare la nostra epoca alla luce di quello trascorso, invece di trarne insegnamento. Adesso non ci sono barbari, o meglio forse lo siamo un po’ tutti… :)

    Non credo che in questo momento una guerra farebbe comodo a nessuno: perchè distruggere mercati potenziali o già costituiti?

    Un post molto interessante.

  • Santaruina

    Ma tutte queste guide, secondo te, “ci sono” o “ci fanno”?

    Chi veramente è consapevole di quello che succede non si immischia con le questioni “pratiche”.

    Questo è compito della manovalanza, che esegue.

    La manovalanza l’abbiamo vista all’opera proprio questi giorni, tra Londra Strasburgo e Praga.

    _________________

    Ciao Saonda

    la storia si ripete simile ma mai eguale.

    Perchè distruggere mercati, chiedi.

    I “mercati” sono un mezzo, non il fine.

    Il fine è il potere in sè, e si esercita meglio su di una popolazione ridotta.

    A presto

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>