Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
31 marzo 2007

Le Sette Torri del Diavolo

In una lettera del 19 maggio 1936 a Vasile Lovinescu (alias Geticus) René Guénon affrontava il tema delle “sette torri del diavolo”, una delle quali (quella degli Yazidi, in Mesopotamia) era stata descritta da W. B. Seabrook in un libro di viaggi uscito alcuni anni prima e già recensito dallo stesso Guénon.
Le “torri del diavolo”, aveva spiegato quest’ultimo, sono “centri di proiezione delle influenze sataniche nel mondo” e costituiscono una parodia dei sette “poli”, ossia dei vertici della gerarchia spirituale subordinati al Polo Supremo; in altre parole, le “torri del diavolo” sono i centri controiniziatici dei “santi di Satana”, che pretendono di contrapporsi ai centri iniziatici dei “santi di Dio”.

Tra gli argomenti di cui trattano gli autori detti “tradizionali”, le sette torri del diavolo costituiscono forse quello che più può apparire fantasioso agli occhi di coloro poco avversi a condividere la loro visione.
Lo stesso René Guénon non ne trattò mai nei suoi libri, e ne accennò solamente in una recensione ad un libro di W.B. Seabrook ed in alcune lettere private.
Più del timore di apparire troppo fantasiosi, prevalse nel trattare l’argomento una certa prudenza nel palesare l’esistenza di queste torri, considerate dei centri contro-iniziatici, veri e propri luoghi di collegamento tra la realtà terrena e quella infera.
La disposizione delle sette torri ricalca sulla terra il posizionamento delle sette stelle che formano la costellazione dell’orsa maggiore, in una chiara parodia della disposizione secondo modalità geometriche delle tradizioni ortodosse.


Sarà facile notare come l’ubicazione delle torri corrisponda curiosamente con i luoghi in cui attualmente si svolgono alcuni dei conflitti più drammatici della nostra epoca.

Per approfondimenti:
Le Sette Torri del Diavolo, di Samir AbdulKarif Al-Hafdi (pdf)

38 comments to Le Sette Torri del Diavolo

  • babilonia61

    Stamani avevo letto questo tuo ultimo post, pensante chiusi il pc e andai a fare due passi.

    Adesso ritorno, mi chiedo e ti chiedo: tutto ciò sarà fantasia, casualità, invenzioni della mente umana, o c’è qualcosa di vero che non riusciamo (riesco) a comprendere?

    felicità

    Rino, domandandosi da ignorante

  • Vautrin

    Hai mai notato che lo schema delle torri ricorda moltissimo la costellazione dell’orsa minore?

  • Santaruina

    Ciao Rino

    personalmente non avrei nessuna difficoltà a credere all’esistenza di queste torri.

    Per quanto riguarda la loro “funzione”, anche qui, da un certo punto di vista, tutto torna.

    Ma forse è meglio al momento leggere il tutto come un racconto fantasioso.

    Blessed be

  • Santaruina

    Ciao Vautrin

    l’aspetto più interessante della disposizione delle torri è proprio la loro analogia con la costellazione dell’orsa maggiore.

    Chi conosce l’importanza che per gli antichi assumeva l’osservazione del cielo e la sua riproposizione sulla terra sa che si tratta di un aspetto da non trascurare.

    Aggiungo tra l’altro che Marco Dolcetta, ex giornalista del corriere della sera ed appassionato degli aspetti “occulti” della storia, aveva realizzato un documentario per la Rai sulle sette torri in cui analizzava anche i vari conflitti che interessano le zone in cui sono ubicate.

    La Rai decise di non mandare in onda il documentario.

    Peccato.

    Blessed be

  • PaoloFerrucci

    Questi temi e questo genere d’interrogativi mi lasciano sempre pensoso.

    Non riesco mai a liquidarli come fesserie: è una sorta di “credulità” latente.

    Mi piace pensare alle possibilità, anziché negarle.

    ciao

  • chirieleison

    come in cielo così in terra

    questo è grosso modo il principio ispiratore della posizione di certe costruzioni e quello delle torri che hai citato tu non è l’unico esempio, come immagino saprai.

    Comunque trovo interessante il tuo blog e intendo tornare.

    Ti linko così mi sarà più facile.

    A presto

  • Santaruina

    Anche a me Paolo piace sempre pensare alle possibilità…

    Chirieleison: piacere di averti incontrata da queste parti. :-)

    Blessed be

  • Sahira

    Interessante… Leggerò gli approfondimenti :)

    Un caro saluto

  • MINICHINIBLOG

    Un argomento affascinante e di grande importanza per le vicende odierne. Parlo dell’atmosfera “sottile” e “psichica” che sta avvolgendo l’intero pianeta.Non della politica profana. Credo però che su la localizzazione degli centri Guènon era in errore. altri sono le centrali dell’emanazione della dissoluzione e del sovvertimento. alcune si spostano o sono al di fuori dello spazio fisico materiale. Roberto Minichini

  • Santaruina

    caro Roberto capisco benissimo quel che intendi.

    D’altra parte la questione è molto vasta…

    Sahira, un saluto anche a te :-)

    Blessed be

  • anonimo

    “Sarà facile notare come l’ubicazione delle torri corrisponda curiosamente con i luoghi in cui attualmente si svolgono alcuni dei conflitti più drammatici della nostra epoca.”

    A parte ovviamente le due

    nerlla Siberia.

  • Santaruina

    Già.

    Per ora.

    Blessed be

  • Vautrin

    A me sembra che assomigli più all’Orsa Minore che a quella maggiore…

  • Santaruina

    Ciao vautrin

    ho provato a fare un confronto direttamente con le immagini delle orse e della disposizione delle torri:

    Probabilmente quello che farebbe propendere più per l’orsa maggiore è la corrispondenza tra Megrez e l’Irak.

    Anche se la disposizione sembrerebbe più un misto tra le due.

    Blessed be

  • Vautrin

    Hai ragione ricorda più l’Orsa Maggiore

  • anonimo

    Non vi è *nessuna fantasia* in tali Torri, che esistono realmente. Tra l’altro, la principale sarebbe in Kurdistàn, sulla Cima del Gebel Sinjàr. Nell’articolo “Yezidism” su Wikipedia in inglese c’è l’*immagine* di questa specifica Torre: http://en.wikipedia.org/wiki/Yezidism, l’articolo, http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/9/95/Yeziditemple.JPG l’immagine.

    Non si parla di sogni ed ha fatto benissimo l’autore di questo blog a parlarne. Tra l’altro, c’è l’interessante dvd di M. Dolcetta, “Le Sette Torri del diavolo”.

    Voglio dire: si tratta di una tematica che sta “emergendo”… *Non certo per caso*…!

  • Santaruina

    Ti ringrazio per le gentili segnalazioni.

    Personalmente continuo a ritenere la questione delle 7 torri di particolare interesse.

    Anche la questione degli yazidi sarebbe da approfondire.

    Blessed be

  • anonimo

    C’è questo link interessante sulla questione “Sette Torri”: http://www.superzeko.net/doc_incanus/IncanusConsiderazioniSullaControiniziazione.html

    Oltre a consigliare il dvd di Dolcetta che, a parte certi errori, è comunque stato fra i pochi a visitare certi posti… Si tenga conto che quel dvd è del 2005, e quindi risente della situazione di quell’anno, ma comunque rimane interessantissimo, perché alla fine uno yezide… parla!

  • Santaruina

    Ti ringrazio per l’interessante link.

    Il documentario di Dolcetta me lo devo procurare, come si diceva doveva passare sulla Rai ma poi non si è fatto niente.

    A presto :-)

  • anonimo

    Sempre “per caso”, navigando senza una meta precisa, mi sono imbattutto in questo video su Youtube, un video del “nazionalismo kurdo”, si noti la bandiera come quella delle Repubblica Islamica iraniana, ma con il diverso simbolo al centro.

    Il link è: http://youtube.com/watch?v=JL6z9a1g3xM

    Dateci un’occhiata: presenta i luoghi degli Yezidì, Lalìsh e la Cima del Gebel Sinjàr… E, ossessivo, il simbolo del Pavone, l’Angelo Pavone che adorano, entità di genere femminile.

    Tornando al discorso “finale di partita”, sembra che anche questi ambienti si stiano “aprendo”. Resta fermo che la maggior parte degli Occidentali *non ha per nulla chiaro* che cosa *davvero* è “rimasto” in Kurdistàn per tanto e tanto tempo…

  • Santaruina

    Non posso che ringraziarti ancora per le tue interessanti segnalazioni.

    Questo filmato in particolare dà molto su cui riflettere.

    Blessed be

  • messier

    La comunità degli Yazidi, di recente, è stata colpita da un sanguinoso multi-attacco “terroristico”, sul suo territorio mesopotamico …

  • anonimo

    Occorre tener d’occhio quel che sta dietro l’attacco turco al Kurdistàn, che potrebbe poi essere l’inizio di “qualcos’altro”…

  • anonimo

    Il link http://coccode-in-grattacielo.splinder.com/archive/2008-01, dato anche in allegato al nome “utente anonimo”, a sua volta porta al link di uno scritto, ambientato nell’Iraq dell’inizio del XX° secolo, dove Sherlock Holmes indaga … fra gli Yezidi, quelli delle Torri del Diavolo.

    E’ un dowload gratis.

    In modo “romanzato”, ma non troppo…!, si sviluppano le considerazioni sul “male” e sulla *vera natura* del simbolismo invertito yezide, a sua volta *usato* dalla proteiforme, nascosta (ma non troppo) “contro-iniziazione” della quale parlò Guénon “in illo tempore”.

    E’ uno scritto che andrebbe davvero *meditato*, perché l’effetto e la natura di queste occulte correnti storiche non è certo quello dei “fanciulli di Satana” o cose simili. Hanno poco a che spartire con l’ “heavy metal”…! Insomma, è sorprendente per chi ha del “satanismo” un’idea “non conforme ad un *approfondito* studio dell’Opera di Guénon”.

    Per questo mi sento di consigliare questo scritto online.

  • Santaruina

    Grazie per la segnalazione.

    Scaricato :-)

    • hovorí:-ÄŒo sa týka komunizmu, ak by bol prokresÅ¥anský, tak by to nebol komunizmus, ale niečo úplné iné, polemizovaÅ¥ a hypotetizovaÅ¥ o tomto je priveľa asi aj na mňa.-Samozrejme, spoločnosÅ¥ neustále prechádza zmenami a premenami, aj na poli morálky a rôznych hodnôt. A práve preto je dôležité otvoriÅ¥ otázky o absolútnosti morálnych zákonov a vplyve relativizovania týchto zákonov na spoločnosÅ¥.-Súhlasím, že je to problém, ktorí si kresÅ¥ania musia vyrieÅ¡iÅ¥ sami.

  • umargamal

    Buongiorno,

    segnalo sull’argomento questi due link, diversi fra loro nel genere, nella forma e, suppongo, negli intenti ma non per questo meno interessanti:

    http://www.edizioniorientamento.it/Le%20sette%20torri%20del%20Diavolo.pdf

    http://www.avesta.org/yezidi/peacock.htm#p28

    Saluti a tutti

  • Santaruina

    Grazie per le segnalazioni, Umar.

    Il primo link è quello da cui ho tratto le informazioni di questo breve post.

    A presto :-)

    Blessed be

  • anonimo

    scusate, se noi prendiamo per buona la similitudine fra l’orsa maggiore e le sette torri, dove finisce la stella polare? ovvero, qual’è il luogo sulla terra che coincide con la stella polare?

  • Santaruina

    ciao

    devi però considerare che la stella polare fa parte della costellazione dell’orsa minore, non della maggiore.

    a presto

  • anonimo

    Mi sembra molto incauto il giornalista Marco Dolcetta nel proporre il dvd alla Rai.

  • anonimo

    Salve a tutti,
    ma possibile che questo dvd non si trovi da nessuna parte?
    Nè online e nessuno lo vende ne esistono degli spezzoni brevi di 3 minuti, 3 spezzoni che però non fanno capire molto.
    Chi sa dirmi dove posso procurarmelo?
    Grazie

  • anonimo

    http://www.udinecultura.it/opencms/opencms/release/ComuneUdine/cittavicina/cultura/it/biblioteche/joppi/allegati/2010/1008-dvd900.pdf

    Le sette torri del diavolo [Videoregistrazione] : gnosi e terrorismo dei luoghi sacri / di Marco Dolcetta. – Roma : Nuova iniziativa editoriale, [2006]. – 1 DVD

    Dai tempi delle crociate è sempre presente nel mondo islamico, nelle sue componenti più sotterranee, gnostiche e terroristiche, l'accordo stipulato tra i crociati in ritirata e i combattenti dell'Islam di allora. L'unico che ha scritto in Occidente di questo accordo è stato René Guénon. Le sette torri sono i paletti oltre cui l'Occidente non deve andare in assetto di guerra altrimenti si scatena il terrorismo islamico.
    Localizzazione: BCMO: Inv.: 452761, Coll.: SezModerna DVD 133

    the spider

  • Santaruina

    Grazie per la segnalazione

  • anonimo

    per utente anonimo,devo scrivere un piccolo saggio sulle sette torri del diavolo e il loro crollo,ma da quanto ho letto fin ora non sono mai crollate! e i sette pilastri della virtù…..

  • Sigfrido

    Questo argomento delle 7 torri del diavolo è uno scivolone di Guenon…Sono ipotesi basate sul nulla, sono catene indiziarie degne del complottismo di serie B. Se le avesse dette ,chessò, la befanona russa, la Blavatsky, l’avrebbero presa in giro tutti.
    Guenon è stato preso in giro da Seabrok e anche da Ossendowski….
     
    Purtroppo occorre DIMOSTRARE certi assunti, e non vagheggiare come spesso faceva il sufi francese…

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>