Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
2 novembre 2008

Né saggio oltre misura

 

Non esser troppo scrupoloso
né saggio oltre misura.
Perché vuoi rovinarti?
Non esser troppo malvagio
e non essere stolto.
Perché vuoi morire innanzi tempo?

Tutto questo io ho esaminato con sapienza e ho detto:
«Voglio essere saggio!», ma la sapienza è lontana da me!

Ciò che è stato è lontano e profondo, profondo: chi lo può raggiungere?

Mi son applicato di nuovo a conoscere e indagare e cercare la sapienza e il perché delle cose e a conoscere che la malvagità è follia e la stoltezza pazzia.

Vi è una sorte unica per tutti,
per il giusto e l’empio,
per il puro e l’impuro,
per chi offre sacrifici e per chi non li offre,
per il buono e per il malvagio,
per chi giura e per chi teme di giurare.
Và, mangia con gioia il tuo pane,
bevi il tuo vino con cuore lieto,
perché Dio ha già gradito le tue opere.

In ogni tempo le tue vesti siano bianche
e il profumo non manchi sul tuo capo.

32 comments to Né saggio oltre misura

  • Santaruina

    Un frammento del Qoelet, uno dei libri più straordinari della nostra storia di uomini.

    L’immagine invece non so se c’entra molto, ma mi diverte e mi fa riflettere, ogni volta che la guardo.

    (Per chi volesse divertirsi un po’: http://www.photofunia.com/)

  • Asoka

    merce rara… la saggezza. bella foto :)

  • enzas

    Come dire: non farti prendere dall’ansia di diventar saggio presto e oltre misura perchè tanto c’è un limite oltre il quale non si può andare che tu sia scrupoloso o meno, che operi nel bene o nel male.

    Rassegnati dunque perchè tutto è vano…

    Ma al Vecchio Testamento fece seguito il Nuovo Testamento dove quel “và, perchè Dio a gradito le tue opere” diviene “và, perchè Dio aspetta le tue opere”.

    Ma è un mio punto di vista, naturalmente.

    Per quanto riguarda l’immagine, penso che il senso sia nell’uomo anziano che mostra come nel suo viso siano evidenti i segni del suo faticoso percorso verso la saggezza.

    Dall’espressione non si direbbe sia stato indolore…

    “Guardate com’ero bello prima!” dice fiero.

    E in effetti è proprio un bel viso ;)

    Ciao Carlo, a presto

  • 6by9add6add9

    hmmm…

    divertente la foto..,

    cos’e’ la saggezza Carlo?

    altra dote con la quale si nasce e non lo si diventa per forza di vita., le doti piu’ importanti e succulenti dell’essere umano sono un regalo di Allah(swt)., avra’ i suoi buoni motivi.

    “«Voglio essere saggio!», ma la sapienza è lontana da me!”

    Esattamente. :)

    ps; la saggezza mi induce a dirti (ahah scusa la mia presunzione ma sono scorpione e percio’ pecco di poca modestia e robusta ironia ) che la frase che ho pastato ed incollato non e’ riferita a te ma nel piu’ amplio senso filosofico.

    Ciao. ;)

  • Santaruina

    Asoka, merce rara la saggezza, inoltre arriva sempre abbastanza tardi, quando serve un po’ di meno rispetto a prima.

    Ma fa parte del ciclo natuarale delle cose.

    _________

    Ciao Enza

    il Qoelet è un testo che ha dato molti grattacapi agli esegeti cristiani di ogni epoca.

    Io lo trovo magnifico in ogni sua virgola.

    A volte pare cedere al nichilismo, altre alla disillusione, poi all’edonismo.

    A tratti sembra una elegia al pessimismo, ma in fondo è un inno alla fiducia a Dio.

    Mette in evidenza i limiti della comprensione umana, la vanità del nostro infaticabile tentativo di trovare un senso alla realtà, e conclude che l’unica risposta possibile è la fiducia in Dio.

    Per quanto riguarda la foto dell’anziano, il suo sguardo esprime anche un certo rimprovero. :-)

    A presto

    ______________

    Cinzia, dici che la saggezza è un regalo di Dio?

    Non fatico a crederlo.

    Però è un regalo che concede a volte in tardà età :-)

    Blessed be

  • CeciAlcyone

    la foto è davvero fantastica… :-)

  • Chapucer

    sei tu sulla sinistra (mia)…?;-)

    del Qoelet ricorderò sempre:

    Tutto è vanità in questo mondo

    Grazie per il tuo passaggio

    a presto!

    C.

  • tristantzara

    Ot : la notizia della Icesave filiale della Landsbanki islandese l’ho letta su : lanapoleoni.splinder.com.E’ il blog di Loretta Napoleoni.Vai a darci un’occhiata,lei è bravissima e super-informata.

    La saggezza arriva in tarda età così impariamo a svegliarci prima la prossima volta….

  • anonimo

    Qoelet il libro più disperante e quello che parla al fondo più nascosto di noi.

    “State buoni se potete tutto il resto è vanità”.

    Quello nella foto sembri tu, o no?

    Max

  • anonimo

    Ciao Carlo

    Non ho capito una cosa: di chi è la foto che tieni in mano?

    Mi sembra di averlo visto in tv…

  • Santaruina

    Ceci, sono contento di non essere l’unico a trovarla divertente :-)

    _________

    Chapucer e Max, nonostante quello che dice Giorgio Mattiuzzo (noto disinformatore) al commento 10, io nella foto sono quello senza occhiali.

    A presto :-)

    __________

    Tristantzara, grazie per la segnalazione.

    La saggezza arriva in tarda età così impariamo a svegliarci prima la prossima volta….

    la prossima volta? :-)

    Blessed be

  • Infettato

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=1858

    Mi permetto di svelare un “mistero” che tale non è.

    Ho una riflessione che forse non ha nulla a che fare con questo articolo.

    Ultimamente, forse anche un po’ troppo spesso penso alla morte, al mistero della morte, a quello che si è dato e quello che in futuro si spera di dare (anche a se stessi).

    Sono pensieri paranoici, strettamente legati al destino di ognuno di noi, insomma mi piacerebbe morire da saggio….

    La saggezza per me è affrontare l’atto finale senza rimpianti, in assoluta tranquillità mentale, consci di aver vissuto.

    Roberto

  • anonimo

    …io ho capito di essere perfettamente idiota, ma potrei dire che saggezza é la capacità di essere bambini. Non penso che i regali Allah li faccia per caso, in un modo o nell’altro i suoi regali ce li siamo meritati e ce li meriteremo. La Sua grande generosità , il Suo grande dono, consiste nella LIBERTA’ totale che lascia all’uomo di scegliere una cosa oppure un’altra, gli altri doni sono una teofania ‘secondaria-indispensabile’, per realzzare il il Suo Amore. La foto é buffa, si direbbe che il nonnino cerchi di essere il più brutto possibile, io ho delle foto di mio babbo che pur essendo vecchio é bellissimo, anzi!!! ah il mio babbo come lo amo! ciao! jam

  • Paxtibi

    Di chi è la foto che tieni in mano, Carlo?

    :-)

  • Santaruina

    Roberto, arrivare al momento fatidico sereni e consci di aver vissuto penso che sia uno scopo a cui tutti dovrebbero ambire.

    Forse davvero, avere quaesto scopo renderebbe davvero sagge le persone.

    A presto

    _______________

    Jam: tornare bambini.

    E’ un po’ il pensiero profondo dello zen; la vera conoscenza consiste nel liberarsi di tutto ciò che è superfluo, riscoprendo quello che da sempre si porta dentro.

    tornare bambini, appunto.

    __________

    Pax, sei solo invidioso del pizzetto, lo so. :-)

    Blessed be

  • anonimo

    ah ah ha

    Grazie

    mannaggia!

    D.

  • messier

    “…perchè Dio ha già gradito le tue opere” è questa la saggezza fondamentale: non un aggiungere, ma un togliere, non un correre verso chissàcchè, ma…

  • 6by9add6add9

    hmm.,

    essendo la saggezza un regalo di Allah(swt) chi e’ saggio sa di esserlo., ma allora mi viene da pensare e chi non crede in Allah(swt) o Dio dai., altrimenti non c’e’ pieno intendimento.. e crede di essere saggio? Come la mettiamo?..,

    la mettiamo cosi: la saggezza e’ un regalo di Allah(swt) a prescindere.., il quale nella Sua di grande saggezza sa bene come mettere alla prova gli uomini.., ma qua.. bisognerebbe entrare nel contesto della filosofia islamica per capirne il concetto.

    ci sono saggi osannati che saggi non lo sono affatto e ci sono saggi odioti che saggi lo sono davvero.,

    Quanti saggi osannati hanno portato alla perdizione e quanti saggi odiati hanno portato sulla retta via? tantissimi.., (qua e’ difficilino da capire)

    ed e’ per questo che la prova e’ sempre piu’ difficile.., ma il paradiso non e’ mica il giardinetto sotto casa. :)

    ps: Carlo se inshallah avrai vita lunga ti vedo diverso dal vecchietto vicino a te.., avrai un sorriso dolcissimo di chi e’ consapevole che nel bene o nel male c’e’ un giudizio che lo aspetta., e quando si ha consapevolezza di questo.. il viso anche nella vecchiaia e’ sereno. :) come dici bene anche tu.. sperando nella Sua misericordia.

    a presto.

  • ikalaseppia

    sulla merce rara

    ” la saggezza, inoltre arriva sempre abbastanza tardi, …

    Ma fa parte del ciclo natuarale delle cose.”

    un tempo era vero, ma oggi

    vecchi non saggi popolano il mondo e lo governano,

    alcuni avevano lottato ma ormai, spesso passati dall’altra parte della barricata, sprecano le ultime loro energie cercando autogiustificazioni e si flagellano tra i sensi di colpa, nella speranza di salvarsi, malgrado tutto, l’anima

    e i giovani…già vecchi

    e anche le eccezioni peccano in questo o in quello, segni dei tempi, (mi accuserei anch’io della mia insufficienza se non sapessi che è perfettamente inutile e, in fondo, una manifestazione dell’egoismo)

    pochi i fari nella notte

    Devo ai profeti questi momenti di “astio” “contro” un’umanità che ha tradito la Sapienza preferendogli dei surrogati, (e l’accusa era rivolta innanzitutto ai sacerdoti),

    sarebbe tempo di ricordare

    ( le rivoluzioni che si sono succedute fin ora sono state un progressivo dimenticare),

    senza dimenticare che incombe “la grande impostura” della contro tradizione

    perdona lo sfogo Carlo

    comunque

    conosci la storia dell’incontro tra Lao Tse e Confucio? Confucio, decade dopo decade era cresciuto in saggezza, pazientemente, Lao Tse nacque già maturo, più che saggio, e non invecchiava mai. Il primo dovette riconoscere di essere un ignorante difronte alla vera sapienza del secondo. Oggi sono pochi gli anziani che saprebbero riconoscerLo, capire la sua lezione:

    Nell’umiltà serpeggia l’arroganza, nella bontà si annida il male, nell’istruzione si impone l’ignoranza e nella censura già rumoreggia la rivolta.

    Il vero saggio NON AGISCE e forse è questo il segreto delle righe che riporti dove, per l’appunto, Confucio e Lao Tse sembrano riuniti come ai tempi dei re preistorici,

    è davvero profondo il bicchiere dove l’Autore versò questo vino.

  • Asno

    “Dio ha già gradito le tue opere” (IX. 7).

    Verso blasfemo. Ma allora Dio sa già quel che farò? E come Si permette? E come la mettiamo col mio insindacabile libero arbitrio? E magari ha pure già deciso che io andrò all’Inferno? È intollerabile. La Chiesa non avrebbe dovuto accettare l’Ecclesiaste, tra i suoi testi sacri. Certi versi fanno il paio con le zozzerie del Cantico dei Cantici.

    “Non domandarti perché i tempi antichi fossero migliori del presente, perché solo gli imbecilli si pongono questa domanda” (VII, 10).

    Verso allarmante. Quindi io sarei un imbecille?

    “Perciò approvo l’allegria, perché l’uomo non ha altra felicità, sotto il sole, che mangiare e bere e stare allegro” (VIII, 15).

    Verso contraddittorio (che tu hai già citato in Frammenti III), visto che si dice anche “Il cuore dei saggi è in una casa in lutto e il cuore degli stolti in una casa in festa” (VII, 4). Quindi chi scherza sempre, come me, è uno stolto?

    “Nel giorno lieto sta’ allegro e nel giorno triste rifletti su questo: ‘Dio ha fatto tanto l’uno quanto l’altro, perché l’uomo non trovi nulla di cui incolparLo'” (VII, 13).

    Verso definitivo.

    P.S. Divertentissimo, quel Photofunia, almeno per gli stolti come me.

  • Santaruina

    Ciao D. :-)

    _______

    Messier, ed è anche un concetto su cui vi è molto da riflettere.

    a presto

    ______

    Cinzia,

    in effetti penso che una persona realmente saggia non si ferma mai a riflettere sul proprio stato.

    In fondo la saggezza ha qualcosa in comune con l’umiltà: appena si pensa di averla, la si è subito persa.

    Blessed be

  • Santaruina

    Ika

    capisco bene, come potrai intuire, le tue riflessioni.

    Ed anche il collegamento anzianità-saggezza che una volta si dava per scontato, oggi spesso si è perso.

    Segno dei tempi, e noi si è come ciechi che a tentoni cercano qualcuno che tiene la fiaccola.

    D’altra parte, nel regno del divenire, per “stare immobili” occorerebbe contrastare tutto il moto che ci circonda.

    E per dei piccoli umani, non è per nulla semplice.

    A presto

    ________________

    Asno, il Qoelet è davvero un testo che mette a dura prova.

    Spesso pare contradirsi nel giro di poche righe, a volte sembra un dialogo tra due persone che espongo due punti di visti diametralmente opposti.

    Ed estrarre citazioni dal Qoelet può essere operazione fuorviante, per questi motivi.

    Eppure, è proprio la conclusione a ridare un senso al tutto:

    Vanità delle vanità, dice Qoèlet,

    e tutto è vanità.

    Conclusione del discorso, dopo che si è ascoltato ogni cosa: Temi Dio e osserva i suoi comandamenti, perché questo per l’uomo è tutto.

    Infatti, Dio citerà in giudizio ogni azione, tutto ciò che è occulto, bene o male.

    Blessed be

  • Asno

    Caro Carlo,

    stavo solo scherzando, mettendomi nei panni del critico. Ecclesiaste e Cantico dei Cantici sono i miei favoriti, nel Vecchio Testamento. E trovo che i passi più contraddittori siano i più affascinanti, oltre che i più veri.

  • Santaruina

    Asno, se non fosse stato per quel Certi versi fanno il paio con le zozzerie del Cantico dei Cantici. avrei quasi pensato che eri serio :-)

    Ho approfittato del tuo intervento per esprimere alcuni miei pensieri sul Qoelet che avevo lasciato in sospeso.

    A presto :-)

  • anonimo

    …”perché vuoi morire innanzi tempo?” é Gesù che porta una risposta a questa domanda, é il Profeta Mohammed che prosegue dicendo: “muori prima di morire” perché morire innanzi tempo é diventare immortali. “La sapienza é lontana da me” significa in effetti :io sono lontano dalla sapienza, ma la sapienza é più vicina a me della mia “vena giugulare”. Vi é una sorte per tutti “unica”, si unica, ma non uguale…ciao! jam

  • Santaruina

    Tutto questo assomiglia molto alla saggezza :-)

    Blessed be

  • MINICHINIBLOG

    Carlo , quella foto è un autentico capolavoro !

    Un ciao da Roberto Minichini

  • LuceInvernale

    Buahahaahah!

    Associare te alla saggezza mi fa sempre venire una certa ridarella!

  • Santaruina

    Luce, sai bene che io sono per natura predisposto alla saggezza.

    Di qui a raggiungerla è un altro discorso.

    E comunque tu sei sempre più simpatica di un mal di denti in un giorno di festa.

    ssc

    Blessed be

  • LuceInvernale

    Anch’io ti voglio bene…

    ssc.

  • rebetis

    grande saggezza in quelle righe eterne.

  • Santaruina

    Giulia, a presto.

    ssc

    ________

    Rebeti, na’se panta kalà :-)

    Blessed be

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>