Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
9 Maggio 2009

L'occhio del Colorado

..Nulla senza il volere di Dio…


Dopo tanto parlare di Denver, mi stavo quasi dimenticando del “sigillo” dello stato del Colorado, di cui Denver è capitale.
“Nulla senza il volere di Dio”, e chissà di quale Dio si parla.
Forse quel bizzarro occhio vuole suggerirci qualcosa.
Ed anche il fascio littorio sul quale l’occhio risplende è parecchio curioso.
Sembra quasi che lo facciano apposta per dare lavoro ai teorici della cospirazione.

6 Maggio 2009

Vergini, draghi e Moloch

Il 9 febbraio scorso le agenzie di stampa riportarono una particolare dichiarazione del presidente del consiglio, dichiarazione nella quale esprimeva il suo rispetto per la costituzione, aggiungendo però di non considerarla intoccabile.
Personalmente la polemica in sé non mi aveva particolarmente interessato, come tutto ciò che riguarda la bassa politica italiana, ma mi aveva incuriosito il termine di cui si era servito il premier riferendosi alla costituzione:

Non è un Moloch intoccabile.

Moloch è il nome di una delle antiche divinità del Medio Oriente, venerato principalmente nel periodo che precedette la diffusione della religione ebraica, ed è associato al rito dei sacrifici umani che gli venivano tributati.
Sicuramente l’immagine di Moloch non viene evocata spesso nel linguaggio di tutti i giorni, ed all’epoca della dichiarazione del presidente del consiglio mi parve assai curiosa la sua scelta di usare proprio tale allegoria per esprimere il suo pensiero.

Nello stesso modo, di tutta la vicenda che coinvolge il premier e la consorte in questo periodo, un solo particolare ha attirato la mia attenzione, un estratto di una frase usata dalla signora Lario nel comunicato che ha diramato alle agenzie:

Interpreta la loro parabola quasi epicamente, come “figure di vergini che si offrono al drago[…]”

3 Maggio 2009

Le strade che portano a Denver

L’aeroporto di Denver


Nel 1978 Stephen King pubblicò il romanzo “L’ombra dello Scorpione”, The Stand nella versione originale.

La Storia raccontata da King inizia con la morte del 99% della popolazione americana  causata  dalla diffusione di un virus mortale, sfuggito di controllo da un laboratorio in cui si stava sperimentando una nuova arma biologica.
Nel romanzo, il virus – una mutazione del virus dell’influenza – si espande rapidamente, e altrettanto rapidamente la pandemia decima la popolazione mondiale.
Vengono quindi descritte le peripezie dei pochissimi sopravvissuti, misteriosamente immuni  al virus, che in mezzo ad un paesaggio spettrale tentano di ricominciare a vivere.
Molti di questi sopravvissuti condivideranno una visione, l’immagine di una anziana di colore che li richiama al suo cospetto.
Attorno all’anziana donna si riuniranno quindi gran parte dei sopravvissuti, e sotto la sua guida carismatica fonderanno una nuova società democratica, a Boulder, in Colorado.
Nei  pressi di Denver.
Il Colorado diviene così la terra libera, il luogo dove la civiltà rinasce, mentre contemporaneamente a Las Vegas il diabolico Randall Flagg raccoglie attorno a sé altri sopravvissuti e organizza una società tirannica destinata a scontrarsi con la celestiale Boulder.

La Marvel ha recentemente pubblicato una trasposizione del romanzo The Stand a fumetti.

Il Colorado fu per secoli terra di caccia degli Arapaho e dei Cheyenne, finchè nel 1859 vi giunsero i primi cercatori d’oro, che intuendo le potenzialità del luogo vi fondarono la città di Denver, destinata a divenire nel tempo il punto di contatto tra l’est e l’ovest degli Stati Uniti, tra il nord ed il sud.
Denver è detta la Mile-High City, poiché la sua altitudine sul livello del mare corrisponde a 1609 metri, ovvero un miglio.
Situata ai piedi delle montagne rocciose, Denver domina le grandi pianure rivolte ad occidente; distante dalle coste, nel cuore della nazione, l’area di Denver rappresenta uno dei punti strategici più importanti degli Stati Uniti.

 


Questa zona  degli Stati Uniti pare richiami nell’immaginario collettivo Americano l’idea di rifugio a seguito di scenari apocalittici.
Nella popolare serie televisiva Jericho, ambientata in una America in preda alla guerra civile a seguito di alcuni attentati nucleari all’interno dei confini degli Stati Uniti, il governo della nuova federazione nata  dopo gli sconvolgimenti ha sede a Cheyenne, cittadina del Wyoming situata ai confini con il Colorado, sempre a ridosso delle montagne rocciose e a pochi chilometri a nord di Denver.
Ancora più recentemente, il quotidiano inglese Telegraph ha pubblicato un romanzo a puntate che ha inizio con un attentato nucleare che colpisce Londra ed alcune città americane.

Dopo il prevedibile caos che segue, gli Stati Uniti si uniscono al Canada ed al Messico, dando vita ad una nuova entità chiamata Unione del Nord America, con capitale, ovviamente, Denver.
L’aeroporto di Denver viene addirittura usato quale centro di detenzione per gli ex governanti epurati.


L’aeroporto di Denver in Operazione Blackjack, pubblicato dal Telegraph


L’area di Denver non riveste una importanza strategica solo nelle opere di fantasia.

Occorre infatti ricordare che la sede principale del Norad, il comando di difesa aerospaziale degli Stati Uniti, ha sede nella Cheyenne Mountain, che si erge proprio a sud di Denver.
Il Norad coordina le forze aeree militari degli Stati Uniti e del Canada, ed è la più potente struttura militare difensiva dell’intero pianeta.
La centralità di Denver a livello direzionale è confermata anche dall’elevato numero di impiegati federali risedenti nella città, una presenza seconda solo a quella del distretto della capitale Washington.
Un’importanza ribadita dallo stesso aeroporto di Denver, il più grande aeroporto costruito negli Stati Uniti negli ultimi 25 anni, un’opera faraonica e del tutto spropositata.

Costato quasi 5 miliardi di dollari, sorge in una posizione assai scomoda che ne preclude in parte la funzionalità: a 30 miglia dal centro di Denver, situato sulla sommità di un altopiano battuto spesso da forti venti,  la sua ubicazione pare frutto di una scelta affrettata e poco ponderata.
Ma così non è.

L’aeroporto di Denver, con la sua caratteristica planimetria a forma di svastica.

Al contrario, quella posizione fu fortemente voluta dai committenti, tanto che per livellare adeguatamente il suolo affinché l’edificazione fosse possibile,  non fu ritenuto un problema lo spostamento di circa 85 milioni di metri cubi di terra.
Una quantità corrispondente a circa un terzo di quella rimossa nel corso dell’apertura dello stretto di Panama.
Un fatto che sicuramente conferma che vi era un motivo ben preciso per la costruzione di quell’aeroporto, proprio in quel luogo.
Forse davvero Denver si prepara a divenire la capitale di un mondo nuovo.

Denver ed il territorio circostante, con in evidenza i luoghi citati nell’articolo

 

2 Maggio 2009

Verso Denver

going to Denver, coming soon.
28 Aprile 2009

La danza di Denver

The Dancers, di Jonathan Borofsky, Denver

Danza della Morte, Hans Holbein