Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
14 ottobre 2008

Problemi globali, soluzioni globali

A volte ci vuole una crisi affinchè la gente accetti che ciò che è ovvio…

London City Hall, Sir Norman Foster
Tassello dopo tassello il Nuovo Ordine Mondiale, così spesso evocato dai suoi fautori ed altrettanto temuto dai suoi detrattori, sta prendendo forma.
Ieri, 13 Ottobre del 2008, dalla City di Londra, il cuore pulsante del Leviatano globale, il primo ministro inglese Gordon Brown ha pronunciato un discorso che battezza l’avvio di una “nuova epoca”.
Tradotto dall’ottimo Paxtibi, qui di seguito si riportano alcuni passi di questa ode all’ordine globale.

E si rimane infine anche affascinati, dall’osservare come l’elite del potere usi da sempre lo stesso trucco per imporre il suo volere: tesi, antitesi, sintesi.

Ed ecco la “sintesi”, la soluzione.

Una soluzione globale ad un problema globale.

_____________________

Discorso sull’economia globale del primo ministro inglese Gordon Brown al Reuters Building.

Siamo internazionalisti, con una portata più globale come paese di qualsiasi altro.
Mentre alcuni userebbero la crisi finanziaria mondiale per suggerire politiche protezioniste, sappiamo che l’unica via è di mantenere la nostra tradizione di apertura: un’economia di commercio aperta dove ora ci sono coordinazione e controllo globali adeguati.
[…]quello che i mercati stanno mostrando è che per quanto completo un programma nazionale possa essere – nessun paese da solo può agire per risolvere quello che è un vero problema globale.
Richiede una vera soluzione globale.
[…]
Perché non ci arresteremo alle misure immediate per stabilizzare il sistema.
Abbiamo anche bisogno delle misure per rimodellare il sistema finanziario globale per adeguarlo allo scopo futuro.
Questo lavoro è importante per costruire la fiducia e questo lavoro deve cominciare oggi.
E dobbiamo cominciare riconoscendo che siamo ora in un sistema finanziario globale e che mentre abbiamo già movimenti di fondi globali abbiamo controllo soltanto ad un livello nazionale.
E proprio come abbiamo bisogno di una nuova coordinazione globale per occuparci delle onde di cambiamento che stanno definendo la nuova era globale dalla disponibilità di energia al cambiamento del clima, così abbiamo bisogno di maggiore cooperazione globale per controllare e quindi sorvegliare i flussi finanziari che non conoscono confini.
[…]
Così ora dobbiamo installare nuove strutture e nuove regole per il futuro.
Questo non può semplicemente essere un salvataggio di breve durata per rappezzare le crepe.
Soltanto un metodo chirurgico che arriva alla radice del problema funzionerà ora per assicurare che i problemi non ritornino.
E dobbiamo riconoscere che l’azione di cui abbiamo bisogno non è solo nazionale ma globale.
[…]il nostro scopo deve essere un sistema finanziario internazionale per il ventunesimo secolo che riconosca le nuove realtà – economie aperte e non protette, mercati dei capitali non nazionali ma internazionali, concorrenza non locale ma globale.
Dev’essere un sistema che cattura tutti i benefici dei mercati globali e dei movimenti di capitale, minimizza il rischio di rottura, aumenta le occasioni per tutti ed solleva i più vulnerabili, in breve, il ripristino nell’economia internazionale dello scopo pubblico e degli alti ideali.
E che dobbiamo ora restituire il sistema finanziario internazionale a questa idea delle regole del gioco.
Mentre i fondatori di Bretton Woods hanno inventato regole per un mondo di movimenti di capitale limitati, dobbiamo inventare le nuove regole per un mondo di movimenti di capitale globali.”
[…]
A volte ci vuole una crisi affinchè la gente accetti che ciò che è ovvio e avrebbe dovuto esser fatto molti anni fa, non è più possibile posporlo.
Dobbiamo creare una nuova architettura finanziaria internazionale per l’età globale.
Questa crisi dimostra oltre ogni dubbio che un mercato dei capitali globale richiede un controllo globale molto più forte.
Dobbiamo accertarci che abbiamo:
– un efficace sistema di allarme globale per avvisarci dei rischi economici e finanziari;
– degli standard globalmente accettati di controllo e regolazione applicati ugualmente in tutti i paesi;
– più forti disposizioni per il controllo oltre frontiera delle imprese globali;
– e – se abbiamo imparato qualcosa – istituzioni molto più forti per la cooperazione e l’azione concordata in una crisi.
[…]
Una soluzione globale ad un problema globale.
Accertandoci che mai abbiamo affrontato tali problemi; ed assicurando il futuro per il nostro sistema bancario in modo che per le generazioni a venire Londra e la Gran Bretagna rimangano la casa della finanza globale.

Discorso completo

18 comments to Problemi globali, soluzioni globali

  • anonimo

    ah beh, si beh.Al bacio!

    Comunque Santa si sbrigassero pébbacco , digli qualcosa me riccomando.

    :-)

    D.

  • Santaruina

    vedremo cosa si può fare :-)

  • anonimo

    eh eh eh

    come disse Tonino Carotone:

    “è un mondo difficile..!!”

    mica poi avè tutto da la vita no?

    un caro saluto Santa, grazie

    D.

  • anonimo

    Ricordiamoci:

    Quando un sistema vuole arrivare alle stelle, ricordiamo NIMROD che arrivò alle stalle!!!!

  • messier

    Ridicola vanità, ridicolo orgoglio… NON “globale”, per fortuna, ma solo “locale”, molto locale…

  • Santaruina

    D., e futuro incerto.. :-)

    __________

    Di novelli Nimrod ve ne sono molti, ormai nei paraggi, e probabilmente ne seguiranno la sorte.

    ____________

    Messier: vorrebbero essere molto importanti, e ne sono convinti.

    Blessed be

  • MINICHINIBLOG

    Questo discorso mostra in modo chiaro che si tratta di un regime ,con un progetto di dominio universale a cui non intende rinunciare , e che è disposto a fare di tutto per salvare il proprio potere. Roberto

  • anonimo

    Un discorso globale, non c’è che dire…

    Leggermente ripetitivo forse, ma era giusto per far capire bene il senso, anche se il personaggio non è dotato certo di buon senso, altrimenti non sarebbe quello che è.

    Ho fatto la scorta di patatine, i pop-corn non mi attirano tanto :-)

    Ciao.

    Visto il messaggio inconcludente non può che essere della:

    Tortuga.

  • tristantzara

    Ot Stato di polizìa : ok,ma il Resto del Mondo così non occidentalizzato come noi secondo te come si muoverà : ci isolerà ? o se ne starà a parte in quanto non militarmente pari come forza di contrasto ?

  • anonimo

    hai dimenticato di sottolineare l’ultimo globale del testo, ultima riga… ;-)

    e comunque, a livello globale direi che siamo spacciati. O_o

    ceci

  • Santaruina

    Roberto, ed è ogni giorno più chiaro.

    Ce lo dicono in faccia, ormai non ha più gusto nemmeno essere “complottisti” :-)

    ___________

    Tortuga, quel “leggermente” davanti a ripetitivo mi ha strappato un sorriso.

    Il povero Gordon pareva un disco incantato. :-)

    ______________

    Tristantzara, se effettivamente è questo lo scenario che si prospetta, probabilmente i paesi deboli non avranno molte risorse per contrastare queste entità “globali”.

    Occorre comunque tenere conto che il “circolo globalista” posa la sua lunga mano sopra i governi dei paesi più distanti, lavorando all’ombra da tempo.

    ________

    Ceci, un saluto globalmente festoso a te.

    Blessed be

  • iperhomo

    Ma, se globo è sinonimo di palla, globale sta per palloso?

    Non dirmi che sono greve, perché la colpa è di Tortuga e delle sue patatine. Farne addirittura scorta, è il colmo.

  • Paxtibi

    Ancora mi devo riprendere dalla traduzione.

    Ho sognato di essere inseguito da un globo come quello della serie “Il prigioniero”…

  • tristantzara

    C’è un paradosso però : un sistema di allarme globale che avvisi le crisi finanziarie.Ma se sono loro stessi del Nwo che lo architettano che senso ha ? o forse è un espediente per un altro controllo,quello più sui movimenti di persone ?

  • Santaruina

    Pax, dì la verità: ad un certo punto ti sei stancato di tradurre sta roba ed hai reso la metà delle parole del testo con “globale”…

    _____________

    Ipo, che siano pocorn o patatine, a breve ce ne sarà bisogno, per godersi comodamente lo spettacolo..

    _________

    Tristanzara, alla fine le crisi finanziarie saranno usate come pretesto per accelerare il piano dei controlli “globali”.

    Quando si ha un programma in testa, si può procedere enfatizzando un problema, e proponendo in seguito il programma iniziale come soluzione.

    A presto

  • qualquna

    Nel tutte le probblemi ci sono anche le soluzioni

    ma non tutti lo cercano…

    un sorriso!

  • Santaruina

    A volte il problema è solo un pretesto per arrivare prima alla “soluzione”. :-)

    A presto

  • Asoka

    ma mi pare si dimentichi che non tutti i problemi hanno una “soluzione” .

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>