Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
13 ottobre 2011

Road to somewhere


18 comments to Road to somewhere

  • Chapucer

    non saresti un vero greco se non mettessi la bellezza anche dove c'è solo desolazione…(mi sembra di aver scorto il bel viso di Laetitia Castà:-)

    ho bisogno di un aiuto, se riesci a risalire alle fonti che parlano delle fucilazioni degli omosessuali da parte del Che, c'è una persona che conosco che non ci crede ostinatamente.
    mi ricordo che mi avevi risposto al riguardo sotto un tuo post ma non ricordo quale!
    Grazie

    a presto

  • anonimo

    Immagini meravigliose e inquietanti… più di tutte, quel gregge di pecore che per un attimo mi ha ricordato le famose "ore di punta" irlandesi… ma guardando meglio, mi è parso di scorgervi alcuni musi di lupo in prima fila. Mi sbaglio?
    Non te l'ho ancora detto ed è passato un po' di tempo – sono stata felicissima di rileggerti dopo la tua protratta assenza. E' stato come ritrovare un amico.
    Buon lavoro,
    Miriam

  • Santaruina

    Ciao Carla

    per quanto riguarda il rapporto tra il Che e gli omosessuali ci sono diversi articoli anche in rete.
    Te ne segnalo qualcuno:

    Nessuna gloria per il Comandante Guevara

    A proposito di Che e gli Omosessuali

    Che Guevara, il comandante che sparava agli omosessuali

    sono vicende tristi ma storicamente accertate, anche se non molto note.

    A presto

    _______________________________

    Ciao Miriam

    grazie per la tua gentilezza.

    Sì, quel gregge è parecchio inquietante, perchè il greggio è condotto da pecore che hanno una strana aespressione,
    Come immagine poteva andare bene sotto l'articolo "popolo e conformismo".

    A presto :-)

  • anonimo

    Non lo dico per amore del personaggio (di cui ammetto un'infatuazione, risolta, in gioventù) ma della verità, o quantomeno della sua ricostruzione; le pagine che hai citato sono piuttosto scarse in dati.
    La persecuzione degli omossesuali nell'isola di Cuba è un fatto ma sostenere  le  tesi storiografica  ( la tortura e l'eliminazione di persone omosessuali da parte di Guevara) su pagine raffazzonate dalla rete  (che tra l'altro si ripetono e contano si e no 5 testimonianze , anche in inglese) mi sembra precipitoso oltre che un rischioso metodo sommario.

    Ste

  • Santaruina

    Ciao Ste
    Carla mi ha chiesto qualche riferimento, ed io le ho indicato qualche pagina che parla dell'argomento.

    Chi vuole può approfondire l'argomento come crede, magari cercando una bibliografia appropriata.
    Ognuno è libero di farsi una opinione.

    Comunque, tu stesso dici che la repressione degli omosessuali a cuba è un dato di fatto (e lo fu fino 1l 1997), però rifuti di credere che il Che ne abbia uccisi personalmente.
    Cioè reprimere i gay e rinchiuderli in campi di concentramento non era poi così grave, finchè non li si uccideva.
    Ho capito bene quello che intendevi?

    A presto

  • anonimo

    Carlo, una cosa è la persecuzione dell'omossualità a Cuba su cui ci sono centinaia di testimonianze, documenti e ricerche pubblicate.
    Un'altra e la storia che circola solo in rete (in diversi forum o blog) del coinvolgimento più o meno diretto di Guevara, dei campi di sterminio, ecc.
    Ribadisco, non affermo che non possa essere vero, solo che non sono state pubblicate ricerche rigorose sull'argomento (o io non sono riuscito a trovarle) e che un attegiamento di dubbio o quantomeno di sospensione del giudizio sarebbe più appropriato.
    Proprio  recentemente ho conosciuto due persone che sostenevano questa tesi e quando ho chiesto loro quali fossero le loro fonti mi hanno citato proprio uno dei link che hai postato.
    Non si sono posti minimamente il problema di verificare o approfondire, per loro automaticamente dieci righe su internet erano diventate la verità storica.

  • anonimo

    Superlativo… questa serie di immagini mihanno toccato l'anima…
    spero tu continui in questa tua opera di descrizione della realtà per immagini!
    Che DIO ti benedica.
    Antonio

  • Chapucer

    grazie Santa, e scusa se ho portato fuori tema il post…
    (anche se la strada non si sa mai dove ci porta!;-)

  • Santaruina

    Carlo, una cosa è la persecuzione dell'omossualità a Cuba su cui ci sono centinaia di testimonianze, documenti e ricerche pubblicate.
    Un'altra e la storia che circola solo in rete (in diversi forum o blog) del coinvolgimento più o meno diretto di Guevara, dei campi di sterminio, ecc.

    No, mi dispiace ma non capisco la distinzione.
    Dopo la riuscita della rivoluzione Che Guevara assunse un ruolo di primo piano nel nuovo governo neoformatosi.
    Organizzò di persona l'arresto dei primi "dissidenti" e diede avvio alla prima epurazione.
    Questi sono dati storici, acquisiti.

    La persecuzione degli omosessuali è un altro dato storico acquisito.
    Si vuole forse sostenere che Che Guevera, nonostante fosse un leader nel nuovo governo, non ne fosse a conoscenza?

    penso di no, da quello che ho compreso quello che stai contenstando è la partecipazione "materiale" del Che nelle eliminazioni.
    Sulle eliminazioni dei dissidenti e degli avversari in generale, questa partecipazione "materiale" ci fu; d'altra parte il Che era un guerrigliero guidato dalla ideologia, e di fronte alla ideologia ogni omicidio trova delle giustificazioni.

    Sparò anche contro gli omosessuali?
    Ci sono delle testimonianze a proposito, a cui si può credere o meno.
    Ma sono del tutto verosimili, dal momento che confermano il suo modus operandi.

    Detto questo, e tornando alla tua obiezione iniziale, anche se non avesse mai sparato personalmente ad un omosessuale, faceva comunque parte del governo che organizzò i campi di sterminio per i gay, e questo lo rende, senza alcun timore di smentita, totalmente colpevole della loro situazione.

    Per quanto riguarda infine i libri, in questo articolo di Massimo Caprara vi è una brevissima bibliografia di testi che trattano l'argomento.
    Di quelli io ho letto solo il libro nero (molti anni fa), ed in ogni caso si possono ritenere affidabili oppure no, a seconda del giudizio personale di ognuno.

    A presto

    _________________________

    Carla, non c'è problema, capita spesso che si vada ot :-)

    anche se, ad essere sincero, quando pubblico i post con le immagini è proprio perchè volgio staccare per un po' dalle discussioni impegnate.
    Ma è anche giusto rispondere alle questioni che vengono poste.

    A presto

  • Santaruina

    Antonio, grazie a te per la tua gentilezza :-)

    A presto

  • CristianoCN12

    ahahah, immancabile la foto con più persone a pochi centimetri di distanza che nemmeno si cagano perchè impegnate a mandare sms.
    Trasmette un senso di sconfitta, di resa, a me però trasmette anche tanta ilarità l'immagine di babbei che, come gli indigeni americani con Colombo, scambiarono il loro oro (il pensiero ed il libero arbitrio) per degli stupidi pezzi di silicio colorato (i telefonini e le loro applicazioni).

  • zuptepi

    "ahahah, immancabile la foto con più persone a pochi centimetri di distanza che nemmeno si cagano perchè impegnate a mandare sms."

    @ Cristiano, io la vedo diversamente. Io vedo quattro ragazzi che non hanno niente in comune ma fanno gruppo, perché il gruppo è la loro ragione d'essere. E perché a stare da soli si corre il rischio di passare per sfigati. E comunque, ben consci di stare insieme per inerzia, si dedicano alle loro vere passioni, che per fortuna vanno di moda e non sono out.

    Quante cose diverse si possono vedere in una foto :)

    @Santa, vado controcorrente se ti dico che la grafica del blog la preferivo prima? Ma in fondo che importa la buccia, il frutto è dolce come prima ;)

  • anonimo

    Last day of summer – m

  • Santaruina

    Quante cose diverse si possono vedere in una foto :)

    Già, il bello sta anche in questo. :-)

    Devo però ammettere che quella immagine a me mette un po' di tristezza, è una situazione in cui non vorrei mai trovarmi..

    Santa, vado controcorrente se ti dico che la grafica del blog la preferivo prima?

    Io ci ho provato a stare al passo coi tempi… :-)

    A presto

    __________________

    Bloodflowers, gran bell'album..

  • toporififi

    Si potrebbe chiamare la prima parte; "Trattato sull'architettura sostenibile", una bella sequenza, lo specchio di uno sguardo sul mondo.
    Avvicinare immagini assomiglia molto alla poesia, ma è anche uno dei modi del pensiero, quando è sintetico e non analitico.
    Come il solito te ne rubo una, la giostra del KKK, poverini, anche loro hanno qualcosa di irrisolto nella loro infanzia.

  • anonimo

    Ciao Carlo.
    Come sempre complimenti.
    Ti seguo da tempo e ostinatamente.
    Volevo lasciare questo pensiero sulla foto del gregge di pecore e alla similitudine che mi è venuta alla mente:
    anche noi come loro siamo molti di più numericamente dei lupi e dei cani pastori.
    Potremmo prendere strade laterali e cercarne una nostra, o magari anche solo fermarci a contemplare un filo d'erba. Ma il forte abbaiar del pastore pulcioso e il timore recondito del lupo cattivo nascosto nella boscaglia ci tengono a bada.
    Soli nella moltitudine,

    Che la Pace sia con Voi.

    Fabio

  • Santaruina

    Avvicinare immagini assomiglia molto alla poesia, ma è anche uno dei modi del pensiero, quando è sintetico e non analitico.

    Per preparare queste sequenze, solitamente seleziono una sessantina di immagini pescate dall'archivio, quelle che al momento mi comunicano qualcosa, poi inizio ad ordinarle, eliminando quelle che non si "sposano" con le altre, ed infine ricerco due tre ulteriori immagini che fanno da collante tra le storie diverse che si sono formate.
    Il tutto senza pensarci su troppo..

    _____________________________

    Ciao Fabio

    Potremmo prendere strade laterali e cercarne una nostra, o magari anche solo fermarci a contemplare un filo d'erba.

    Il fatto è che immersi nel gregge viene naturale pensare "se tutte le pecore vanno da quella parte un motivo ci sarà".
    Quindi basta mettere in cima una pecora un po' più sveglia, e quella si tira indietro tutte le altre.
    Ma una volta che ci si riende conto di questo tutto appare più chiaro.

    A presto

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>