Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
30 giugno 2007

Scie chimiche: ieri, oggi e domani

(Scie chimiche, parte seconda)
di Roxse

I primi avvistamenti di lunghe e strane scie bianche nel cielo risalgono agli anni ’90 in Canada e in America. In pochi anni il fenomeno si è diffuso anche in Europa, Italia compresa.
Alcuni ricercatori e privati cittadini hanno fatto analizzare campioni di acqua e terreno in aree in cui la presenza di queste scie era particolarmente rilevante. I risultati hanno portato alla luce alte percentuali di sostanze chimiche che non avrebbero dovuto esserci, in particolare di ossidi di alluminio e sali di bario. Chiedendo spiegazioni a chi di dovere si è ottenuta come risposta: “Il governo non è coinvolto in operazioni militari. State tranquilli, è tutto normale. Sono solo le scie degli aerei, niente di chimico.”
Questo è accaduto in America, in Canada, in Europa e in Italia. Cittadini preoccupati, analisi chimiche, interrogazioni parlamentari e risposte poco convincenti e senza un minimo di interesse ad approfondire. Perché?
Quelle scie bianche lunghe e persistenti vengono chiamate “scie chimiche” poiché contengono, si sospetta, sostanze chimiche (nocive per la nostra salute).


Nel 2001, per la prima volta il termine “chemtrails” (contrazione di “chemical trails”) appare in un documento ufficiale, lo Space Preservaction Act 2001, sotto la sezione “exotic weapons”. Il documento non viene approvato. L’anno successivo viene approvato lo Space Preservaction Act 2002: il capitolo riguardante le “exotic weapons”, e quindi la voce sulle chemtrails, non compare.

Ma perché vengono utilizzate le scie chimiche? Qual è il loro scopo?
Si suppone che l’alluminio sia utilizzato per le sue capacità riflettenti mentre il bario per le sue capacità igroscopiche.
Le ipotesi del loro impiego sono diverse: dalla manipolazione del clima all’utilizzo del controllo climatico come arma, dalla voluta siccità per agevolare il mercato degli OGM e la privatizzazione dell’ “oro blu” all’ottimizzazione di avanzati sistemi di comunicazione radio.
Prendiamo ad esempio il controllo climatico. E’ reale la possibilità di modificare e controllare il clima? Oppure è un’idea talmente assurda da poter essere un ottimo spunto per un racconto di fantascienza?


Risale al 1946 il primo esperimento sulla modificazione del clima. In quell’occasione un aereo volò all’interno di una nube spargendo ghiaccio secco: dopo pochi minuti piovve. Qualche anno dopo si ottenne lo stesso risultato utilizzando lo ioduro d’argento. Tecnica messa poi a punto da Israele e largamente utilizzata a partire dagli anni ’60. Negli Usa, invece, diverse aziende sono specializzate nel controllo degli uragani irrorando al loro interno, attraverso razzi o aerei, sostanze chimiche igroscopiche al fine di assorbire l’acqua e quindi di diminuire la violenza degli uragani. In Cina si combatte la siccità investendo circa 40 milioni di dollari l’anno in tecniche di manipolazione climatica. Pechino ha già annunciato che le Olimpiadi 2008 avverranno sotto il sole. In Russia vengono utilizzate da anni tecniche antinebbia a base di azoto liquido e dal 1995 Mosca ricorre all’inseminazione delle nubi onde evitare la pioggia durante le cerimonie importanti. L’inseminazione consiste nell’irrorare nelle nubi sostanze chimiche a base di azoto liquido attraverso aerei appositamente modificati.

Questo avviene da decenni e i media italiani fingono di accorgersene soltanto oggi (video del TG1). Secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale, nel 2000 sono stati circa 26 nazioni a condurre esperimenti di alterazione climatica. Tra questi è presente anche l’Italia col ”Progetto pioggia” della Tecnagro. Modificare localmente il clima è quindi possibile con tecniche già collaudate e consolidate da molti anni.
Esistono centinaia di brevetti riguardanti il controllo climatico. Alcuni di essi si possono facilmente trovare attraverso una ricerca su Google Patents oppure direttamente dal sito ufficiale US Patent. In alcuni di questi brevetti si parla esplicitamente di irrorazione di sostanze chimiche nell’atmosfera citando, tra gli altri, bario e alluminio.
A questo punto ci chiediamo: è possibile modificare il clima per scopi militari? La risposta è affermativa dal momento che già durante la guerra del Vietnam gli Usa eseguirono ben 2500 missioni aerei di inseminazione delle nubi anticipando e prolungando il periodo dei monsoni; distruggendo strade, ponti e raccolti; creando molti disagi e ostacolando così l’avanzata dei Viet Cong.


Dalla guerra del Vietnam ad oggi, la tecnologia si è notevolmente evoluta e con essa anche le tecniche di controllo climatico per scopi bellici.
Nel 1996 l’Air Force americana lancia il programma di sperimentazioni dal titolo “Il clima come forza moltiplicatrice: possedere il clima entro il 2025”, nel quale si legge testualmente:

“Nel 2025 le forze aerospaziali USA potranno avere il controllo del clima se avranno capitalizzato le nuove tecnologie sviluppandole nella chiave delle applicazioni di guerra. […] Dal miglioramento delle operazioni degli alleati e dall’annullamento di quelle del nemico tramite scenari climatici “su misura”, alla completa dominazione globale delle comunicazioni e dello spazio, la modificazione climatica offre a chi combatte una guerra un’ampia gamma di possibili modi per sconfiggere o sottomettere l’avversario”.

Il rapporto, inoltre, suggerisce l’utilizzo di nanotecnologie per creare nubi artificiali telecomandabili composte da elementi computerizzati capaci di rimanere sospese nell’aria e di comunicare tra loro, asserendo candidamente che “l’’impatto psicologico di simili mezzi può rivelarsi straordinario in numerose situazioni”.
Attorno al fenomeno delle scie chimiche è stata creata un’imponente e ben organizzata campagna di disinformazione (di cui si parlerà più avanti).
Il fenomeno, tuttavia, sembra destinato ad uscire allo scoperto: sempre più persone si stanno accorgendo del problema e stanno iniziando a chiedersi: “Perché tutto questo? Cosa contengono quelle scie? Sono pericolose per la nostra salute? Perché vengono usate?”. Se lo scopo delle scie chimiche fosse a fin di bene sicuramente non sarebbero utilizzate a nostra insaputa da ben oltre dieci anni. Una volta che il problema emergerà, come si potrà continuare ad utilizzarle col consenso delle persone? Semplice: dicendoci che sono a fin di bene.

Non sarà di certo un caso che, di tanto in tanto, i media ci annunciano la “straordinaria e nuova” scoperta (sempre come se fosse la prima volta) che le polveri sottili fanno bene poiché contrastano il riscaldamento globale. Sempre nella lotta contro il cambiamento climatico in corso, alcuni illustri scienziati propongono soluzioni per salvare il pianeta innovative quali irrorare nell’atmosfera aerosol chimici tramite aerei o generare colonie di batteri in grado di “mangiare” l’inquinamento.

Seppur le osserviamo tutti i giorni con i nostri occhi, le scie chimiche ufficialmente non esistono. I governi negano spudoratamente la loro esistenza ma noi le vediamo lì davanti a noi, lunghe, bianche e persistenti. Che cosa contengono di preciso? Che cosa respiriamo? Sono nocive? Perché vengono utilizzate? Perché a nostra insaputa? Chi ha autorizzato tutti quei voli? Per quale motivo? Non abbiamo forse diritto a delle risposte? Non abbiamo forse il diritto di sapere cosa respiriamo o se la nostra salute è in pericolo?

Allo stesso tempo, come abbiamo il diritto di sapere, abbiamo il dovere di informare chi ci sta intorno. Per far sentire la nostra voce è importante divulgare l’informazione con  mezzi che abbiamo a disposizione e dire il nostro “NO” alle scie chimiche firmando la petizione.

Curiosità.
Uno dei primi scienziati che sperimentò la tecnica dell’inseminazione delle nubi prima con ghiaccio secco e dopo con ioduro d’argento fu Bernard Vonnegut, fratello del famoso scrittore di fantascienza Kurt Vonnegut, il quale nel 1963 scrisse “Ghiaccio nove”: romanzo apocalittico nel quale uno scienziato crea un isotopo instabile dell’acqua che, attraverso una reazione a catena, congela la Terra e tutti gli essere viventi. Fu la realtà a ispirare la fantasia… o il contrario?

Scie chimiche, parte prima:  C’è qualcosa che non va… in questo cielo

Fonti e approfondimenti.

Cosa sono le scie chimiche

I sintomi causati dalle scie chimiche

Scie chimiche: un fenomeno inquietante

Space Preservaction Act 2001

Interrogazione parlamentare Italiana (Ruzzante)

Interrogazione parlamentare europea (Germania) 

Denuncia Codacons

Ipotesi sulle scie chimiche

Implicazioni militari nella produzione di scie chimiche

Gli scopi delle scie chimiche: pillola rossa o pillola blu?

I fabbricanti della pioggia

I maghi  della pioggia

Metodo ed apparato per alterare una regione nell’atmosfera, ionosfera, e/o magnetosfera

Metodo per modificare il clima

Irrorazione della stratosfera con agenti Welsbach per la riduzione del riscaldamento globale

Possedere il clima entro il 2025 (.pdf)

Allarme agricolo 

Lo smog dimezza l’effetto serra (2007)

Lo smog copre l’effetto serra (2005) 

The guardian: rapporto USA suggerisce che della polvere riflettente potrebbe ridurre il caldo

Global dimming e previsioni future
Idee per salvare il pianeta

44 comments to Scie chimiche: ieri, oggi e domani

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>