Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
24 ottobre 2008

Un'altra Saga Islandese


Sul fronte internazionale gli eventi si susseguono ad un ritmo decisamente spedito, sembra quasi che all’approssimarsi del burrone il macchinista pazzo abbia deciso di far procedere  il treno a velocità sempre più elevata.Nell’attesa di fare il punto della situazione, si seguono con una certa apprensione le sorti della piccola Islanda, il primo stato sovrano che si è arreso di fronte alla crisi.
L’ Islanda ha dichiarato bancarotta, e l’agenzia Reuters riporta che le scorte di cibo nell’isola basterebbero ancora per  circa 3 o 5 settimane.
L’Islanda importa infatti il 50% del cibo di cui la sua popolazione ha bisogno, e da quando le banche principali del paese sono fallite e lo stato ha dichiarato bancarotta, i fornitori stranieri si rifiutano di fare ulteriore credito ai nordici isolani.
Costernazione e stupore, ovviamente, tra i guru dell’economia; forse se nel marzo del 2006 avessero letto articoli come questo di Blondet si sarebbero posti qualche domanda.
O forse no. Nessuno ovviamente poteva sapere, nessuno a parte i “complottisti” che si divertono da anni a questa parte a fare le “cassandre”; Greenspan stesso si dice “scioccato” per le dimensioni raggiunte dalla crisi.
Le menti migliori dell’economia mondiale colte di sorpresa.
Succede.
Nel frattempo gli islandesi stanno per essere i primi a scoprire cosa succede quando le conseguenze della crisi finanziaria si ripercuotono nell’economia reale.

Avevano uno dei redditi pro capite più alti al mondo, adesso forse dovranno tornare a pescare, come facevano i loro avi, o forse rimetteranno in piedi qualche drakkar e riprenderanno a solcare i mari.

22 comments to Un’altra Saga Islandese

  • enzas

    Sembra che il mondo stia navigando verso una grande prova di umiltà. Alcuni stati saranno in grado di risollevarsi, altri no…dipenderà forse dallo spirito di popolo?

    Una bella giornata Carlo :)

  • anonimo

    La parte che fa gelare il sangue nelle vene, ancor più del rigido clima isolano, sta nella dichiarazione di un docente della locale università:

    L’Islanda è in bancarotta. La corona islandese è storia. La sola opzione credibile è che l’IMF venga a soccorrerci“.

    Si ripeterà la solita trama: prestiti dall’IMF con pezzi di carta dati in cambio del vincolo ad usare tecnologie e compagnie colluse estere, un’isola strozzata dal debito con l’estero e parecchi anni di catene da trascinarsi dietro?

    Una bella lezione per l’economia pianificata islandese…. che ovviamente nessuno imparerà.

    Jorge Perro Liberista.

  • messier

    Cavolo, anch’io ho pensato subito a quell’articolo… E’ tutto molto perfido, quello che sta avvenendo. Riscopriremo l’economia nel suo senso etimologico, questo è sicuro.

  • Santaruina

    Enza, ce ne vorrà molta, di umiltà, nei tempi che arrivano :-)

    _________

    Jorge, appellarsi al FMI per essere salvati è come deporre le armi ai piedi del conquistatore e dichiararsi suoi schiavi.

    Molto triste, e gli islandesi sono solo i primi.

    _________

    Messier, quello sarebbe anche un bene.

    Il problema è tutto quello che succederà nel frattempo.

    Blessed be

  • anonimo

    Avevano uno dei redditi pro capite più alti al mondo, adesso forse dovranno tornare a pescare, come facevano i loro avi, o forse rimetteranno in piedi qualche drakkar e riprenderanno a solcare i mari.

    —–

    Non riesco a capire, perchè proprio loro viste le condizioni iniziali, dove sta il baco per essere i primi?

    Infettato

  • Asno

    Però ‘sti islandesi s’erano arricchiti un bel po’, col giochetto. Che dici, noi – scusa se coinvolgo anche te – che stiamo ancora co’ ‘na scarpa e ‘na ciavatta, ce la caviamo?

  • Santaruina

    Ciao Infettato

    Blondet nell’articolo linkato dà qualche notizia ulteriore:

    In Islanda, l’economia cresceva del 6 % l’anno.

    Le percentuali hanno una loro fascinazione ipnotica, sugli analisti finanziari: nessuno di loro ha probabilmente dedicato un attimo a valutare che quel 6% era la crescita di una cifra che, in assoluto, valeva 300 mila abitanti scarsi.

    E tutti gli strateghi della finanza globale hanno cominciato ad «investire» in quel PIL da piccola città.

    Tanto più che l’Islanda non essendo nell’euro e avendo quindi una moneta (la krona) fluttuante nei mercati dei cambi mondiali, offriva – per ottenere valuta in prestito – tassi d’interesse più che ragguardevoli.

    Specialmente in confronto a quello che rendeva il denaro in Giappone (zero %), in Europa (2 %) o anche in USA (solo da poco 4,5%).

    E così, i genii della speculazione hanno convogliato denaro là.[…]

    Tutto il mondo voleva dare denaro in prestito ai 300 mila islandesi.

    Come stupirsi che l’abbiano accettato?

    Le famiglie l’hanno accettato, comprandosi a credito le cose utili e superflue; gli imprenditori l’hanno accettato, ampliando i loro affari .

    E le banche – che avrebbero dovuto saperne di più – l’hanno accettato altrettanto stupidamente, indebitandosi fino al collo ed oltre.

    Il resto è storia, i debiti prima o poi si pagano.

    Il caso dell’Islanda è balzato subito agli occhi perchè il rapporto debito/pil era del tutto sproporzionato, viste le piccole dimensioni dell’economia Islandese.

    _______________

    Asno, noi al massimo perdiamo la scarpa.

    Ma quelli che perderanno di più saranno molto indispettiti, ed ancora di più lo saranno quelli che avranno fame.

    Argentina docet.

    Vedremo..

    Blessed be

  • chirieleison

    e magari qualcuno pensa che l’Islanda è lontana e che da noi queste cose non potranno mai succedere…

    la lungimiranza della talpa!

  • Asoka

    news fresca fresca: Fmi, accordo con Islanda per 2,1 mld $ in due anni

    più che di saga, parlerei di tragedia… o tragi-commedia… vedi tu ;)

    il mio “tacchino-interiore” inizia ora a preoccuparsi un po’ di più.

    I sogni costano sempre di più… e nessuno vuole più garantirli.

  • anonimo

    Ops non l’avevo letto, mi scuso per la mancanza e ti ringrazio per la pazienza.

    Asno personalmente sono abituato a fare il passo per la lunghezza della mia gamba, in teoria sono tranquillo, come dovrebbe essere tranquillo chiunque abbia valutato le proprie possibilità finanziarie.

    Ribadisco in teoria, eventi come questi anche se sono stati previsti con largo anticipo, non sai mai come si potranno evolvere, i danni che inevitabilmente trascinerà con se, quali proporzioni avranno!?

    Infettato

  • anonimo

    …la parte dell’anima incline al male non puo’ viaggiare se non ascolta la verità del cuore; bisognerà che i meravigliosi dakkar abbiano una vela speciale, tessuta con il filo della Parola Divina, capaci cosi di sopportare i forti venti della collera cosmica e capaci di passare attraverso il sole prima di giungere allla nuova Meta. Sembra che ogni problema sulla terra sia il riflesso di un problema che esiste già nei cieli, coltivare non solo il corpo, ma anche lo spirito ci darà la capacità di dare alle cose il loro giusto valore, il viaggio di questa vita serve proprio ad accrescere le nostre conoscenze e siccome il movimento lento domina quello veloce, é nella calma della certezza nella sola potenza del Creatore, che troveremo noi stessi,la pace, nonostante la crisi…una bancarotta sulla terra puo preparare passi di danza sulla strada dei cieli …chissà???ops! ciao! jam

  • iNessuno

    Tutto va a scatafascio e la gente lo prova quotidianamente sulla sua pelle.

    Da un giorno all’altro ti ritrovi senza lavoro e senza casa, con due soldi falsi in tasca e la testa che ti scoppia.

    Cerchi il futuro in altre terre ma anche lì ti accorgi che sono sull’orlo del precipizio.

    Che fare?

    Lascirasi cadere nel precipizio con incoscienza, trascinandosi dietro il proprio piccolo mondo per sperare nell’oltre o combattere contro un sistema che si sta accartocciando su se stesso e sta bruciando del suo stesso fuoco??

  • tristantzara

    La Icesave,istituto controllato dalla Landsbanki (banca islandese),ha bloccato i bancomat in Gran Bretagna.Hanno smesso di funzionare,operazioni sospese.Letto da autorevolissima fonte.

  • Santaruina

    Chirieleison, bentornata :-)

    Ovviamente da noi queste cose non capiteranno mai, ci penserà il silvio in persona a sistemare le cose.

    _________

    E’ una tragicommedia, Asoka.

    Di quelle che iniziano con canti e balli.

    ________

    Jam: una bancarotta sulla terra puo preparare passi di danza sulla strada dei cieli

    Davvero, chissà.

    Blessed be

  • Santaruina

    Nessuno, che fare?

    Aspettare fiduciosi l’evolversi della situazione, per ora.

    Prepararsi.

    E cogliere i segni.

    __________

    Tristantzara, proviamo ad immaginare quando Unicredit farà la stessa cosa in Italia*, quali saranno le reazioni.

    (*tanto per fare una ipotesi fantasiosa…)

    _______________

    Infettato, articolo interessante.

    A volte penso che sarebbe stato utile se tutte queste discussioni si fossero fatte qualche anno fa.

    A presto

  • anonimo

    I conti si devono pagare, è vero,è giusto…….. ma noi non riusciamo a pensare al debito pubblico che abbiamo sulla testa?

    Si devono ASSOLUTAMENTE rivedere le regole dell finanza.

  • anonimo

    Forse gli Islandesi andranno a fare i pescatori… bello! E noi Italiani? Proprio gli Islandesi chiamano noi italiani: Vino! Una profezia per noi? Ritorneremo a coltivare le nostre vigne e a produrre il Vino, come ai tempi di Noè, che piantò per primo la Vite… La crisi cominciata al Nord arriverà presto anche da noi, lo sappiamo tutti, ma non vogliamo convincerci; la crisi in atto è voluta dall’Alto dei Cieli, non possiamo fare nulla se non salvare il salvabile: imparare a pescare e a produrre il Vino, cioè ritornare al lavoro dei campi; la pseudo-civiltà tecnologica è finita, presto comincerà la crisi energetica, poi la crisi… e sarà la fine di questa umanità; prepariamoci. C’è anche chi prevede una grande guerra il 9.9.2009, si salverà un terzo dell’umanità. Tutto ciò era già prevvisto con anticipo di secoli, ma né i nostri politici, né gli scienziati ci hanno mai messo in guardia eppure lo sanno, sanno tutto al millimetro. Quindi se siamo alla fine occorre diventare religiosissimi, sconfiggendo in noi stessi quel laicismo imperante che ha distrutto la Civiltà cristiana europea… per un piatto di lenticchie. Buona meditazione. Nabi.

  • Asoka

    ot: ottime le modifiche al template, mi piace ;)

  • Santaruina

    La questione delle regole è assai complessa.

    Se si riflette su chi quelle regole le fa.

    _______________

    Ciao Nabi, forse fra poco ci sarà molto tempo a disposizione per meditare.

    A presto.

    _________

    Ciao Asoka, ti ringrazio.

    Non essendo un esperto nel campo per modificare il template ho dovuto procedere a tentativi.

    Ma è da quando ho inugurato il blog che volevo un template a tre colonne, solo che non ero mai riuscito a modificarlo in maniera corretta.

    Blessed be

  • CeciAlcyone

    uau, hai aggiunto la colonna di destra! che bravo, apprezzo molto queste aggiunte che razionalizzano gli spazi :-)

    comunque per risollevare le sorti dell’economia islandese portremmo fare le solite opere di beneficenza, tipo ripristinare il precetto del venerdì-pesce che, se non erro, al tempo era stato utilizzato per finanziare la pesca in norvegia che aveva subito un tracollo…

  • Santaruina

    Ciao Ceci, tra qualche mese magari qualche paese straniero istituirà il precetto mercoledì-pasta per venire in soccorso a noi… :-)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>