Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
31 gennaio 2014

Yohio, l'uomo nuovo

Prendi un diciottenne svedese, appassionato di musica metal e di cultura giapponese, discretamente bravo nel suonare la chitarra ed affascinato dall’immaginario pop nipponico.
Mescola tutto insieme: quello che ne esce fuori è difficilmente immaginabile, si fa prima a darci un’occhiata.


Lui è Yohio, al secolo Kevin Johio Lucas Rehn Eires, figlio di Tommy Rehn, cantante dei Corroded, band heavy metal scandinava.
All’età di dieci anni scopre il mondo dei manga, impara a parlare fluentemente il giapponese mentre sotto lo sguardo compiaciuto del papà si avvicina anche al mondo della musica.
Unendo le sue passioni, inizia a comporre canzoni, influenzato dal sound metal tipicamente scandinavo e cantando in giapponese, e acquista una certa popolarità in terra nipponica anche grazie al suo look particolare.
Yohio, infatti, pur suonando essenzialmente un hard rock dalle influenze metal, si esibisce vestito da lolita, e nei suoi videoclip predomina l’estetica kitch e colorata tipica della moda giovanile giapponese.
Una volta gli scandinavi se ne andavano in giro a bruciare villaggi ed a depredare monasteri, adesso a quanto pare preferisono cantare vestendosi da lolite.

Il giovane svedese quindi a suo modo rappresenta una perfetta sintesi del nuovo uomo che da qualche tempo si va plasmando, multiculturale, aperto ad ogni forma di influenza, senza un sesso preciso.
Il suo successo tra i giovani nipponici dimostra anche che ormai le nuove generazioni sono pronte ad abbracciare definitivamente tale modello, incapaci di vedere in tutto questo alcunchè di strano.

Yohio col papà Tommy, che gli fa anche da manager
 

Si veda anche a proposito il nuovo libro di Gianluca Marletta ed Enrica Perrucchietti, UNISEX. LA CREAZIONE DELL’UOMO SENZA IDENTITA’.

 

196 comments to Yohio, l’uomo nuovo

  • Un commentatore su youtube ha detto la cosa migliore che si potesse dire a proposito.

    “That moment when you’ve spent so much time on the internet your brain doesn’t even see anything strange”

    E’ proprio così: il bombardamento mediale a cui siamo sottoposti, la propaganda che esalta in tutti modi questa nuova consapevolezza dell’andare oltre le “vecchie costrizioni” maschio – femmina, tutto questo ha lo scopo di normalizzare fenomeni come questo, portando i giovanissimi a non vederci nulla di particolarmente strano.

  • Anonimo

    A me non sembra UNIsex. Non mi sembra uno nè carne nè pesce, appaittito. Anzi, direi che la componente femminile è molto accentuata, e nonostante ciò la voce è tenuta maschile, senza curarsi troppo per la dissimulazione.
    Qui è proprio BIsex. E’ sia carne che pesce.

    Sorvolo sull’infelice commento sugli avi scandinavi :P

  • Stella

    Dimenticato di firmare. Mio il commento di prima.

  • Unisex o bisex ai fini del discorso penso non cambi molto..

    E il commento sui suoi avi era una semplice constatazione.
    Dal walhalla giungono urla strazianti di disperazione, quando i guerrieri che là riposano vedono quello che combinano i loro pro-pro nipoti :-)

  • Stella

    In realtà cambia.
    Un modello più vicino al concetto di UNIsex è forse il metrosexual, e il tipo di pensiero solitamente che abbraccia è ‘Ma chi ha detto che un uomo debba essere così e non possa esser eun pò più ‘curato’? ‘. Basta vedere la mania dilagante della cura, per capire a cosa si sono prostrati. E’ comunque più giocata sull’ambiguità del dubbio. E’ giocare tra i limiti.
    D’altronde, se le domande non te le poni tu per primo, il dubbio ti verrà insinuato da qualcun altro…che sia la moda del momento o che altro.

    Qui invece mi pare proprio che per il dubbio non ci sia spazio! Anzi, mi sembra una forte dichiarazione di volere entrambe le cose.

    Qundi cambia…eccome se cambia.
    Cambia se la posizione è sul dubbio o se la posizione è stata scelta, definita; seppur inconsueta.

  • Questo è il punto finale, infatti, del metrosexual.
    Yohio risponde alla domanda: “ma perchè un ragazzo non può truccarsi e vestirsi come una ragazzina, cosa lo impedisce?”, quindi va al di là del suo sesso anagrafico ed assume l’aspetto che più gli aggrada.
    Supera definitivamente i confini maschio-femmina, e si presenta con l’estetica che lo ispira, a prescindere.
    Non è semplicemente un uomo che si veste da donna, effeminato.
    E’ qualcosa che va oltre.

  • Sergio

    Un saluto al curatore e a tutti.  Giustissimo il timore per l’effetto desensibilizzante del Web sulle giovani anime che ingollano tutto.  E’ singolare inoltre come i paesi del Nord, i più vicini al Polo geografico, siano i più solerti nel realizzare le possibilità più periferiche che segnano quest’epoca. Il giovinotto in ogni caso fa proprio pena, e suo padre ancor di più!
     

  • Stella

    Non sono sicura di aver colto la differenza fra “va al di là del suo sesso anagrafico ed assume l’aspetto che più gli aggrada(…)con l’estetica che lo ispira” e “semplicemente un uomo che si veste da donna, effeminato”

  • Manfred

    Il problema non è lei/lui  sono essi/esse che la/lo ascoltano.   

  • Ciao Sergio

    E’ singolare inoltre come i paesi del Nord, i più vicini al Polo geografico, siano i più solerti nel realizzare le possibilità più periferiche che segnano quest’epoca.

    I paesi nordici in particolare sono all’avanguardia in queste tendenze, e sono anche quelli in cui un certo tipo di propaganda di massa ha fatto più presa.
    Prima addomesticati, e poi pronti ad assorbire una nuova morale.

    Manfred

    il fatto è che i giovanissimi che lo ascoltano sono ormai abituati ed assuefatti a queste cose, quindi per loro questa è la “normalità”.

  • ikalaseppia

    A Nerone sarebbe piaciuta/o. 

  • Anonimo

    Qui in Svezia si sono inventati anche il pronome di genere neutro riferito a persona. (http://www.polarimagazine.com/editorial/gender-neutral-pronoun/) Han=lui, hon=lei, hen=loi(?!?). In alcune scuole primarie è addirittura obbligatorio riferirsi a lui/lei con il “loi”. Ne discutevo con un amico svedese, che non approva questa svolta oltre la parità e verso l’annullamento di genere. In quella occasione mi ha raccontato un aneddoto relativo a un dibattito tra femministe a cui aveva assistito, in cui ci si interrogava perlappunto sulla uguaglianza o sulla parità tra maschi e femmine. Una donna aveva deciso di comprare come giocattoli per sua figlia, invece che le classiche bambole, dei modellini di automobile. Ne era risultato che la bambina ci giocava il gioco della famiglia con papà automobile, mamma automobile e figli automobiline. 

  • Anonimo

    ideologia del genere..(Onu…) nuovi principi assoluti  spacciati per diritti umani ed a cui si stanno (forzatamente) adeguando tutte le legislazioni degli stati, distruzione pianificata della famiglia (il bombardamento sui bambini e gli adolescenti è chiaramente funzionale allo scopo… )
    http://www.rassegnastampa-totustuus.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=143
    Ecuador: President Rafael Correa says “gender ideology”



    ps i “baci” lesbo non si contano più….m
     

    • Anonimo

      Gabriele Kuby, la sociologa tedesca ex sessantottina convertita al cattolicesimo, autrice di Gender revolution. Il relativismo in azione (Cantagalli, Siena 2008), amica di Benedetto XVI, afferma – in una intervista al settimanale Tempi ‒ che dietro la rivoluzione sessuale globale «si cela una strategia delle élite di potere, dall’Onu all’Unione Europea, all’alta finanza».
      E prosegue spiegando che quando dice Onu e Unione Europea intende «l’intera rete di impenetrabili sotto organizzazioni: di queste fanno parte gruppi industriali globalizzati, grandi fondazioni come Rockefeller e Guggenheim, persone molto ricche come Bill e Melinda Gates, Ted Turner e Warren Buffett, o grandi Ong come la International Planned Parenthood Federation e l’Unione internazionale delle lesbiche e degli omosessuali (Ilga). Tutti questi soggetti lavorano nei livelli superiori della società avendo a disposizione enormi risorse economiche, e tutti hanno un interesse comune: ridurre la crescita della popolazione su questo pianeta. L’aborto, il controllo delle nascite tramite contraccettivi, la distruzione della famiglia:
      tutto questo serve lo scopo della creazione di un  nuovo ordine mondiale».
      http://www.tempi.it/il-sesso-selvaggio-e-il-gender-mirano-a-distruggere-la-famiglia-e-creare-un-nuovo-ordine-mondiale#.Uw4XLbmYbyd

  • mimmo

    … giudicare è perversione;scandalizzarsi per come, e cosa e chi si vuole essere.Il mondo ideale è quello in cui ognuno può essere quello desidera senza subìre pressione e giudizio alcuno.Il problema grosso è quanto incide , nella scelta, il Sistema.Il Sistema condiziona l’essere umano in funzione della gestione del Potere.
    Le tendenze mascherano i disegni del Sistema e quindi chiedersi quanto genuino può essere il desiderio di essere “nuovo”, ovvero “diverso”, è leggittimo.
    Insomma…bravo Yohio…a prescindere :-)
     
     
     
     

  • Manfred

    Questi giovanissimi avranno dei padri e delle madri , ma forse non basta, (qui sta il problema) anche dei nonni e delle nonne ai quali le definizioni  genitore uno e due in una democrazia cibernetica dovrebbero suonare come fantascienza in  un B-Movie.

  • Max

    Più che lo spirito della musica e dell’arte in genere , in queste situazioni, contano i soldi. Finchè recitare la parte dell’asessuato fa tendenza e implica attenzione, curiosità e scandalo per almeno qualche anno i guadagni sono assicurati. Quando passa l’onda del successo si cambia il look e le idee sia musicali che politiche  per non perdere il successivo treno altrimenti si è fuori gioco e si finisce nel dimenticatoio. Guardate la trasformazione di Renato Zero : da giovane scodinzolava  effeminato sul palco vestito da galletto multicolore sciorinando canzoncine pop, poi è finito nel dimenticatoio perchè non era più di moda impoverendosi economicamente. Adesso canta vestito da prete malinconiche canzoni strappalacrime ed è diventato una sorta di profeta-predicatore religioso.  Chi deve faticare per mettere il pranzo con la cena non ha tempo per seguire le mode sceme . Forse gli svedesi ,poveracci ,sono alla frutta tant’è che  le masse di immigrati islamici, sempre più numerosi, mettono a ferro e fuoco tutti i paesetti della periferia cercando di imporre la sharia. Prima o poi saranno violentemente travolti e gli Yohio di turno faranno ohio ! ohio ! indovinate come .   Allora ,quando sarà troppo tardi , rimpiangeranno gli antichi virili vichinghi !
     
     

  • Qui in Svezia si sono inventati anche il pronome di genere neutro riferito a persona.

    infatti, l’aspetto interessanti in fenomeni come quello del giovane svedese sta proprio nel fatto che sono espressione massima di una tendenza da qualche tempo in atto.
    Una tendenza che nei paesi scandinavi si sta diffondendo alla grande, e che ha fatto la sua timida comparsa anche da noi, come ad esempio con l’introduzione dei termini “genitore1 e genitore2” nella burocrazia scolastica.

  • Abraxas

    Ciao Santa, perdonami se vado OT ma volevo sapere cosa ne pensavi del nuovo libro dell’editore Venexia “I Signori della mano sinistra”. Lo hai letto? A me pare molto interessante anche se ovviamente dalla breve descrizione sembra sia favorevole all’utilizzo delle tecniche “dissolutrici”. 

  • Ciao Abraxas

    no, non l’ho letto.
    effettivamente dalla descrizione emerge un parere favorevole dell’autore su un certo utilizzo della via della mano sinistra (Non si tratta dunque di un sentiero nefasto intrinsecamente malvagio, quanto piuttosto di un canale importante per il profondo desiderio umano di libertà e controllo del proprio destino.)
    Non potrei essere meno d’accordo su questo.

    Tuttavia, in una recensione del libro leggo quanto segue:

    Secondo l’Autore, l’età moderna fu l’inizio della diffusione a tappeto in Occidente delle idee “sinistre” col Rinascimento (che metteva l’uomo al centro del mondo), l’Illuminismo (con la ragione trionfante sulla religione), il Romanticismo (con la rivalutazione romantica del diavolo come simbolo dell’ambivalente anima umana, fino alla “volontà di potenza” di Nietzsche).
    In un capitolo viene analizzato il fenomeno del nazismo, assurto a simbolo stesso del male, di cui vengono rievocate cosmologia e cerimonie.

    http://www.spaziofatato.net/recflowers.htm

    Penso che il libro meriti una lettura, e l’analisi storica dell’influenza di questa via nello sviluppo della modernità diviene doppiamente interessante dal momento che è svolta da un autore non a priori contrario ad essa.

    A presto

  • Eugenio

    io mi stupisco che questa dolce fanciulla… poi abbia un vocione da demone.
    E’ posseduta? E’ un demone travestito?

  • Abraxas

    Grazie mille della risposta Santa. 

    Tornando In Topic,
    non è possibile che ci troviamo di fronte alla parodia del concetto ermetico di androgino?

  • Doulos

    Mi pare che ci sia un frainteso di base – e lo dico sapendo cose, come genitore suo malgrado profondamente più cosciente, temo di chi qui stia postando, del baratro nel quale già si muove l’universo preadolescenziale anche italiano.
     
    C’è un frainteso perché esiste una chiave di volta, del tutto analoga a quella della risurrezione di Gesù nel contesto della tenuta dell’annuncio evangelico, del quale si cercò di discutere poco fa. Voglio dire esiste una chiave di volta interpretativa per tutti i fenomeni identitari, e va esplicitata se no come al solito non ci intendiamo usando vocabolari e grammatiche differenti, poi non intendendendosi e sospettando il male – rigorosamente nell’altro – finiamo senza dubbio a sassate e bastonate.
     
    Da dove è lecito provenire l’identità individuale?
    Da dove proviene la natura dell’individuo?
     
    La risposta a questi quesiti va poi seguita coerentemente.
    Il povero disgraziato del video e dell’articolo, e l’ancora più disgraziato genitore (non a caso) sono coerenti esempi di quel credo che afferma in sé la provenienza di ogni criterio di natura e di identità. Do what thou wilt, che nel tempo a noi è arrivato coniugato anche come be who thou wilt. Bisogna capire che questo è il futuro generazionale per una società ripiegata sul proprio ombelico, che fa dell’imperativo “no limits, no fear” il proprio mantra. Se il senso della mia vita è in me, se ne sono il padrone, se la libertà dalle costrizioni e dai limiti imposti ed esterni alla mia volontà è il paradigma, allora perché pensare alla dicotomia sessuale? Perché mai dovrei essere limitato, circoscritto nello spazio e nel tempo ad una appartenenza di genere? Perché non oggi maschio, domani femmina, dopodomani ambedue ed il giorno dopo nessuno dei due? Se è ingiusto rinchiudere nel recinto della coppia eterosessuale (e fissa!) il termine matrimonio, allargandolo a coppie omo, perché mai limitarlo alla coppia? E perché mai limitarlo alla sola coppia di homo sapiens? Perché non sarebbe lecito il matrimonio fra tre uomini, due donne, un cavallo ed una zanzara? Solo per la difficoltà a registrare l’assenso del cavallo?
     
    Si tolga IL riferimento assoluto ed esterno per l’uomo, e la barbarie dell’indifferenziazione busserà alla porta in alcune generazioni. E’ già stato così, più e più volte, ma tanto non impariamo. Solo che a questo giro la dimensione sarà planetaria.  Qualche società, come quella svedese, o quella tedesca o svizzera, è più in fondo e ci attende nel baratro, ma è lì che si scende in caduta libera. E guai a chi oserà essere differenziato!

    • Anonimo

      Bel post e condivido in pieno.
      Levato Dio, come disse non so chi, si dovrà combattere per affermare che 1+1 = 2.
      Infatti non si capisce piu’ perche’ si debba in qualche modo limitare la liberta’ di scelta e di azione, cadra’ anche il limite che vedeva nella liberta’ dell’altro il limite della tua liberta’.
      Questa ricerca della liberta’ personale poi e’ paradossale e’ chiaro che Dio stesso e’ liberta’ e che dunque per essere davvero piu’ liberi  occorre avvicinarsi a Lui non allontanarsene, non si diventa piu’ illuminati allontanandosi dal fuoco.
       
      XYZ

  • Doulos

    o con altre parole:
     
    Perciò Dio li ha abbandonati all’impurità secondo i desideri del loro cuore, sì da disonorare fra di loro i propri corpi, poiché essi hanno cambiato la verità di Dio con la menzogna e hanno venerato e adorato la creatura al posto del creatore, che è benedetto nei secoli. Amen.
    Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento. E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d’una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno, colmi come sono di ogni sorta di ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d’invidia, di omicidio, di rivalità, di frodi, di malignità; diffamatori, maldicenti, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, fanfaroni, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia. E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa.
     
    e spero che nessuno voglia farti dei casini, Carlo, accusandoti di omofobia per avere ospitato una citazione dell’apostolo Paolo, nel qual caso taglia pure il commento.

  • Doulos

    Bisogna capire che questo è il futuro generazionale per una società ripiegata sul proprio ombelico, che fa dell’imperativo “no limits, no fear” il proprio mantra. Se il senso della mia vita è in me, se ne sono il padrone, se la libertà dalle costrizioni e dai limiti imposti ed esterni alla mia volontà è il paradigma, allora perché pensare alla dicotomia sessuale?

    Si stanno vedendo i frutti di una rivoluzione ideologica che ha avuto luogo diversi secoli fa.
    Quello che fino a poco tempo si fermava ancora a livello di teoria e “filosofia”, ora è diventato atto.

  • Omonimo

    [Translation]

    SKY☆LiMiT
    You were there 
    I still remember that
    Someday I wish to become an intensely shining star
    From beyond Orion
    You’re looking for something
    When you find Sirius
    That’s where I’ll be
    Definitely
    To make sure it reaches you
    I spangled the sky with stars 
    They shine upon the world of tomorrow
    I want to be by your side
    To protect you for eternity,
    I embraced a dream, but it won’t reach you

    • Doulos

      ecco, privato dell’incomprensibilità dei fonemi nipponici il testo fa ancora più chiaramente riferimento ad una realtà luciferina, avevo sì colto la stella nel titolo, ma una rondine non fa primavera, qui invece c’è un intero stormo.
       
      Il lucifero portatore del superamento del limite, come già ai tempi di Eden, ed i suoi vecchi nuovi nephilim.

  • daouda

    Vi siete mai chiesti perrché queste cose siano da appioppare solo ai bianchi cristianoidi, o perlomeno, a loro per primi?

    • Anonimo

      Se tu lo hai fatto mi piacerebbe leggere il tuo pensiero!
       
      XYZ

    • Doulos

      si potrebbe anche ribaltare il quesito e domandarsi come mai siano le società postcristiane (cristianoidi) occidentali (Svezia, Svizzera, Francia, Croazia, Spagna) a lasciarsi infettare per prime da questo tipo di virus, scambiandolo pure per il più alto tasso di evoluzione dell’intelletto e dell’anima.
      E ci sarebbe un’altrettanto meritorea richiesta di attenzione al perché di tutt’un’altra musica nella cultura moscovita dell’ex comunista Putin.

  • orange

    cristianoidi?..
    tuttaltro..tuttavia comprendo perfettamente i teen agers nipponici,vivere con fukushima dentro casa e il caro zio Kim fuori la porta non depone bene..il rischio di venire di nuovo nuclearizzati e più alto di quello che si possa immaginare..una crisi d’identità ci può tranquillamente stare..qui da noi invece..per andare in crisi d’identità basta un “politico” ex-comico..non so se notate la differenza..eh eh..

  • orange

    ma questa è tutta un’altra storia..

  • francesco da pisa

    Io solo una cosa so (su questo argomento): che un maschio, in qualsivoglia modo abbia scelto di essere maschio, alla fine della sua vita potrà guardarsi indietro e vedere un orizzonte che gli viene incontro; che una femmina, in qualunque modo abbia interpretato e vissuto la sua natura di femmina, alla fine della sua vita potrà guardarsi indietro e vedere un orizzonte che le viene incontro; e che un cesso di mezzo, che ha giocato con la propria natura e con il proprio destino, per il gusto di azzardare IL MINIMO (in verità!), non sarà capace di guardarsi indietro, non ne avrà il coraggio, e davanti a sè non vedrà nulla di niente. Molto dispiaciuto per questi diabolici esseri che vivono nel sotterfugio, ma è quello che si meritano….
    La mia considerazione non fa di tutta un’erba un fascio, voglio precisare: ci sono esseri che hanno vissuto o vivono una “sessualità” – nel loro caso altro non è che lo specchio della loro nostalgia di un’originaria Energia Vitale – che sono molto molto vicini al mio cuore, molto più di un maschio-maschio o di una femmina-femmina senza coscienza e responsabilità….
    Alla fine la colpa vera e propria è fare le cose, o essere delle maschere, solo perchè conviene……………
     

    • Alla fine la colpa vera e propria è fare le cose, o essere delle maschere, solo perchè conviene…

      già, perchè questa è l’aria che tira, ed è conveniente seguire la corrente..

  • A proposito di “cristianoidi”

    Nell’occidente contemporaneo ci sono i cristiani, i cristianisti e i post cristiani.
    I primi credono in Cristo, i secondi in una improbabile “civiltà cristiana” e i terzi sono portatori di valori “secolari e laici”.
    A livello di media lo scontro ideologico è tra cristianisti e post cristiani.
    Non si tratta di uno spettacolo edificante.

    • ujjj

      Ciao,
      leggendo di questo contrasto e  un precedente commento sulla “mano sinistra” mi è venuto in mente un personaggio di cui ho letto poco tempo fa, tal julius evola. Mi chiedevo se in questo blog si è parlato di esoterismo e fascismo, relazione molto forte di cui ho scoperto da poco l’esistenza o se se ne parlerà in futuro
      Grazie.

  • orange

    @ ujjj
    non è facile parlare qui come altrove di esoterismo e complottismo senza beccarsi epiteti scontati..ma noi cavalieri della croce abbiamo la corazza dura sebbene lacerata dai colpi e dal tempo..

  • Ciao ujjj
    Mi chiedevo se in questo blog si è parlato di esoterismo e fascismo, relazione molto forte di cui ho scoperto da poco l’esistenza o se se ne parlerà in futuro

    Non ho mai scritto un articolo direttamente dedicato ad Evola, anche se di lui è capitato di parlare diverse volte nei commenti.
    Fu un personaggio sicuramente interessante, dalle buone conoscenze, ma era convinto che l’idea di tradizione che aveva in mente si potesse apliccare nuovamente nel suo tempo con l’apporto di movimenti politici.
    In termini tradizionali, un pensiero del genere è contradditorio, per usare un eufemismo, dal momento che i movimenti politici della modernità sono i primi risultati della decadenza.

    E il rapporto che ebbero i movimenti politici dell’epoca (fascismo ed anche nazismo) con un sostrato esoterico (o per meglio dire pseudo-esoterico) rientra perfettamente nel concetto di parodia, di cui poco prima si era parlato.

    A presto

    • ujjj

      grazie della risposta,
      come dicevo mi sono imbattuto da poco nel personaggio  leggendo alcuni articoli riguardanti il suo libro “imperialismo pagano”, con alcune tesi di cui nel web si parla con molta nonchalance ma che a prima vista mi sono sembrate come minimo un po’ inquietanti. Conoscendo poco l’argomento penso che approfondirò. ciao

  • manlio

    ma ‘stu givannotto biondina è nu veru satanassu…e pure nu pocu bono, che ‘nte preoccupà, io davvero ce lo ‘ncarcaria tra li chiappozzi belli freschi se me lo lasci dentru ‘na cella tre metri per quattru…esutericu non esutericu che devi capì co ‘sti givanotti moderni, cantanu, ballanu, bevunu, se truccanu e pensano a non pensà e lu babbu barbutu e capellutu anch’essu lassa fà, tanto tutto fa business…ma insomma ve piace o non ve piace ‘sta modernità? tantu se non piace chi mai la pò più levà!

  • Manfred

    E il rapporto che ebbero i movimenti politici dell’epoca (fascismo ed anche nazismo) con un sostrato esoterico (o per meglio dire pseudo-esoterico) rientra perfettamente nel concetto di parodia, di cui poco prima si era parlato.
     
     

    Questa versione universalmente acclarata dei fatti certamente rientra a pieno merito nella definizione del concetto di parodia, al patto che si usi il suddetto 
    vocabolo nel significato più popolare del termine.
     

  • Entronauta

    La  Scelta ….
    vogliamo scegliere di rimanere degli esseri UMANI ? Se si ,ci dobbiamo preparare. 
    un’intervista di Veronesi l’oncologo….
    tratto dal libro “unisex .la creazione del’ uomo senza identità” di Enrica Perucchetti Gianluca Marletta …..
    Postato su EFFEDIEFFE nota 2 all’ articolo …. “il << Grande Adesso >> che ci ha ucciso il futuro “…. Di Maurizio Blondet 
    il Veronesi dice…. << ha senso(…) che per avere un figlio ci vogliano sempre e comunque un maschi ed una femmina ? Dopotutto non pochi esseri primordiali si perpetuano per autofecondazione . Certo , per le  speci evolute la dualità maschio- femmina è parsa sempre inderogabile . Ma possiamo dirlo ancora dal momento che siamo capaci di manipolare il DNA e di clonare ?>> Poi << la transessualità ( Veronesi commentava le vicende di Marrazzo e Lapo Elkann)  non deve inquietare perché biologicamente potrebbe trattarsi  non di deviazione !ma semmai di un ritorno alle origini. Andiamo verso una sessualità nuova ,più ampia, che può comprendere il travestimento>> aggiunge il chemio terapista <<quello omosessuale è l’amore più puro al contrario di quello eterosessuale , strumentale alla riproduzione>>
    Nulla di buono ragazzi io ho scelto …. Voi che fate ?
    Ciao Carlo ….. Ciao Fra …
     
     

  • orange

    ci ridiamo sopra..
    Dottore,ho un problema:spesso mi capita di soffrire di uno sdoppiamento della personalità.
    -Non si preoccupi,ora ci accomodiamo tutti e QUATTRO e troviamo una soluzione..eh eh eh..

  • Abraxas

    Su Border Nights c’è stato un incontro con Enrica Perucchietti, l’autrice del libro segnalato nell’articolo di Santaruina. Si parla anche di Obama, del Nuovo Ordine Mondiale (della quale la Perucchietti ha scritto), di DMT e del “terzo occhio”. 
    http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-110-04-02-2014

  • Pyter

    Vediamone anche gli aspetti positivi.
    Se queste tendenze prenderanno definitivamente piede, la presidenta del consiglio non potrà più accusare di sessismo chi la critica.
    E viceversa. Nessuno si incazzerà e quindi si azzufferà perché colpire in mezzo alle gambe potrebbe essere inutile.
    Si daranno tutti del “loi”.
    In Sardegna siamo già avanti perchè tanti fanno già Loi di cognome.
    Si potrebbe già fare una legge per estendere anche agli altri il diritto di chiamarsi Loi.
    La fecondazione avverrà così: ci si siede uno davanti all’altro (e contemporaneamente l’altra davanti all’uno), Loi davanti a Loi (non avremo neanche bisogno di scegliere un cognome, perché saremo tutti Loi, matriarchi e patriarchi fusi in unico ceppo), allungheremo la mano e ci riprodurremo con normale prassi onanista.

  • Entronauta

    Forte Pyter…… Mi sollevi l’animus  
    Ciao gigi 
     

  • francesco da pisa

    @ entronauta
    ” vogliamo scegliere di rimanere degli esseri UMANI ? ” … Io non posso scegliere di rimanere un essere umano, io lo sono e non potrei essere altro. Semmai, la scelta è tra pensare di esserlo oppure… convincersene. … E chiaramente per convincersene non basta pensare di farlo, o farlo pensando, bisogna proprio SENTIRLO. … …. Io non riuscirei, semplicemente “volendolo”, a non rimanere un essere umano, cioè un Essere, la cui sensazione di sè è luce eppure non si vede e non c’è specchio davanti al quale possa vedersi… un Essere il cui sentimento di sè è l’assenza di tempo, e l’assenza di morte… e un Uomo in carne ed ossa, la cui prima sensazione è il calore del suo corpo e il cui primo sentimento è la presenza della sua materia, qui e ora. Io sono allo stesso tempo quell’Essere e quell’Uomo e non posso essere altro. … MA … se non me ne convinco in fretta, che io sono proprio quella cosa lì, cioè le prime sensazioni e i primi sentimenti che mi accompagnano, e non tutte le altre stronzate che sopravvengono in un lampo di tenebra … se non mi convinco di questo… succederà che -x-senza compiere alcuna scelta-x-, ma semplicemente lasciandosi trasportare dalle influenze che ci attraversano, muterò stabilmente in un nuovo tipo di creatura del sub-mondo, di cui……….. il vampiro assassino dell’ex ministro della salute … è sicuramente un bell’esempio di guardiano. …

    Ciao Gì (ci sentiamo appena mi sono convinto di qualche cazzo di cosa).

    P.S.: Pyter, la mummia babilonese è già “presidenta del consiglio” ?! Forse un giorno… presidenta del consiglio del Gambia o del Benin (senza offesa per i due onorabili paesi).

  • Gonad

    Sono d’accordo con la tua preoccupazione, solo in quanto è spettacolarizzata e mercificata, non tanto perché lui rappresenta una figura androgina. Se oggi escono fuori figure del genere è perché non ci sono più divieti come nel passato, in un certo senso comportamenti del genere in un passato vicino erano ritenuti comportamenti deviati, oggi non più e quindi se una persona sente di non avere un particolare istinto sessuale (che gli viene detto dalla nascita deve essere tale perché maschio o femmina) si comporta nel modo che sente. Ci sono maschi che nascono effemminati e donne mascoline, oggi non ci sono taboo e quindi si è più liberi di esporre questa natura. Che poi queste categorie si trasformino in lobby e che alcuni poteri ne approfittino per veicolare alcuni messaggi ebbene quello è un altro discorso (importante sicuramente), ma in una società libera i gusti sessuali o l’aspetto, non devono essere un problema e sono appunto liberi. E’ un problema quando diventano un modo per dichiarare la propria identità, quando ci si fonda il proprio vissuto (che è quello che fanno molti omosessuali attuali, non tutti). Infatti i Greci e i Romani e molti popoli antichi non vedevano l’omosessualità come un problema, semmai per i greci lo diventava quando diveniva un vizio, un dominio dei sensi e i greci erano anche una società tutto sommato maschilista. Anche in questo caso l’androginità del tipo è pericolosa perchè diventa un modo per dichiarare la propria identità, perchè si trasforma in vizio, in merce da vendere, non tanto perchè è un tipo effemminato. Sono cose sempre esistite queste. Il pericolo di questi comportamenti è la loro mercificazione, il confonderli con la personalità della persona, farli diventare un modo per trasmettere valori (?) e modi di agire. Ognuno è quello che é, basta non imporsi.

  • un uomo (o una donna) senza un’identità sessuale ben definita è ancora più facile da controllare di un apolide (ormai definirsi nazionalista è diventata una vera e propria blasfemia)…
    SI SONO NAZIONALISTA
    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

  • Anonimo

    “Vietato vietare” era un motto che gli adolescenti avevano scritto sulle magliette negli anni novanta, oggi come oggi sono passati a “l’ amore si fa in tanti”, abbinato a quel florilegio di “fratello-zio-cuggino” che gli arriva dai loro idoli e la famiglia tradizionale è spacciata con due t-shirt e quattro saltimbanchi, ovviamente la famiglia mandria.
    Contrariamente a quanto letto qualche commento sopra, io credo che loro, gli adolescenti, siano diametralmente opposti dal voler affermare il proprio Io su questa terra, mai più nella vita come a quell’ età si cercano consensi nel prossimo e da esso venire accettati.
    Da sempre è a quell’età che si cerca l’ingresso nel gruppo, branco, compagnia, ultimamente guarda caso la chiamano famiglia; e si compiono le azioni che segneranno i prossimi venti anni di vita.
    Non c’è quindi da stupirsi se l’ adolescenza sia il loro (dei cattivi) obiettivo primario anzi, addirittura credo che cerchino in tutti i modi di farla arrivare il prima possibile…è strampalata come teoria però ormoni nel latte in polvere, estrogeni nelle prime pappe, alla fine provocano mestruazioni a otto anni e barba a nove…
    Tornando a quel fenomeno da baraccone di cui sopra ( con tanto di padre che gli fissa la bocca ) io non so fino a che punto possa essere una mossa propagandistica vincente.
    Mi spiego, a parte i soliti pedofili sbavosi a cui piace infliggere dove sanno di non trovare resistenze che accoglieranno il fenomeno come una nuova ondata di possibilità, fare breccia tra gli adolescenti è cosa assai più ardua, sopratutto se atteggiamenti del genere diventano di massa ed il gruppo di cui fai parte si schiera contro…ora, io non so che calcoli abbiano fatto i loro stregoni, ma fenomeni così estremi in un età estremamente instabile come l’ adolescenza possono catapultare l’ adolescente all’ estremo opposto….io sinceramente mi preoccuperei di più per il loro genitori, mandrie di 30/40enni falliti ex-qualcosa ma ancora adolescenti che si aggirano spasmodici alla ricerca di qualcuno che gli possa attaccare un cappello nuovo, risollevandoli dal loro vuoto esistenziale, esimendoli dalle loro responsabilità di genitori, permettendogli di continuare ad accollare le colpe dei propri figli sulle spalle degli altri e lasciando inalterata la loro eterna adolescenza (di entrambi).

  • Manfred

    Anonimo
    Potresti almeno firmarti con uno pseudonimo perché oltre a scrivere molto bene dici cose estremamente sensate, anch’io penso che i tempi siano maturi per una inversione di tendenza. Gli adolescenti useranno anche gli smart phones ma recentemente gli ho rivisti seduti per terra , o nei luoghi più strani ad amoreggiare e confrontarsi  con i pari età ed erano almeno vent’anni che non si vedevano queste manifestazioni di naturale esuberanza ormonale. 
     

  • Doulos

    vietato vietare, naturalmente coniugato nella lingua indigena, fu scritto sui muri della Sorbonne nel 1969 ed immortalato da uno scatto in bianco e nero che probabilmente qualcuno più bravo di me riuscirà a reperire in qualche archivio sulla rete. Poi come al solito lo ritroviamo negli stessi anni, scimmiottato dalla logica delle parole d’ordine anche a Milano, Bologna, Padova…
     
    Difficile che la mela caschi lontano dall’albero.
     
    Per il resto esiste un’interessante tendenza simile all’aumento dell’entropia in un sistema chiuso, anche per le dinamiche dell’anima umana. Gesù lo sapeva, i Padri non si sono mai aspettati altro. E’ sempre a disposizione l’opzione attendi e vedi, naturalmente, ma quella è proprio la disposizione da bestia che già dichiara lo stato spirituale nel quale ci muoviamo – il saggio dovrebbe sapere leggere un minimo il tempo.

  • Manfred

    Perché non aggiungi: da chi poteva essere suggerito a degli imberbi (nell’accezione milanese del termine) studenti universitari uno slogan di tale portata?
    Portata tanta , tanto da essere ripreso da un personaggio quale Maurizio Costanzo nella sua campagna di legittimazione dell’attuale strapotere mediatico, (attenzione non sto per citare il solo Berlusconi e le sue televisioni anche facendolo) ma il pantano attuale, generato in massima parte dalla maniera in cui è stata fatta la “televisione e i suoi risvolti pratici” in questi ultimi trent’anni e forse più.
    PS
    Ricordo che Costanzo ha iniziato la sua carriera in RAI.

  • Francesco

    Buongiorno a tutti, buongiorno Santa.
    Mi permetto di dire la mia a proposito del video di cui sopra. Come qualcuno si è già espresso, non è che il chitarrista-manga sia poi così “nuovo”. Come impronta di immagine, lo hanno preceduto in molti (David Bowie ad esempio, anche se con un’influenza non nipponica, ma con la medesima impronta, David Sylvian, per seguire il cantante dei Dead or Alive, per giungere recentemente a Marilyn Manson). Sul fronte musicale femminile vedo più aggressività ed esplicitazione. I messaggi poi sono, nel secondo caso, esplicitamente “simbolici”, con un malcelato accenno a riti antichi di matrice orgiastica-dionisiaca. Provai a guardare un video di Lady Gaga sostituendo la traccia musicale pop con un pezzo dei Morbid Angel. Funzionava, forse anche meglio…
    Per concludere, al di là delle considerazione sul “cosa pensi di essere costui” ecc ecc, si tratta evidentemente dell’ennesima e non originale operazione di marketing. Certo, veicolerà qualche cosa di sovversivo… ma in Giappone i ragazzi si vestono già così da tempo. Infatti costui è conosciuto in Giappone, mentre è la prima volta che lo sento nominare qui (e se non fosse stato per te Santa, non ne conoscerei l’esistenza).
    Forse diventerà l’ennesima moda giovanile, dopo quelle anni’80 (dark, paninari, metallari, punk, new romantic ecc ecc). Soprattutti gli ultimi, i “new romantics” (basti ricordare i primissimi Duran Duran di Planet Earth o Adam Ant) possono rappresentare, con le dovute differenze, una sorta di “proto-look”.
    Con vive cordialità!
    Francesco

  • Abraxas

    Consiglio vivamente la lettura di questo articolo
    http://tinyurl.com/phae7bo

  • Anonimo

     AMORE GAY – le reazioni dei bambini

    • Anonimo

      E cosa c’entra questo col sdoganare una presunta sessualita’ psichica indipendente da quella  fisica?
      E magari sarebbe interessante capire come si possa arrivare a equiparare una famiglia normale con una che chiaramente non lo e’ ,per forza di natura, e sulla base di questo permettere l’adozione di bambini.
      Gesu’ non ha li ha esclusi dalla salvezza, la via e’ aperta anche per loro, cosi’ come lo e’ per tutti, l’amore e’ per tutti, ma la scelta di seguirlo e’ di ognuno.
      Questo folle desiderio di amore, di essere accettati, di accettarsi, che a me sembra a volte di intravedere in questo tipo di persone, non puo’ essere saziato da leggi umane, da forzate educazioni o da presunte equiparazioni, ma solo accogliendo il Vangelo, verra’ saziato completamente, tutte le nostre imperfezioni sono amate, sono doni che possiamo portare al Signore per ricambiarlo in seppure misera maniera del suo amore.
      La cosa terribile che avviene e’ che queste persone vengono usate a scopi anticristici, che dei demoni in forma umana, facendo leva sulle loro sofferenza, sul loro desiderio di amore, cercano si sterzare la societa’ verso la dissoluzione.
      XYZ
       
       
       

      • Anonimo

        Caritas in veritate (separare la carità dalla verità non è cattolico) .  L’amore è preceduto dal Verbo, è preceduto dalla cognizione… Amerio
        “..Sono consapevole degli sviamenti e degli svuotamenti di senso a cui la carità è andata e va incontro, con il conseguente rischio di fraintenderla, di estrometterla dal vissuto etico e, in ogni caso, di impedirne la corretta valorizzazione. In ambito sociale, giuridico, culturale, politico, economico, ossia nei contesti più esposti a tale pericolo, ne viene dichiarata facilmente l’irrilevanza a interpretare e a dirigere le responsabilità morali. Di qui il bisogno di coniugare la carità con la verità non solo nella direzione, segnata da san Paolo, della « veritas in caritate » , ma anche in quella, inversa e complementare, della « caritas in veritate ». La verità va cercata, trovata ed espressa nell’« economia » della carità, ma la carità a sua volta va compresa, avvalorata e praticata nella luce della verità..” http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/encyclicals/documents/hf_ben-xvi_enc_20090629_caritas-in-veritate_it.html Questo, comunque, è un disegno complessivo calato dall’alto, da determinati centri di potere…ingegneria sociale.. m
         
         

         
         

  • Manfred

    Anonimi, non trovate che anni, per non dire secoli di intransigente fondamentalismo 
    “cristiano” non siano stati il perfetto trampolino di lancio alla propagazione della distonia attuale, con un peso pari alla scoperta della carta patinata per i giornali.
     

  • ujjj

    In merito al non sorprendersi piu di nulla e della palese follia collettiva sull’argomento sesso segnalo questo articolo:

    http://www.repubblica.it/tecnologia/2014/02/04/news/il_ritorno_del_sesso_virtuale_dalle_love_apps_ai_sexbot-77392545/

    Questa a mio avviso è la prova che si è andati decisamente oltre.

  • Manfred

    @anonimo
    Non stavo parlando degli ultimi cinque minuti, tutte le operazioni hanno una origine ed uno sviluppo che conseguentemente ci ha portati alla situazione odierna.
    @ujjj
    Oltre Asimov?! Non credo.

  • Pino Scotto

    Non ci vedo assolutamente nulla di strano. Questo personaggio, che tra l’altro vedo per la prima volta qui, non fa altro che cavalcare l’onda ‘manga’ nipponica dove i canoni estetici maschili sono di per se molto effemminati da una vita. Di cosa parla la canzone? Senza nemmeno sapere il testo mi sembra molto blanda l’analisi di un opera…per non parlare di chi ho letto tentare discorsi complessi sulla sessualità senza citare l’ombra di un trattato scientifico e psicoanalitico.
    Ognuno è libero di credere quel che vuole però non dovrebbe spaventarsi se per la prima volta stiamo vedendo una società che lotta contro la discriminazione sessuale. 

  • Pyter

    Gonad

    Greci e i Romani e molti popoli antichi non vedevano l’omosessualità come un problema,

    A giudicare dagli autori del periodo, cito a memoria Marziale e Giovenale, non mi pare che anche allora, almeno per i romani, gli omosessuali se la passassero meglio di adesso. Oggi, rispetto al passato, è cambiata solo una cosa: l’invadenza dello Stato negli affari personali delle persone. Probabilmente al potere in tempi antichi non interessava regolare la tua vita privata, mentre oggi, da quando è iniziata la tiritera dei diritti, sembra che qualsiasi cosa sia autorizzata a chiedere di essere equiparata con qualsiasi altra. Dove nasce il cosiddetto diritto di una copia di omossessuali ad adottare un bambino/a? Da niente. Non esiste motivazione naturale, non esiste motivazione sociale, esiste solo una decisione statale, calata dall’alto, cioé come qualsiasi altra decisione statale su questioni personali: contronatura. 
     
     
     

  • Anonimo

    Propaganda – Vogliono Normalizzare Derive Gender e Pedofilia http://www.quieuropa.it/propaganda-vogliono-normalizzare-derive-gender-e-pedofilia/  + eutanasia infantile  http://www.lanuovabq.it/it/articoli-eutanasia-infantile-il-belgio-legalizza-lorrore-8423.htm
    inoltre, come giustamente riportato dal manifesto de lamanifpourtous.it,  è in gioco la libertà di espressione:
    “Preservare il diritto alla libertà di espressione garantito dalla Costituzione Italiana all’Art. 21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”.
    Con la proposta di legge Scalfarotto (PD) sul Contrasto all’omofobia e alla transfobia si configura una violazione della libertà di pensiero, qualora non allineato ai fondamenti ideologici della legge. Cade così il fondamento di tutte le libertà civili e costituzionali, e si introduce il >> reato d’opinione,  proprio dei governi a stampo > totalitario.
    Chiunque dichiari qualsiasi cosa che possa costituire obiezione argomentata in merito al “matrimonio” omosessuale e alla possibilità di adozione per le coppie di persone dello stesso sesso, sarà perseguibile a norma di legge con pene fino a 4 anni di carcere.
    La proposta di legge che si intende approvare risponde ad una mera prospettiva ideologica, del tutto inutile sul piano legale, poiché persone con tendenze omosessuali, come ogni cittadino, già godono degli strumenti giuridici previsti dal codice penale contro qualunque forma di ingiusta discriminazione, di violenza e di offesa alla propria dignità personale.” m

  • VHS

    Io comunque credo che tutte queste questioni di minoranze, siano solo subdole ed irritanti distrazioni per farci continuamente scannare tra di noi (siccome il calcio stà cominciando a perdere terreno tanto che la prossima champions league sarà trasmessa aggratis dalle reti fininvest… ), ma alla fine una coppia sana e procreativa è ancora libera di farsi una famiglia come meglio crede, giorno dopo giorno senza tante balle.
    Invece guardate un po cosa stanno trasmettendo sulle reti rai (quindi con i nostri soldi) nell’ indifferenza più totale:

    • Doulos

      deduco che non sei parte di una coppia “sana e procreativa” che abbia deciso di “farsi una famiglia come crede senza tante balle”.
       
      Perché quando così sarà, ti renderai conto di come la società nella quale vivi tutto sommato agevolmente (ma sempre meno invero) quale individuo, si configuri giorno dopo giorno sempre più a misura di famiglia disfunzionale e finanche antifamigliare, in misura esponenzialmente crescente con il numero degli eventuali figli coi quali il Divino avrà pensato di benedirti. Tutto ti si rivolterà magicamente contro, dalla scuola alle reti sociali, dall’istruzione al lavoro. La famiglia, monogamica, stabile e pluriproletaria è il vero nemico, nei fatti, della socità nella quale amabilmente viviamo.

      • VHS

        deduzione errata, anzi!, se fossi ancora solo un semplice individuo su questa terra a quest’ora sarei già impazzito…oppure troverei affascinante la mascherina di cui sopra…
        Una semplice analisi della struttura di questo sistema (II guerra in poi, quindi testimonianze dirette non nozioni bibliografiche che si fanno via via sempre più torbide) mi dà una sufficiente autonomia per poter stabilire che:
        i sindacati non fanno il bene dei lavoratori
        le scuole non sfornano talenti
        le strutture sanitarie non generano salute
        le banche non creano ricchezza
        i politici non costruiscono democrazie
        le religioni non regalano salvezza
        ecc.ecc.ecc.
        Quindi la mia visione è molto semplice: perchè dovrei sperare di ricevere qualche cosa di buono da questo sistema?
        Viviamo una vita dignitosa rimanendo dentro questo sistema proprio perchè riusciamo a guardarlo da fuori, questa posizione può portare solo dei vantaggi se attuata con un accurata gestione, giorno dopo giorno, scelta dopo scelta, vittoria dopo vittoria.
        Cosa importa se i miei figli vengono programmati subdolamente quotidianamente per essere pro questo o contro quello quando io ho saldamente in mano le chiavi della loro essenza?
        Che mi frega a me di correre a farmi vaccinare se il mio sistema immunitario è ancora integro e funzionante?
        Non posso e nemmeno voglio cambiare questo sistema che fa così felici centinaia di milioni di persone e a me da la possibilità di essere, cerco solo di fare in modo che non sia lui a cambiare me affinchè possa continuare a trovare la felicità altrove e l’unione procreativa è l’unica ancora di salvezza che rimane, l’ unico altrove per me immaginabile.
        Effettivamente, ultimamente, c’è un certo senso di irrequietudine (mappatura genetica totale-scie chimiche-inquinamento massivo e voluto) che viene a turbare questa nostra bolla esistenziale ed è la convinzione che il tempo della propaganda sia finito e sia cominciato il tempo dell’ azione…come se la guerra si fosse evoluta ad un livello superiore.

  • Manfred

    Pyter
     Non calata dall’alto, giunta dopo anni di incessante propaganda. Tanto da creare l’illusione che il legislatore non ha potuto esimersi dal farsi interprete della volontà, di   una fetta considerevole, della cosiddetta  società civile.
    Penso che sia superfluo spiegare quali associazioni di liberi cittadini hanno il denaro e l’influenza necessaria per orchestrare campagne del genere.
     

  • Anonimo

    A me fa pensare invece al cosplay. Solo che è al tempo stesso autore e interprete del personaggio. Una bella vertigine… Per citare Roland Barthes:
    “Lo specchio non capta altro se non altri specchi, e questo infinito riflettere è il vuoto stesso.”
    Eleonora

  • Abraxas

    Credit Suisse e Bank of America puntano all’economia “gay friendly”
    http://tinyurl.com/myzr8wx
    quanto ci vorrà perché il resto del mondo finanziario segua il loro esempio? 

    • Anonimo

      Lockheed Martin , il noto mega-gruppo degli armamenti, ha annunciato al mondo di cessare le donazioni filantropiche che faceva ai Boy Scouts of America perché questi non accettano leader dichiaratamente omosessuali nella loro organizzazione. Il capo-ufficio stampa della ditta, Gordon Johndroe, ha diramato il comunicato a due quotidiani, all’Atlanta Journal Constitution e a Baltimore Sun.
      «La Lockheed Martin è impegnata ad annodare forti rapporti con organizzazioni non-profit che valorizzano la diversity (?) e sono allineate con la nostre strategie. (!) E siamo convinti che impegnarsi e finanziare un’organizzazione che discrimina apertamente è in conflitto con le nostre norme direttrici».
      http://www.huffingtonpost.com/2013/12/19/lockheed-martin-boy-scouts-gay-_n_4473849.html

  • Anonimo

    Facebook usa  ha annunciato che negli Usa si potrà scegliere il proprio «vero e autentico sé» e selezionare 56 diverse opzioni “gender”:
    «Vogliamo che i nostri utenti si sentano a loro agio con il proprio vero e autentico sé» (?). Così Facebook ha spiegato le modifiche apportate al modo di compilare il profilo sul celebre social network negli Stati Uniti. Chi si iscrive potrà selezionare, oltre ai classici (ma un po’ demodé) “maschio” e “femmina”, anche l’opzione “personalizza” che permette di scegliere altri 56 modi afferenti al “gender” per autodefinirsi, che elenchiamo di seguito:
    http://www.tempi.it/non-ti-senti-ne-maschio-ne-femmina-facebook-usa-ti-invita-a-scegliere-tra-56-generi-pangender-mtf-two-spirit#.Uv31nLmYbyc

  • Anonimo

    Ad oggi siamo circa 7 miliardi e 200.000 con una media di 250.000-300.00 nati ogni giorno contro i circa 100.000 che ci lasciano. Per il terzo mondo ci sono le guerre. Per il primo mondo si è più sofisticati: non procreare, per ora. Se necessario una epidemia (già ampiamente prevista). Molto semplice e lineare

  • Anonimo

    Vi segnalo il nuovo campione olimpico di pattinaggio di figura, il giapponese Yuzuru Hanyu. Per il suo programma lungo lo hanno letteralmente vestito da femminuccia, con tanto di voiles, trasparenze e glitter. Gli mancava solo la gonnellina…
    A questo punto credo sia davvero la moda imperante in Giappone che non coinvolge solo i musicisti…

  • Fatevi 'na cultura prima, poi ne riparliamo

    http://www.duepassinelmistero.com/androginia1.jpg

    La separazione della prima opera deve ora divenire unione delle due opposte nature per dare origine all’androginia,la perfetta fusione tra maschio-femmina,tra Dio e l’uomo, che provoca la morte della nostra dimensione materiale.Questo nuovo ‘prodotto’,che in alchimia si chiama rebis, la cosa duplice,è il risultato della seconda Opera. Allegoria tratta dal “Rosarium Philosophorum”,di Amsterdam: rappresenta l’androginia.Notare i neri corvi,l’aquila delle sublimazioni,la lepre terrestre e il pipistrello volatile…
    http://www.duepassinelmistero.com/Il%20linguaggio%20dell%27Alchimia.htm

    • Anonimo

      Delirio omosessualista.  di Paolo Deotto
      Jonathan (dimensione avventura..), “diritti” in “movimento”
      “L’unità familiare – generatrice di menzogne, tradimenti, mediocrità, ipocrisia e violenza – sarà abolita. L’unità familiare, che non fa altro che soffocare l’immaginazione e frenare il libero arbitrio, deve essere eliminata. Ragazzi perfetti saranno concepiti e cresciuti nei laboratori genetici. Saranno messi insieme in un ambiente comune, sotto il controllo e l’educazione di dotti omosessuali. Tutte le chiese che ci condannano saranno chiuse. I nostri soli dei saranno bei ragazzi. Aderiamo al culto della bellezza, morale ed estetica. Tutto ciò che è brutto e volgare e banale sarà annientato. Poiché noi siamo estranei alle convenzioni borghesi eterosessuali, siamo liberi di vivere le nostre vite secondo le leggi della pura immaginazione. Per noi il troppo non è abbastanza. La squisita società che deve emergere sarà governata da una élite costituita da poeti gay.”
      “.. a questi personaggi malati che uffici governativi come l’UNAR chiedono consulenza
      E, dulcis in fundo, per gli appassionati di ecumenismo, ecco la chicca finale: l’Associazione Jonathan – Diritti in movimento si riunisce a Pescara il lunedì, presso La Chiesa Evangelica Metodista
      http://www.riscossacristiana.it/delirio-omosessualista-viaggio-nella-fogna-profonda-di-paolo-deotto/ m

  • L’interpretazione materiale e letterale di concetti allegorici, l’appiatimento terreno dell’insegmanento simbolico rappresentano un’altra caratteristica della decadenza di questi tempi.
    Ancora una volta il concetto di parodia è il più appropriato per descrivere il tutto.

  • Manfred

    Mi sono sempre scagliato contro l’uso mistificante dell’estetica ma nemmeno dimentico che il suo significato originale è sentire, come il vocabolo “anestetico” conferma. 

  • Anonimo

    BUENOS AIRES – Un video estremamente disturbante che proviene dall’Argentina mostra un manipolo di femministe mentre attaccano e molestano sessualmente un gruppo di cattolici intenti a recitare il Santo Rosario e proteggere pacificamente da possibili vandalismi la Cattedrale di San Juan.
    http://snurl.com/effedieffe

  • Anonimo

    …  http://www.rassegnastampa-totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=5911

  • Anonimo

    ..e l’idiota “nuovo” (sommersi dal ridicolo)
    Il ministro della Pubblica Istruzione (?) Vincent Peillon (quello della “religione repubblicana”: http://www.tempi.it/francia-peillon-educazione-bisogna-sostituire-la-religione-cattolica-con-una-religione-repubblicana#.UxYnObmYbyc ) e il Ministro della Cultura (?) e della Comunicazione Aurélie Filippetti  hanno dato appuntamento a Toulouse  per promuovere l’arte contemporanea nelle scuole (?). Hanno lanciato l’operazione “un istituzione, un lavoro” per esporre ”   le opere  ” della collezione d’arte (?) contemporanea regionale (FRAC) anche all’interno di scuole e università. http://www.informarexresistere.fr/2014/02/13/il-grande-oriente-di-francia-installa-una-statua-satanica-in-una-scuola-elementare-di-tolosa/ m

  • Hiei

    Wow, si parla proprio di cose serissime, vedo… :’D
    Dai, rifatevi un po’ di giappo-cultura contemporanea…

     
    Mi sa che tu preferiresti Yoko Kanno, Santa…

     
    Splendida voce.
    Noto comunque che di papi con gli altri ci parli, eh? Solo con me ti prendono di colpo quei curiosi mal di testa… :’D
     
    (tranquilli, non mi trattengo).

    • Hiei

      Mi sono accorto dopo  di aver cannato il link, volevo postare questa di Yoko Kanno:

       
      …e tra l’altro la voce è di una cantante italiana, Ilaria Graziano. Ok.
      Il succo non cambia…
       
      Side Note – Riassunto ucraino: neonazisti che al confine con la Polonia si confrontano a muso duro con le truppe ex-sovietiche. Certe gente proprio non ha fantasia. :’D
       
      Alla prossima, se e quando ce ne sarà una.

  • orange

    TUTTO Fà BRODO..

  • Hiei

    Scusa la reinerruzione ma…andar a cercare misconosciuti del remoto nord, Santa?
    Quanta fatica per nulla.
     
    SheZow, il nuovo supereroe transessuale per bambini dai 6 agli 11 anni

    SheZow, il nuovo supereroe transessuale per bambini dai 6 agli 11 anni


     
    Chissà cosa ne pensa Peppa Pig… :’D

  • Anonimo

    Il nostro Mario Palmaro è tornato al Padre. Lascia la sua «buona battaglia» da continuare
    Se la stoffa di un uomo e di un cristiano si vede nel momento estremo, di fronte alla morte, chi ha potuto stare vicino a Mario nei mesi della malattia sa di che pregio fosse.  Ha vissuto la sua prova con una dignità, un’eleganza, perfino un  senso dell’umorismo che solo chi ha costruito la sua vita sulla Roccia può permettersi di avere. Il segno che ha lasciato nel cattolicesimo italiano, nel campo della bioetica e nel mondo pro-life è profondo e ci vorrà tempo per capirlo appieno. Il Timone, di cui Mario è stato una colonna, ringrazia Dio per averlo avuto accanto, come amico e maestro, e prega per lui e per la sua splendida famiglia.
    Il ricordo che vogliamo offrire a tutti i lettori è una sua conferenza tenuta lo scorso 23 ottobre sulla famiglia, al «Cafè teologico» di Verona. In quegli stessi giorni Mario, in un’intervista rilasciata al periodico dehoniano Settimana, diceva: «Spero nella misericordia del Signore e nel fatto che altri raccoglieranno parte delle mie aspirazioni e delle mie battaglie, per continuare l’antico duello». E’ quello che faremo.
    http://www.iltimone.org/30600,News.html
    http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2014/03/per-mario-palmaro.html

  • aleksis

    Su Palmaro: ho ascoltato un po’ il video; interessante, non lo conoscevo per niente. Da quelle parti (cattoliche tradizionaliste, diciamo) rari (o inesistenti) sono gli intellettuali ascoltabili.

  • aleksis

    Faccio un’osservazione all’anonimo su Palmaro: però da quello che ascolto mi pare che lui, come molti cattolici, si concentri in maniera eccessiva sulla sola familgia (e mononucleare) come difesa e protezione da forze (statli, politiche, culturali…) disgregative. Legami sociali e comunitari sono esistiti nella storia dei più diversi, e anche oggi non è vero che esistono solo famiglia da una parte e tenebre dall’altro.

  • Anonimo

    Le grandi rivoluzioni violente sono come terremoti che non solo distruggono e tolgono di torno, in un brevissimo lasso di tempo, quanto incontrano nelle vicinanze del loro epicentro, ma il cui raggio di azione si va estendendo con ondate successive di maggiore ampiezza, che producono altre scosse sempre più lontane dal loro punto di partenza. Così, le ondate rivoluzionarie si riproducono nel tempo come i sismi nello spazio.
    http://www.alleanzacattolica.org/temi/rivoluzione_francese/goytisoloj.htm m

  • Anonimo

    California, approvata la legge che permette agli scolari di scegliere il bagno in base all’”identità di genere”. I sostenitori della legge ritengono che ” i bambini transgender  ” (!!??)  “si sentono alienati” (!) quando non possono utilizzare il bagno del sesso a cui si sentono più vicini
    http://www.tempi.it/california-legge-scuola-bagno-identita-genere#.UyCYVbmYbyc

    ps  alienazione..  http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/1-i-dolori-del-giovane-mattia-15-anni-vergine-liceale-a-milano-alle-prese-73409.htm

  • francesco da pisa

    Carlo, come te la passi?
    Spero che hai ripreso in mano la tua vita, la tua anima. Che non si misura ovviamente dalle parole spese sul “web”. Spero che stai bene, che stai crescendo. CIAO

  • Ciao Francesco.

    Penso di stare crescendo, quello sì :-)

    Spero che anche tu stia bene :-)

    Un abbraccio

  • tristantzara

    Ot : pare che la nuova moneta elettronica sìa nata, si chiama bitcoin, come la vedi tu ‘sta cosa ? quello della Virgin lancia i voli commerciali spaziali e la riceve come unità di pagamento. 
    @francesco : ciao, spero tutto tanto ok per te, tempi interessanti però questi eh ? 

  • Anonimo

    LA DITTATURA DELL’IDEOLOGIA DEL “GENERE”
    […] La preparazione alla grande assise del sinodo sulla famiglia, che si celebrerà in due fasi nel 2014 e nel 2015, nonché il recente concistoro sul medesimo tema, hanno provvidenzialmente riposto l’attenzione su questa realtà tanto “disprezzata e maltrattata”, come ha detto il papa: commenterei, “disprezzata” sul piano culturale e “maltratta” sul piano politico.
    Colpisce che la famiglia sia non di rado rappresentata come un capro espiatorio, quasi l’origine dei mali del nostro tempo, anziché il presidio universale di un’umanità migliore e la garanzia di continuità sociale. Non sono le buone leggi che garantiscono la buona convivenza – esse sono necessarie – ma è la famiglia, vivaio naturale di buona umanità e di società giusta.
    In questa logica distorta e ideologica, si innesta la recente iniziativa – variamente attribuita – di tre volumetti dal titolo “Educare alla diversità a scuola”, che sono approdati nelle scuole italiane, destinati alle scuole primarie e alle secondarie di primo e secondo grado.
    In teoria le tre guide hanno lo scopo di sconfiggere bullismo e discriminazione – cosa giusta –, in realtà mirano a “istillare” (è questo il termine usato) nei bambini preconcetti contro la famiglia, la genitorialità, la fede religiosa, la differenza tra padre e madre… parole dolcissime che sembrano oggi non solo fuori corso, ma persino imbarazzanti, tanto che si tende a eliminarle anche dalle carte.
    È la lettura ideologica del “genere” – una vera dittatura – che vuole appiattire le diversità, omologare tutto fino a trattare l’identità di uomo e donna come pure astrazioni. Viene da chiederci con amarezza se si vuol fare della scuola dei “campi di rieducazione”, di “indottrinamento”.
    Ma i genitori hanno ancora il diritto di educare i propri figli oppure sono stati esautorati? Si è chiesto a loro non solo il parere ma anche l’esplicita autorizzazione?
    I figli non sono materiale da esperimento in mano di nessuno, neppure di tecnici o di cosiddetti esperti. I genitori non si facciano intimidire, hanno il diritto di reagire con determinazione e chiarezza: non c’è autorità che tenga. […]
    http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/03/24/bagnasco-si-ribella-ai-campi-di-rieducazione/

  • Hiei

    Toh, per le tue gallery…
     
    ‘Reality’ by Eran Folio.
    https://pbs.twimg.com/media/BjpOO3SCcAAM0_R.jpg

  • Hiei

    Santa, c’ho una domandina “tecnica” anche se non è specificamente sulla tua parrocchia…mi sono imbattuto su un intressante analisi di quel video “I, Pet Goat II”, fors la migliore letta finora:
     
    http://www.marcovuyet.com/ALARMA%20IL%20FIGLIO%20DELLA%20PERDIZIONE.htm
     
    …e questa proprio non l’avevo ancora sentita
    MY PET GOAT, il titolo del video, fà subito riferimento alla CAPRA, il GOAT OF MENDES,
    uno dei simboli più importanti della MASSONERIA, la EASTERN STAR.
    “Allah, che è il SIGNORE DI SIRIO”
     
    Ti risulta ‘sta cosa?

    • ika

      Inquietante (anche la grafica del commento), trovo interessante che un cortometraggio antimassonico come questo in definitivo mostra bene che la parte della massoneria deviata, nella grande parodia che viene, è appunto solo una parte e non di certo il cuore della faccenda

    • miriam

      Gulp.
      Comunque molto interessante, anche se fra i vari simboli del serpente omette proprio il simbolo del dollaro ($).
       

    • Anonimo

      magari quello che hai rilevato può anche avere un qualche interesse ma il sito marcovuyyet (a quanto vedo) è spazzatura allo stato puro… mischiare vero-falso, solita tattica. m

      • Hiei

        Prima di andarmene che non vedo ulteriori spunti ti ricordo inutilmente che una volta ogni tanto, nella vita, dovresti ARGOMENTARE – o meglio ancora stare zitto – quando dici qualcosa.
         
        Comunque grazie di aver mostrato ancora una volta l’elevazione spirituale che ti ha donato la fede  e trova sua massima espressione nel puntare il dito su tutto ciò che non ti piace e urlare “CACCA!”. :’D
         
        Oh, non che mi freghi nulla difendere questo o quel sito ma se la regola sugli attacchi personali vale anche per entità esterne al blog grazie anche del costante esempio di quanto NON sia ad personam. :’D
         
        E ora, in alto le vele!
        YAR-HAR, AHOY AND AVAST
        BEING A PIRATE IS REALLY BADASS!
        HANG A BLACK FLAG AT THE END OF THE MAST!
        YOU ARE A PIRATE!! :’D

        • ika

          Sito a parte, in Arabia Saudita anche il sufismo è bandito, i wahabbiti hanno distrutto tutte le tombe dei santi, e, se non ricordo male, perfino quella del Profeta. Il divieto è poi stato esteso a tutto ciò che “puzza” di “misticismo” anche remotamente, ad esempio delle arti marziali come l’aikido… perfetto esempio di decadenza di una tradizione (in questo caso non cristiana, ma le analogie con il protestantesimo e con certo cattolicesimo sono molte) mentre sguazzano nell’idolatria della merce. 

        • Anonimo

          ma cosa vuoi “argomentare” la vedi o no la home page di quello schifo di sito con blasfemie  funettistiche  varie sulla SS. Vergine ed i Papi?  ripeto, quello che hai trovaato può essere interessante (non era una critica rivolta a te) ma il giudizio sulla tua fonte resta. m
           

        • Hiei

          Peccato sia italiano se no potevi andare anche tu a bruciare un po’ di ambasciate allora! :’D

    • Doulos

      boh, non appena ho cercato di saltare al link segnalato da Hiei l’antivirus ha dato di stomaco con fuochi d’artificio segnalando un potenziale trojan, quindi per me la cosa è off limits. Sarebbe proprio un lavoraccio da troll, col mio xp…
      Ricordo una bellissima analisi del video virale, su vigilant citizen, anyway. Se qualcuno se la vuole spulciare:

      The Esoteric Symbolism of the Viral Video “I, Pet Goat II”

  • miriam

    Credo che la citazione sia all’incirca esatta, essendo il G.o.M. il simbolo di Eastern Star, organizzazione massonica femminile. Per quanto riguarda Allah il Signore di Sirio, dovrei vedere ancora.

    • Hiei

      “simbolo di Eastern Star, organizzazione massonica femminile.”
       
      Ecco, anche questa mi mancava…
       
      “Per quanto riguarda Allah il Signore di Sirio, dovrei vedere ancora.”
       
      Intanto grazie, è la parte che mi incuriosisce di più quindi se anche altri volessero aggiungere qualcosa…sì lo so che aiutereste un “senza dio”, ma ricordatevi il buon samaritano, dai. :’D

      Secondo Google, Wikipedia e un sito dei Sufi corrisponde – Corano 53:49…ma di internet mi fido sempre con riserva.

      • ika

        Da quello che ho capito non è una vera e propria loggia ma un’organizzazione paramassonica tipo Lyons e non è neppure femminile ma aperta a entrambi i sessi. 
        Confermo invece la Sura 53: la stella

  • Anche a me come a Doulos l’antivirus nega l’accesso a quel blog, quindi non saprei.

    Per quanto riguarda il video, avevo letto e apprezzato all’epoca l’analisi di vigilant citizen, e mi pare che in generale il simbolismo fosse alquanto esplicito.

    • Hiei

      Beh, la versione di Vigilant Citizen è PARECCHIO più all’acqua di rose, tanto da descrivere la propaganda newageabbestia come “descrizione di un prossimo periodo di illuminazione spirituale tramite gli aspetti esoterici delle antiche religioni”, riassumendo a braccio. Effetto capretta again? :’D
       
      Strano che a me non segnali niente riguardo al trojan, n AVG, nè la potezione secondaria del tool di ottimizzazione, nè Mozilla o la mezza dozzina di add-ons di protezione installatici…forse uno dei filtri tipo NoScript o AdBlocker ne impedisce il caricamento alla fonte…

      • Doulos

        è possibile che tu abbia fatto solo una lettura veloce dell’articolo, credo.

        • Hiei

          “this little girl realizes that “this apple is not hers and drops it”. Obama is concerned by the awakening of this girl.”
           
          “The Christ-like figure has a third eye painted right on the pineal gland, which refers to the concept of spiritual illumination.”
           
          “The rebirth of the Muslim boy as a Whirling Dervish signals that there is a link between him and the Inner Christ: Both represent initiation into esoteric schools, which all have a common goal – the contact with divinity through spiritual illumination.”
           
          “More importantly, a thorough decoding of the movie’s symbolism reveals a powerful message of spiritual enlightenment based on ancient Mysteries. While this esoteric aspect of the movie might not be understood by many, it is at the core of the movie and is presented as the ultimate solution to the evils and corruption of today’s world.”
           
          Non è propaganda newaggeabbestia, per niente. Nope. :’D

        • miriam

          Per rispondere a Hiei, certo che è propaganda come dici tu, ma non di VC, un sito che piuttosto denuncia le derive spirituali che si manifestano nei mass-media e altrove.
           

        • Hiei

          Non ho detto che VC faccia quella propaganda, nel dettaglio, ma che analizzando in questi termini il video – specie rispetto all’altra analisi – ci è andato veramente leggero – anzi in certi passaggi come quelli evidenziati sembra trovarsi d’accordo.
           
          “Either YOU become a pet goat with a 666 bar-code on your forehead or YOU become a Christ figure with a third eye on your forehead.”
           
          “Avremo un nuovo ordine mondiale, con il consenso o con la forza”.
          (George W. Bush, 1991)
           
          Effetto capretta. :’D
           

  • Anonimo

    Riguardo a Sirio, se può interessare: http://www.cosmologia-arcaica.com/revue/chellah.html
    Comunque, una domanda: perché Francesco (che fa le veci del vero Papa. vedi i simboli del Suo stato a cui ha rinunciato, almeno per ora) nel suo stemma è passato, zitto zitto, dopo la presentazione ufficiale, dalla stella a 5 punte (pentalfa) alla stella ad otto punte? E’ un segnale abbastanza chiaro, per chi conosce almeno un po’ il mondo dei simboli. E non venitemi a dire che Santa Romana Chiesa non conosce più che bene il simbolismo!
    Sorvegliante

  • Hiei

    Scusate, qualcuno per caso è andato a vedere Russel Crowe che fa l’arca di Noè?
    (cioè mi sembra più portato a interpretare una struttura in legno che Noè… :’D ).
     
    Santa? Adesso che sei in pensione e tempo ne hai? :’D

  • Anonimo

    RRROOOOOTTFFLLL…
     
    Bella Francè sentite che dice: “Se domani – chiede Bergoglio – giungesse qui una spedizione di marziani, e alcuni di loro venissero da noi… Marziani, no? Verdi, con quel naso lungo e le orecchie grandi, come vengono dipinti dai bambini. E uno dicesse: ‘Voglio il Battesimo!’. Cosa accadrebbe?”.

    ROTFL…cioè, no…ROTFL…davvero, commento appena smetto di ridere SE ci riesco… :’D

     
    E non immagino le risate degli spacciatori di fuffa massoni newaggebbestia come la vil capretta con le loro storie della Madonna che ritorna ‘ngopp alle astronavi della federazione galattica o quel corvaccio spennacchiato dell’altro blog, guardacaso come tutto converga ESATTAMENTE dove previsto…sì, dovrei fare un’analisi meno alla pene di segugio lo so ma al momento…ROTFL!!! :’D

     
    Sai Santa che stai lasciando la foto del ricchioncello giapponordico come icona postuma sulla pietra tombale del blog? Presente lo squallore della cosa? Dai, almeno una galleria o un post epitaffio di chiusura…se sei asceso al cielo mi vuoi dire che non c’è un Internet Caffè in Paradiso?

  • orange

    eh eh..e la queen barbuta che somiglia a Gesù Cristo dove la mettiamo?..l’azione satanica è in piena espansione..vai a vedere quei poveracci dei boko haram rimangono proprio gli ultimi della classe…infatti i marines se li vanno ad inkiappettare..in fondo in fondo..that’s all the folks..

    • Hiei

      Immagino che parli del travone cantante di Eurocomesichiama che ho visto di sfuggita su Euronews, certo che per vedere qualche somiglianza bisogno avere proprio la vista annebbiata da pesanti dosi di psicofarmaci come te.
       
      “vai a vedere quei poveracci dei boko haram rimangono proprio gli ultimi della classe…infatti i marines se li vanno ad inkiappettare”
       
      Ti rispondo solo per sputtanare la tua solita fuffa di regime e ricordare che Bokkino Haram è stato e viene finanziato e armato indovina da chi? Hint: Hillary Clinton per due anni si è rifiutata di far classificare l’organizzazione come “terrorista” dagli USA, quindi aspetta e spera i tuoi “marines”, raccontapalle a gettone.
       

       
      A proposito, Bella Francè? Non pervenuto, troppo impegnato coi marziani…

  • orange

    mr.santaruina è stato rapito per colpa mia dai servizi segretissimi yankee..è sotto tortura psicologica..dai resisti mr.sant..il nemico non trionferà..eh eh,..

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>