Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
19 Novembre 2021

Un appello a tutti.

Un messaggio per tutti noi, a prescindere dalle scelte fatte finora:
E’ IL MOMENTO PROPIZIO PER DARE ASCOLTO AI PROPRI DUBBI, E PER CONFRONTARSI CON GLI ALTRI SULLE INCONGRUENZE DI TUTTA QUESTA NARRAZIONE.
Questo messaggio vorrei che arrivasse anche a coloro che fino adesso si sono adeguati, convinti o meno, alle indicazioni suggerite, e imposte, dal governo in ambito della “emergenza” che stiamo affrontando.
In qualche modo è diretto principalmente a loro.
La prima cosa che tutti dobbiamo tenere a mente è che non esiste un “noi” e un “loro” per come i mezzi di comunicazione tentano in ogni modo di convincerci.
Se una divisione nella popolazione esiste, questa non va individuata nella lotta fittizia tra “no vax” e “pro vax”, ma tra quelli che impongono dei provvedimenti, che hanno il potere di decidere per le vite altrui, e coloro che quei provvedimenti devono subirli.
Coloro che stanno sotto, quelli che ricevono le direttive e vi si devono adeguare, volenti o nolenti, noi tutti, stiamo tutti sulla stessa barca..
Il tentativo del governo di individuare una frangia della popolazione e di demonizzarla, spingendo il resto delle persone ad identificarli come causa di tutti i mali, è una tattica usata dai potenti dalla notte dei tempi, perchè convoglia il dissenso e lo indirizza lontano da sè.
In questo modo, se il governo commette degli errori, fa in modo che la rabbia ricada su altri, individuati di volta in volta come i veri”colpevoli”, se le cose vanno male.
Si tratta di tattiche semplici, vecchie, più volte studiate, ma che vengono sempre riproposte dal momento che sempre ottengono il medesimo successo.

Avendo questo aspetto ben presente, possiamo osservare come la popolazione non è assolutamente divisa in blocchi omogenei, (“no vax” da una parte, “pro vax” dall’altra), ma è composta da milioni di cittadini che hanno fatto delle scelte in base alle proprie convinzioni, alle proprie esigenze, e in molti casi per una semplice e tragica mancanza di alternative, perchè costretti.

LA VERA MINORANZA E’ COMPOSTA DA COLORO CHE ACCETTANO OGNI IMPOSIZIONE SENZA PORSI DOMANDE

Se proprio dovessimo individuare una “minoranza” tra la popolazione, essa sarebbe quella composta da coloro i quali dal primo momento hanno accettato con entusiasmo tutte le imposizioni calate dall’alto, hanno obbedito a tutte le indicazioni del governo ed hanno creduto senza esitazione e senza avere il minimo dubbio a tutto quanto i telegiornali e gli “esperti” onnipresenti nei talk show hanno asserito, anche quando la narrativa del momento era in totale contrapposizione con quella del giorno prima.
Sono le persone che hanno invaso gli hub vaccinali sin dal primo giorno delle loro aperture, quelle che chiamavano i carabinieri per segnalare i vecchietti che stavano seduti nelle panchine di fronte a casa durante i lockdown, quelli che auguravano la morte ai “runner untori”, quelli che si arrabbiano ora se il barista non chiede loro di mostrare il green pass, quelli che telefonano al medico di base per sapere quando potranno presentarsi per fare la terza dose.
Queste persone avranno bisogno di aiuto quando tutto questo sarà finito, ma per adesso sono difficilmente avvicinabili, dal momento che la loro è una fede religiosa, non razionale, e i numeri, i dati, gli studi scientifici che contraddicono tutto quanto credono per loro non hanno alcuna importanza.

Ma queste persone sono anche una minoranza.

Se è vero infatti che ormai l’85% delle persone ha aderito alla campagna vaccinale, è altrettanto evidente che le motivazioni che li hanno spinti a farlo sono tra le più diverse.
Oltre a coloro che erano sinceramente preoccupati dalla malattia, e pensavano che il vaccino avrebbe garantito loro una definitiva protezione, vi sono coloro che hanno dovuto adeguarsi per non essere esclusi dalla vita sociale.
E coloro che hanno ceduto solo quando è diventata questione di vita o di morte, ovvero quando il siero è diventato necessario per poter continuare ad avere un introito (“se non ti vaccini, muori”, disse il premier, e probabilmente intendeva che saresti morto di fame, senza uno stipendio).
Questi ultimi hanno spesso aderito alla campagna vaccinale controvoglia, alcuni sentendosi giustamente ricattati, e in ogni caso, pur adeguandosi, hanno sempre percepito che in tutta la narrazione c’erano molte cose che non quadravano.

Ed è proprio a loro che vorrei arrivasse questo messaggio.

UN MESSAGGIO PER TUTTI COLORO CHE FINO ADESSO SI SONO ADEGUATI, VOLENTI O NOLENTI

Avevate sperato che cedendo quel poco vi avrebbero lasciato in pace, e avreste potuto riprendere la vostra vita di prima.
Ma vi hanno mentito, oramai è palese.
Nulla è tornato come prima, le misure che sarebbero dovute sparire con la campagna vaccinale sono ancora tutte qui.
L’agognato green pass durava inizalmente nove mesi, poi dodici, e adesso pare che si ritorni ancora a nove, forse sei, e c’è chi propone addirittura di limitarne la durata a tre mesi.
Quello che alla fine avete guadagnato sono stati sei mesi di “libertà” condizionata, libertà di poter fare tutto quello che è sempre stato, e sempre dovrebbe essere un vostro sacrosanto diritto.
Adesso vi ritrovate nella stessa condizione di chi non ha fatto nemmeno una dose, e tutto pare ricominciare da capo.
Avevate quindi creduto che facendo una concessione vi avrebbero lasciato in pace, ma così non è stato.
Ora, al contrario, alzano la posta in palio.
Non nascondono nemmeno il fatto che di “sanitario” in tutto questo non vi è più niente, si tratta di puro, semplice, banale desiderio di controllo.

Ora, quel che è fatto è fatto, e ognuno aveva le sue ragioni per aver agito come meglio ha creduto.

UNO SCENARIO NUOVO: ORA SIAMO LA MAGGIORANZA, INSIEME

Ma ora, proprio ora, si sta aprendo uno scenario nuovo.
Ora i “privilegi” stanno per scadere, e verrà richiesta una nuova dimostrazione di obbedienza.
E non nascondono che si andrà avanti così per molto, molto tempo.
Ed ogni volta verrà chiesto di più.
In questo momento non esiste più divisione tra “no vax” e “pro vax” (se mai è esistita), in questo momento c’è una piccola minoranza disposta a fare tutto quello che le viene chiesto, senza interrogarsi, con entusiasmo, desiderosa di mostrare la propria subordinazione al padrone, e una stragrande maggioranza che ha intuito che si è inscenata una colossale presa in giro ai danni della popolazione.
Questa consapevolezza nella maggioranza viaggia su diversi livelli: c’è chi ha compreso con chiarezza le tattiche di manipolazione che il governo sta alimentando, cogliendone nitidamente gli obiettivi, e chi ha sempre avuto il sospetto che qualcosa non andava, o che magari inizia ad averlo ora, adesso che tutte le bugie del precedente anno sono venute a galla in maniera evidente.
Le prossime settimane saranno cruciali per tentare di porre almeno un freno all’opera dei governi, un’ opera destinata a portarci al disastro economico e sociale, se lasciata scorrere indisturbata.

E per fermarli, o perlomeno rallentarli (anche guadagnare tempo potrebbe essere importante in questo momento), non occorrono atti di eroismo, non occorre il martirio.

UNA SEMPLICE PROPOSTA, PER TUTTI NOI

E’ sufficiente, per ora, alimentare il pensiero critico.
Ascoltare il proprio istinto, quando ci suggerisce che qualcosa intorno a noi non va bene, quando ci dice che se continuiamo a cedere sarà sempre peggio.
Occorre quindi esprimere i propri dubbi, avere il coraggio di esternarli, magari con tatto, anche con il vicino, con il collega di lavoro.
Sono molti coloro che nutrono enormi dubbi sulla narrativa ufficiale, ma non li espongono per paura di essere emarginati, attaccati, ettichettati come “fanatici no vax”.
Ma il dubbio si sta facendo strada, si sta espandendo.
Più grandi sono le menzogne che ci vengono propagate, più i dubbi crescono.
Ecco quindi un umile suggerimento: coltivate il vostro dubbio, mettete in discussione quello che viene propagandato.
Parlate con gli altri dei vostri dubbi, spargete i semi.
Rimarrete sorpresi nello scoprire quanti li condivono, ma non si esprimono per timore.
Questo è il momento del pensiero critico, del dare ascolto alle proprie perplessità e di diffonderle.
E’il primo passo, e questo è il momento propizio per compierlo.

8 comments to Un appello a tutti.

  • E’ un tantinello tardi per il primo passo, se non lo si e’ gia’ fatto prima.  Inoltre tra quelli punturati, i dubbiosi sono una minoranza sparuta, e chi si e’ punturato doppio, per qualsiasi ragione l’abbia fatto, e non ha avuto danni evidenti o che hanno cambiato la sua vita, di solito non ascolta e difficilmente ascoltera’.  Da 20 anni andiamo in giro a predicare su cosa fosse accaduto all’inizio di quel settembre dell’inizio del secolo, ma anche se qualcuno fa un sorrisetto ambiguo, son tutti pronti a scagliarsi contro i complottisti se messi alle strette. Personalmente spargo la voce dal marzo dell’anno scorso, ma di punturati pronti ad ammettere che sono stati ingannati ne conosco piu’ o meno mezzo.  Inutile illudersi.  QUESTA NON E’ UNA TATTICA FATTIBILE.  L’unica tattica e’ stare in comunicazione, mutuo soccorso e azione politica (e magari pure militare fra pochi mesi) con le persone che condividono NEI FATTI i nostri sentimenti.

    Una chicca per Santa: il Governo UK ha oscurato questo sito.  Se un dipendente governativo britannico volesse leggere quel che sto scrivendo nella pausa pranzo, dal computer della mensa, non puo’.  Eppure questo non e’ sicuramente un covo di terroristi.  Ma pure all’estero e’ stato segnalato.  Altri siti molto piu’ trafficati (stile LC), sono invece tra i buoni.  Lascio a voi il tirare le conclusioni.

  • Ciao Pike

    Un tentativo lo ritenevo doveroso.

    Sono certo che stanno anche cercando di individuare fino a dove possono spingersi con un certa velocità: che esista un punto limite, al momento, lo sanno.

    Il fatto è che stanno scoprendo che va molto al di là delle loro previsioni, quindi alzano continuamente l’asticella.

    Occorre almeno dare dei segni fi insofferenza, se non altro per guadagnare tempo.

    Sul fatto che si siano presi la briga di monitorare questo piccolo blog, e di giudicarlo tra quelli fastidiosi, non può che farmi piacere.

  • Maksi

    Hanno il controllo della maggioranza, non serve fare appelli. Solo una forza armata e organizzata (su tutti i livelli) potrebbe spodestare gli attuali dominatori. Nello scenario attuale tale forza non esite (o almeno non si vede).

    L’unica tattica e’ stare in comunicazione, mutuo soccorso e azione politica (e magari pure militare fra pochi mesi) con le persone che condividono NEI FATTI i nostri sentimenti.

    Come?

    Intendo proprio tecnicamente.

    Magari qualche esponente dell’IRA potrebbe dare dei consigli (ma loro avevano il KGB ed il Vaticano in appoggio).

    • Daouda

      Se l’operazione Q esistesse e vincesse pergiunta, praticamente tutti i novax o complottisti od antagonisti o tradizionalisti o cos’altro, a tale vittoria, si tramuterebbero in nostri nemici e spie quando ci abbiamo fatto magari anche delle manifestazioni o bei discorsi insieme.

  • Forse non abbiamo bisogno dell’IRA (una banda di mafiosi) ma talvolta l’aiuto arriva dai cantoni meno probabili:

  • Giovanni

    La considero una strategia che alla lunga può dare buoni frutti.

    Penso alla brace che cova sotto la cenere…

    La verità finirà con lo scoppiargli fra le mani. Intanto penso alle reazioni avverse non segnalate, le persone che le hanno subite ne sono comunque a conoscenza e dubito che andranno volentieri alla terza dose.

    Penso che piano piano diventeremo un gruppo importante trasversale ed inclusivo di molte diversità.

    Nutro una paura. Questi potenti che ci dirigono finiranno per far scoppiare una Guerra per uscire dal “Casino Covid”. Mi riferisco alle situazioni in Ucraina Bielorussia Polonia Ungheria.

    Potrebbe tornare comodo trovare un Putin come capro espiatorio.

    Insisto, da parte mia, sulla Preghiera alla Madonna, alla Provvidenza di Manzoniana memoria che ha la capacità del granello di sabbia famoso.

    Cerchiamo di rimanere saldi e comunque “legalmente combattivi”

    Un caro saluto a tutti

  • Maksi

    @PikeBishop

    Questa dei veterani l’ho gia’ vista. Tu sei gia’ in contatto con questo militare?

    Ci tocchera’ a fare come gli Afrikaaner e fare zone off-limits per la parte governativa. Certo si tratta di sopravivenza, non certo per abbattere il nemico. Avere pero’ un coordinamento militare non sarebbe male, ma tutte le organizzazioni armate anti-governative, hanno sempre avuto appoggio di qualche fazione interna o/e esterna. Abbiamo qualche possibilita’ di fare questo?

Leave a Reply to sorvegliante Cancel reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>