Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
14 novembre 2016

10 anni, tra Cielo e Terra

Tra Cielo e Terra nasceva il 14 Novembre del 2006, esattamente 10 anni fa; nell’epoca del virtuale, dove tutto si consuma ad una velocità esponenziale, si tratta di un periodo consistente.
L’universo della rete è cambiato radicalmente in questo lasso di tempo, ogni cosa si è fatta più veloce e compatta, e lo scambio di informazioni ha ormai quasi ovunque preso la forma di fulminei slogan, meme, video di breve durata.
I blog personali hanno fatto il loro tempo, a loro volta.
Tra Cielo e Terra è ancora presente, in qualche modo, un archivio di articoli e pensieri, ormai, e se le parole restano di sicuro non è più qui il loro autore.

Posso adesso con tranquillità riguardare e rileggere questi vecchi contenuti, e posso farlo in maniera distante, come qualcosa che è stato scritto e concepito da qualcun altro.
Non sono più la persona che scrisse tutto questo: il tempo passa, si cambia, e occorre a volte un grande sforzo di immaginazione per ricordarsi di quello che si era ieri.
Ricordo però il fuoco che bruciava dentro quando sentivo la necessità di mettere per iscritto i pensieri che dovevo a tutti i costi condividere, una impellenza che quando arrivava doveva per forza trovare sbocco sulla tastiera.
Questo lo ricordo ancora, e non so se quel fuoco va anche rimpianto.

Col distacco di chi legge qualcosa che non considera più suo, posso affermare che diversi articoli di questo blog trattano temi che difficilmente sono approfonditi altrove, in un modo che può stimolare l’interesse dei lettori più curiosi, quei lettori che in molti aspetti della realtà vorrebbero andare oltre le sfumature più superficiali.
C’è molto materiale valido tra queste pagine, e il me stesso di qualche anno fa sarebbe stato molto felice nel sapere che il suo lavoro è risultato utile a qualcuno, anche se si fosse trattato di un singolo lettore.
Il me stesso di oggi invece non saprebbe rispondere ad una semplice e banale domanda, che diverse volte ha fatto capolino tra i commenti di questi articoli: “e quindi, cosa ce ne facciamo di questa ‘conoscenza’?
Non lo so.
Questi scritti sono qui, centinaia di articoli frutto di giorni e notti, sopratutto notti, di ricerche e letture.
Servono a qualcosa?
Ieri servirono al vecchio me stesso per estinguere il suo fuoco.
Oggi, chi legge, chi ha intenzione di utilizzare il suo tempo per leggere, decide cosa farsene.

65 comments to 10 anni, tra Cielo e Terra

  • Hiei

    Se passi di qua ti riaccendo il fuoco con l’alcool che sembri averne bisogno.

    …happy brithday?

  • Solo cose leggere però, al massimo una Fix dark  :-D

  • Mario Pandiani

    Periodicamente emerge, come dal mobiletto delle medicine una pomata, la notizia che qualche scienziato, qualche nume della fisica quantistica, trova una prova dell’esistenza di Dio, scientificamente giustificabile.

    Ogni volta penso, ma anche se questa conoscenza fosse certificata da tutte le accademie, se scientificamente non ci fossero più dubbi sul fatto che Dio esiste, non più una fede ma una certezza, cosa cambierebbe?

    Come sai, non è questo il punto, il lavoro che hai fatto in questi dieci anni non è stato quello di rivelare una conoscenza, portare in luce fatti o misteri sconosciuti, ma di cercare dei riferimenti, di discriminare tra le informazioni attingibili quelle più sensate, di cercare di mettere a punto una qualche bussola che permettesse a chi cercava in questa direzione di non perdersi del tutto in un maelstrom di opinioni, falsità e verità che sono la materia del web.

    I social network hanno portato l’informazione al livello della pura chiacchiera, neutralizzando molto la potenzialità della rete di cercare notizie il più possibile corrette, ma il blog è una trincea, è ancora una dimensione di riflessione e non di pura reazione, di lettura e rilettura e non di frettolosa scorsa per commentare con una battuta che il giorno dopo è sparita.

    Spero che il tuo blog continui ad esserci, anche con tempi più lenti, e sicuramente non è lavoro andato sprecato certo non per me, anche chiudesse, il contributo dato sarebbe comunque molto.

    Ma il fuoco, quello va trovato, custodito e alimentato per il cammino interiore, che spesso ha più bisogno di silenzio che di parole, che ha come nemico il mondo, indipendentemente dalle frenesie di pochi psicopatici che lo stanno mandando a picco.

    Ecco, manca solo più un grande grazie di cuore.

     

  • Grazie davvero Mario.
    I miei mezzi erano e sono limitati, e se mai sono stato bravo in qualcosa in queste pagine è stato proprio il fatto di esserne pienamente consapevole.
    Discriminare tra le informazioni è stata una delle cose che ho provato a fare, perchè oltre quel punto si tratta di un lavoro che ognuno deve fare da solo.
    grazie ancora

  • SoylentGreen

    Grazie SAnta per tutti questi anni di informazione alternativa :)

  • Francesco

    Ciao Carlo,
    Ricordo quando scoprii il tuo blog nel 2008, mi piacque tanto che non solo cominciai a leggerne tutti gli articoli, ma anche a leggerne tutti i commenti.
    Da allora è passato molto tempo, prima abbassai le mie letture, ero troppo assorbito dalla Via che percorrevo, poi abbassasti tu l’intensità del tuo fuoco. Nonostante questo sempre ho partecipato con qualche commento perché molti articoli hanno un’essenza sopraffina.
    Ancora oggi si scorge tra le pieghe dei tuoi silenzi e delle tue gallerie di foto la genialità sottile che ti accompagna. Chissà questo silenzio sia espressione dello spegnimento del fuoco collettivo del 2012 dopo averci traghettato nel punto di Coscienza Personale. Chissà il silenzio post 2012 è una Coscienza che si genera camminando da soli e proprio per questo non ha necessità di essere raccontata o di essere manifestata.
    Il tuo silenzio fa da pari alla omologazione della controinformazione che passa da uno stato di Coscienza Elitaria a uno stato di coscienza massiva perdendo molti dei suoi principi. Il fuoco della collettività si espande e perde d’intensità, …ed in questa dilatazione il nostro Cammino non può che non essere individuale.
    In questo tempo di silenzi sulla Questione Esoterica mi sono sempre chiesto della tua doppia personalità, …da un lato un purista esoterico che accetta solo le rimostranze Guenoniane, dall’altro, il lato oscuro della musica che ascolti, ciò che ti fa percorrere il bordo dell’abisso con la torcia tra le mani, …pero attento, come dicesti in un tuo bellissimo articolo, se ti sporgi troppo per scrutare l’abisso con la torcia, puoi caderci dentro.
    A volte mi sono chiesto se il tuo silenzio sia un momento di riflessione sulla negazione Guenoniana, nei miei pensieri ti vedevo leggere Steiner, Gurdjieff, Atkinson, Evola, e chissà non essere tanto sofferente neanche con la simpatica grassottella russa. Altre volte invece ti vedevo chiuso nella sofferenza di una impossibilità esoterica per rimanere puro, …però chissà se questa sia la purezza di chi sceglie di non percorrere il bordo proprio per non cadere nell’abisso.
    Ti abbraccio forte e con affetto
     
    Francesco
    …da Barcellona 

  • Ciao Francesco

    ti ringrazio per questo tuo bel intervento.
    In verità ho semplicemente esaurito, al momento, gli argomenti di cui mi preme parlare.
    potrebbe essere un qualcosa di temporaneo oppure no, non lo so con certezza.

    E dici bene, il cammino non può che essere individuale.
    Il mio forse non è nemmeno mai partito, credevo di sapere un po’ di cose ma in realtà conoscevo poco o nulla.
    e per conoscere intendo aver sperimentato.
    Meglio quindi un bel silenzio, al momento  :-)

    A presto

  • Music Band

    Forse mi ci voleva questa tua riflessione per farmi intervenire. Hai dipinto quasi esattamente il mio stato d’animo descrivendo il tuo. Ma il dubbio più grande che rimane alla fine, almeno per me, è l’utilità o l’inutilità di quanto fatto, o da fare.

    E’ stato entusiasmante e bello conoscerti, e conoscere tutte quelle persone che ben più di dieci anni fa sembravano poter dare vita a un sogno, e questo ricordo è un pò più doloroso quando penso che prima ognuno se ne è andato per conto suo e poi la tempesta sembra aver invaso la vita di tutti in modo più o meno evidente. L’unica cosa che sembra resistere dopo tutti questi anni è la mentalità del branco. Ciò che abbiamo combattuto è rimasto li a ringhiare e a compattarsi mentre noi ci disperdevamo nel vento. Alcuni come te a continuare un percorso personale, altri scomparsi nella sabbia. E’ vero, la ricerca, la comprensione, il dolore, o il non capire, sono cose strettamente personali e individuali. Forse ciò che è stato fatto, detto, pensato, visto, si perderà come lacrime nella pioggia (tanto per citare un famoso film). O forse il tempo, ha molta più pazienza di quanto possiamo permettercene noi nel mostrare i risultati.

    Ti dico però che per quanto insulsa ho soltanto una cosa che placa la mia tristezza: quel fuoco dentro… Arde, mi ricorda vitalità e non mi rende insensibile. Mi regala ancora la voglia di sognare e anche di soffrire. E’ stupido? Inutile? Forse si, ma senza non mi sentirei manco più un uomo, ma soltanto un automa.

    Tutte queste riflessioni alla fine soltanto per dirti: grazie, è stato un privilegio conoscerti e condividere un pezzo di percorso; è stato bello leggerti quando poi hai fatto un pezzo di strada da solo. E’ bello leggerti ora. Sarà bello leggerti ancora.

    • Ciao Federico
      probabilmente quel periodo faceva parte di un percorso nostro necessario.
      Era qualcosa che andava fatto.
      In qualche modo ci siamo insegnati molte cose a vicenda, abbiamo messo in comune molto, cercato e trasmesso.
      Poi è venuto il tempo di raccogliere tuttte quelle cose e farne tesoro personale.
      Mi piace vederla così, come periodi diversi equamente importanti.
      All’epoca forse avevamo anche troppe aspettative dallo strumento internet, almeno io ce le avevo, mentre col tempo le cose sono andate diversamente.
      In fondo chi vuol cercare cerca, e non è uno strumento, per quanto dalle grandi potenzialità, a poter definire l’indole del singolo.

      Un grande grazie a te  :-)

  • Anonimo

    Dieci anni fa, il 18/09/2006, creavo (oltre ad un paio di blog) una piccola mailing list tra amici per discutere di temi simili, convinto che fosse meglio farlo con persone con cui si potesse avere una dialogo vero e non con sconosciuti di passaggio.
    Al tempo c’erano Freda, il Gongoro, Bertani, Franceschetti e molto altri blog davvero vivi, davvero attivi. Forse era lo shock dell’11 settembre, forse il fatto, personale per ognuno, di essere riusciti a mettere a fuoco molte cose nuove. Ma quello che era comune era il desiderio di condividere queste scoperte e intuizioni forse, con un po’ di presunzione, per “risvegliare” gli altri.
    Poi un po’ alla volta si sono spenti tutti come una sorgente che si esaurisce.
    Di nuovo ognuno per i suoi motivi: disillusione? Superamento del trauma? Essersi rifocalizzati piu’ sul presente che sui massimi sistemi? O aver trovato un modo diverso di condividere quegli stessi temi? Aver esaurito gli argomenti o solo l’urgenza di farlo? O certo e’ anche cambiato internet, nuove categorie e divisioni sociali sono nate (complottisti, debunker, ecc.) ed e’ diventato quasi impossibile avere uno spazio di comunicazione che non sia vittima di queste caselle e delle relative “bolle” di filtri e contenuti personalizzati dei social network. A che serve aggiungere un’altra voce al rumore?
    In attesa dei prossimi articoli.

  • “Ma quello che era comune era il desiderio di condividere queste scoperte e intuizioni forse, con un po’ di presunzione, per “risvegliare” gli altri.
    Poi un po’ alla volta si sono spenti tutti come una sorgente che si esaurisce.”

    E’ come dici.
    C’era anche un po’ di presunzione, o forse eccessivo entusiasmo, troppe aspettative sulle possibilità della rete.
    poi è successo quello che in seguito descrivi: stanchezza, disillusione, un aumento esponenziale del rumore di fondo.
    Ma anche questo penso sia stato un grande insegnamento.
    E come dicevo prima, si trattava comunque di passi che andavano fatti.

    A presto

    • Sick Boy

      Intanto hai messo agli atti. Poi il materiale che c’era (poco), semplicemente, si è esaurito. E siamo passati a seguire il mainstream con nuove chiavi di lettura. In attesa di una sintesi che ci metta d’accordo.

  • miriam

    Ciao Carlo,

    in quanto lettrice con poco da dire e nulla da aggiungere ai tuoi scritti e gallerie di tutti questi anni e ai commenti di tante persone estremamente intelligenti, sento semplicemente di ringraziarti per tutto quello che sei riuscito a dare in questo tempo. Per anni questo blog è stato per me una taverna calda e accogliente per una viandante in mezzo alla tempesta; e incontrare virtualmente un nucleo di persone con cui condividere qualcosa, non fosse altro che il semplice desiderio di squarciare quel velo di cui parli, è stato qualcosa che mi rimarrà dentro. Sono sicura che questa tua fiamma si sia propagata intorno anche in maniere che forse neppure riconosciamo. A me, dopo aver osservato il mondo per un pezzo dall’orlo dell’abisso, è servito per tornare a rivolgere con maggiore attenzione lo sguardo alla realtà, e cercare di amarla il più possibile. Perché la conoscenza, qualsiasi conoscenza, deve portare all’amore, altrimenti è fatica sprecata.

    Per questo spero che tu nella tua vita abbia tante cose e soprattutto tante persone da amare. Secondo me, proprio in virtù delle cose che sai, è l’unico vero modo per difendere il mondo dall’Ombra di Mordor…

    Un abbraccio fortissimo.

    Miriam

  • Anonimo

    Grazie per tutto Santa.

    Io i tuoi articoli passati ancora me li rileggo e li propongo agli altri.

    Ciao a presto.

    Zaffiro &Acciaio

  • qwert

    Sono così vecchio da aver visto e fatto il ’68.

    Sogni, illusioni e visioni di un mondo diverso. La necessità di crescere, di cercare di volare, di cambiare e modificare il proprio ego.

    Come è finita è cosa nota. Cambiano i tempi. Cambiano gli stimoli. Cambiano le tecnologie (dal mangiadischi in spiaggia ai computer). Ma l’uomo non cambia. Sempre alla ricerca di sè e di qualcosa di indefinito che hai dentro e non capisci cosa veramente sia.

    Ci sono poi i “portatori di fiaccola” che esplorano il cammino che altri faranno: molti si perderanno, altri torneranno indietro, pochi proseguiranno il cammino.

    Anche se una sola tua frase ha suscitato un piccolo fuoco in qualcuno che passava di qui, la tua missione è compiuta. Fermati a pensare chi sei e cosa sei stato per tanti. E poi, se lovorrai (e sicuramente lo vorrai), ravviva la fiamma della tua torcia e riprendi il cammino.

    QWERT

  • E’ vero, i tempi cambiano ma quella necessità si ripresenta nel tempo.
    Le nostre tecnologie sono più veloci, e le illusioni forse si bruciano più in fretta.
    ma qualcosa resta sempre  :-)

    grazie, e a presto

  • Ildegard

    comprendo l’urgenza di scrivere perchè un tempo è stata anche mia. ci sono momenti così, dicono sia la fase di evacuazione.

    così come condivido la domanda: cosa ce ne facciamo di questo sapere? niente, il sapere è inutile se non nella misura in cui conduce all’essere.

    dici che il tuo fuoco è estinto.

    non credo sia così, si è solo trasformato, man mano vira al bianco, fuoco incolore.

    ti sono debitrice.

     

    Ildegard

  • Anonimo

    Grazie Carlo per tutto il tuo impegno e Amore per condividere la tua “Conoscenza”. Niente è perduto si è solo trasformato. La Vita attraversa fasi che si riconoscono solo dopo che siamo scesi dall’auto che ci aveva dato il passaggio. si rimane autostoppisti e si ricomincia a camminare a piedi: con più lentezza, con più calma: Guardando le foglie colorate di bellezza autunnale come ho fatto questa mattina, ascoltando il primo pettirosso sull’albero.

    Sentendosi sempre gli stessi: quelli che non si sono traditi, anche se sono stati traditi da altri. Quelli che sono rimasti fedeli a se stessi come l’impronta di un dito sull’argilla del vasaio.

    Auguri e grazie ancora

    FEDRO 55

  • miranda

    desidero ringraziarti per il prezioso contributo che questo blog mi ha dato quando l’ho scoperto circa 8 anni or sono quando, dopo anni di “digiuno televisivo” mi sono imbattuta in una mole sconcertante (per me, che conoscevo bene l’esoterismo) di simboli occulti nei videoclip musicali. ne ho fatto di strada da allora e le tue riflessioni, così come le tue bellissime fotografie, mi hanno accompagnata sino qui. spero di rileggerti presto, credo che tu abbia ancora molto da dire. un abbraccio

  • Tra l’altro, se si dovessero fare oggi delle analisi sui videoclip musicali carichi di simbolismo occulto, non si saprebbe da dove iniziare..

    Un abbraccio a te Miranda

  • SoylentGreen

    Ringrazio ancora SAntaurina per il blog e ti chiedo il tuo parere su questo video di Luca Sadaka

    a me onestamente lascia perplessa…daccordo con i pregiudizi antimassonici ma sembra non rendersi conto che “in alto” -visto che la massoneria è gerarchica-potrebbero trovarsi personaggi poco raccomandabili che sono culo e camicia con entità “nere”,onestamente non credo che la massoneria-che comunque è un invenzione moderna-sia  questa società no profit per migliorare il mondo bah…

    Comunque alcuni commenti sotto al video sono davvero fastidiosi

    • Ciao SoylentGreen
      direi che è opportuno evitare tutte le visioni estreme che vedono nella massoneria l’origine di tutti i mali, ma è altrettanto ingenuo vedere nei massoni dei distinti ricercatori liberali e aperti che cercano esclusivamente un sapere superiore, per mezzo di un percorso non dogmatico.
      Questo modo poi di esporre è davvero fastidioso.
      Quello su cui l’autore di questo video in particolare non si sofferma è un dato di fatto che dovrebbe fare riflettere: la massoneria è prima di tutto un Ordine Esoterico.
      E questo ordine esoterico è stato negli ultimi due secoli il principale propagatore della mentalità laicista- materialista – scientista della modernità.
      Questa è una enorme, apparentemente, contraddizione.
      I principali personaggi del passato che di giorno propagandavano il laicismo di notte si ritrovavano ad onorare il Grande architetto dell’universo.
      perchè?
      Se non si comprende questo, non si capisce niente della massoneria.

      Quando poi tira in ballo la solita storia ridicola della p2 “loggia deviata” che contraddiceva la visione della massoneria tradizionale, dimostra di non conoscere nemmeno l’argomento, e il concetto di “loggia coperta”.

      Diciamolo pure, il tipo spara una raffica di enormi cazzate, con un tono odioso.

      a presto  :-)

      • Anonimo

        “I principali personaggi del passato che di giorno propagandavano il laicismo di notte si ritrovavano ad onorare il Grande architetto dell’universo.
        perchè?
        Se non si comprende questo, non si capisce niente della massoneria.”

        Questo.

        “Diciamolo pure, il tipo spara una raffica di enormi cazzate, con un tono odioso.”

        Lol :)

  • Sick Boy

    Santa tu mi hai cambiato la vita. Perché quella mole di informazioni che ho digerito tutto a un tratto sono state messe alla prova mediante il confronto con un spirito pacato ed educato che ha risposto alle mie domane e a chi le faceva per me.

    Siamo tutti cambiati e potente è il mondo.

    Ti abbraccio forte

  • Siamo tutti cambiati, ognuno ha messo il suo, ognuno ha preso qualcosina dagli altri.

    Un abbraccio a te :-)

  • SoylentGreen

    Grazie Santa,sì la massoneria non è di certo l origine del male ci mancherebbe altro :)

    Come hai fatto notare tu perchè se i massoni credono in una realtà spirituale poi propagandano lo scientismo materialista? è questo che mi ha fatto sempre pensare non a caso nel video non si parla della parte “Spirituale” della massoneria che rimane un’invenzione moderna.

    Comunque hai ragione il modo di esporre di alcuni debunker è veramente fastidioso

  • antonio

    Ciao Santa, non posso che confermarti il merito di aver aperto una breccia nella realtà nella quale siamo immersi, dando la possibilità a tanti di affacciarsi in un universo, per certi aspetti troppo torbido ma reale, di cui non immaginavamo neppure l’esistenza…

    L’aver conosciuto questo mondo nascosto non ti lascia essere più quello di prima, interpreti il mondo con una dimensione in più e non è cosa da poco…

    Grazie ancora sperando di poter leggere ancora, quando e se lo riterrai opportuno, le tue straordinarie intuizioni!

    Antonio

  • Il Viandante

    Ciao seppur in silenzio, seguo il tuo blog da anni, e ti ringrazio… le riflessioni su quanto è avvenuto negli ultimi 10 anni toccano nel personale anche me e ti capisco…

    Un grazie è dovuto, e lo dico con il cuore…

    Di tanto in tanto mi piacerebbe rileggere qualche tuo commento anche su luogocomune.net, visto la piega che ha preso a causa di molti commentatori che ancora svegli del tutto non sono anche se lo pensano…

     

    Ciao

    un Viandante, ormai stanco di camminare in questo mondo

     

     

    • Ciao Viandante  :-)

      Luogocomune continuo a seguirlo, anche se non con l’assiduita del tempo passato, ma non intervengo più perchè avevo scritto anche troppo, finendo per ripetermi senza più apportare cose nuove.
      E’ giusto che ci sia un cambio generazionale, e ammiro sempre Massimo per la sua passione che dura negli anni.

      A presto

  • Leon

    Buongiorno Santa, come al solito hai toccato un punto importante: I principali personaggi del passato che di giorno propagandavano il laicismo di notte si ritrovavano ad onorare il Grande architetto dell’universo. Perchè? Se non si comprende questo, non si capisce niente della massoneria.

    Io ho elaborato una mia spiegazione a questa contraddizione, ma temo sia a un livello ancora superficiale. Mi piacerebbe molto conoscere la tua spiegazione.

     

  • Leon

    Parlando invece di questo blog: io ti sono debitore. In un mondo in cui parte della sofferenza viene dal non poter più avere maestri (guru) tu mi hai fatto conoscere autori che lo sono diventati, cambiando la mia vita e dando un senso, e una soluzione, all’irrequietezza che da sempre mi accompagnava.

    È vero siamo tutti avvolti da maya, ma uno degli autori che mi hai fatto scoprire lo spiega bene cos’è maya e quanto sia difficile per un uomo andare oltre. Si tratta di Mircea Eliade, che nella sua enciclopedica opera “Lo Yoga” riporta una leggenda indù di molti secoli fa. Purtroppo non ricordo la pagina esatta.

  • Ciao Leon

    una possibile spiegazione avevo provato a formularla nell’ultimo articolo che avevo dedicato alla Massoneria, Massoneria: dall’edificare al dissolvere.

    In sintesi, l’idea di fondo è l’edificazione di un Nuovo Mondo, e per ottenere lo scopo occorre prima demolire la realtà esistente.

    Comunque, Eliade è un grandissimo autore, tra i più competenti e i più chiari nell’esposizione  :-)

    A presto

  • Leon

    Ti dico allora la mia interpretazione.

    Primo livello: masse convinte che Dio sia un’illusione sono masse sperse, che passeranno tutta la vita a cercare il senso della loro esistenza, ricorrendo a palliativi per compensare questo vuoto. Palliativi che possiamo anche chiamare “consumismo”.

    Secondo livello: masse convinte che l’anima sia una leggenda, o una metafora, e che dopo la morte ci sia solo polvere sono masse che saranno tremendamente attaccate alla vita, quindi molto edoniste e molto timorose di combattere e sacrificarsi.

    Terzo livello: necessità di preparare il terreno per la controreligione, amministrata dai controiniziati (profezia di Guenon, tremendamente attuale).

    PS: in un libro di Coomaraswamy che lessi tempo fa c’era scritto chiaramente che il compito degli spiriti più elevati, quelli che in altri tempi sarebbero stati dei bramani per intenderci, è quello di vivere nel mondo e vivere fuori dal mondo. Ognuno di noi deve trovare la chiave per riuscire a fare questo.

    Per il resto, lo sai meglio di me: tutto è onda. Anche scrivere post in un blog.

     

  • ika

    Caro Santa, le notti, quando tutto attorno tace, sono fertili per il ricercatore, quando c’è luna nera poi, se il cielo è sereno, tutto il firmamento appare. Basta alzare gli occhi. Anche se la forza di gravità ci tiene a terra, la schiena deve restare dritta, come un ponte tra Cielo e Terra. Il lavoro non è finito. Tantissimi auguri!!! Ika

  • Grazie Ika, sempre un passo avanti  :-)

    stai sempre bene

  • Orange

    MR.sANTARUINA.questo è il  momento meno adatto a fare riflessioni..il grande Sole sta per sorgere..e ne vedremo delle “belle”..occorre essere presenti e parare i colpi bassi..chi ha tracciato la via..avanza senza remore..finchè si può trovare spazio per scrivere..io ci sarò–saluti 

    • Hiei

      Non che riflettere sia mai stato il tuo forte, eh…la spammata comunque non poteva mancare stavolta, e’ celebrativa a suo modo. :’D

  • Daouda

    Ciao Cà , chi l’ha dura la vince ma in mente mi viene il primato dell’agape sulla gnosi di Paolo per rispondere alla tu domanda tangenzialmente

  • Verissimo.
    A presto Daouda :-)

  • Giovanni

    Quel “fuoco” che ci accomuna mi permette di dirti

    Il Cielo e’ blu’

    I prati sono verdi

    Ti ringrazio di cuore per tutto quello che mi hai dato, spero ti torni decuplicato.

    La strada e’ lunga, ma abbiamo una Eternita’ per percorrerla.

    Il fuoco, pur modificandosi, non cessera’ di essere tale.

    Quanto avro’ ancora da imparare e disimparare.!!

    Ricordero’ sempre il tuo verbo Ri-velare che mi ha fatto scoprire il senso della Eternita’.

    Mi permetto di suggerirti di seguire il tuo cuore: troverai la Luce.

    A te i miei migliori auguri e preghiere.

  • Red_Knight

    Pur provenendo da, e rimanendo in, un universo differente dal tuo ho sicuramente imparato molto qui. Sono perciò sinceramente dispiaciuto da questo cambio di pagina ma credo di comprendere abbastanza bene e, per motivi diversi, non essendo mai stato un blogger, condividere il tuo stato d’animo.

    Spero che ci siano gli spazi e i mezzi per rivederti da qualche altra parte in qualche altra forma su Internet, prima o poi. Sarebbe bello, se e quando mai dovesse finire l’Eterno Settembre, dopo la “morte termica” del Web, ripartire da capo con entusiasmo adolescenziale e ritrovarti fra le letture notturne. Sperando di non essere nel frattempo diventati troppo vecchi per le diavolerie che verranno.

    Grazie di tutto e buona quiescenza.

  • Ciao Red_Knight, piacere di ritrovarti  :-)
    Ogni tempo ha le sue occupazioni, ed essendo il tempo ciclico, forse riinizieremo da capo con queste ricerche

    A presto

  • Che gioia ritrovarti, caro Amico, auguri  di lunga vita a te ed al tuo blog, che tanta preziosa conoscenza e informazione generosamente diffonde , per chi è pronto a riceverle.

    Grazie  per  il tuo impegno, grazie dal cuore! un caloroso abbraccio

  • Un abbraccio a te Giovanna  :-)

  • giovanni

    BuonNatale ed ottimo 2017, a te ed a tuttinoi

    Giovanni

  • Buon natale a tutti noi :-)

  • Fabio curetti

    Ciao Santa,

    Leggo ora il post perché annoiato, saltando da un sito all’altro, mi sono detto: chissà che si dice tra cielo e terra? Ed ecco… solo qui trovo conferma della identica sensazione che hai desctitto cosi bene..ed é stato come tornare a casa. Se ti ricordi ti inviai un mio cd “Soglie” dei PensieroCroma,  che ha avuto il solito percorso…tanto intenso all’inizio ed ora lo guardo appagato da lontano. Con il gruppo abbiamo proseguito con gli ultimi fuochi energetici  ( a proposito se ti interessa… http://www.inacustico.it ) ma avverto che non abbiamo più niente da dire, l’inutilità del fare… però,…però,  quando ogni tanto mi fanno i complimenti per il lavoro svolto e che ha aiutato qualcuno a fermarsi ed a riflettere mi dico: beh…Anch’io un pó di luce della fiaccola l’ho portata e devo ringraziare il mio amico Santa che me ne ha offerto un pó … grazie di tutto e auguroni

  • Ciao Fabio

    Mi ricordo bene del tuo cd :-)

    Dici bene, alla fine rimane anche qualcosa di bello fatto.

    È forse quella voglia poi può anche tornare, magari sotto una  forma diversa.

    Stai sempre bene, a presto :-)

  • Hiei

    Per un altro caloroso ricordo…

    Paxtibi, il nostri pensieri sono con te e la Collective Hope, perduti nel cosmo…

  • lirio

    Io ti ringrazio per questo sito. Mi ha permesso di spiegare ciò che inquietamente avvertivo ma a cui non sapevo dare un nome, mi ha permesso di accedere ad una nuova visione del mondo e della storia, da cui ho poi tratto due libri (mai pubblicati). Hai trattato questi argomenti senza mai cedere alle mode del momento che pur usano tali temi per altri fini, aumentando la confusione. Leggerti, in qualche modo mi ha fatto crescere e accompagnata a lungo. Grazie.

  • Grazie a te, mi fa davvero piacere  :-)

  • Anonimo

    Grandioso blog, complimenti davvero!

    Spero di leggere qualcos’altro prima o poi.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>