Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
12 Aprile 2021

La propaganda di basso livello del Great Reset

Osservando i vari video presenti sulla rete con cui il World Economic Forum e gli altri grandi enti globalisti promuovono il loro famigerato progetto denominato “Grande Reset” si possono avanzare alcune considerazioni.

Innanzitutto è evidente che ci troviamo di fronte ad una propaganda di “basso livello”, nel senso che pare pensata per un pubblico di bambini delle scuole elementari.
In effetti il rivolgersi ai membri più “semplici” della massa rappresenta una delle caratteristiche fondamentali della propaganda, ma in questo caso l’asticella pare ulteriormente abbassarsi.
Laddove le piattaforme che ospitano tali messaggi permettono dei riscontri immediati da parte degli utenti, con meccanismi quali “mi piace” o “non mi piace” si nota poi una enorme predominanza dei giudizi negativi, con un rapporto medio di 10 valutazioni contrarie rispetto a 1 positiva.
Quando inoltre gli utenti possono anche esprimere il proprio parere per mezzo di commenti, questi sono nella quasi totalità fortemente critici rispetto agli scenari proposti.
Questo dipende dal fatto che l’utenza che ricerca e analizza tali contributi è formata principalmente da persone che per il solo fatto di interessarsi a queste tematiche dimostra una certa attenzione alle dinamiche globali, e possiede quindi un grado di discernimento che permette di cogliere immediatamente il carattere distopico e inquietante della trattazione offerta.
Mentre la grande maggioranza delle persone, che considerato il basso livello narrativo con cui il discorso è impostato sembrerebbe il pubblico a cui tali messaggi sono rivolti, di queste tematiche si disinteressa, e di conseguenza non arriva ad usufruire di tali filmati.
Sembrerebbe quindi di trovarsi di fronte ad un paradosso: un messaggio di propaganda calibrato verso il basso, senza che il pubblico di riferimento venga raggiunto, mentre coloro che ne usufruiscono, e che non fanno parte del “target”, colgono subito l’inganno dell’intera operazione.
Forse una spiegazione si può trovare proprio considerando una delle tattiche della stessa scienza della propaganda, ovvero il passaggio noto come “tastare il terreno”.
Quando una idea particolarmente “innovativa” vuole essere resa popolare da parte di una elite, spesso si procede a piccoli passi nella sua diffusione, ed in un primo momento si testa la reazione del pubblico diffondendone gradualmente alcuni concetti, osservando come questi vengono accolti, e correggendo in seguito il tiro.
Ma anche in questo caso sarebbero molte le cose che non tornano, dal momento che i progetti della elite globalista procedono spediti disinteressandosi totalmente della opinione della “massa”.
Il continuo propagandare questi concetti di ri-costruzione sociale paiono piuttosto una compiaciuta operazione di auto-esaltazione.
Il fatto che ci sia una piccola percentuale (sul totale della “massa”) che si pone in maniera critica nei confronti di tutto questo faceva parte del programma stesso, ed era ampiamente previsto.

Di più: potrebbe essere che tali video proposti nei social abbiano lo scopo di misurare ed individuare l’entità della dissidenza.


3 Aprile 2021

L'inviolabilità del corpo, l'ultima barriera

 

Between the iron gates of fate,
The seeds of time were sown,
And watered by the deeds of those
Who know and who are known

 

Si è ormai arrivati ad un momento in cui pare che il tempo delle spiegazioni sia finito.
La potenza di fuoco della propaganda ha assunto in occidente una scala di grandezza che non si riscontrava nei nostri paesi “civilizzati” da diversi decenni.
Mentre la grande maggioranza della popolazione segue attonita le indicazioni dei vari governi e assimila ogni nuova restrizione come atto dovuto e giustificato, i più preoccupati avvertono il pericolo di una deriva autoritaria a cui le istituzioni democratiche andrebbero sempre più incontro, nel calpestare ed ignorare le più basilari libertà dei singoli.
In verità, non vi è alcuna deriva autoritaria in corso, e nemmeno si sta vivendo un periodo storico in cui le democrazie rischiano di deragliare in maniera preoccupante verso sistemi dittatoriali.
Le democrazie occidentali formatesi in seguito alla fine della seconda guerra mondiale furono infatti solamente una veste temporanea che il potere della minoranza assunse perché più congeniale ai tempi.
Storicamente, vi è sempre stata una piccola minoranza di esseri umani che ha guidato con pugno di ferro, sfruttandola a proprio vantaggio, la grande maggioranza del resto della popolazione.
L’esercizio del potere consiste infatti da sempre in un complesso gioco di equilibri per mezzo dei quali una minoranza mantiene la propria egemonia sulla maggioranza.

Quello che abbiamo vissuto come società occidentale a partire dalla fine della seconda guerra mondiale è stata una sorta di tregua.
Un periodo in cui le catene del potere si sono leggermente allentate, senza mai mollare del tutto la presa, garantendo, ma sempre come forma di concessione dall’alto, una serie di piccole e grandi libertà al singolo.
Il tutto regolamentato, concesso dall’alto, per mezzo di carte, costituzioni, trattati, leggi.
Queste libertà del singolo, libertà di usufruire totalmente del proprio corpo, di spostarsi, di agire secondo volontà, erano concessioni temporanee.
Ed ora i vari governi hanno deciso che il tempo di quelle concessioni è scaduto.
Questo è un motivo per cui appellarsi oggi agli organi che lo stesso potere ha generato, costituzioni, impianto legislativo, magistratura, è oltremodo ingenuo.
La nostra stessa costituzione, che la narrativa passata dipingeva quale testo sacro non negoziabile, è stata clamorosamente messa da parte e rinnegata da norme e decreti liberticidi che ne hanno negato l’essenza, senza che alcun organo istituzionale avesse nulla da dire.

Le libertà quindi, così come erano state “concesse”, sono state di nuovo negate, la tregua tra governanti e governati è finita, il potere sta di nuovo recriminando la sua proprietà sulle vite dei sudditi.
I pochi hanno apertamente dichiarato guerra ai molti, senza che questi ultimi potessero nemmeno rendersi conto di cosa stesse succedendo.
Per l’ennesima volta nel corso della storia, il potere sta provando a rimodellare il mondo secondo una nuova visione, un nuovo ideale.
Il nome scelto per questo ennesimo restiling, come ormai è noto, è “Il grande Reset”.
Non è detto che l’operazione andrà a buon fine, e l’accelerazione che si sta dando al progetto nel corso degli ultimi tempi mostra che gli attori in gioco stanno forzando la mano per raggiungere anzitempo i propri obiettivi.

Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum

Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum

A scanso di equivoci, quando si parla di “Potere” è bene non rimanere troppo nel vago.
Il potere non è un’entità astratta, ed in ogni periodo è incarnato da diverse élite, composte da uomini in carne ed ossa.
Uomini che hanno i mezzi, la capacità e l’influenza per tentare di rendere concreta l’idea di società che hanno in mente.
E il potere non è nemmeno una entità compatta.
Vi possono essere in ogni momento storico élite in contrasto tra loro, centri decisionali con obiettivi diversi.
Al momento pare prevalere la fazione che anela a grandi sconvolgimenti sociali da compiersi in brevissimo tempo, incuranti della catastrofe sociale che il processo causerà.
Forse la fretta si ritorcerà loro contro, anche se al momento pare che stiano vincendo su tutti i fronti, osservando come la grande massa risulti totalmente ipnotizzata dall’incessante propaganda messa in atto.

Uno degli ultimi punti da scardinare è l’inviolabilità del corpo del singolo, e su questo piano pare giocarsi la scommessa più ardita.
Questo sembrerebbe essere anche lo scopo ultimo della grande, ricattatoria, campagna vaccinale.
Appurato che i vaccini non proteggono dal virus, che non garantiscono immunità, e che non rendono chi li subisce impossibilitato a contagiare, l’unico motivo per cui i governi nel loro insieme insistono con tanta foga nella loro diffusione potrebbe ritrovarsi proprio in questo motivo: superare l’ultima barriera che separa il singolo dal controllo totale da parte dell’autorità, interferendo col suo corpo contro la sua volontà.
Nell’idea del Nuovo Mondo che l’élite hanno in mente il suddito dovrà essere infatti totalmente soggiogato, ed è ancora più importante che questo avvenga con il suo benestare.
Una volta ottenuto il controllo del corpo, le porte saranno spalancate per mettere le mani anche sulle anime.
E arriverà un momento in cui il processo sarà irreversibile, se non ci sarà prima un minimo di resistenza, magari lieve, abbozzata, istintiva, da parte dei molti, che sia almeno di inceppo al grande sogno, distopico, dei pochi novelli apprendisti stregoni.

18 Marzo 2021

L'instabilità mentale di Biden

A questo punto occorre andare oltre la dicotomia Biden-Trump, cercando di stabilire chi dei due candidati rappresentasse “il meno peggio”, e concentrarsi totalmente su Biden, sul fatto che una persona simile sia attualmente il Presidente della più grande potenza economica e militare del mondo.
Chiunque avesse seguito all’epoca la campagna elettorale negli Stati Uniti, e avesse assistito ai comizi di Biden, si sarebbe stupito di quanto il candidato democratico fosse in palese difficoltà.
Biden soffre di evidenti problemi cognitivi, non è in grado di completare una frase di senso compiuto, si dimentica costantemente del luogo in cui trova, non ricorda i nomi dei suoi collaboratori più stretti e delle persone che gli stanno intorno.
La situazione era assai palese a chiunque osservasse gli avvenimenti in maniera oggettiva, ma tutti i grandi mezzi di informazione, compattamente schierati contro Trump, si comportavano come se la questione non sussistesse.

Ora, ad elezioni vinte, qualche cronista timidamente si chiede il motivo per cui il presidente a tutt’oggi non abbia ancora affrontato alcuna conferenza stampa con i giornalisti, e se questo possa avere a che fare con questioni riguardanti lo stato della sua salute.

Sembra di essere catapultati all’interno della celebre fiaba del Re che se ne va in giro nudo, con tutti i sudditi che applaudono alla manificenza delle sue vesti, finchè un bambino, nella sua innocenza, fa presente che il Re non indossa nulla.
Qui invece si tratta di ammettere che il presidente è totalmente annebbiato da una grave forma di demenza senile.
Il fatto che una persona con questa grave forma di invalidità mentale possa essere stata scelta ed infine eletta alla carica più importante degli Stati Uniti la dice lunga sulla palese farsa che ormai rappresenta la democrazia nei paesi che si definiscono tali.
Gravi poi saranno le conseguenze se a questa persona si permette di fare commenti che riguardano la politica internazionale, come nel caso di questa intervista, dove Biden chiama assassino il presidente della nazione più potente al mondo, subito dopo la sua.

In tempo di pace un simile attacco non si era mai verificato, ed è chiaro che Biden non si rende nemmeno conto della portata delle sue parole.
Il suo discorso, più che di un presidente pare quello di un ubriaco al bar, e l’intero spettacolo è triste e penoso, oltrecchè preoccupante.
Diversi analisti sostengono che presto Biden verrà messo da parte, a causa delle sue condizioni di salute, e la presidenza andrà saldamente in mano alla sua vice Kamala Harris: questo, si sostiene, era il programma fin dall’inizio.
E di sicuro, se si arrivasse a tanto, la situazione non migliorerebbe, essendo la Harris espressione della corrente più guerrafondaia ed elitista del deepstate statunitense.

16 Marzo 2021

Contaminazione e ossessione

Disturbo Ossessivo Compulsivo: cause, sintomi e cura

[…]il disturbo ossessivo compulsivo (conosciuto anche come DOC o OCD in inglese), è un disturbo caratterizzato dalla presenza di ossessioni e/o compulsioni.[…]
Colpisce circa il 2-2,5% della popolazione generale[…]
Il sintomo centrale è la presenza di ossessioni e compulsioni o sole ossessioni[…]
La presenza di ossessioni e compulsioni comporta una marcata sofferenza, compromette il normale funzionamento sociale e lavorativo del soggetto[…]
Esempi di ossessioni sono pensieri come:
“Potrei infettarmi con il virus Hiv se tocco la porta del bagno della discoteca”; “Non devo pensare al nome delle persone a cui voglio bene in ospedale, altrimenti potrebbero ammalarsi”; “Se non controllo che tutti i file siano chiusi, qualcosa di brutto accadrà”;“ Potrei dire qualcosa di brutto senza accorgermene”.
Ad esempio, all’ossessione “le mie mani sono piene di germi pericolosi” si può mettere in atto il comportamento di disinfettare le mani con amuchina; è un tentativo di allontanare il problema della percepita o temuta contaminazione; evitare di toccare le maniglie delle porte o portare i guanti rappresentano un tentativo di prevenire la ricomparsa del pensiero di essere contaminato.[…]

Si tratta di un disturbo serio, ed uno dei modi in cui con più frequenza si manifesta è il terrore di essere “contaminati”.
Anche prima che questa situazione emergesse, tutti noi conoscevamo qualcuno particolarmente ossessionato da germi e batteri, persone che dovevano pulire le maniglie delle porte prima di aprirle, che avevano sempre con sé disinfettanti per sterilizzare ogni superficie prima di riporci qualsiasi cosa, che una volta in casa passavano ogni istante del loro tempo libero nella più certosina pulizia e “sanificazione” di ogni angolo delle stanze, ininterrottamente.
Queste persone, che soffrono di un grave disturbo, sono spesso consapevoli della inutilità ossessiva dei loro gesti, ma ciononostante non riescono a farne a meno.
Spesso soffrono enormemente la loro condizione, perchè una vita “normale” è loro preclusa, avendo terrore di frequentare luoghi pubblici, “contaminati”, o luoghi affollati dove potrebbero rimanere vittima dei virus e dei batteri delle altre persone.
Ora, immaginate cosa succederebbe se queste persone, che soffrono di un disturbo serio e che andrebbero aiutate, avessero facoltà di imporre delle norme sanitarie al resto della popolazione, norme che sono generate dalle loro personali ossessioni, che avvallano le loro fobie.
Esatto, non c’è bisogno di fare lo sforzo di immaginare cosa potrebbe succedere.

13 Marzo 2021

Dove il nemico non è


“Sii dove il tuo nemico non è.”
Sun Tzu, L’arte della guerra.

E’ ormai evidente che siamo in guerra, una guerra subdola che le elites stanno portando a termine contro le masse.
Hanno in mente una idea di mondo che vorrebbero plasmare, e noi siamo di intralcio.
E’ una guerra particolare, una guerra in cui lo Stato ha fatto milioni di prigionieri senza dover intraprendere alcuna battaglia sul campo.
E’ una guerra che stanno vincendo con la collaborazione degli sconfitti, che porgono le mani affinchè vi siano applicate le manette, ringraziando i carcerieri e chiedendo ulteriori pene.
Non si tratta di iperboli.
Abbiamo forse dimenticato che attualmente vige ancora il coprifuoco? e cosa sarebbe, tale misura, se non una forma di arresti domiciliari?
In questa guerra ci sono nemici i politici, i medici che hanno abbracciato la criminale narrazione ufficiale ripudiando la loro vocazione, ci sono nemici i magistrati e i giudici, e sono loro complici, spesso inconsapevoli, le forze dell’ordine e la massa che accetta tutto questo.
E’ una guerra in cui ci ritroviamo soverchiati e senza alleati.
In una situazione simile, l’unica operazione possibile è la vigile attesa.
Con il 90% dei prigionieri che parteggia per gli aguzzini è inutile sperare in una sovversione, al momento.
Occorre attendere, e non impazzire.
Muoversi con cautela, con circospezione.
A passo leggero, facendosi invisibili.
Evitando la scure del nemico, che al momento ci sovrasta in numero e potenza.
E facendo una corazza attorno alla propria anima, affinchè la malvagità e l’empietà che ci viene scagliata addosso non penetri in noi, nelle nostre profondità.