Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
29 aprile 2007

Magia e Teurgia

La Teurgia (dal greco theos = dio e ergon = opera) è l’aspetto più elevato, più puro ed anche più sapiente, di ciò che l’uomo qualunque chiama Magia.
Definire la seconda, per poi prenderne in considerazione solo l’essenza e l’aspetto più puri, vuol dire conseguire la prima.

Ora, secondo Charles Barlet «La Magia Cerimoniale è una operazione con la quale l’Uomo cerca di costringere, con il gioco stesso delle Forze Naturali, le Potenze invisibili dei diversi Ordini ad agire secondo ciò che da esse richiede.

A questo scopo, le afferra, le sorprende, per così dire, proiettando (con l’effetto delle “corrispondenze” analogiche che implica l’Unità della Creazione) delle Forze di cui egli stesso non è padrone, ma alle quali può aprire delle vie straordinarie, in seno stesso della Natura.
Donde Pentacoli, sostanze speciali, condizioni rigorose di Tempo e di Luogo che occorre osservare pena i più gravi pericoli.

Poiché, se la direzione ricercata è un pochino imperfetta, l’audace è esposto all’azione delle “Potenze” nei cui confronti non è che un granellino di polvere…»

(Charles Barlet: l’«Initiation», numero di Gennaio 1897).

Charles Barlet chiama Forze Naturali e Potenze Invisibili quelle “entità” altrimenti dette Influenze Erranti.
Secondo la visione esoterica esistono infatti delle entità non propriamente appartenenti all’universo fisico, entità che sono in grado di esercitare la loro influenza sul mondo materiale.
A queste presenze vengono dati diversi nomi; alcune culture le chiamano demoni, spiriti.
Scopo principale delle pratiche magiche è avvalersi di queste entità, e tramite riti ed invocazioni “costringerle” ad agire per un proprio tornaconto.
Si distingue generalmente tra Magia Bianca e Magia Nera, a seconda che queste pratiche abbiano finalità costruttive o distruttive.
In realtà tale distinzione risulta fuorviante, poiché nel momento in cui l’operazione di “interferenza” viene compiuta, si opera in un ambito in cui la Legge Universale vieta di agire, indifferentemente dal motivo per cui tale operazione è esercitata.
Storicamente le pratiche magiche caratterizzano l’ultimo stadio della decadenza di ogni tradizione, e rappresentano sempre l’aspetto degenere di ogni forma di spiritualità.
Non a caso lo stesso termine “superstizione” etimologicamente rimanda al concetto di “ciò che rimane”, ovvero quel “cadavere psichico” che una spiritualità estinta lascia dietro di sé nel momento della sua eclissi.
Intervenire con le prassi magiche nel tentativo di manipolare le influenze erranti, oltre che operazione pericolosa,  porta a conseguenze spesso nefaste, poiché tali operazioni aprono dei varchi tra il mondo materiale ed il mondo cosiddetto “sottile”, ovvero il campo in cui le influenze erranti convocate naturalmente agiscono.

A differenza delle Magia, la Teurgia consiste invece  in una serie di invocazioni atte a richiedere l’intervento benevolo della Divinità.

Tale pratica è assimilabile alla “preghiera”, e contrariamente alla Magia non esercita alcuna “costrizione”, ma si limita ad elevare una “richiesta”.
Per tale motivo la Teurgia rimane l’unica operazione ammessa, dal momento che non pratica alcuna violazione di quella Legge Universale che rimane unico punto fermo di ogni ricerca autenticamente esoterica. …il Teurgo non pretende di sottomettere, bensì di ottenere: il che è molto diverso! Per il Mago, il rito piega inesorabilmente le Forze alle quali si rivolge.
Possedere il «nome», conoscere gli «incantamenti» è poter incatenare gli Invisibili, affermano le tradizioni magiche universali.[…]
In quanto al Teurgo non ha da temere alcuna «spiegazione» che diminuisca i suoi poteri poiché egli scarta di primo acchito ogni fattore materiale dotato di una qualsiasi virtù occulta, ogni forza racchiusa o infusa con dei riti nei suoi supporti materiali.
Solo la Simbolica deve unirlo al Divino con lo slancio della sua anima, per veicolo.
Subito si pone il problema: rivolgendosi a Dio attraverso il canale dello Spirito e del Cuore, non v’è da temere alcuna deflorazione del grande arcano, e, qualsiasi cosa accada nelle varie realizzazioni, il Mistero di queste ultime rimane integro.
Ciò che il Mago pagherà alla fine con dolore, il Teurgo lo completerà in gioia.
Come dice la Sacra Scrittura, il Teurgo ammassa inalterabili tesori, mentre il Mago fa un cattivo investimento.

39 comments to Magia e Teurgia

  • Vautrin

    Sempre un piacere leggerti

  • qualquna

    interessantissomo il tuo post,

    ti leggo volentieri,

    complimenti!

    Buon Primo Maggio!

    ciao

  • anonimo

    Guénon ( è na malattia sto René!) in “esoterismo islamico e taoismo” afferma qualcosa di simile: coloro che durante il loro cammino iniziatico verso il centro della circonferenza si imbattono in “poteri straordinari”,conseguenza del loro avvicinarsi ad un grado di maggiore purezza,spesso li ritengono fuorvianti e controproducenti,poichè è possibile che l’iniziato cada nella tentazione di padroneggiare le sue capacità a fini materiali e quindi arrestare il suo cammino verso l’essenza.queta mi sembra l’analogia che ho riscontrato riproducendo il discorso con mie parole.

    Il fatto interessante è che ho trovato spunti interessanti che mi hanno ricordato la discussione in Golden down(escludendo la mia indecisione eh eh),cioè il fatto che probabilmente la via sia una e la cosidetta “via infera” sia solo lo sfruttamento,l’uso degenere di questa per propri fini materiali.

    saluti

    Davide

  • Santaruina

    La via è una ed ha due direzioni.

    Due direzioni principali.

    La differenza consiste nel dove si volge lo sguardo.

    Occorerebbe sempre guardare il alto. :-)

    Blessed be

  • Warenn

    L’aspetto esoterico è un qualcosa di affascinante e misterioso,che a pensarci bene fa girar la testa,perchè la nostra mente non riesce a stabilirne i confini,ad associarlo subito ad un qualcosa di reale.

    Un po’ come quando si pensa ai confini dell’universo..che in realtà non esistono,e allora si viaggia..

    Tralasciando l’aspetto esoterico è inevitabile dire che la magia esiste.

    Il fuoco è magia,o almeno lo è per coloro che non conoscevano.

    E’ magia per due uomini vissuti nell’800 veder che oggi potrebbero comunicare a migliaia di chilometri di distanza.

    E’ magia per un uomo nato a inizio 900 anche questo blog magari.

    E’ magia quello che ci sarà fra 200 anni e ora noi non possiamo immaginare.

    La magia si scontra con il concetto di progresso e talvolta con quello di utopia.

    Saluti.. :-)

  • Airel81

    Nominato! Per saperne di più, passa a trovarmi. Baci

  • Laurett

    Esoterismo, WOW!

    *_*

  • Santaruina

    Warren, la magia è in effetii un campo vastissimo…

    E’ complesso già il solo definirla…

    Airel: è un onore :-)

    A presto…

    Ciao Laurett, un saluto anche a te :-)

    Blessed be

  • babilonia61

    “Quando si conoscerà il vero esoterismo, il resto sarà un giuoco…” così scrisse qualcuno di cui, in questo istante, non ricordo il nome…

    Felicità

    Rino, materiale

  • lupoanziano

    Un blog interessante davvero!

    dici cose interessanti e che sostengo da tempo! cioè la instaurazione di un nuovo odioso ordine mondiale…cioè nuivi schizofrenici con smanie di potere che vengono a galla…

    ma in che mani siamo finiti?

    Gente che vuole mettersi al posto di DIO…

    sono ridicoli…(rispondevo ai vecchi post)^^

    un caro saluto e prometto di leggere bene gli altri post!

    ti ho visto solo oggi^^

    Ciao ciao!

  • Santaruina

    Ti ringrazio Lupoanziano, un caro saluto anche a te. :-)

    Rino: chissà che giorno sarà quello… :-)

    Blessed be

  • anonimo

    “Storicamente le pratiche magiche caratterizzano l’ultimo stadio della decadenza di ogni tradizione, e rappresentano sempre l’aspetto degenere di ogni forma di spiritualità.”

    Verissimo, infatti vien da pensare che la nostra gaia scienza non sia che una variante (un pò speciale) della magia sperimentale…basti pensare alla chimica dall’alchimia,

  • anonimo

    ciao..io ho sempre creduto al soprannaturale, ma penso sia molto difficile informarsi: ci sn innanzitutto migliaia di persone che si spacciano x streghe o maghi e che propongono pozioni, rituali o formule assurde..come se bastasse fare quelche rima per ottenere un incantesimo..m spieghi in che modo trovi informazioni? e cm fai a distinguere i ciarlatani dalle persone che davvero si sn dedicate allo studio dell’esoterismo? per favore risp sul tuo blog attraverso un commento…poi ripasserò per la risposta…grazie

  • Santaruina

    ciao, innanzitutto direi che chi chiede soldi in cambio dei suoi “servigi” è quasi sicuramente un ciarlatano.

    E’ un buon punto di partenza per fare dei distinguo.

    In secondo luogo chi si “propone”, lo è altrettanto.

    Se vuoi, ne riparliamo :-)

    A presto

  • anonimo

    hey scusa, sn d nuovo io, quello di ieri…grazie della risposta in così poco tempo…ma penso di essermi espresso male..quando parlavo di “ciarlatani” non mi reiferivo ai maghi in tv(quelli sn imbroglioni dichiarati)..parlo di tutta la gente su internet, dei milioni di ragazzi e ragazze “appassionati” alla magia..molti raccontano talvolta versioni diverse e discordanti..a me piace leggere dell’occulto, di magia..di meditazione tecniche di concentrazione e simili, ma cm faccio a sapere se quello che leggo è solo una “storiella” piuttosto che un’informazione seria? — grazie — scusa se t disturbo ancora..cmq complimenti x il blog davvero ben strutturato

  • Santaruina

    Non è una domanda semplice la tua.

    Dovrai affidarti alla tua capacità di discernimento, leggere, informarti, sentire diverse campane.

    Da parte mia ti posso consigliare la lettura dei testi di Guénon, per iniziare, e ci vorrà del tempo.

    Nel frattempo “osserva”. :-)

    Blessed be

  • anonimo

    hey ciao, sono l’utente anonimo che ti ha lasciato gli ultimi messaggi in questa sezione..volevo solo lasciare un saluto, ora mi sto interessando di Wicca, meditazione, visualizzazione, cristalli, e comunque un po’ di tutto…ho molta strada da fare, non so praticamente nulla, ma ricordo quando agli inizi sono “approdato” qui: confuso più che mai… ho seguito e seguo ancora il tuo consiglio, mi informo, ascolto diverse campane, traggo le mie deduzioni…prima o poi troverò la mia strada…. ciao

  • anonimo

    DELFI CONTRO GERUSALEMME PER UN RITORNO DELLO SPIRITO
     Prologo
     Dai loro frutti li riconoscerete”Matteo 7, 15 – 20 (1), questa la frase evangelica: infatti, migliaia di anni di adorazione del dio unico, di Adonai, di Elohim di Sabbaoth, di Jeshua, di Yahweh, di , di Allah, di Almaqah e con quanti altri nomi è conosciuta questa manifestazione della volontà di rivolta contro la tradizione primordiale, ha portato, nel suo maturo compimento, e proprio nel momento storico in cui la più giovane manifestazione del monoteismo, l’islam, insanguina il mondo intero con insensata furia devastatrice, ha portato, si diceva, ai frutti a cui non poteva non portare. Migliaia di anni di adorazione della carne, di materialismo assoluto, di deificazione della materia, di esaltazione della corporeità, di lotta contro lo Spirito e contro l’Anima, hanno finalmente prodotto una messe matura. Una Cerere mistificata offre al mondo intero lo spettacolo di migliaia di anni di monoteismo: un mondo massacrato, sconvolto, mercificato, materializzato e monetizzato in ogni più isolato e lontano angolo, da New York alla più remota isola del Pacifico. D’altronde non era questo lo scopo ultimo del Dio della bibbia, del Dio di Mosè? Cosa prometteva e cosa promette ancora ai suoi seguaci?  Cos’altro cercavano gli uomini del libro, dei libri? Che  cosa cercano ancora sotto l’impero di Geova-Gesù-Allah? La ricchezza materiale, il dominio della carne! (grandissima quantità d’oro e di pietre preziose 1 RE 10:2) (2) Cosa prometteva a loro il dio unico sterminatore di popoli,? La virtù? La conoscenza? La pietas? No: prometteva e promette loro la deificazione della materia, la soddisfazione grossolana dei bisogni della carne.
    Il monoteista vuole l’arricchimento senza limiti: “Ricordati invece del Signore tuo Dio perché Egli ti dà la forza per acquistare ricchezze” e “così presterai a molte nazioni, mentre tu non domanderai prestiti.” (3), e, come premio, la vita CORPOREA, eterna, eternamente nel corpo, nel loro corpo non più mortale ma sempre materiale, oscuro, corrotto, eppur invincibile. La concupiscenza della carne, la glorificazione dello sterco, la via oscura.
    L’albero ha fruttato ed una cappa di buio non permette, ai più, di disvelare l’uscita dalla grotta, la materia ha trionfato in modo assoluto, l’ateismo ha vinto, il dio della carne, del sangue del martirio e della strage, della vendetta e del fratricidio, dell’ignoranza e della viltà ha vinto. La terra ne è permeata e ne soffre sconvolta: sarebbe inutile spiegare le conseguenze, le vedo, le vediamo tutti e tutti i giorni: il materialismo monoteista impera, assorbe e distrugge continuamente la Vita di ciascuno di noi, di chi scrive e di chi legge. Eppure non è riuscito a sconfiggere, nella sua bramosia di rovina e di disfatta e nella sua assoluta tensione anti-spirituale ed anti-divina (che è in fondo la vera essenza del monoteismo) ciò che non si può sconfiggere, ovvero gli Dei, gli Dei che sono anche il Dio multiforme e multi-chiamato, l’essere molteplice ed immobile, la Verità dello spirito. Quel Dio che parlava a Delfi ed in altri mille luoghi, antichi e venerandi, quel Dio immobile incorporeo che è esso medesimo causa a sé stesso di poter essere visto. Quegli Dei, quelli Eroi che si esprimevano dentro una fonte, in un volo di uccelli, quegli Dei dello Spirito che la materia grossolana ha cercato (riuscendoci in massima parte) di fare dimenticare agli uomini.  La Verità non può però perire perché non è mai stata creata, Zeus non può scomparire perché è egli stesso la causa. Lo Spirito vince sempre la materia, verrà il tempo in cui i Molti Dei torneranno a parlare alla mente ed al cuore degli umani. I Boschi parleranno ancora, la Pizia si risveglierà e la Grotta rivelerà l’uscita. Questo lo scopo di questo libro, questa la lotta di Delfi contro Gerusalemme, questa la guerra della Religione degli Dei contro l’ateismo del dio unico. Contro quel dio che dice: “Abbiamo preparato la Fiamma per i miscredenti, per coloro che non credono in Allah e nel Suo Inviato.” Corano, Sura XLVIII, 13. Per tutti coloro che non vogliono inchinarsi a Shaitan, per tutti coloro in cui albeggia l’antica e mai sopita volontà di una nuova Alba, di un’Aurora radiosa in cui lo Spirito rifulga sulla materia, per tutti coloro che non vogliono, nati ebrei, vissuti cristiani, morire mussulmani, per tutti gli schiavi del dio unico che sentono l’innaturalezza del loro credo materialista ed ateo, parla ancora la Pizia, con voce argentea e chiarissima disvela ancora i disegni degli Dei e dice: “ ma se la nostra natura fosse capace di affrontare la visione, potrebbe conoscere che quello è il cielo autentico e la luce verace” Platone Fedone 109 e.
     NOTE AL PROLOGO
     1) “Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste dì pecore, ma dentro son lupi rapaci. Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi? Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere.”
     2) 1Re 10,2Venne in Gerusalemme con ricchezze molto grandi, con cammelli carichi di aromi, d'oro in grande quantità e di pietre preziose. Si presentò a Salomone e gli disse quanto aveva pensato.
    3) Deuteronomio 28 12 12Il Signore aprirà per te il suo benefico tesoro, il cielo, per dare alla tua terra la pioggia a suo tempo e per benedire tutto il lavoro delle tue mani; così presterai a molte nazioni, mentre tu non domanderai prestiti.

  • […] l’attendere un fenomeno a seguito di una propria azione rituale, in contrapposizione con la teurgia, che invece mira solo a stabilire un ponte tra ciò che è tangibile e ciò che appartiene ad un […]

  • […] l’attendere un fenomeno a seguito di una propria azione rituale, in contrapposizione con la teurgia, che invece mira solo a stabilire un ponte tra ciò che è tangibile e ciò che appartiene ad un […]

  • […] l’attendere un fenomeno a seguito di una propria azione rituale, in contrapposizione con la teurgia, che invece mira solo a stabilire un ponte tra ciò che è tangibile e ciò che appartiene ad un […]

  • juan

    carlo vorrei chiederti se le Potenze Invisibili(entita erranti) sono personali cioè possiedono una mente??
    grazie!!!

  • Etty

    E aggiungo : come funzionano ? da cosa sono richiamate e cosa (o come) vengono respinte?

    grazie. Etty. 

  • Ciao Juan

    secondo la scienza tradizionale le influenze erranti sono entità che possiedono delle inclinazioni, ma non una volontà vera e propria.
    Non possono fare delle scelte, ma sono totalmente schiave della loro natura intermedia.
    possiedono quindi una sorta di intelligenza priva di “coscienza”, ed agiscono nel modo in cui agiscono perchè non possono fare altrimenti.

    Etty

    come funzionano ? da cosa sono richiamate e cosa (o come) vengono respinte?

    sempre secondo le fotni tradizionali, agiscono ad un livello “intermedio”, e sono in grado di interferire con la realtà materiale solo se “evocate”.
    Per chiamarle occorre aprire dei “varchi” da cui possono entrare nel nostro mondo, e l’apertura di questi varchi è espressamente lo scopo della magia  e dello spiritismo.
    Possono essere respinte per mezzo della fede, e della preghiera, appellandosi a forze superiori, del tutto spirituali.
    Quest’ultimo è uno degli scopi della pratica teurgica.

    A presto

  • juan

    grazie carlo ,  ma satana invece?? e cosa significa natura intermedia??

  • Etty

    Grazie davvero per il chiarimento. Un’ultima domanda: questi varchi, una volta che sono stati inconsapevolmente aperti, come possono essere richiusi? e soprattutto come si può avere la certezza che siano stati chiusi? Mi rendo conto che la questione è di una certa complessità ma va affrontata perchè al giorno d’oggi sono state introdotte diverse pratiche e discipline apparentemente innocue che hanno la conseguenza di aprire inconsapevolmente questi famosi varchi.

    Buona serata Etty. 

  • juan

    ma satana invece?? e cosa significa natura intermedia??

    su satana il discorso è ovviamente lungo..

    nella colonna a sinistra c’è un gruppo di articoli dedicati, sotto la voce “lucifero e luciferiani”.
    se ti va dacci un’occhiata.

    Per natura intermedia si intende invece quella parte del creato non direttamente percebibile con i sensi, una sorta di mondo intermedio, appunto, tra il nostro e quello celeste, dove sta il puro Spirito.

    Etty

    Un’ultima domanda: questi varchi, una volta che sono stati inconsapevolmente aperti, come possono essere richiusi? e soprattutto come si può avere la certezza che siano stati chiusi?

    questi varchi si aprono il tempo necessario per far “passare” queste entità, ma gran parte della nostra modernità non è altro che un perpetuo tentativo di mantenerli aperti.

    Se ti interessa, se ne era parlato qui:

    Le fenditure
    Le fenditure II

    A presto

  • juan

    grazie carlo per le risposte, conosci dei libri che trattino del mondo intermedio e delle influenze erranti/invisibili in modo approfondito? grazie!!!

  • Ciao Juan

    Per prima cosa ti consiglio questo scritto di Guénon:

    Le Influenze Erranti

    E poi, ovviamente, il libro più completo sull’argomento: L’errore dello spiritismo, sempre di René Guénon.

    a presto

     

  • juan

    un ultima domanda: è possibile che una teurgia(una preghiera ad esempio a Dio) possa attirare delle influenze sottili?
    grazie per la risposta

  • No, la preghiera teurgica è una invocazione a Dio (“sia fatta la TUA volontà”), e non c’è alcuna coercizione, nessuna forzatura.
    SI tratta di campi completamente diversi di quelli della magia.

     

    A presto

  • Juan

    ciao carlo volevo chiederti:
    ma queste entita o demoni come le si vuol chiamare possono “aggredire” una persona senza che si sia aperto un vargo?? grazie ancora per le tue risposte??
     

  • ciao Juan
    la cosiddetta possessione avviene solitamente per mezzo di varchi, delle fenditure che si aprono specialmente in anime inconsapevoli.
    ci sono tuttavia casi in cui queste entita’ attacca no anche anime particolarmente virtuose, anime che affrontano queste situazioni come una sorta di prova.
    a presto
     
     
     
     

  • hiei : varchi nel senso di fessure, aperture.
    ma penso che questi discorsi ti lascino un po’ perplesso :-)
     
    Juan:
    in teoria e’ cosi’
    ma la nostra societa’, la nostra epoca, agisce in senso opposto, aprendo varchi in ogni dove.
    quindi nessuno puo’ dirsi del tutto immune, dal momento che le nostre anime sono condizionate anche dall’etat d’esprit generale.
    quello che possiamo fare e’ creare delle “barriere “per mezzo della preghiera.
    a presto. :-)
     

    • Hiei

      Mi lascia perplesso qualunque discorso buttato lì a casaccio.
       
      Se dovessi intervenire per prima cosa chiederei ai presenti se sanno dare una definizione precisa di “anima” e quindi dei relativi “varchi”…comunque siamo in ferie via, son giusto di passaggio per via della mia allergia alla stupidità e alla specie umana (ferragosto da ‘ste parti, puoi immaginare…).

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>