Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
12 dicembre 2006

Il Labirinto


Il labirinto rappresenta prima di tutto un percorso, un sentiero dentro e fuori di sé, un cammino da compiere alla ricerca di se stessi,  alla ricerca del mondo intero.
Simbolo antichissimo e ripreso da ogni cultura, il labirinto nasconde un tesoro, ma non lo occulta, invita piuttosto ad intraprendere quella via, contorta e difficoltosa, per poter raggiungerlo, quel tesoro.
Nelle cattedrali gotiche e romaniche si ritrova spesso nel pavimento la raffigurazione del labirinto, a ricordare al fedele il percorso per raggiungere Dio, un percorso che parte dal fuori e giunge al centro; il fedele diviene il pellegrino, chiamato ad intraprendere la ricerca della Terra Santa, che sta fuori, ma anche dentro.
Vi è però un particolare labirinto che merita di essere investigato, una raffigurazione del labirinto che si ritrova in posti distanti, nello spazio e nel tempo.
Chi si appassiona allo studio di quella particolare disciplina chiamata, con disprezzo o con ammirazione, a seconda dei punti di vista,  “archeologia alternativa”, sa che vi sono “misteri” nel nostro passato che la scienza ufficiale fatica a spiegare con argomentazioni sufficientemente razionali.
Una delle ipotesi degli studiosi di tale disciplina sostiene che in un’antichità remota una grande civiltà si fosse espansa per gran parte del pianeta, o perlomeno avesse influenzato altre culture per via delle conoscenze superiori di cui era custode.
L’ipotesi è suggestiva, e indizi, anche notevoli, sparsi qua e là non mancano.
Partendo dagli antichi navigatori del professor Charles Hapgood, dalle ricerche dell’instancabile Graham Hancock, dagli studi di Colin Wilson e di molti altri investigatori del passato, la convinzione che qualche cultura a noi ignota abbia caratterizzato un qualche periodo dell’antichità della terra si fa sempre più convincente. Mirko Elviro e Mauro Quagliati, dell’ MMM group, qualche tempo fa pubblicarono un articolo più che interessante in cui mettevano a confronto diverse raffigurazioni di un particolare labirinto ritrovate in luoghi e tempi diversissimi tra di loro, un confronto da cui emergono affinità difficilmente liquidabili quali “coincidenze”.
Queste sono le immagini di labirinti raccolte e segnalate nell’articolo dell’ MMM group:


La sequenza è a parere di chi scrive semplicemente straordinaria.
I labirinti riportati sono caratterizzati dall’identica struttura e seguono tutti un identico schema.
La caratteristica centrale di ogni labirinto è rappresentata dalla figura a croce che assume il percorso in basso e dalla curva successiva che si innalza brevemente per poi discendere e risalire e proseguire nel formare le varie circonferenze.


Questo particolare è presente in tutti i labirinti, che, ricordiamo, appartengono a culture distanti tra loro migliaia di chilometri e migliaia di anni, e alcune tra queste culture secondo la storiografia ufficiale non hanno mai avuto nessun tipo di contatto.
E’ un segno ben preciso, che si ripete in tutti i ritrovamenti, identico, e che non può non denunciare una origine comune di questa particolare rappresentazione.
Questa origine è destinata a rimanere un mistero, così come il suo significato profondo.

20 comments to Il Labirinto

  • Vautrin

    Sempre un piacere leggerti.

  • anonimo

    Ciao Santa

    Vedo che quella ricerca ha intrigato anche te.. Indubbiamente offre numerosi spunti d’indagine, su molti “fronti”.

    C’è parecchia carne al fuoco, credo meriti davvero un approfondimento.

    Grazie per l’ennesimo succoso post :)

    _gaia_

  • Santaruina

    Vautrin, felice di vederti passare di qua :-)

    _gaia_ , sappiamo che gli indizi alla ricerca di una antica civiltà sono numerosi, ma credo che tra tutti il mistero di questo labirinto sia il più convincente.

    La smoking gun :-)

    Blessed be

  • anonimo

    ciao, sono una ragazza appassionata di meteorologia,….qualche tempo fa avevo sentito discutere delle scie che inquinano l’atmosfera causate dagli scarichi degli aerei, a tal proposito mi sono informata in maniera piu’ approfondita ed ho scoperto che non e’ un problema da niente perche’ questi scarichi contribuiscono pesantemente all’innalzamento della temperatura nel globo terrestre e si prevede addirittura che nel 2040 andando di questo passo l’Artico si sciogliera completamente per non parlare di tutto quello che ne consegue…

    Rimango sempre affascinata dai tuoi articoli e dal tuo bel viso….un grosso saluto

  • Santaruina

    Ciao

    la questione delle scie chiamate chimiche in verità è molto complessa; il problema effettivamente esiste, anche se ancora non si conosce con esattezza lo scopo di tale attività.

    L’assenza di risposte da parte degli organismi “ufficiali” è ciò che più inquieta.

    Su luogocomune stiamo per riprendere in esame la questione, facendo una summa degli elementi emersi finora.

    Un saluto anche a te, a presto :-)

    Blessed be

  • anonimo

    ciao sono Stefi la ragazza che ti ha scritto questa mattina a proposito delle scie chimiche,scusa se ti disturbo con i miei argomenti ma non riesco a capire la tua risposta quando dici che non si conosce lo scopo di tale attivita’, per me sono solo scarichi della benzina dell’aereo…..ti ringrazio della tua disponibilita’…ciao

  • Santaruina

    Ciao Stefi

    non c’è problema nel deviare un po’, purtroppo però tale questione è lunga e meriterebbe altri spazi per essere trattata a dovere.

    Comunque, quelle di cui parli sono le classiche scie di condensazione, composte essenzialmente da vapore acqueo presente nelle emissioni degli aerei che si cristallizza, e ciò avviene in determinate circostanze.

    Occorre che la temperatura attorno all’aereo sia inferiore ai -40 °C e l’umidità atmosferica relativa superiore del 70%.

    Ciò si verifica a quote superiori agli 8.000 metri.

    Le scie di condensazione sono di dimensioni ridotte e scompaiono dopo pochi minuti.

    Le scie chimiche invece si formano anche a quote inferiori, sono persistenti e tendono ad allargarsi creando uno strato lattiginoso.

    Esistono numerosi brevetti depositati in cui si descrivono metodi di inseminazione artificiale delle nuvole per mezzo di sostanze spruzzate in volo da aerei, esiste un documento del congresso americano in cui le scie chimiche (chemtrails) sono vietate se usate come arma non convenzionale, esistono interrogazioni parlamentari che chiedono spiegazioni sul fenomeno.

    Insomma, c’è molto materiale da analizzare, il consiglio che posso darti, se la questione ti dovesse interessare, è dare un’occhiata ai due siti che trattano di scie chimiche presenti tra i link della colonna a sinistra.

    Blessed be

  • anonimo

    articolo molto interessante. Che l’esercito di Enomao sia con te

  • aeroporto

    La parola labirinto nasce dal termine sumero Labrys, che indica l’ascia bipenne. Tale termine era usato anche per indicare le graffe che univano, “saldavano” le enormi pietre che formavano le mura ciclopiche (è curioso notare che la costruzione di tale graffe a coda di rondine era in ferro, così da mettere in discussione la datazione sull’età del bronzo). Infatti se si considera l’ascia bipenne ed il suo significato simbolico (le apparenti contraddizioni si includono) possiamo anche ravvedere la forma del labirinto così come ci appare.

    Partendo dalle estremità includendo gli opposti, considerandoli non in opposizione ossia conducendoli in Se, si arriva al centro, a quel quinto “punto cardinale” così come è nella tradizione cinese (gli indiani conducono al moltiplicatore zero, in matematica). E’ curioso ma il SATOR, è di analoga spiegazione, ciò si spiega nei templari il simbolo dell’ascia bipenne e la tradizione del Sator. Andando indietro con il tempo troveremo precedente a l’età Cristiana il Sator che deriva dal culto dei Latini.

    Labrys…. Lapis… Labra… ossia ascia bipenne (era strumento di lavoro e non di guerra) pietra, e caverna poi labbra due estremità che si uniscono. Il picchio era l’animale sacro per i latini: nel becco due estremita uguali che si uniscono e la capacità di “forare” la dura quercia il leccio. Giano (che è latino e non romano) è di analogo significato, saper “vedere” i due opposti. E’ curioso come oggi il termine Labrys, indichi nelle comunità religiose cattoliche, l’intendimento d’unire le differenze. Non è un caso che il cristianesimo ha avuto in italia da subito centralità, ciò è dovuto alla “latinità”, al profondo

    sentimento simbolico che lasciarono i Latini se pur sterminati dalla nuova ideologia romana, opposta e tutta protesa nel dividere (Romolo e Remo nascono “gemelli”).

  • Santaruina

    Ciao Aeroporto, contributo interessante.

    A presto

  • anonimo

    Ciao Santaruina,

    si tratta solo di una suggestione ma nel vedere lo schema del labirinto (e soprattutto la parte evidenziata) ho immediatamente pensato ad un cervello e all’allocazione della ghiandola pineale.

    Ho scoperto il tuo blog da poco e volevo ringraziarti per trattare certi argomenti con estrema lucidità.

    Hyblon

  • Santaruina

    Ciao Hyblon

    il parallelo con il cervello umano potrebbe essere una buona pista, avevo visto anche altri studi che riprendevano simili analogie.

    Resta il fatto che una tale similitudine tra simboli appartenenti a culture così lontane tra loro parla sicuramente di un qualcosa che ci sfugge.

    A presto :-)

  • anonimo

    Da qualche parte ho letto che questo disegno ha a che fare con la rappresentazione del cervello umano,è simbolo di una qualche conoscenza a proposito del funzionamento del cervello umano.
    Scusate la nebulosità delle mie affermazioni,ma se qualcuno ne sapesse più di me in questo senso….

  • Santaruina

    Sì, ne avevamo accennato anche nei commenti.
    Potrebbe essere una spiegazione, che da un punto di vista simbolico non necessariamente ne esclude anche delle altre.

  • anonimo

    per quanto riguarda l'analogia con il cervello umano segnalo la presenza nell'encefalo di due piani ortogonali che lo dividono, ossia la falce del cervello che divide sagittalmente i due emisferi cerebrali e la tenda del cervelletto che separa quest'ultimo dal cervello… credo sia verosimile un'analogia con la croce dei labirinti (volendo anche con la croce in se stessa ovviamente).
    Per il resto conoscevo il fatto che il labirinto fosse un simbolo presente in molte tradizioni, ma ho trovato stupefacente la corrispodenza esatta del motivo centrale.
    saluti

    mario

  • Santaruina

    Tra tutte le "anomalie" e i "misteri" irrisolti che interessano la storia delle culture questo del labirinto mi pare in effetti il straordinario, considerato il considerevole numero di corrispondenze decisamente inequivocabili.

    A presto

  • Gazurmah

    Ha analogie con il cervello Umano,che compare anche nell’affresco di Michelangelo la Creazione di Adamo,nella Cappella Sistina..

  • francesco da pisa

    In natura l’angolo retto non esiste. E’ come se la natura esprimesse il guscio soltanto dell’uovo. La natura cioè ti invita alla scoperta di ciò che è invisibile…. Ci pensa l’uomo, poi, a mettere in assi cartesiani cioò che gli preme… Ma intanto quella spirale che è lo standard dei labirinti qua sopra raffigurati, la ritrovi sul tuo polpastrello, sì sì sì, è la medesima, e vai col mistero….

  • francesco da pisa

    Guarda Santa, nessun mistero. Il cuore di quel labirinto è ciò che provi nel momento della morte.

    E’ proprio quella figura.

  • Forse sapevano qualcosa che si è dimenticato nel tempo

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>