Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
15 novembre 2008

Comunicazione e persuasione: il caso della PNL

La mappa non è il territorio


La PNL è lo studio dell’interazione umana che si occupa dei processi e delle forme di comunicazione a differenti livelli, per l’individuazione, lo studio e l’analisi, delle strategie e dei processi alla base dei comportamenti e delle attività umane.

[…] La sua natura pragmatica pone particolare attenzione sull’interazione e sull’apprendimento esperenziale, rendendo espliciti i processi che i professionisti usano in modo inconscio, cioè implicito.

L’acronimo PNL sta per Programmazione Neuro Linguistica, ed è una metodologia di sviluppo personale che si prefigge lo scopo di migliorare le capacità comunicative e di ottenere il massimo dalle proprie potenzialità, in diversi campi.
Sviluppatasi negli anni 70, è tuttora studiata e applicata in particolar modo da professionisti che operano nel campo della comunicazione.
Le basi teoriche di questa disciplina sono assai vaste ed approfondite, ma sostanzialmente la PNL studia le modalità con cui avviene la comunicazione tra le persone, ed il percorso attraverso il quale il singolo  interpreta ed interagisce con la realtà.
Analizzando i concetti che compongono il nome della disciplina si possono intuire le sue fondamenta metodologiche:

Programmazione: le modalità umane di comportamento sono variabili e si fondano sulla percezione e sull’esperienza individuali. C’è una gamma predefinita di comportamenti (programmi o schemi), che funzionano in modo inconsapevole ed automatico.

Neuro: ogni comportamento umano è fatto di processi neurologici. Il sistema nervoso riceve stimoli dagli organi di senso (vista, tatto, udito, olfatto e gusto) e li rielabora come percezioni e rappresentazioni.

Linguistica: i processi mentali umani sono codificati, organizzati e trasformati attraverso il linguaggio. Le parole sono ponti che collegano le rappresentazioni interne del mondo con l’esperienza. Il linguaggio è l’espressione individuale della nostra percezione soggettiva.

Vi è un acceso dibattito nel mondo scientifico sulla effettiva natura della PNL; a differenza di altre discipline, infatti, la PNL ha una finalità principalmente pratica.
Ma proprio questa sua caratteristica ne rappresenta il vero motivo di interesse.
La PNL viene approfondita da chi opera nel campo della comunicazione – politici, pubblicitari, venditori – perché insegna a riconoscere le caratteristiche percettive del proprio interlocutore, ed indica i modi in cui, per mezzo della comunicazione verbale e “fisica”, si possono aprire dei varchi  attraverso i quali veicolare il messaggio desiderato.
Ecco ad esempio come una organizzazione che propone corsi approfonditi di Comunicazione Subliminale, Ipnosi, Autoipnosi e PNL (programmazione neurolinguistica) presenta gli obiettivi che promette di far raggiungere:
Questo sito nasce dalle nostre ricerche nel campo della Comunicazione: della più potente comunicazione che potesse esistere.
Le più importanti aziende mondiali spendono centinaia di miliardi nel ricercare la comunicazione più efficace.
Noi abbiamo esplorato il mondo del subliminale, della PNL, della PNL3, dell’ipnosi e di molte altre tecniche cosiddette persuasive o subliminali, da quelle scientifiche a quelle sciamaniche a quelle più futuristiche.
In particolare abbiamo approfondito i concetti della comunicazione subliminale e della comunicazione ipnotica ed abbiamo elaborato una tecnica unitaria, semplice ed immediata, per le relazioni, la vita, le situazioni sociali.
Imparare il potere della Comunicazione Ipnotica Subliminale congiunto con l’efficacia della PNL 3 significa migliorare la nostra vita sotto tutti i punti di vista:
  • Tutti i giorni comunichiamo o siamo in relazione, ed impariamo a vivere meglio in tali situazioni
  • se lavorate nel campito della pubblicità, vendita o della negoziazione, è importante imparare come guidare il vostro cliente
  • Nella vita, imparate a padroneggiare il potere della “seduzione ipnotica” quotidianamente.
  • Ed inoltre comprendete meglio il funzionamento di voi stessi e della vostra mente

In altre parole, possiamo conoscere quei sottili elementi che ci portano ad agire, e che non sono logici, bensì legati al funzionamento della nostra mente inconscia.

  • Avete mai desiderato persuadere, e nello stesso tempo condurre una conversazione apparentemente assolutamente normale?
  • Avete mai desiderato far passare un messaggio al vostro interlocutore senza usare la parole?

Questo sito vi offre la risposta.

Inserendo in un motore di ricerca l’acronimo PNL si scopre che vi sono numerose organizzazioni che offrono corsi ed approfondimenti riguardanti tale metodologia, nonostante risulti ancora poco nota ai non addetti ai lavori.
La PNL ovviamente non rappresenta una novità nel campo delle “scienze umane”, e dietro ad una sigla roboante e suggestiva si cela una disciplina assai antica.
Gli ideatori della PNL hanno tentato di dare un paradigma “scientifico” a tale materia, mettendo per iscritto ed esplicando il metodo attraverso il quale è possibile comprendere e persuadere i propri interlocutori, facendo in modo di veicolare la nostra volontà con la sola forza della comunicazione.
Si tratta di una operazione sottile, una operazione in cui concorrono una attenta osservazione, una scrupolosa modulazione della voce ed un approfondito studio della mimica e della comunicazione non verbale.
Per comprendere fin dove si può spingere chi padroneggia al meglio tali discipline, è istruttivo osservare all’opera uno dei personaggi più straordinari nel campo del “mind control”, il celebre Derren Brown.
Nel filmato che segue Brown si aggira per alcuni negozi di New York e paga le merci che acquista con dei fogli di carta bianchi.link filmatoQuesti filmati, pur se appaiono difficilmente credibili, sono del tutto veri.
Derren Brown attraverso un uso attento del linguaggio e della gestualità riesce a condurre i suoi interlocutori in uno stato di semi-ipnosi in tempi rapidissimi, e nel momento del pagamento una frase in codice li convince ad accettare i suoi pezzi di carta bianchi come fossero soldi veri.
Ogni termine che Brown usa è studiato, ogni gesto ha uno scopo ed è attentamente calibrato, ogni pausa ed ogni accelerazione nel suo discorrere ha lo scopo di indurre la persona con cui interagisce a seguire le sue indicazioni.
Ovviamente non è sufficiente descrivere il modo in cui Derren Brown agisce per poterlo imitare, così come non basta osservare un violinista virtuoso per essere in grado di suonare al suo livello.
Derren Brown è il “fuoriclasse” di questa disciplina, ma in modi simili coloro che studiano le potenzialità dell’approccio della programmazione neuro linguistica riescono ad ottenere dei buoni risultati. Ed esiste un motivo ben preciso per cui occorre prendere atto dell’esistenza di tali metodologie.
Nell’epoca del “bombardamento mediatico” infatti, sempre più professionisti ricercano i metodi con cui comunicare direttamente con la nostra parte inconscia bypassando la sfera razionale, nel tentativo di influenzare la nostra volontà.

Pubblicitari, venditori, politici, studiano il modo con cui condizionarci ed indurci in uno stato di semi ipnosi.
Ed i messaggi che vogliono far giungere a noi spesso non passano per la comunicazione verbale; spesso nei discorsi a noi rivolti le parole fungono da contorno, da forza distraente, mentre il messaggio vero viene trasmesso per mezzo di simboli, gesti, cenni, che comunicano con la nostra parte non conscia in maniera più diretta e dirompente.
Occorre quindi iniziare a prendere confidenza con tali discipline, per tentare di tenere il più possibile all’erta la nostra parte cosciente.

per approfondire:

Che cosa è la Programmazione Neurolinguistica da Psicolab
Psicologia Neuro Linguistica a cura di Gennaro Romagnoli (dedica tra le altre cose ampio spazio all’analisi dei filmati di Derren Brown)
Informazioni sulla PNL da Ecomind

52 comments to Comunicazione e persuasione: il caso della PNL

  • 6by9add6add9

    che bello questo post.,

    Lo studio della mente umana e la sua percezione a seconda e’ davvero interessante., tengo a precisare pero’ che i soggetti sottoposti a tal’un esperimenti devono essere prontamente ricettivi a questo tipo di messaggio., come l’esempio che riporti nel video., e’ normale secondo te?

    No., non lo e’., allora una persona con un’attimo di buon senso ed intelletto puo’ cascarci? Io non credo., allora perche’ la maggior parte ci casca?

    Questa e’ la domanda con la conseguente risposta alle afflizioni (che tu ben riporti in altri posts) della mente limitata dell’uomo seppur presa non in generale di grande intelligenza., che non va di pari passo con la ragione.,

    e su questo tema ci sono programmi idioti dove la gente viene presa per i fondelli mettendoli di fronte a situazioni grottesche., eppure ci cascano come dei pesci., e noi tutti a ridere.., ( ma poi ci cascheremmo anche noi?) come mai?

    C’e’ un mio amico che lavora al Cnr di Napoli., grande studioso della comunicazione del cervello., bene., lui dice che la ricezione dei neuroni e’ basata sulla consistenza ricettiva degli stessi., ma la cosa interessante e che sono ancora dietro a studiare e’ su come fanno i neuroni a comunicare tra di loro., cosa che ancora e’ in fase di studio., e chissa’ mai quando lo scopriranno e se..,

    una volta scoperto ci potranno essere le risposte anche a questo tipo di studio., dove la stupidita’ umana verra finalmente svelata.

    Ciao ;)

  • Infettato

    Si è interessante, nel video più che semi-ipnosi, il signor marrone cerca di indirizzare la psiche dell’interlocutore verso l’indicazione della strada richiesta, a concentrarsi esclusivamente su quello, facendo perdere di vista la realtà, mmm appunto lo ha ipnotizzato.

    In effetti credo a tutti sia capitato un episodio simile, senza malizia come in questo caso, ma rimanere quasi “ipnotizzati”.

    Un esempio che mi viene è, aiutare un turista che ha perso la strada, esempio stupido che racchiude il farsi capire se parla una lingua che non conosciamo, indicare la strada più breve, riuscire a spiegargliela, tutto questo tralasciando ciò che si stava facendo in standby.

    Come si riesce ad essere immuni da tutto ciò, o almeno cercare di non farsi “fregare” troppo facilmente rimane per me un mistero, sapere che esistono queste tecniche e che vengono usate più di quanto possiamo immaginare è già un passo avanti.

  • enzas

    Uno dei tanti retroscena della vita moderna…Tutto si fa tranne quel che si dovrebbe fare!

    Ciao Carlo, a presto

  • Santaruina

    Cinzia

    è esattamente l’aspetto che vorrei investigare meglio.

    Sembra quasi che ci sia un lavoro precedente dietro, alivello generale, per endere le persone particolarmente “malleabili”.

    Un lieve ipnosi collettiva indotta.

    A presto :-)

    _________________

    Infettato

    infatti, sapere che queste tecniche esistno è un ottimo primo passo, un passo necessario.

    E a proposito dell’esemio che fai, qui c’è un filmato in cui Derren Brown convince un passante a cui chiede informazioni di consegnargli l’orologio e le chiavi, semplicemente chiedendoglielo:

    http://it.youtube.com/watch?v=8ZohpDS2aMc

    _____________

    Ciao Enza

    e noi tentiamo di comprenderli, questi retroscena :-)

    Blessed be

  • anonimo

    Beh, non è che i soldi con cui paghiamo siano molto diversi :D…

    Entrando nello specifico, da assoluto profano, credo che il sovraccarico cognitivo del bersaglio sia un aspetto molto importante della tecnica che Brown mostra. Ecco perché la distrazione “sincopata” del passante. Un altro aspetto, forse meno evidente, ma sicuramente più professionale, è però l’accostamento dei significanti, secondo catene logiche (che si vede di più nel video del portafoglio) in modo da stimolare il soggetto a un’immaginazione fantastica. Presupposto che sta alla base dell’ipnosi discorsiva, per quel che ne so.

    Comunque il trucchetto non l’ha ideato Derren Brown, né gli scopritori della Pnl… Certo che lui raggiunge livelli impressionanti…

  • anonimo

    …se derren brown, avesse fatto i suoi esperimenti nel quartiere cinese della città, avrebbe dovuto pagare for real, e sui fogli bianchi avrebbe scritto appunti o disegni,…certo la nostra società stressata ed impaurita, ha un sistema immunitario-psicologico-inconscio- fragilizzato, quindi é facilmente malleabile, manipolabile, anche il sex-appeal femminile puo’ portare a stati d’ipnosi e dopo puoi avere tutto gratis… ciao, jam.tiaré

  • messier

    Chi vuole controllare le persone, da decenni, non fa che proporre queste “tecniche”, veicolando l’idea che siamo esseri appianati, acclarati, risolti, e che ognuno di noi, perchè no?, è bello che pronto per mettere la ciliegina sulla torta: applicare un bel metodo al suo comportamento, per finire di potenziare il sè, e il gioco è fatto. Oltre a essere già perfetti, siamo anche Invincibili (le due qualità infatti non vanno a braccetto, lo sa l’angelo caduto).

    Ma noi non siamo progettati col CAD. Siamo tutto meno che perfetti. E’ proprio questo il bello. Ognuno di noi ha qualcosa di scuro e cedevole, dentro, di irrisolto, qualcosa che lo lega a sè, al suo buio personale. Queste tecniche lo vogliono portare fuori, fargli dimenticare chi lui è davvero. Per COMUNICARE davvero occorre sapere quanto buio abbiamo dentro. Non fare finta di essere usciti or ora da un imballaggio, nuovi di zecca.

    Mi fanno proprio incazzare. Noi non abbiamo bisogno di una “lucidatura alla carrozzeria”; abbiamo bisogno di conoscere il progettista.

    Right ?

    Buon lavoro, Santa. Sei sulla via per tirare giù le eggregore. Credo.

  • arcangelica

    povera umanità………….

    si sapeva già che vi sono studi a tal proposito, manipolare la gente sembra essere la meta più ambita. ed io amo sempre di più la mia solitudine

    ciao Santaruina buona domenica

  • anonimo

    “I was a bit intimidated by taking the subway but my friend said TAKE IT, TAKE IT, IT’S FINE”… proprio mentre gli dà i pezzi di carta… E’ un grande. :-D

    Per inciso (e da profano!) concordo che in realtà questa disciplina sia assai antica. Mi viene da pensare all’approccio socratico al dialogo contrapposto a quello sofistico, ad esempio; quest’ultimo poneva proprio la persuasione come fine del dialogo dove invece Socrate cercava di far riflettere a fondo il suo interlocutore.

    In entrambi casi, credo, l’interlocutore entrerà inesorabilmente in uno stato di semi-ipnosi (non saprei come definirlo meglio), ma il fine è ben diverso. ;-)

    Paolo

  • anonimo

    Spezzo una lancia in favore della mia categoria, i pubblicitari.

    Quello che dici è abbastanza vero, c’è nel mestiere chi è affascinato da questi metodi.

    Ma non è la maggioranza. In alcune riunioni dell’associazione di categoria (TP) se ne è discusso, ma da quel che mi è parso l’argomento ha sollevato più perplessità che altro. Personalmente, ma ripeto, non sono il solo, uno dei motivi per cui in quella sede ho espresso più volte la mia contrarietà in merito all’opportunità di far diventare l’associazione ordine professionale è dovuta anche al fatto che se lo diventasse, essa acquisirebbe facoltà pubblicistiche ed a quel punto inserire tra i requisiti indispensabili per farne parte la conoscenza del PNL o delle bestialità di Carlo Freccero sulla psicolinguistica sarebbe quasi scontato.

    Guardacaso, a volere l’ordine professionale sono i “grandi” pubblicitari la cui committenza richiede campagne su vasta scala e utilizza principlamente la televisione come medium per veicolarle.

    I piccoli, come me, si confrontano con un mercato prevalentemente locale e/o nazionale, – molto più severo e critico – per il quale vale una semplice regola deontologica: sul lungo termine, fregare la “gente” non paga, anzi, molto spesso si rivela un boomerang. :-)

    Ciao.

  • Asoka

    medium… parola interessantissima. Un mezzo, un ponte… per far cosa, per andare dove? e sopratutto… chi c’è davvero dall’altra parte?

    saluto domenicale

  • Santaruina

    Ciao Lucio (o ors)

    alla similitudine tra i soldi bianchi usati da Brown e quelli “normali” ci avevo pensato anche io.

    In fondo anche noi siamo necessariamente vittime di una lieve ipnosi collettiva, se continuiamo a fidarci e a dare valore a dei pezzi di carta colorati.

    Ed è vero anche che queste tecniche sono antiche; diciamo che gli estensori della PNL ne hanno dato una veste “scientifica”, mentre per quanto riguarda Derren Brown, lui semplicemente unisce un talento naturale ad anni di studio ed esercitazione.

    A presto

    ____________

    Jam, infatti alune persone sono più “influenzabili” di altre.

    Ad esempio il secondo tentativo di Brown nel filmato non va a buon fine; il venditore di hot dog, che lavora all’aperto, lungo la strada, e quindi maggiormente all’erta e più “scafato” degli altri, non accetta i pezzi bianchi come soldi.

    Probabilmente anche nel quartiere cinese sraebbe successa la stessa cosa…

    _______________

    Messier

    forse saranno proprio le nostre “imperfezioni” a permetterci di uscire fuori da tutto questo.

    Ogni sistema di controllo presuppone un modello ben preciso su cui andrà applicato; il fatto che l’uomo sia imperfetto e quindi imprevedibile in alcuni aspetti fa in modo che il sistema stesso abbia necessariamente delle falle.

    ____________

    Ciao Arcangelica

    come si diceva, l’ importante è sapere che questi studi esistono.

    Buona domenica anche a te.

    Blessed be

  • Santaruina

    Ciao Paolo

    la frase he riporti è proprio “l’affondo finale”.

    Dimostra anche come la parte non-conscia del cervello sia comunque in grado di colgiere dei messaggi e seguirli.

    Per raggiungere l’obiettivo occorre prima aver distratto a sufficienza la parte conscia.

    Il fondamento della tecnica è sempre questo: distrazione parte conscia, messaggio allegorico alla parte inconscia.

    Da notare inoltre come la parte inconscia non sia in grado di recepire un messaggio diretto, ma vada raggiunta con allegorie o attraverso l’uso del simbolismo.

    __________

    Ciao Rantasipi

    molto interessante la tua testimonianza.

    Quello che mi ha un po’ sorpreso mentre approfondivo l’argomento è stata proprio la facilità con cui le organizzazioni che si ripromettono di insegnare queste tecniche parlino apertamente di manipolazione e persuasione.

    A presto

    ____________

    Asoka, una buona domenica anche a te.

    Blessed be

  • anonimo

    Difatti, un Ordine dei pubblicitari richiederebbe che queste tecniche venissero insegnate.

    In televisione, oltretutto, il loro effetto è notevolmente amplificato grazie alla generale passività con cui si usufruisce del mezzo.

    Invece, i supporti di cui dispongono i piccoli pubblicitari (per i quali l’istituzionalizzazione della professione farebbe più danni che altro) come la stampa, e ancor più la rete, tutto sommato, hanno migliori anticorpi.

    A presto.

  • anonimo

    …i cinesi di cui ti parlo, i soldi li riconoscono ad occhi chiusi, li riconoscono all’odore, anche tra il fumo degli hot dog ed il rumore della città,perché il profumo dei soldi disegna la mappa eludendo il territorio( ma qui in modo ‘innocente’)… ma in altri settori la manipolazione é possibile, autorizzata ed incrementata.In questo caso, il profumo dei soldi-potere, disegna la mappa, eludendo il territorio (la dignità umana) in maniera non innocente , anzi, colpevole. Disastro ecologico globale, distruzione del territorio, residuo, brandelli, di mappa senza tesoro, affronto all’ uomo-natura. ciao, jam.tiaré

  • Santaruina

    Rantasipi, personalmente gli “ordini” per come sono strutturati attualmente non godono delle mie simpatie.

    A presto :-)

    _________

    Jam, una mappa che ridisegna il territorio..

    Blessed be

  • tristantzara

    L’avevo notato già da tempo questo fatto della gestualità utilizzata in tv.Segni distensivi con i palmi delle mani aperti ecc.ecc.Oppure per creare persuasione implicita in chi guarda si appostano dietro al politico parlante delle persone che regolarmente fanno sì con il capo,come a sottolineare la giustezza di ciò che dice.In realtà sono suoi amici.

  • anonimo

    Un paio di precisazioni, visto che mi sono dilettato di ipnosi (non per gli scopi del nostro trickster, che non e’ neanche tanto bravo come ipnotizzatore perche’ in realta’ non capisce quel che sta facendo ma applica alla lettera trucchetti sperimentati da altri, ma come truffatore tanto di cappello) e mi picco di sapere un po’ di quel che si sta qui trattando:

    allora una persona con un’attimo di buon senso ed intelletto puo’ cascarci?

    A parte che “attimino” e’ temporale e non lega con buon senso (sorry, grumpy old man speaking) il buon senso non ha niente a che fare con tutto cio’, e neanche l’intelligenza: anzi, i soggetti migliori, piu’ ricettivi sono intelligenti, e’ difficile stabilire un rapporto con amebe e pesci lessi.

    Si è interessante, nel video più che semi-ipnosi, il signor marrone cerca di indirizzare la psiche dell’interlocutore verso l’indicazione della strada richiesta, a concentrarsi esclusivamente su quello, facendo perdere di vista la realtà, mmm appunto lo ha ipnotizzato.

    Ma neanche per sogno. Sta costruendo un rapporto, e quando questo e’ stabilito da delle istruzioni al sistema di pensiero automatico mascherate per discorsi buttati li’. Non c’e’ da fare molto sforzo perche’ in genere siamo quasi sempre in stato di dormiveglia e l’automatico prende il sopravvento senza che ci sia bisogno, da parte dell’ipnotizzatore di fare granche’.

    Ecco perché la distrazione “sincopata” del passante. Un altro aspetto, forse meno evidente, ma sicuramente più professionale, è però l’accostamento dei significanti, secondo catene logiche (che si vede di più nel video del portafoglio) in modo da stimolare il soggetto a un’immaginazione fantastica.

    No. L’immaginazione fantastica non ha niente a che vedere con le istruzioni: nella condizione di immaginazione fantastica i soggetti ci vivono gia’.

    ..se derren brown, avesse fatto i suoi esperimenti nel quartiere cinese della città, avrebbe dovuto pagare for real,

    Vero, ma solo perche’ Derren Brown non e’ cinese. Spiego piu’ avanti.

    come fine del dialogo dove invece Socrate cercava di far riflettere a fondo il suo interlocutore.

    Socrate ERA UN SOFISTA. In realta’ il fine del dialogo e’ di condurre l’altra persona dove Socrate vuole, tramite trucchi dialettici.

    fregare la “gente” non paga, anzi, molto spesso si rivela un boomerang.

    E allora com’e’ che vi ritrovate il nano pelato come gran capataz?

    Ad esempio il secondo tentativo di Brown nel filmato non va a buon fine; il venditore di hot dog, che lavora all’aperto, lungo la strada, e quindi maggiormente all’erta e più “scafato” degli altri, non accetta i pezzi bianchi come soldi.

    Probabilmente anche nel quartiere cinese sraebbe successa la stessa cosa…


    Certamente, ma non perche’ siano piu’ scafati (un gioiellere ruba le mutande a qualsiasi mercataro senza che l’altro se ne accorga), ma perche’ Brown, per aspetto, collocazione sociale, immagine e razza, non riesce a creare un rapporto con loro cosi’ bene come puo’ fare con gli altri.

    Per raggiungere l’obiettivo occorre prima aver distratto a sufficienza la parte conscia.

    Il fondamento della tecnica è sempre questo: distrazione parte conscia, messaggio allegorico alla parte inconscia.

    Esattamente, ma non e’ questione di distrazione: anche la parte conscia deve essere interessata, solo che e’ interessata in maniera da non disturbare il solito dormiveglia. Lascia fare alla scimmia…

    Ciao

    Pikebishop

  • Santaruina

    Ciao Tristantzara

    d’altra parte non è un mistero che nella comunicazione il messaggio si trasmette in percentuale minoritaria attraverso la parte verbale.

    Il resto lo fanno i gesti, la cadenza della voce e l’approccio.

    _______

    Ciao Pike, interessanti le tue considerazioni.

    Certamente, ma non perche’ siano piu’ scafati (un gioiellere ruba le mutande a qualsiasi mercataro senza che l’altro se ne accorga), ma perche’ Brown, per aspetto, collocazione sociale, immagine e razza, non riesce a creare un rapporto con loro cosi’ bene come puo’ fare con gli altri.

    Questo penso sia vero.

    Per avere la “fiducia” occorre presentarsi all’interlocutore come “pari”.

    Noi tendiamo a dare confidenza ai nostri simili, per aspetto e posizione sociale.

    anche la parte conscia deve essere interessata, solo che e’ interessata in maniera da non disturbare il solito dormiveglia.

    il solito dormiveglia, la nostra condizione naturale? :-)

    Blessed be

  • anonimo

    Grazie mille per

    la citazione

    Gennaro Romagnoli

  • Asoka

    distrazione parte conscia, messaggio allegorico alla parte inconscia.

    un programma per i nuovi tempi. sapendolo, forse, si può individuare bene con che cosa ci stanno “distraendo” e quale è invece il messaggio con cui ci stanno indottrinando.

  • Asno

    “Alla similitudine tra i soldi bianchi usati da Brown e quelli ‘normali’ ci avevo pensato anche io. In fondo anche noi siamo necessariamente vittime di una lieve ipnosi collettiva, se continuiamo a fidarci e a dare valore a dei pezzi di carta colorati”.

    Giusto.

    Però in questo caso l’ipnosi, in quanto collettiva, è – per così dire – funzionale alla sopravvivenza. Mica puoi pagare una pagnotta in oro o proporre un baratto. Invece l’ipnosi del singolo, quella messa in atto da Brown, non è funzionale (tranne che a Brown stesso), perché i soldi bianchi che hai intascato non li vorrà nessuno.

    Il guaio sarà quando l’ipnosi collettiva farà il salto di livello apocalittico: non più pezzi di carta colorati, ma “il nome o il numero della Bestia”. Funzionale alla sopravvivenza anche allora, certo, ma il credente si vedrà costretto a rinunciare alla sopravvivenza.

    • Ric

      “Il guaio sarà quando l’ipnosi collettiva farà il salto di livello apocalittico: non più pezzi di carta colorati, ma “il nome o il numero della Bestia”. Funzionale alla sopravvivenza anche allora, certo, ma il credente si vedrà costretto a rinunciare alla sopravvivenza.” Ciao a tutti. Vedo dopo diversi anni l’intervento dell’utento Asno e aggiungo in proposito un mio breve commento. Tempo fa ho consultato un sito satanista (quello crowleyano dell’OTO Italia) in cui viene scritto: “Ciclicamente, l’universo si rinnova e cambia. Questo cambiamento influisce sulla vita e sui costumi dei suoi abitanti. Ogni ciclo è chiamato Eone, ed ha durata variabile. La religione è la diretta espressione dell’Eone in cui l’universo si trova. Poiché questo Eone è l’Eone della volontà/individualità, questa è la caratteristica della religione di Thelema. L’uomo non è più prostrato dinanzi alla divinità, ma è ritto al centro delluniverso; non più sia fatta la volontà di Dio, ma sia fatta la mia Volontà; non più dogmi inspiegabili, paura e minaccia, inferni e paradisi; ma fiducia in sé e nei propri mezzi, crescita e libertà, bellezza e forza, autodeterminazione. (A. Moscato, La Religione del Nuovo Eone).” I satanisti forse sono a conoscenza di determinati cicli e questo ciclo corrisponde a quello della venuta dell’Anticristo? E mi chiedo se effettivamente Asno non abbia ragione ad affermare che il credente in questo contesto apocalittico si vedrà obbligato a rinunciare alla sopravvivenza.
      Ric

      • Anonimo

        La visione ciclica delle sorti dell’umanita’ e’ propria di molte tradizioni religiose, se vogliamo anche il Cristianesimo ne fa parte, dopo tutto e’ profetizzato nella Bibbia che ci saranno cieli e terra nuovi, o messa in un altro modo la fine del Cristianesimo coincide con l’inzio di un nuovo ciclo, quindi se da una parte la fine della religione e’ “lineare”; la storia della creazione no.

        Non c’e’ nessuna rinuncia alla sopravvivenza da parte del credente nel periodo apocalittico, c’e’ un affidarsi alla volonta’ e alla provvidenza di Dio e si spera e presuppone un aiuto reciproco dei credenti nei tempi terribili che saranno, anche in questo la Fede sara’ distintiva.

        Nessuna eutanasia religiosa insomma^^.

         

        • Ric

          Ciao, molte grazie per la risposta. La religione cristiana la intendo come “progressiva” e non ciclica (cosa che la differenzia mi pare dalle altre religioni). Comunque in questo caso credo che si tratta di intendersi sui termini.
          “Non c’e’ nessuna rinuncia alla sopravvivenza da parte del credente nel periodo apocalittico, c’e’ un affidarsi alla volonta’ e alla provvidenza di Dio e si spera e presuppone un aiuto reciproco dei credenti nei tempi terribili che saranno, anche in questo la Fede sara’ distintiva.
          Nessuna eutanasia religiosa insomma^^.”
          Ciò che dici mi conforta. Ho trovato però molto inquietante la descrizione del ciclo in cui secondo i crowleyani saremmo entrati: sostanzialmente si parla del ciclo dell’ego e dell’egoismo totali completamente lontani dal Dio cristiano. Come fanno a conoscere queste ciclicità ed è in base a questa conoscenza che credono di eliminare definitivamente il Cristianesimo dalla terra proprio in questo periodo ciclico?
          Rammento inoltre di aver letto da qualche parte che lo stesso S. Paolo ha scritto che in ognuno di noi c’è un po’ dell’Anticristo.
          Ric

        • Anonimo

          Gia’ questioni di termini.
          Comunque,

          Il satanismo E’ l’illusione del trionfo dell’ego sulla Legge Divina e sono loro per primi a propugnare, divulgare e fare l’apologia dell’individualismo, della legge che nega la Legge, guardati attorno trovi questa propaganda ovunque: ne sei e ne siamo bombardati giornalmente.Il “fai cio’ che vuoi”.

          L’obiettivo non e’ eliminare il Cristianesimo(impossibile), e’ portare la creazione nel ni-ente: e’ inculcare il loro credo avverso per negare quanta piu’ salvezza possibile alle anime create, non sono sciocchi, sanno che hanno gia’ perso e non hanno nessun futuro.

          Sovvertire le anime, opporle a Dio, portarle quindi nell’oblio attraverso il dominio dell’io,dell’ego sulla sfera spirituale, intellettuale.

          Vogliono la dissoluzione: delle anime, di loro stessi, della creazione, di Dio.
          Il prima possibile.

           

        • Hiei

          “Il satanismo E’ l’illusione del trionfo dell’ego sulla Legge Divina e sono loro per primi a propugnare, divulgare e fare l’apologia dell’individualismo, della legge che nega la Legge, guardati attorno trovi questa propaganda ovunque: ne sei e ne siamo bombardati giornalmente.Il “fai cio’ che vuoi”.”
           
          E per salvarci dobbiamo obbedire ai preti in tutto e per tutto e se ci dicono “salta”, chiedere “quanto in alto, padre?”. Certo, come no. Curioso come Satana poi sia sparito dalla scena in tale definizione del satanismo.
           
          Magia.

        • Anonimo

          Ciao troll.
          lol
           

        • Ric

          “Il satanismo E’ l’illusione del trionfo dell’ego sulla Legge Divina e sono loro per primi a propugnare, divulgare e fare l’apologia dell’individualismo, della legge che nega la Legge, guardati attorno trovi questa propaganda ovunque: ne sei e ne siamo bombardati giornalmente.Il “fai cio’ che vuoi”.”
          Già, siamo circondati da messaggi “fa’ ciò che vuoi”. Condivido in pieno.
          “L’obiettivo non e’ eliminare il Cristianesimo(impossibile), e’ portare la creazione nel ni-ente: e’ inculcare il loro credo avverso per negare quanta piu’ salvezza possibile alle anime create, non sono sciocchi, sanno che hanno gia’ perso e non hanno nessun futuro.”
          Anche questo è vero: invadere il mondo di di-sperazione per far credere che il futuro non esista. Mi pare improbabile che il Creatore abbia iniziato tutto questo guazzabuglio per-mettendo nelle ipotesi finali possibili anche il fallimento. 
          Ciononostante, siamo nelle mani di gente il cui potere parrebbe attualmente non contrastabile.
          Come se ne esce? Attendiamo il periodo post-anticristico? :-)
          Ciao
          Ric

        • Anonimo

          Sei nelle mani di Dio, e nelle tue nella misura in cui hai Fede.
          Quello che ti vogliono far credere e’ che dipendi da loro ma e’ lungi dall’essere cosi’.
          Edifica con la Carita’ prima te stesso poi man mano da te stanno in Cristo comunicherai questa Grazia a chi ti sta attorno.

          Ti scrivo un pensiero di San Pio da Pietralcina:
           
          Perché il male nel mondo?
          «Sta bene a sentire… C’è una mamma che sta ricamando. Il suo figliuolo, seduto su uno sgabelletto basso, vede il lavoro di lei; ma alla rovescia. Vede i nodi del ricamo, i fili confusi… E dice: “Mamma si può sapere che fai? È così poco chiaro il tuo lavoro?!”.Allora la mamma abbassa il telaio, e mostra la parte buona del lavoro. Ogni colore è al suo posto e la varietà dei fili si compone nell’armonia del disegno.Ecco, noi vediamo il rovescio del ricamo. Siamo seduti sullo sgabello basso».

  • Vdipassaggio

    conoscevo già qualche cosa…e leggendovi ora mi chiedo – ma nessuno finora si è spinto a proporre un metodo “antidoto”, cioè sviluppare strategie di contrasto, capacità di cogliere e neutralizzare…?

    sarebbe un bel lavoro, spingere/insegnare/sollecitare le persone a svegliarsi

  • Santaruina

    Ciao Gennaro

    grazie a te.

    Tra le altre cose pochi si occupano in Italia di Derren Brown.

    Io ne sono rimasto colpito sin dalla prima volta che l’ho visto all’opera.

    A presto

    _______________

    Asoka, non a caso una cosa che tutti gli “illusionisti” odiano è che si svelino i loro trucchi.

    Ed è abbastanza scontato, che sia così.

    E spesso anche i trucchi più ingegnosi si basano su idee davvero semplici.

    _______

    Ciao Asno

    l’ipnosi collettiva è in effetti più subdola e più sottile, perchè come tu dici ognuno ne è necessariamente dipendente.

    Spesso chi per un motivo o per un altro se ne discosta non riesce a reggere il peso del distacco dai suoi consimili.

    E speriamo che il salto cui accenni tardi a venire.

    Anche se tutto punto a quella direzione.

    ______________

    Ciao V

    l’unico antidoto è la conoscenza del “trucco”, esattamente come con gli illusionisti di cui si diceva prima.

    Se ti raccontano una volta il trucco, poi lo sgami sempre.

    Già parlarne è un buon primo passo.

    Blessed be

  • anonimo

    Per capire meglio la PNL o come funzionano questi meccanismi bisognerebbe studiare la CNV (Comunicazione Non Verbale, che mi pare sia antecedente alla PNL) elaborata e messa a punto da due fratelli italiani che anche se ben ricordo laureati in psicologia non erano però al corrente di queste particolari tecniche ma hanno sviluppato questa conoscienza arrivandoci da soli quasi per caso.

    Secondo la CNV quasi ogni individuo ha una sua “chiave di accesso” (così le chiamano loro) attraverso cui accedere alla parte inconscia, e che fanno leva e si agganciano alla parte o struttura emotiva della psiche di un undividuo.

    Le loro pratiche dovrebbero essere più o meno attendibili anche perchè so che venivano chiamati per svolgere la loro perizia come esperti nel settore nel contesto di alcune cause giudiziarie, per poter meglio appurare da parte del giudice se le parti in causa stessero mentendo oppure no.

    patmos

  • Santaruina

    Grazie mille Patmos per la segnalazione

    A presto

  • chirieleison

    mi atterrisce l’idea che qualcuno possa manipolare il mio insconscio,e non solo il mio…

    In un prossimissimo futuro potremmo diventare tutti manipolati e manipolatori contemporaneamente. Inquietante prospettiva!

  • anonimo

    Sarebbe interessante qualche articolo sul "Simbolismo Comunicazionale"…
    Giuseppe

  • Santaruina

    Ci vorrebbe un blog intero :-)

    Comunque, il tema è stato ripreso in diversi articoli.
    A presto

  • anonimo

    La PNL come tutte le creazioni umane(e non) non è nè buona nè cattiva. Segnalo a tal prposito un uso per così dire molto positivo e sorprendente(sorprendente è un eufemismo :D) è l'uso che ne fa il dottor Malanga che da anni si occupa dello studio di una branca ingiustamente (e volutamente da certi ambienti in odore di debunker) bisfrattata dell'ufologia e cioè le abductions. Il Malanga studiando i rapimenti alieni ha cominciato ad usare la PNL unita alle regressioni ipnotiche sui rapiti ed ha portato alla luce tutto un mondo oscuro che si cela dietro quelli che chiamiano volgarmente UFO ma che inrealtà sono una realtà terrificantemente complessa. La cosa affascinante è che le ricerche del Malanga sono perfettamente sovrapponibili a quelle di Budd Hopkins e John Mack dall'altra parte dell'oceano(solo che il compianto prof. Mack non ha fatto in tempo a vedere gli sviluppi delle sue scoperte).

    P.S. chi non conoscesse la problematica delle abduction può trovare tantissimo materiale in rete e specialmente le conferenze su youtube di Malanga di cui consiglio di leggere l'e-book gratuito "Alien cicatrix", con una avvertenza io che ho il pelo sullo stomaco non ho dormito una settimana dopo aver visto per la prima volta una conferenza di Malanga dove lui spiegava in maniera scientifica i vari aspetti del fenomeno ufologico, scordatevi gli alieni teneroni di E.T. …

  • anonimo

    Derren brown NON è un PNLista. nè un MIND controller, è semplicemente un prestigiatore, che usa vecchissime tecniche dei prestigiatori (mentalisti) ..per condondere le acque dice di poter controllare la mmente, ma sono tutti trucchii :-D

  • Santaruina

    E' ovvio che Derren Brown non "controlli la mente" delle sue "vittime".
    Nondimento, fa ampio uso della PNL, e sicuramente riesce, nella maggior parte dei casi, ad influenzare chi gli sta di fronte.

  • anonimo

    La mappa non è il territorio.Ma sopratutto il territorio non è la mappa…
    In questo trattare l'organismo psiche /soma umano come se fosse una macchina fredda e inerte non c'è già qualcosa di oscuro e sbagliato? Stimolo-reazione cieca… più che la paura di essere manipolati secondo me dovremmo aver paura di credere che questi saperi siano realmente efficaci. Che non ci sia uno scarto da qualche parte che apra una breccia al caos e alla completa mancanza di senso…burattini di carne guidati da burattini di carne…fa abbastanza paura no?
    Grazie per questo blog che ho scoperto da poco. E' molto interessante.
    Layne

  • Santaruina

    Ciao Layne

    In questo trattare l'organismo psiche /soma umano come se fosse una macchina fredda e inerte non c'è già qualcosa di oscuro e sbagliato?

    Già, e si tratta della naturale evoluzione del pensiero positivista ottocentesco.
    Specialmente negli anni 50 e 60 si puntò molto sulla manipolazione delle coscienze, questa disciplina divenne una vera e propria "scienza".

    A presto

  • Etty

    “Il satanismo E’ l’illusione del trionfo dell’ego sulla Legge Divina e sono loro per primi a propugnare, divulgare e fare l’apologia dell’individualismo, della legge che nega la Legge, guardati attorno trovi questa propaganda ovunque: ne sei e ne siamo bombardati giornalmente.Il “fai cio’ che vuoi”.”

    E per salvarci dobbiamo obbedire ai preti in tutto e per tutto e se ci dicono “salta”, chiedere “quanto in alto, padre?”. Certo, come no. Curioso come Satana poi sia sparito dalla scena in tale definizione del satanismo.

    Magia.

    Caro Hiei per salvarci c’è solo Gesù Cristo non c’è altra possibilità. I preti hanno lo stesso problema che abbiamo tutti noi: di essere ingannati e di operare sulla scia dell’inganno. a volte consapevolmente per uno scopo preciso altre volte inconsapevolmente perchè sedotti ed incantati.
    Il fatto che satana sia sparito di scena lo spiega in modo sintetico Baudelaire con il suo famoso aforisma: “Il peggior inganno del diavolo è quello di farci credere che egli non esiste” .
    E’ un pò come se fossi in Australia e ti trovassi in un posto chiamato Shark bay e ti dicessero: ma buttati pure, fai il bagno in questa meravigliosa acqua cristallina…. non crederai mica alla leggenda metropolitana degli squali … quella è tutta un invenzione di Spielberg, vai tranquillo, buttati ….
    e tu “ma veramente stiamo a shark bay, un dubbio che qualche squalo ci sia mi viene”. Ma vaaaa ma quali squaliiiii, buttati tranquillo: “non morirete affatto”.
    Tu ti butti, fai qualche bracciata, prendi confidenza, dentro di te pensi “che figo che sono” ho pure superato la psicosi collettiva dello squalo…. e piano piano, senza che tu te ne accorga ti trovi circondato da pinne di pesci cane. Aiutooooooooo gli squaliiiiiiiii. e chi ti guarda dalla riva pensa: ma questo è scemo, sta a shark bay, cosa pensava di trovare in acqua, le sirene??? 

    ecco questa è un pò la metafora della situazione spirituale in cui ci troviamo ed in pratica che tu ci creda o no gli squali ci sono e hanno fame, se non ci credi tanto meglio per loro!!!
    a presto.  

    • Hiei

      “Caro Hiei per salvarci c’è solo Gesù Cristo non c’è altra possibilità.”
       
      Secondo me invece c’è solo Gundam. Sai, nessuno ce la fa contro Gundam.
      Vuoi ora gentilmente dimostrarmi questo tuo simpatico dogma? Che suona tanto come i “per salvarci dai terroristi bisogna cedere libertà, non c’è altra possibilità”, “per uscire dalla crisi bisogna salvare le banche, non c’è altra possibilità”, “accattateve ‘sto governo fascista e massone, non c’è altra possibilità”.
       
      Non c’è mai altra possibilità. A credere a quelli che te la raccontano.
       
      “non crederai mica alla leggenda metropolitana degli squali … quella è tutta un invenzione di Spielberg, vai tranquillo, buttati ….”
       
      http://2.bp.blogspot.com/-ZQSa7M5ZVdo/UVBAF7PSuHI/AAAAAAAAcxc/ny2SOAakniw/s1600/shark+el.jpg
       
      Quelli come te immagino siano quelli che come vedono una pinna all’orizzonte scappano urlando dalla spiaggia, andando affannati a riposarsi all’ombra di una palma, ignari che muore ogni anno più gente colpita da noci di cocco che sbranate dagli squali, vero?
       
      “ecco questa è un pò la metafora della situazione spirituale”
       
      Oh, guarda: una noce di cocco.

  • Etty

    No scusami Hiei, non vorrei essere fraintesa, non è che sto facendo propaganda a Gesù Cristo eh. Non è che stiamo in campagna elettorale e deve vincere Gesù Cristo contro Gundam.
    A me francamente che tu creda che Gundam ti salverà non mi sposta di una virgola. Contento tu figurati io!!
    Non percepisco una percentuale sui convertiti anche perchè, sia ben chiaro, che nessun essere umano ti può convertire, solo Gesù Cristo lo può fare.
    questo tanto per riportare quanto cita il testo Sacro sul quale si fonda la nostra cultura spirituale che andrebbe quanto meno letto una volta, tanto per farsi un’idea….

    Ecco per dirimere la questione squali e noci di cocco, facciamo che ti lascio lo squalo ed io avrò cura di evitare ANCHE le noci di cocco!!!
            

    • Hiei

      “questo tanto per riportare quanto cita il testo Sacro sul quale si fonda la nostra cultura spirituale che andrebbe quanto meno letto una volta, tanto per farsi un’idea….”
       
      Per esempio quando nella parte delle piaghe d’Egitto il vostro dio misericordioso commette allegramente un genocidio-infanticidio – di innocenti vorrei sottolineare – con il siparietto comico del popolo eletto che vernicia le porte per farsi riconoscere (dio è onniscente, ma lavora meglio con un po’ di segnaletica verticale! :’D ) su vasta scala, che idea mi devo fare?
       
      Per dire, se ti leggi con attenzione la Bibbia a quanto pare dio ha ammazzato nel corso della storia così come la vostra tradizione tramanda due milioni e mezzo di persone circa…contro i dieci di Satana.
       
      Vero che è brutto parlar di cifre e fatti in campagna elettorale, di solito ce ne si guarda bene… :’D

  • Etty

    Va bè visto che chiedi io ti rispondo …. che devo fare….
    Così come nel Vecchio Testamento il popolo di Dio è stato salvato segnando col sangue dell’agnello lo stipite della porta così nel nuovo la salvezza si ottiene per grazia dal Sangue di Gesù.
    E francamente non so che idea ti farai e neanche mi pongo il problema …..
    La risposta sottintendente alla tua domanda è invece inflazionata in internet da tutti i sostenitori (tanti in verità) che sostengono che  Jahvè sia il cattivo demiurgo, e satana (che con una brillante operazione di marketing diventa lucifero che fa più figo) è il buono demuirgo e vuole salvare l’umanità.

    Vero che è brutto parlar di cifre e fatti in campagna elettorale, di solito ce ne si guarda bene… :’D
    E cmq, proprio come in campagna elettorale, i conti non tornano, ma proprio per niente.  Come direbbe mia nonna qui qualcuno ciurla nel manico :-)   

  • Hiei

    “Così come nel Vecchio Testamento il popolo di Dio è stato salvato segnando col sangue dell’agnello lo stipite della porta così nel nuovo la salvezza si ottiene per grazia dal Sangue di Gesù.
    E francamente non so che idea ti farai e neanche mi pongo il problema …..”
     
    Giusto che in tutto questo amore universale di sangue ne scorre comunque parecchio. Manco fosse una missione di pace. :’D
     
    “che  Jahvè sia il cattivo demiurgo, e satana (che con una brillante operazione di marketing diventa lucifero che fa più figo) è il buono demuirgo e vuole salvare l’umanità.”
     
    Dato che io non mi inchino davanti a nessuno, per me possono andare a stendere entrambi…dico, si presentasse Odino con un barile di birra, il famoso cervo nordico arrosto e quattro belle Valkirye già se ne potrebbe parlare.
    Comunque hai ragione: secondo il popolo eletto non sei il male assoluto se non ne accoppi almeno sei milioni, quindi dio deve occuparsi di qualche altra milionata in modo verificabile dalla contabilità dei trafficanti di pietà per qualificarsi.
     
    “E cmq, proprio come in campagna elettorale, i conti non tornano, ma proprio per niente.  Come direbbe mia nonna qui qualcuno ciurla nel manico”
     
    Ma non è ci prendiamo la briga di dimostrarlo, naturalmente. Siamo in campagna elettorale!
     :’D
    (e come in quella solo i gonzi vanno a votare per uno o l’altro credendo faccia la minima differenza…).

  • Etty

    Comunque hai ragione: secondo il popolo eletto non sei il male assoluto se non ne accoppi almeno sei milioni, quindi dio deve occuparsi di qualche altra milionata in modo verificabile dalla contabilità dei trafficanti di pietà per qualificarsi.

    Ti ripeto: sei in buona compagnia, questa tesi è stata ampiamente portata a sostegno dell’antico avversario.
    Però direi che possiamo concludere qui lo scambio sull’argomento visto che siamo anche totalmente fuori tema. ma prima di chiudere voglio farti una rivelazione:
    Gundam è solo il falso io, il padrone di casa è Peter Ray, non te lo dimenticare! ;-)    

  • Hiei

    “Gundam è solo il falso io, il padrone di casa è Peter Ray, non te lo dimenticare!”
     
    LoooL, vedi, vedi che se vi applicate… :’D

    EDIT: E comunque vorrei ribadire le immortali parole di Don Zauker: “A me il maligno me lo puppa!!”.

  • Ric

    Bello il racconto di Padre Pio. Il vero problema è credere e vivere questo messaggio in maniera così reale da renderlo visibile, oltre che a sè stessi, pure agli altri.
    “Sei nelle mani di Dio, e nelle tue nella misura in cui hai Fede.
    Quello che ti vogliono far credere e’ che dipendi da loro ma e’ lungi dall’essere cosi’.
    Edifica con la Carita’ prima te stesso poi man mano da te stanno in Cristo comunicherai questa Grazia a chi ti sta attorno.”
    Sicuramente non avrò Fede, ma vedo che la trasmissione alle nuove generazioni della stessa parrebbe sempre più ridursi. Con la possibilità (teorica) che una generazione futura possa vivere senza conoscerLa dopo che è avvenuta la “scomparsa delle generazioni precedenti”. Un’illusione negativa condizionata dalla propaganda attuale e dalla nostra condizione esistenziale oppure una possibilità concreta?
    Grazie, Anonimo, per gli interventi fatti sinora.
    Ciao
    Ric

  • Anonimo

    Rimango della convinzione che sia un sentimento inculcato a forza di propaganda.
    Si volgessero i media a quello che di buono c’e’ nel mondo, a quanto l’aiuto, la comprensione, il servizio, la carita’ insomma, puo’ e fa, ogni santo giorno, di bene, a chi ci sta vicino e lontano quest’illusione sarebbe meno forte.

    Ma non e’ quello che vogliono tu(noi tutti) sappia o creda. 

    Ciao. 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>