Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
15 ottobre 2009

Mussolini, Hitler e gli investimenti democratici


Alcune testate online hanno riportato nella giornata di ieri una delle più curiose notizie delle ultime settimane:

Mussolini pagato dall’intelligence inglese

“Reclutato dal MI5: il nome è Mussolini. Benito Mussolini”.
Sulla prima pagina del Guardian, oggi, la rivelazione di uno storico inglese, Peter Martland, che studiando i documenti desecretati dell’intelligence di Sua Maestà britannica ha scoperto le tracce di pagamenti a favore di Mussolini a partire dal 1917.
All’epoca Mussolini era un brillante giornalista di 34 anni, capace di dar voce, con il Popolo d’Italia alle correnti interventiste del Partito Socialista. Gli storici hanno portato alla luce il contributo determinante del Resto del Carlino e dei socialisti francesi e belgi nella nascita del quotidiano diretto da Mussolini.
Che a partire dall’autunno del 1917, però, ricevette un assegno settimanale di 100 sterline (circa 6500 euro di oggi, ndr.) per la campagna stampa interventista. I pagamenti proseguirono per almeno un anno: a parlarne per primo fu l’uomo che allora coordinava l’intelligence britannica a Roma, Sir Samuel Hoare, che nelle sue memorie già nel 1954 aveva raccontato del sostegno finanziario britannico a Mussolini.
Adesso Martland, scrive il Guardian, ne ha trovato le prove nelle carte del MI5.

Mussolini tra l’altro assicurò Hoare che un manipolo di veterani dell’esercito avrebbe impedito con la forza una manifestazione per il non intervento legata ad uno sciopero delle fabbriche a Milano. “Cento sterline a settimana (26mila euro di oggi al mese) per un giornalista non erano poche – scrive Martland – ma per la Gran Bretagna, che allora spendeva 4 milioni al giorno per la guerra, erano poca cosa”.

La storia del XX secolo non smette di riservare sorprese.
Dopo Hitler finanziato dai banchieri di New York, si viene ora a scoprire che anche l’altro terribile dittatore di quegli anni ebbe per un periodo l’appoggio delle potenze democratiche dell’epoca.
Si direbbe che queste potenze occidentali, i buoni della storia, puntino sempre sui cavalli sbagliati, sostenendo personaggi che poi gli si ritorcono contro.
Una gran sfortuna, si direbbe.
Se invece, solo per pochi istanti, e per pura ipotesi, si dovesse supporre che in fondo i detentori del vero potere non trovino poi tanto disdicevole lo scoppio di guerre totali con annessi milioni di morti, allora, in tal caso, i loro investimenti si sarebbero dimostrati perfettamente riusciti.

11 comments to Mussolini, Hitler e gli investimenti democratici

  • anonimo

    Poi ci sono ancora dei disonesti che perseguono la solita visione della storia passata e sopratutto presente in cui i complotti non esistono e tutto e’ esattamente come ce lo ha sempre descritto "Il Corrierone"!

    Ci vuole un bel coraggio…

    PS

    Mussolini era cosi’ fesso che si porto’ dietro le lettere di Churchill pensando che fossero un deterrente a sbarazzarsi di lui.  Ecco perche’ fece la fine che fece, come Goering e Saddam, fra gli altri: sapere troppo, se non si e’ veramente scaltri, timorati di Dio e un po’ gobbetti come Andreotti, porta male! 

    Pike Bishop

  • anonimo

    Solo 6500 euro per far scoppiare una guerra planetaria.
    Azz…se non è un buon investimento quello.
    Pochi soldi veramente, ma c’è da dire che in quel periodo non veniva esportata democrazia, con conseguente sgravio dei costi di trasporto.

    Pyter

  • Santaruina

    Occorre sapere anche come investire; questa è una chiara dimostrazione di come puntare sui giovani promettenti renda i suoi frutti.

    A presto

  • toporififi

     Con Lawrece d’Arabia se la cavarono con uno stipendio da tenente.

    La storiella fa anche venire in mente la scommessa dei due vecchi broker in "una poltrona per due".

    Nel club più esclusivo di Londra: 
    Winston che dici di quel giovane giornalista italiano?
    mah, è un socialista, non ha speranze caro Neville, tu a quanto lo dai? 
    Ho ho ho, io ci punterei, quattro a uno vincente Winston.
    Interessante Neville, ecco, i soldi sono sul tavolo.

    Solo che a Neville piaceva scommettere sul sicuro e ne fece spendere alla regina 26000 al mese pur di non perdere.
    Ma anche a Winston piaceva vincere e per dare una lezione a Neville e beccarsi le sue quattro sterline entrò in guerra.

  • Chapucer

    Cosa non si farebbe per i soldi?
    ditemi…

  • anonimo

    Evviva gli anglo-americani che aiutano il genere umano esportando democrazia, libertà e pace.
    Evviva gli anglo-americani che in questi tempi bui aiutano anche noi ad essere più consapevoli del ns regime …………………

    formica67

  • tristantzara

    E’ encomiabile questo tuo costante lavoro di smottamento dei luoghi comuni sruina. Bello smottamento vero ? 

  • anonimo

    Annosa questione, quella dei soldi.
    Ma perchè c’è tanta gente che non ha soldi?
    Ma soprattutto, io perchè sono sempre senza soldi?
    Eppure sarei disposto a tutto pur di averne.
    Poi alla fine (meno male) la filosofia mi ha fatto capire tutto.
    Ci tengo così tanto ai soldi che pur di averne tanti son sempre stato disposto a tutto, anche a rimanerne senza.

    Pyter

  • Santaruina

    Soldi, sicuramente, e voglia di giocare con la storia, ancora di più, come suggerisce Mario.

    Sono dei grandi giocatori, in foin dei conti.

    Blessed be

  • messier

    Ho dato una lettura alla brossura dei "Discorsi Ufficiali del Duce d’Italia", una ventina di volumi rilegati vari decenni fa… Io penso che Mussolini fosse una certa intelligenza. Allo stesso tempo mi fa una pena infinita. Una pena davvero infinita…

  • Santaruina

    I suoi discorsi contro la guerra, quando era ancora un giovane giornalista, farebbero invidia ai più prezzolati pacifisti dei giorni nostri.

    Probabilmente, prima di ogni altra cosa, era un ottimo attore.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>