Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
7 febbraio 2007

Nomadi e sedentari

I testi di storia ci insegnano che l’umanità scoprì l’agricoltura tra il 10.500 e l’8.000 a.C.
Una prima conseguenza di questa fondamentale rivoluzione fu un radicale cambiamento nel modo in cui l’umanità stessa si rapportava con il suolo e con la terra.
In precedenza le varie popolazioni vivevano di quello che la terra offriva loro e una volta esaurite le risorse di un luogo si spostavano, alla ricerca di nuove distese da sfruttare.
Questo era il ben noto modo di vivere naturale dei popoli pre–storici, il nomadismo.
Ma con la scoperta dell’agricoltura la rivoluzione fu grande: una stessa porzione di terra poteva fornire sostentamento per molte generazioni, e alcuni popoli misero termine al loro pellegrinare.
Conseguenza ultima del nuovo vivere sarebbero state le città.
L’urbanizzazione fu la definitiva consacrazione dei popoli sedentari.
Ma non tutti i popoli scelsero questa via: per millenni intere etnie continuarono nei loro spostamenti, e quando nomadi e sedentari entravano in contatto lo scontro era inevitabile.

La questione fondamentale, irrisolvibile, era una sola: con che diritto i popoli sedentari prendevano possesso della terra?
Non era una questione semplice; la proprietà privata degli oggetti era universalmente accettata e non era messa in discussione, ma il suolo era per definizione universale, creato dagli dei a beneficio di tutti gli uomini.
Chi si fosse trovato su un determinato luogo aveva diritto di goderne i frutti e ricavarne sostentamento, ma non aveva nessun diritto sul suolo stesso.
Con che diritto quindi i popoli sedentari rivendicavano il possesso di quel suolo per sempre?
La storia ha risposto in maniera molto semplice: chi prendeva possesso della terra basava le sue ragioni esclusivamente sull’uso della forza; il suo diritto svaniva nel momento in cui una popolazione più forte glielo toglieva.
Vediamo cosa ci dicono i testi antichi, attraverso i miti che ci hanno tramandato, riguardo questo proposito.
Un’interessante chiave di lettura vedrebbe lo scontro tra nomadi e sedentari descritto sotto forma allegorica nella Bibbia, nel noto episodio di Caino e Abele.
Nella Genesi si narra di due fratelli che conducono due esistenze differenti.
Abele è un pastore, accompagna le sue greggi nei loro spostamenti: è un nomade, non lavora la terra.
Caino invece è un agricoltore e nel racconto biblico rappresenterebbe i primi popoli sedentari.
Lo scontro fra Abele e Caino descrive quindi l’inevitabile contrapposizione tra i due modi di vivere che si andavano delineando, e poiché Abele è la vittima il racconto biblico ci dà anche l’indicazione su chi effettivamente uscì vincitore da questo scontro.
Dopo il delitto Dio costringe Caino alla fuga, e ci viene detto che la sua opera successiva fu la fondazione di una città, inevitabile conseguenza del modo di vita che conduceva.

Ritroviamo le stesse caratteristiche del racconto della Genesi nella leggenda di Romolo e Remo e della nascita di Roma. Romolo, dopo un auspicio divino, acquista il diritto di fondare una città e di darle il suo nome; il fratello Remo non accetta questa prevaricazione e irridendo il solco che Romolo stava tracciando quale confine invalicabile della nuova città lo sfida.
Romolo ritiene di avere il diritto di uccidere il fratello, e così fa.

Sono quindi riproposti alcuni aspetti fondamentali comuni alla storia di Caino ed Abele: anche in questa allegoria abbiamo due fratelli, che si ritrovano a condurre due esistenze diverse. Romolo fonda una città, come Caino, e si arroga il diritto di prendere possesso del suolo dove la città sorge.
Remo non riconosce questo diritto, ma esce sconfitto dallo scontro.
Con la differenza che la vittoria di Romolo avviene con il benestare della divinità, che era invece assente nel mito di Caino e Abele. Questo sembrerebbe sancire la vittoria definitiva dei popoli stazionari sui popoli nomadi, vittoria ottenuta con l’uso della forza, sulla quale viene a basarsi l’intera storia di Roma e dell’occidente europeo.E’ interessante notare come la proprietà della terra sia associata in entrambi i miti con un delitto.
Oggi infatti il diritto sulla terra non viene più messo in discussione, ma il mezzo attraverso il quale si esercita questo diritto non è affatto mutato: è sempre la forza.

 

19 comments to Nomadi e sedentari

  • Warenn

    Bella questa disamina in stile John Locke.

    Chapeau :-)

  • Santaruina

    Ciao Warren

    la questione del fondamento del diritto della proprietà della terra mi incuriosisce da tempo.

    E’ il fondamento stesso della nostra civiltà, nel bene e nel male.

    Blessed be

  • Vautrin

    bello, potremmo ritornare in argomento su magistra… soprattutto sull’aspetto del diritto comparato…

    Un saluto

  • anonimo

    Ciao Santa.

    Io direi che se modifichi la terra (coltivandola, costruendoci) diviene tua. Così come gli oggetti, anche per la terra la propietà dipende dalle modifiche personali alla stessa. Solo “pensieri in libertà” :)

    Kirbmarc.

  • Santaruina

    Ciao Kirbarc

    in effetti l’atto del “lavorare” la terra crea un legame tra il suolo e colui che “se ne prende cura”.

    Da questo il passo al concetto di “proprietà” non è del tutto improprio.

    Ma nelle regole delle civiltà sedentarie entra in ballo un ulteriore, essenziale, aspetto: l’ereditarietà.

    Il suolo si “tramanda”.

    Qui il discorso si fa complesso, e necessita di un ulteriore post. :-)

    A presto

    Blessed be

  • babilonia61

    I PAPI DEL XVI SECOLO.

    [..] Le religioni hanno sempre influito nelle decisioni di re, imperatori, governanti, decisioni riguardanti l’ordine sociale e politico, ma anche culturale. Peculiare importanza hanno avuto certi pontefici nel trascorso della storia moderna – m [..]

  • babilonia61

    I PAPI DEL XVI SECOLO.

    [..] Le religioni hanno sempre influito nelle decisioni di re, imperatori, governanti, decisioni riguardanti l’ordine sociale e politico, ma anche culturale. Peculiare importanza hanno avuto certi pontefici nel trascorso della storia moderna – m [..]

  • babilonia61

    I PAPI DEL XVI SECOLO.

    [..] Le religioni hanno sempre influito nelle decisioni di re, imperatori, governanti, decisioni riguardanti l’ordine sociale e politico, ma anche culturale. Peculiare importanza hanno avuto certi pontefici nel trascorso della storia moderna – m [..]

  • babilonia61

    I PAPI DEL XVI SECOLO.

    [..] Le religioni hanno sempre influito nelle decisioni di re, imperatori, governanti, decisioni riguardanti l’ordine sociale e politico, ma anche culturale. Peculiare importanza hanno avuto certi pontefici nel trascorso della storia moderna – m [..]

  • anonimo

    lo trovato molto interesante.

  • anonimo

    la prof oggi ci ha dato tanti compiti ma xke non fa un po di soldi e se ne va al paese dell’italiano

  • Santaruina

    A giudicare da quanto dicono le statistiche degli ingressi, in questa pagina giungono molti studenti che cercano materiale sul tema “nomadi e sedentari”.

    Spero che queste riflessioni possano essere di qualche utilità

  • anonimo

    interessante analisi

    c'è da fare solo un doveroso ridimensionamento dei presupposti di questa analisi:
    10.000 anni fa, si stima che la popolazione mondiale assommasse a non più di 1.000.000 di abitanti ovvero un milione sparso in tutto il pianeta, anche se non in maniera uniforme

    ciò significa che di territori selvaggi e fertili ce n'erano per chiunque in (stra)abbondanza per cui non valeva neanche la pena di darsi da fare per sloggiare gli improbabili residenti…

    per il resto sono d'accordo su la quasi totalità de… gli scritti di questo pregevole blog!

    Tommy

  • Santaruina

    Ciao Tommy

    ciò significa che di territori selvaggi e fertili ce n'erano per chiunque in (stra)abbondanza per cui non valeva neanche la pena di darsi da fare per sloggiare gli improbabili residenti…

    Questo è vero, in parte.
    Dal momento che i primi popoli divennero sedentari  vi fu un primo incremento demografico, con la conseguenza che i sedentari occupavano sempre più spazio, finché per i nomadi non rimase più posto.

    Ma occorre ricordare che con l'agricoltura primitiva i suoli si impoverivano in fretta, ed anche i sedentari erano costretti periodicamente allo spostamento.
    Inoltre, la grande maggioranza del suolo era incoltivabile, composto da monti, paludi e sopratutto foreste.
    Anche in tempi antichissimi, quindi, gli spazi davvero adatti per lo stanziamento di grandi popolazioni non erano così numerosi.
    Non si era in grado all'epoca di bonificare terreni e di sfruttare al meglio il suolo.

    Non si spiegherebbe altrimenti il motivo per cui interi popoli effettuarono migrazioni, circa 5-6 mila anni, fa di migliaia di chilometri.
    Si pensi ai popoli indoeuropei, partiti dal caucaso ed arrivati fino in Portogallo ed in India.
    Se davvero gli spazi erano illimitati, sarebbe bastato spostarsi di qualche chilometro.

    I primi popoli che colonizzarono la pianura padana, ad esempio, circa 5.000 anni fa, si trovarono di fronte una interminabile e fitta foresta, e dovettero procedere con un lungo e faticoso disboscamento.
    Man mano che il suo si impoveriva, si spostavano più a ovest, disboscando in cerca di nuove terre.
    Questo processo durò circa 500 anni.

    A presto

  • Wulfhere

    Per chi non l'abbia già letto consiglio il discorso di abdicazione di Nuvola Rossa, capo Lakota. Fra i vari punti che tocca ce ne è uno che tocca con estrema precisione la tematica riportata in quersto post. L'uomo bianco, che ha invaso i territori dei pellerossa e si comporta come se ne fosse il padrone, lavora per vivere, non caccia, scalfisce il manto della madre terra per costringerla a dare frutti e la trafigge con steccati per delimitarne il possesso. Toccante.

    • Bill

      “L’uomo bianco, che ha invaso i territori dei pellerossa e si comporta come se ne fosse il padrone, lavora per vivere, scalfisce il manto della madre terra per costringerla a dare frutti e la trafigge con steccati per delimitarne il possesso. Toccante.”
       
      Guarda caso è lo stesso modo in cui venivano/vengono ancora trattate le donne.

  • Santaruina

    Quello tra i nativi americani e i coloni europei è stato storicamente l'ultimo grande scontro tra nomadi e sedentari, un momento in cui le due visioni si sono drammaticamente affrontate.

    A presto

  • Gazurmah

    Bella analisi del mito di Romolo e Remo,che mostra fin dalla nascita su cosa si è poi basata la civiltà romana,sullo spargimento di sangue..nel mito di Caino e Abele però l’omocidio non avviene per sottolineare il possesso su un territorio..

  • orange

    la Kienge ha detto che la terra è di tutti..

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>