Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
17 febbraio 2008

Qualunquismo

La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta
Theodor Adorno

Ci sono due tipi di persone, tra coloro che decidono di non recarsi alle urne per esercitare il proprio sacro diritto-dovere del voto democratico.
Innanzitutto vi sono coloro che non si interessano delle questioni politiche, che a priori hanno deciso che l’esercizio del voto è totalmente inutile, e che nulla mai potrà cambiare le loro condizioni.
E vi sono poi coloro che delle questioni politiche si interessano eccessivamente, che sono alla perenne ricerca di notizie che ne spieghino i retroscena, che tentano di fare luce sulle questioni di cui normalmente i media non trattano.
La differenza tra le due tipologie di astenenti consiste nel fatto che i primi impiegano molto meno tempo e molte meno energie per comprendere quello che i secondi scoprono dopo lunghe ricerche.
Decenni di indottrinamento hanno fatto in modo infatti che il cittadino si convincesse che il modo migliore per partecipare attivamente alla vita del proprio paese, per avere un ruolo attivo nel processo di presa delle decisioni utili al bene comune, fosse l’esercizio del diritto-dovere del voto.
Il cittadino modello, educato, responsabile, si informa attraverso i telegiornali, legge i quotidiani, confronta le diverse idee proposte per la soluzione dei problemi e la gestione del bene pubblico, e di conseguenza esprime democraticamente la sua preferenza.
Il cittadino, in questo aulico paradigma, è protagonista.
E i rappresentanti democratici, che ne fanno le veci, sono i degni delegati atti ad esercitare la volontà popolare.

In questo scenario commovente, chi esprime dubbi sulla reale legittimità del sistema ricade nel vortice del qualunquismo.
L’origine del termine risale storicamente al movimento politico fondato da Guglielmo Giannini, il celebre Fronte dell’Uomo Qualunque, un movimento che si proponeva di limitare i poteri dello Stato e la sua ingerenza nella vita quotidiana del singolo.
Rivendicazioni portate avanti in maniera a volte teatrale, all’italiana, e denigrate dagli avversari politici e dai mezzi di informazione ufficiali.
Attualmente il termine “qualunquismo” è usato in modo dispregiativo, volendo caratterizzare l’atteggiamento superficiale di coloro che esprimerebbero pareri sommari e demotivati sulle questioni politiche, giudizi dettati da una ignoranza riguardo le suddette questioni.
Un frase qualunquista potrebbe essere ad esempio “i politici sono tutti ladri”, oppure “tanto chiunque vada al governo non cambia nulla”.
Appare quindi evidente che il tacciare una idea di “qualunquismo” è un chiaro meccanismo escogitato dai rappresentanti stessi del sistema per svilire coloro che hanno compreso delle verità sulle quali è meglio non investigare.
Che a tali verità si sia arrivati per intuito, pigrizia, o attenta valutazione, poco importa: l’essenziale per il sistema del potere è che la commedia del suddito-elettore-protagonista continui a propagandarsi, e che la fiducia nelle istituzioni non venga mai meno.

34 comments to Qualunquismo

  • arcangelica

    molto esplicito, come la metti metti la conclusione è sempre la stessa!

    Vota Antonio Vota Antonio Scemo SCEMOO

    auspico un commissariamento da parte della comunità europea

    immagina un pò come potrebbe essere?

  • Sintagm

    Io mi sto ancora chiedendo dove ho firmato per essere governato da chicchessia.

  • Castruccio

    Per andare ancora più a priori, Carmelo Bene diceva…”ma lo stato…chi l’ha votato?”.

  • Paxtibi

    Le due immagini che hai inserito sono il miglior argomento possibile.

    Quando si è sottoposti a della propaganda la cosa più stupida da fare è darle retta, la più logica è invece domandarsi: “a che pro mi si bombarda con tale subdola comunicazione?”

    Ovviamente, prima è necessario rendersene conto… e se non lo si capisce guardando quei due poster, beh… “we are all doomed.”

  • messier

    concordo in tutto tranne nella parola “fiducia”:

    “l’essenziale per il sistema del potere è che la commedia del suddito-elettore-protagonista continui a propagandarsi, e che L’ASPETTATIVA nelle istituzioni non venga mai meno”.

    P.S. se vi va, sempre se vi va: “con qualunque mezzo vai a” TORINO il 25 di Aprile…

  • elwin

    Condivido.

    Calvino: D’una città (diciamo pure Stato) non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.

    Votando, si risponde a qualche domanda? Mi par di no. Il voto è l’avallamento finale di un sistema che non da risposte di nessun tipo.

  • Santaruina

    ciao Arcangelica,

    l’unione europea, dici?

    perlomeno là ci stanno dei burocrati che si sono accaparrati i posti di comando senza la pantomima della elezione.

    Nondimeno rappresentano il peggio del peggio degli esseri umani europei…

    A presto

    Sintagm: tu stai mettendo in dubbio il Sacro patto Sociale che i Padri della Patria firmarono per te e per me e per noi e per i nostri figli nei secoli amen.

    Il tuo atteggiamento è no-buono.

    Ravvediti :-)

    Ciao Castruccio: appunto…

    le domande giuste da farsi sono le più semplici…

    Pax: il fatto che tali manifesti siano studiati per delle persone “intellettualmente sotto la media”, usando le parole degli ideatori della propaganda, dovrebbe fare riflettere molto…

    messier: aspettativa, già.

    E i gran sacerdoti laici usano spesso il termine “fiducia”, “fede”, tradendo così la religiosità di fondo con cui presentano la “sacralità” delle istituzioni.

    Elwin, bella la citazione di Calvino. :-)

    A presto

  • messier

    un ponte tra questo e il precedente post:

    http://it.youtube.com/watch?v=HlKTV5ggoss

  • Santaruina

    hmm…

    un po’ come i due minuti d’odio?

  • anonimo

    Quella di Guglielmo Giannini proprio non la sapevo. Una piacevole scoperta, utile soprattutto quando si viene tacciati di qualunquismo (e per un non votante come me è un’esperienza non poi così insolita).

    Comunque i miei complimenti per l’articolo, che fa il paio con quello sulla truffa del voto (il video di fantozziana memoria è veramente una chicca). É un piacere leggerti Santa, qui e su Luogocomune.

    Un saluto,

    Nicolò

  • chirieleison

    mi turerò il naso (come diceva Montanelli) e andrò a votare

  • freelux

    Ciao Santaruina, ho appena finito di leggere il post, credo che tu non abbia le cose ben chiare.

    Mi spiego, vivi in una repubblica (sul fatto che funzioni, tutti abbiamo penso dei dubbi, ma non sull’istituzione, sulle persone che la compongono !!!!) dove “paradossalmente” i cittadini possono decidere da chi essere rappresentati, quindi nel momento che decidi di non votare, decidi contemporaneamente di non essere rappresentato e quindi “di non esistere”?

    Quando scrivi..”Appare quindi evidente che il tacciare una idea di “qualunquismo” è un chiaro meccanismo escogitato dai rappresentanti stessi del sistema per svilire coloro che hanno compreso delle verità sulle quali è meglio non investigare.”, cosa vorresti fare affinchè questo “sistema” possa essere definitivamente scardinato?

    Questo credo che sia il problema, altrimenti tutto ciò che scrivi è “qualunquismo” anch’io risulto un qualunquista

    La differenza la fa esclusivamente l’agire o il non agire.

    Ciao

  • Santaruina

    Ciao Freelux

    innanzitutto ti assicuro che “esisto”. :-)

    Ci sono molte persone oltre me che lo possono testimoniare.

    Non è certo l’esercizio del voto che mi dona l’esistenza; sono nato essere umano dotato di pensiero e libertà.

    Il fatto che mi trovi a vivere in un sistema che ci tiene tutti sotto scacco, docilmente, non è stata una mia scelta.

    Non ho firmato alcun patto sociale, non ho mai chiesto a nessuno di essere “rappresentato”.

    Hai toccato un tema cruciale: nei sistemi collettivisti, come anche la democrazia attuale, la “libertà” del singolo è una “concessione” dello stato, che si erge ad entità “religiosa”, in grado di donare o meno dignità alla persona.

    Io penso invece che l’individuo nasca già libero, a prescindere dal sistema che in seguito lo imbriglia.

    La libertà non è una concessione.

    Io quindi contesto l’istituzione “repubblicana”, per quel che vale la mia “contestazione”; i suoi indegni rappresentanti ne sono una naturale conseguenza, una logica conseguenza, e non un “accidente di percorso”.

    Questo è un sistema fatto apposta per fare in modo che i peggiori possano governare sui molti.

    E’ l’istituzione che contiene in sè l’errore.

    Sulla questione dell’agire, invece, credo che il primo passo sia non muoversi nella direzione sbagliata.

    Ovvero, non avvallare questo sistema truffaldino.

    Appena avrò delle soluzioni miracolose non mancherò di farlo sapere a tutti.

    In verità sono solo uno dei tanti che pongono delle domande, nulla più.

    A presto :-)

    Chirieleison: il piacere e la gioia dell’esercitare il proprio diritto :-)

    Nicolò, ti ringrazio molto.

    Un saluto anche a te :-)

    Blessed be

  • Castruccio

    Chi non vota non esiste?

    L’esistenza ora non dipende da Dio ma da Berlusconi o Veltroni?

  • freelux

    Carissimo Castruccio, con il “non esiste” intendo non esistere istituzionalmente parlando.

    X Santaruina

    Se credi che il primo passo sia quello di non muoversi nella direzione sbagliata, a questo punto della discussione devo dedurre che il primo passo sia quello dell’immobilismo, poichè entranbe le direzioni sono sbagliate!!!!

    Ciao

  • Castruccio

    Se le istituzioni sono inutili allora è il non esistere istituzionalmente ha poca importanza.

  • freelux

    * Castruccio attenzione nessuno sta dicendo che le istituzioni sono inutili, nell’anarchia non credo che si possa vivere.

    Ciao

  • Santaruina

    Il discorso sull’Anarchia è lungo ed ovviamente complesso.

    Mi permetto di consigliare il blog di Paxtibi

    La voce del Gongoro

    da sfogliare con calma, e si legge veramente bene.

    Una vita senza “Istituzioni” potrebbe essere possibile, così come è possibile una vita senza Mafia.

    Blessed be

  • Santaruina

    Il discorso sull’Anarchia è lungo ed ovviamente complesso.

    Mi permetto di consigliare il blog di Paxtibi

    La voce del Gongoro

    da sfogliare con calma, e si legge veramente bene.

    Una vita senza “Istituzioni” potrebbe essere possibile, così come è possibile una vita senza Mafia.

    Blessed be

  • Santaruina

    Il discorso sull’Anarchia è lungo ed ovviamente complesso.

    Mi permetto di consigliare il blog di Paxtibi

    La voce del Gongoro

    da sfogliare con calma, e si legge veramente bene.

    Una vita senza “Istituzioni” potrebbe essere possibile, così come è possibile una vita senza Mafia.

    Blessed be

  • freelux

    Carissimo Santaruina, posso faccio una domanda, mi spieghi come potrebbe essere possibile una vita senza “istituzioni”?

    ciao

  • Santaruina

    ciao freelux.

    come potrai capire, il discorso è ampio.

    ma la tua è una domanda che in questi casi nasce spontanea, naturale.

    Innanzitutto occorrerebbe definire le “istituzioni”.

    Io penso che le strutture gerarchiche nei rapporti tra gli uomini si formino spontaneamente.

    In queste strutture “naturali”, vi sono degli individui a cui è riconosciuta una certa autorità.

    In molte società, per secoli, questa autorità era ad esempio riconosciuta agli anziani, come nei villaggi in cui le decisioni comuni erano prese da consigli dei capifamiglia, che si avevano come punto di riferimento il parere dei vegliardi.

    Per fare un esempio storico.

    Comunque, mi permetto di segnalarti questo bignamino pubblicato dal già citato paxtibi, l’ “anarchico” più simpatico e preparato della rete.

    Società senza stato

    Che si condivida o meno, credo sia una lettura utile per comprendere le ragioni di chi sostiene la progressiva eliminazione dello stato.

    Io personalmente non potrei definirmi anarchico, poiché ragiono da un punto di vista metastorico, e dovrei fare qui un discorso molto molto lungo..

    ma nel presente in cui viviamo, penso che lo stato sia alla base di molti mali.

    Blessed be

  • Santaruina

    ciao freelux.

    come potrai capire, il discorso è ampio.

    ma la tua è una domanda che in questi casi nasce spontanea, naturale.

    Innanzitutto occorrerebbe definire le “istituzioni”.

    Io penso che le strutture gerarchiche nei rapporti tra gli uomini si formino spontaneamente.

    In queste strutture “naturali”, vi sono degli individui a cui è riconosciuta una certa autorità.

    In molte società, per secoli, questa autorità era ad esempio riconosciuta agli anziani, come nei villaggi in cui le decisioni comuni erano prese da consigli dei capifamiglia, che si avevano come punto di riferimento il parere dei vegliardi.

    Per fare un esempio storico.

    Comunque, mi permetto di segnalarti questo bignamino pubblicato dal già citato paxtibi, l’ “anarchico” più simpatico e preparato della rete.

    Società senza stato

    Che si condivida o meno, credo sia una lettura utile per comprendere le ragioni di chi sostiene la progressiva eliminazione dello stato.

    Io personalmente non potrei definirmi anarchico, poiché ragiono da un punto di vista metastorico, e dovrei fare qui un discorso molto molto lungo..

    ma nel presente in cui viviamo, penso che lo stato sia alla base di molti mali.

    Blessed be

  • Santaruina

    ciao freelux.

    come potrai capire, il discorso è ampio.

    ma la tua è una domanda che in questi casi nasce spontanea, naturale.

    Innanzitutto occorrerebbe definire le “istituzioni”.

    Io penso che le strutture gerarchiche nei rapporti tra gli uomini si formino spontaneamente.

    In queste strutture “naturali”, vi sono degli individui a cui è riconosciuta una certa autorità.

    In molte società, per secoli, questa autorità era ad esempio riconosciuta agli anziani, come nei villaggi in cui le decisioni comuni erano prese da consigli dei capifamiglia, che si avevano come punto di riferimento il parere dei vegliardi.

    Per fare un esempio storico.

    Comunque, mi permetto di segnalarti questo bignamino pubblicato dal già citato paxtibi, l’ “anarchico” più simpatico e preparato della rete.

    Società senza stato

    Che si condivida o meno, credo sia una lettura utile per comprendere le ragioni di chi sostiene la progressiva eliminazione dello stato.

    Io personalmente non potrei definirmi anarchico, poiché ragiono da un punto di vista metastorico, e dovrei fare qui un discorso molto molto lungo..

    ma nel presente in cui viviamo, penso che lo stato sia alla base di molti mali.

    Blessed be

  • qualquna

    ciao!

    una lettura utile,

    per “costringere” a riflettere!

    ciao!

    Buon Giovedi!

  • freelux

    Ciao Santaruina, quindi in realtà ci sarà sempre un ordine gerarchico, di natura “democratico-istituzionale”, è nella natura dell’uomo.

    Ma “stato” che sarebbe in ogni caso facilmente influenzabile dalla legge del più forte, che ricostituirebbe comunque ed in ogni caso una forma di oligarchia con successive fasi di “gerarchia”, e siamo di nuovo punto e a capo!!!!!!

    Ciao

  • Santaruina

    ciao Freelux

    in realtà vi sono gerarchie di diverso tipo.

    Vi sono quelle che si potrebbero definire “naturali”, tipiche di ogni nucleo sociale, in il parere di persone di un certo carisma o esperienza vengono accettate dagli altri membri.

    e vi sono pi le gerarchie imposte, truffaldine, come quelle cripto-oligarchiche del sistema democratico.

    Qualquna, un saluto a te :-)

  • freelux

    Carissimo Santaruina, quello che tu dici è vero, ma non hai fatto i “conti” con l’ego delle persone!!!!!!

    Ciao

  • rrrrr

    sull’argomento la letteratura è ovviamente sterminata ma a mio avviso il testo di riferimento per lo stato minimo è “anarchia stato utopia” di robert nozick , mentre per una posizione ancora più radicale (nessuno stato) la lettura d’obbligo è “per una nuova libertà” di murray n.rothbard. contro queste posizioni le cose più interessanti le ha forse scritte john rawls in “una teoria della giustizia” – da ex francofortese ho apprezzato la bella la citazione di adorno. r.

  • PaulTemplar

    Ogni popolo ha i governanti che si merita.

    E se dovesse ritornare il nano di Arcore,ebbene penserò che siamo un popolo un tantino di m….

    Paul

  • Santaruina

    freelux: l’ego può essere condotto in alto o in basso :-)

    r.: ho letto molto di murray n.rothbard, e pur non condividendo tutto, trovo le sue analisi estremamente lucide.

    Che poi io abbia una visione diversa è un altro discorso.

    a presto.

    Paul, benritrovato :-)

    sono i governanti che tentano di plasmare il “popolo” a loro immagine…

    Blessed be

  • anonimo

    Non confonderei l’amministrazione, pur sempre necessaria, in una certa misura, con lo stato, Leviatano orribile e feroce.

    Ciao!

    Zret

  • Santaruina

    ciao zret, ovviamente si tratta di due cose diverse.

    E la semplice amministrazione non richiede un super stato onnipresente, che decreta a distanza su ogni aspetto del vivere quotidiano.

    A presto

  • anonimo

    Vi segnalo un sito che parla della teoria della democrazia includente, la quale prevede la partecipazione ai diritti politici reali anche del dissenso qualunque esso sia: www.democraziaincludente.it

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>