Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
29 dicembre 2011

Road full of promise

There’s a darkness upon you that’s flooded in light

 


Una grande distesa, senza recinti.
Una distesa e la sua storia.
Questa è la semplice idea del videoclip realizzato per Head Full Of Doubt/Road Full Of Promise, struggente canzone pubblicata nel 2009 dal gruppo degli Avett Brothers.
Una animazione che racconta la storia di quel prato, una sola inquadratura in cui non accade nulla di eccezionale, eppure accade tutto quello che si può raccontare.
Perchè in poco più di quattro minuti c’è la descrizione dei tempi che stiamo vivendo, di una intera civiltà, della natura e del progresso, e dell’ineluttabile cerchio, col suo inizio e la sua fine che coincidono, che sintetizza ogni realtà di questo mondo.


.

19 comments to Road full of promise

  • E’ uno dei video che più mi ha colpito negli ultimi anni, e forse vi ho visto dentro troppe cose.
    Comunque sia, vi è raccontata una storia, e ci riguarda tutti.

    Nei prossimi giorni il blog riprenderà il suo corso naturale.
    Per il momento, complici anche i giorni “di festa”, sto attraversando la solita, periodica, leggera repulsione nei confronti del mondo della rete.

    A presto

  • Stella

    La vana gloria, idoli passeggeri, quanta fatica a costruire ciò di cui non abbiamo veramente bisogno per poi abbandonarlo, quanti giri inutili….

  • Doulos

    Per il momento, complici anche i giorni “di festa”, sto attraversando la solita, periodica, leggera repulsione nei confronti del mondo della rete.


    Hai dimenticato di aggiungere “sana” a repulsione.


    Ti segnalo il bel Des hommes et des dieux, di X. Beauvois, se ti capita un’oretta da passare in reale con qualche amico – sempre se te lo sei perso l’anno scorso al cinema. Io l’ho ritirato fuori a Natale, a me echeggia molto del tempo in cui navighiamo (lineare, niente affatto ciclico). Fra l’altro un bellissimo film sulla dimensione virile della vita – in questi tempi di latitanza della mascolinità.

  • Ciao Stella

    quanti giri inutili

    Alla fine rimarrà solo ciò che realmente vale.

    Blessed be

    ____________________________

    Doulos

    Hai dimenticato di aggiungere “sana” a repulsione.

    Non hai torto in questo..
    Grazie anche per il suggerimento, non l’ho ancora visto in effetti.

    A presto

  • Nico

    è bello trovare ogni tanto questi messaggi in bottiglia, da naufraghi di altre isole…
    Grazie Santa,
    Nico (caminante ecc. ecc.) 

  • Mogi

    Speriamo che come nel video tutto torni come prima…!!
    Figuriamoci…
    Toccanto il video comunque!
    Auguri a tutti 

  • sR

    Grazie Santa.
    Questa è la mia prima volta nel nuovo spazio. Accogliente come non mai.
    I migliori auguri per te e i tuoi lettori.
    Leggi il mio ultimo post… ti piacerà!
    sR

  • Artù

    Molto bello. Semplice e potente. Come spesso succede.
    Mi fa venire in mente che il mondo in cui vivo è diviso in due umanità: quelli che hanno il canone estetico della natura, e quelli che hanno il canone estetico della modernità.
    Foreste contro palazzi.
    Semplicità contro coolness.
    Mare contro vacanze.
    Mi dicono spesso che sono antico, anacronistico.
    Ma io sono anche tranquillo. Quegli altri no.
     

  • entronauta

    DEFINITIVO…..!
    buon anno Carlo a te ed a tutti coloro cui vuoi bene ed a tutti coloro che ti vogliono bene….
    un abbraccio ….gigi

  • Bello il video, caro Carlo, e la storia sembra dimostrare che tutto ritorna da dove è iniziato e… nulla fa eccezione.
    Sereno 2012. 

  • Antonio

    Un video profetico, quasi. Grazie Santa. Hai uno dei blog più colti della rete. Ti leggo spesso e mi fa bene. Auguri per il 2012. Antonio

  • Ciao Nico

    naufraghi, dici bene…

    _________________________

    Mogi

    Speriamo che come nel video tutto torni come prima…!!

    Tutto sarà simile ma non uguale a prima, probabilmente…

    ________________________

     

    Ciao Artù

    Ma io sono anche tranquillo.

    C’è solo da considerare il costo da pagare, per la tranquillità.
    A presto :-)

    _________________________

     

    Gigi, un abbraccio a te

    _________________________

    Antonio, grazie a te, davvero.

    A presto

  • Io intendevo soltanto dire che oggi la gente crede soltanto in ciò che vede e tocca. Ma esistono cose essenziali che non si vedono e non si toccano: amore, bontà, pietà, onestà, pudore, speranza. E fede. Cose senza le quali non si può vivere. Questa è l’autodistruzione di cui parlavo. L’uomo, mi pare, sta distruggendo tutto il suo patrimonio spirituale. L’unica vera ricchezza che in migliaia di secoli aveva accumulato. Un giorno non lontano si ritroverà esattamente come il bruto delle caverne. Le caverne saranno alti grattacieli pieni di macchine meravigliose, ma lo spirito dell’uomo sarà quello del bruto delle caverne.
    Signore: la gente paventa le armi terrificanti che disintegrano uomini e cose. Ma io credo che soltanto esse potranno ridare all’uomo la sua ricchezza. Perché distruggeranno tutto e l’uomo, liberato dalla schiavitù dei beni terreni, cercherà nuovamente Dio. E lo ritroverà e ricostruirà il patrimonio spirituale che oggi sta finendo di distruggere. Signore, se è questo ciò che accadrà, cosa possiamo fare noi?

    (tratto da: don Camillo e i giovani d’oggi, Guareschi 

  • Gabriele

    Ma esistono cose essenziali che non si vedono e non si toccano: amore, bontà, pietà, onestà, pudore, speranza

    Infatti, ciò che esiste e non si vede è ciò che ralmente conta :-)

    A presto

    _____________________

    La pausa dal virtuale, e non solo, nel frattempo si è prolungata, e in questi giorni mi pesa enormemente anche il solo “informarmi”.
    Repulsione totale.

    Conto comunque di tornare al più presto con nuovi articoli.
    Un saluto a tutti.

  • Zaza

    Un altro bel riassunto: http://www.youtube.com/watch?v=lstDdzedgcE&feature=related

    Ma concluderei la canzone con un “for sure it’s not, for sure it’s not!”

    Un abbraccio

  • francesco da pisa

    Quelli che vi dicono che ci sono mille sfumature di grigio tra il bianco e il nero, si riferiscono alla Terra. Probabilmente non al Cielo.

    In questo regno terrestre, quanto è vero che è vero, esistono il crepuscolo, l’aurora. I momenti dell’incertezza, dell’abbaglio dritto o di rovescio, dove scegli Dio, tutto intero, o ti arresti al suo Dubbio, qualunque cosa comporti. Per esempio, abbracciare il Diavolo. Qui sulla Terra il Diavolo approfitta di questi istanti di straordinaria bellezza, usando persone di naturale splendore, per la sua opera di seduzione, per finire il mondo. Si cerca di replicare qui ciò che succede in altro luogo, fuori da qui.

    Per esempio, l’orizzonte deglil eventi, là dove la luce rimane tutta intrappolata nel buio. Eppure la massa è energia, è luce. Ma non lì. Lì è buio. Allora la seduzione qual è?

    Svelare questo portento, che il Buio contiene in sè tutta la Luce. E chiamarti lì, al Bulge, il Bulge Bar.

    Amici miei… stiamo molto molto attenti. Adesso è il momento di essere persone terrestri, che volano di malavoglia, e si sporcano con la farina dei sassi, che spezzano il pane e parlano con le prostitute. Che non scelgono mai il loro amore.

    Francesco da Pisa. Fu-Messier.

    Ciao Cinzia Fatma (…) e ciao Antonio (…). Ciao Carla! E ciao Carlo!!! Se vi va, chiamatemi, si parla un po’.

    340 8492668

  • Ciao Zaza, un abbraccio a te :-)

    ____________________

     

    Ciao Francesco

    Amici miei… stiamo molto molto attenti. Adesso è il momento di essere persone terrestri, che volano di malavoglia, e si sporcano con la farina dei sassi, che spezzano il pane e parlano con le prostitute. Che non scelgono mai il loro amore.

    Davvero ispirato, davvero.
    Mi piace questo tuo richiamo, e forse hai davvero ragione, mai come in questo momento occrre tenerne conto.

    Stai sempre bene :-)

  • Ho letto della decisione di Felice e devo dire che mi dispiace, perchè seguivo con interesse il suo blog.
    Capisco però perfettamente i motivi che lo hanno portato a chiudere il blog, primo fra tutti la sensazione del dover “timbrare il cartellino”, quando scrivere un articolo al massimo ogni due giorni sembra divenire un “obbligo”
    E’ una sensazione nota per chi ha un blog e ci tiene  a mantenerlo attivo.
    L’ho provata anche io quella sensazione, più volte, e spesso ho pensato anche io di chiudere tutto.

    Per adesso ho deciso, quando quei momenti arrivano, di staccare la spina per un po’, a costo di lasciare il blog non aggiornato per diversi giorni.
    Fino adesso un motivo per tornare a scrivere l’ho sempre trovato; uno degli articoli che reputo più importanti, ad esempio, quello sui prodromi della diffusione del pensiero occulto, lo scrissi dopo che per un mese non avevo pubblicato nulla di “concreto”, ed avevo preso in seria considerazione l’idea di mollare tutto.
    Questo è anche uno dei motivi per cui penso che in ogni caso Tra Cielo e Terra rimarrà comunque aperto a lungo: l’ispirazione mi coglie all’improvviso, anche dopo settimane in cui le idee latitano, ed in quei momenti uno spazio per mettere giù i miei pensieri mi è necessario.
    A presto

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>