Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
24 aprile 2008

Γενέθλια


Difficile descrivere a parole cosa sia lo zeimbekiko.
Essenzialmente una danza, un ritmo, scandito da un tempo in 9/8, assai diverso dalla sequenza dei 4/4 che caratterizza la musica occidentale.
Lo zeimbekiko ha origini secolari, detto anche la danza delle danze o la danza degli ubriachi, è un ballo solitario, improvvisato, un ballo per il quale non esistono scuole.
E lo zeimbekiko parla sempre della sofferenza del vivere, le danza attorno, la guarda negli occhi, senza pudore, e la sfida.
Quello che visto dal fuori potrebbe sembrare un semplice lamento, diviene in realtà un vero e proprio esorcizzare il dolore, un sezionarlo, descriverlo senza remore, per poi circondarlo ed isolarlo.
La tradizione dello zeimbekio continua ancora oggi, quella che segue è una recente composizione di Stelios Bikakis, Γενέθλια,  interpretata da Notis Sfakianakis.

Γενέθλια


(Compleanno)

Nei sentieri del dolore
nel ponte dei sospiri
mi diede al mondo mia madre
Una serata d’autunno
il tuo freddo cuore
videro i miei occhi, vita.
Con sonagli di plastica
belli e colorati
mi cullavano
E quegli occhi piccoli
videro le bellezze del mondo
e si dissero d’accordo.
Fu il mio latte amaro
e la mia acqua salmastra
che mi faceva crescere
E di fronte alla mia culla
il mio destino malvagio
mi guardava orgoglioso
Era il mio pianto soffocato
come se volessi dire qualcosa
ma non mi capirono
Un respiro triste
per quella puttana di una vita
che mi avevano affibbiato

Così ho cominciato, quindi
così ho cominciato
non chiesero il mio parere, vita,
ma mi sono abituato a te
Come una piccola aquila ferita
che rantola a terra
cerco la forza di tenermi ancora in piedi

Sopra il fango e sui chiodi
nel fuoco del mondo ingiusto
ho iniziato a camminare
Un equilibrio stabile
per stare dietro alla vita,
ma ci son cascato
Solo la “a” e l’ acca
nei miei giorni di scuola
ho dapprima pronunciato
e questo “ah” e questo “perchè?”
ovunque vada mi accompagnano
anche se ho toccato i trenta
Così passava il tempo
ed io nella mia strada, curvo
facevo sogni
E’ capitato che fossi tra quelli
che nuotano tra le schiume
e tra le acque fangose

Scorre il sangue dell’anima
come le gocce di pioggia
ma a chi importa
E la ferita invisibile
che dentro me sanguina
chi la divide con me
Così ho cominciato, quindi
così ho cominciato
mi fecero vedere delle cose
ed altre ne ho incontrate
Mio Dio, se solo sapessi il giorno
in cui morirò
celebrerei il compleanno
della mia morte.

11 comments to Γενέθλια

  • MINICHINIBLOG

    Bella la musica , hanno una grande anima questi greci.Molto bello il testo , una vera e propria poesia.Bellissimo ! Roberto Minichini

  • anonimo

    Eccellente, come sempre d’altronde.

    Rino, ascoltando.

  • sadlandscape

    Grazie per esser passato da me e per il contributo.

    Vorrei che il blog sia proprio questo: uno spazio aperto e simmetrico dove ciascuno può dire ciò che crede in piena libertà e responsabilità.

    Non come la televisione!!!

    COmplimenti per il blog!

    Interessante il post sulla massoneria e quello della democrazia.

    Un caro saluto

    Giacomo

  • Airel81

    mi rammento della tarantella…

  • arcangelica

    musica che culla le tue origini?

    credo di si!

    in tutti questi anni che vivo fuori dalla mia isola la musica di Franco Battiato ha tenuta legata la mia essenza alla mia terra d’origine….

    un abbraccio Santaruina

  • anonimo

    Salud Santa,

    Ghenetlia perché compi gli anni

    o perché è tempo di bilanci? ;-)

    Suerte,

    manolete

  • Paxtibi

    Noto alcune imprecisioni nella traduzione…

  • Santaruina

    Ghia sou Pax

    mi sono preso due tre licenze, ma il testo è sostanzialmente fedele :-)

    Manolete, ghenethlia si riferisce all’ultimissimo verso del testo.

    Un concetto molto “forte”.

    Suerte

    Arcangelica, per un motivo o per l’altro questa rimane la musica che più sento mia.

    E’ sempre questione dell’aria che respiri crescendo.

    Un abbraccio a te.

    Airel, anche se qui i ritmi sono molto più lenti.

    Con la tarantella quasi si esce da se stessi, con lo zeimbekiko ci si avvicina sempre al più al centro più profondo.

    Giacomo, ti ringrazio.

    Ho trovato i tuoi scritti di un grande interesse, ed anche condivisibili.

    A presto.

    Rino, un caro saluto a te :-)

    Roberto, musicalmente i nostri Balcani si fanno sempre valere… :-)

    Blessed be

  • anonimo

    I am dancing like a star in the sky of eternity, oppure I am dancing come la foglia di palma che freme ancora ubriaca di rugiada aurorale. Nella danza c’è il segreto dell’amore…i popoli primitivi con orchiddee selvatiche sulla testa, cioé antenne meta-cosmiche, danzano per mandare il messaggio ai loro antenati ed all’universo, stendono cosi lo strascico nuziale del patto primordiale e la danza diventa preghiera. Inebriandomi di danza, centrifugo i miei sogni e li faccio diventare stelle d’eternità. Funky raggae party, baby tonight… !!! jam

  • MINICHINIBLOG

    Sei grande Jam ! Esilarante. Dovresti comporre poesie. Roberto

  • Santaruina

    da jam arriva sempre la pennellata che impreziosisce il tutto.. :-)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>