Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
16 dicembre 2008

Eugenetica

..la qualità della gente, non la quantità, è ciò su cui dobbiamo puntare…
Julian Huxley

Di Alessio Mannucci

Eugenetica, da EU (“buono”) e da GENOS (“razza, specie”).
Con il termine “eugenetica” si cerca di far passare il razzismo come “scienza” in nome del “miglioramento della specie umana”.
Il termine fu utilizzato per la prima volta nel 1883 da Francis Galton, psicologo inglese, sostenitore delle teorie evoluzioniste di suo cugino Charles Darwin che aveva scritto:
“Mentre tra i selvaggi i deboli di corpo sono prontamente eliminati, noi civilizzati facciamo ogni sforzo per arrestare il processo di eliminazione: costruiamo ospedali per gli idioti e gli infermi, emaniamo leggi per soccorrere i poveri”.
Galton, che considerava apertamente l’eugenetica una scienza politica, volta a salvaguardare le “classi più dotate”, sosteneva la regolamentazione dei matrimoni e delle nascite in base alle caratteristiche ereditabili dai genitori.
Il vero movimento eugenetico nacque e si sviluppò negli Stati Uniti in concomitanza con gli studi di Galton.
Fu emanata una legge che obbligava la sterilizzazione degli individui “deboli di mente” o in qualche altro modo “minorati”.
Furono emanate anche leggi di restrizione dell’immigrazione per proteggere “il puro ceppo americano”.
Nel 1930, 30 stati americani approvarono leggi sulla sterilizzazione.
Migliaia di cittadini colpevoli di omicidio, rapimento, furti (anche di galline), furono sterilizzati chirurgicamente.
Il presidente americano Theodore Roosevelt disse: “Il primo dovere di ogni buon cittadino, uomo o donna, di giusta razza, è quello di lasciare la propria stirpe dopo di sé nel mondo; e non è di alcun vantaggio consentire la perpetuazione di cittadini di razza sbagliata.
Spero ardentemente che agli uomini disonesti sia impedita la procreazione”. In Europa, all’inizio del 1900, la Francia e la Germania importarono ed applicarono il movimento eugenetico americano.
Ecco cosa diceva un ufficiale tedesco nel 1925:
“Quello che viene promosso dagli igienisti razziali non è per niente nuovo.
In una nazione colta e di prim’ordine, gli USA, alla quale noi ci sforziamo di somigliare, questo concetto venne introdotto molto tempo fa. È molto semplice e chiaro”.
Più tardi, fu Hitler stesso a riprendere il discorso di Roosevelt:
“Il mischiarsi delle razze superiori con quelle inferiori è chiaramente contro l’intento della natura e implica l’estinzione della razza superiore ariana.
Ogni qualvolta il sangue ariano è stato mischiato con quello di persone inferiori, il risultato è stato quello di eliminare coloro i quali sono portatori della cultura”. Questo “pensiero eugenetico” non scomparì dopo la fine della seconda guerra mondiale.
In Svizzera, fino a pochi anni fa, molte persone, uomini e donne, sono state sterilizzate chirurgicamente, specialmente nelle cliniche psichiatriche, sia che fossero sane o meno.
La “nuova eugenetica”, basata sulle biotecnologie, cerca oggi di creare in laboratorio il “nuovo Adamo” partendo dalla manipolazione genetica fino al “transgenismo” con DNA animale.
Gli obiettivi sono sempre gli stessi: il presunto perfezionamento della razza umana, così come lo intendevano i nazisti sia americani che europei. Nell’agosto del 1932 si tenne a NewYork il “Terzo Congresso Internazionale di Eugenetica”.
Sede dell’evento fu il Museo di Storia Naturale, trasformato per l’occasione in una sfarzosa esposizione dei “progressi dell’eugenetica”.
Numerose vetrine illuminate esibivano per lo più teschi di “razze inferiori”.
Il presidente del Museo, lo zoologo Henry Fairfield Osborne, spiegò che la crisi mondiale non era dovuta al crack di Wall Street del 1929 bensì dalla sovrapproduzione e dalla sovrappopolazione.
E proponeva come rimedio “un umano controllo delle nascite”.

Per l’inglese Sir Bernard Mallet, presidente della “British Eugenics Society”, la colpa era dei “pazzi, epilettici, poveri, criminali, barboni, alcolizzati, prostitute”. Di cui occorreva “limitare la fertilità”.
Il demografo americano W.A.Pecker riferì su “lo sforzo dello Stato della Virginia per preservare la Purezza Razziale”
(dal 1924 era in vigore la legge federale “Immigration Restriction Act” che limitava l’immigrazione su basi razziali.
Nel 1935, il totale delle sterilizzazioni eseguite in America giunse a 21.539, di cui la metà in California, come ha scoperto l’epistemologo francese Pierre Thuillier “La Tentation de l’eugénisme”, su “La Recherche”, maggio 1984).

STATO RAZZIALE

Charles Davenport, presidente della “Società Eugenetica” britannica, aveva aperto il Congresso con una profezia:
“Attraverso gli studi genetici, possiamo aprire la strada al superuomo e al superstato”.
“Rassenygiene”, è la traduzione tedesca di “eugenics”, la nuova scienza inventata in Inghilterra e giunta al trionfo al di là dell’Atlantico.
Elemento centrale del programma nazista fu la costruzione di uno “Stato Razziale” sul modello di quello eugenetico proposto dagli Stati Uniti.

“La questione negra” – scrive Rosenberg nel 1937 – “è negli Usa al vertice di tutte le questioni decisive”; se “l’assurdo principio dell’uguaglianza” era stato cancellato per i neri, perché non trarre “le necessarie conseguenze anche per i gialli e gli ebrei?”.

Rosenberg esprime la sua ammirazione per l’autore americano Lothrop Stoddard, cui spetta il merito di aver per primo coniato il termine “Untermensch” (la massa di “selvaggi e semi selvaggi”, “incapaci di civiltà”).
Secondo Stoddard, negli Usa, come in tutto il mondo, è necessario difendere la “supremazia bianca” contro “la marea montante dei popoli di colore”.

Elogiato, prima ancora che da Rosenberg, già da due presidenti statunitensi (Harding e Hoover), Stoddard viene ricevuto con tutti gli onori a Berlino dove incontra gli esponenti più illustri dell’eugenetica nazista e i più alti gerarchi del regime, compreso Adolf Hitler.
Ernst Ruedin, psichiatra svizzero, dirigeva allora l’“Istituto Kaiser Wilhelm per l’Antropologia, l’Eugenetica e l’Eredità Umana di Monaco di Baviera”, il centro propulsore della “scienza razziale” nazista, che nel 1928 ricevette un ingente finanziamento dalla “Fondazione Rockefeller”.
Ruedin sarà in seguito nominato presidente della “Società per l’Igiene Razziale” voluta dal “gruppo di studio sull’eredità” presieduto da Himmler che elaborò i testi delle leggi naziste sulla sterilizzazione.
Tra i collaboratori di Ruedin si mette in luce il medico e antropologo Joseph Mengele, tristemente noto come l’“Angelo della Morte”.

CRIMINI EUGENETICI

Dal 1935 al 1996, la Svezia negò il diritto di riprodursi a circa 230mila persone (90% donne), nel quadro di un programma basato su teorie eugenetichee per ragioni “di igiene sociale e razziale” (1).
La denuncia era arrivata dal rapporto di una commissione di inchiesta guidata dal professor Carl-Gustaf Andren dopo quattro anni di indagini al Ministero degli Affari Sociali di Stoccolma “Lars Engqvist”.
Le leggi del 1934 e del 1941 furono votate con il consenso generale di tutti i partiti politici.
Di questo rapporto aveva già parlato, alla fine dell’agosto del 1997, il Corriere della Sera (2) riprendendole dal quotidiano liberale svedese “Dagens Nyheter”.
Il professor Andren rivela nel rapporto che l’eugenismo svedese – con tanto di istituti preposti a tale scopo – è proseguito fino al ’96.
Si parla inoltre di simili fatti avvenuti anche in Danimarca, Norvegia, Finlandia, Austria, Svizzera, Canada e Stati Uniti d’America.
Rispetto l’eugenetica nazista, a muovere gli scandinavi sarebbero state soprattutto motivazioni di carattere economico: si mirava a ridurre il rischio di produrre cittadini “non sani” che potessero in futuro gravare sulla società.

(1) Cfr. Stefania Di Lellis, Sterili per ragion di Stato 230mila vittime in Svezia, in la Repubblica, 30-3-2000
(2) Cfr. Francesco S. Alonzo, Svezia, sterilizzazioni per la razza, in Corriere della Sera, 25-8-1997

 

Articolo completo: Esperimenti chimerici

15 comments to Eugenetica

  • anonimo

    …e non dimentichiamoci del nostro caro vecchio Alessandro Ghigi, padre dell’ambientalismo italiano!

    (Su http://ambientalismodirazza.blogspot.com/)

    Jorge Perro Liberista.

  • Infettato

    Orrore allo stato puro, non pensavo si potesse arrivare a tanto.

    Oltretutto si comprendono meglio le “motivazioni” di alcuni fatti storici, tipo finanziamenti ad hoc.

    Quello che credevo fosse un passato lontano è in realtà mostruosamente attuale.

    Roberto

  • Santaruina

    Ciao Jorge

    pensavo di arrivare a toccare anche il movimento ambientalista, questa sull’ eugenetica dovrebbe essere nelle intenzioni una serie di articoli a tema.

    Poi magari faccio come al solito, progetto una serie di 10 articoli su di un tema, pubblico i primi due a mo’ di premessa e poi cambio argomento.

    Comunque, grande blog Ambientalismo di razza, spero che torni ad essere aggiornato al più presto.

    ____________

    Infettato, la storia della Eugenetica è poco studiata, generalmente, eppure spiega tantissime cose del nostro presente.

    Inoltre, come dici, non è un qualcosa che appartiene esclusivamente al passato…

    A presto

    Blessed be

  • messier

    Se quell’animale o bestia (poi individuata nel serpente) volle indicare alla Donna il pomo o frutto o mela o yogurt activia che ti fa cacare le budella…

    Perchè una serpe ? Perchè essa striscia al suolo, può anche strisciare su pei rami, ma la mela non la coglie, la serpe.

    Ha bisogno di quella santa donna.

    L’eugenetica è un tassello, il mosaico di cui fa parte è spaventosamente ampio. La serpe è arrivata a un punto di intolleranza tale che è pronta a sperimentare decine di strade diverse, pur di raggiungere quell’unico obiettivo. Essere come Dio. Essere, Dio.

    Saremo solo noi a permetterglielo. La nostra razza selezionata migliorata epurata eccetera eccetera, non farà altro che dare le dita alla serpe. Anzi, gli artigli come quelli dell’aquila.

    L’uomo si toglierà le dita perfette, e le darà alla bestia.

    Ed è solo una via. Il cielo e la terra come si sa sono vasti.

  • Santaruina

    Nelle parole dei fautori dell’eugenetica, di ieri e di oggi, la serpe si mostra senza veli.

    Si fa addirittura chiamare per nome.

    Ai miei occhi questo rappresenta l’aspetto più sconvolgente.

  • roseau

    Ne parlavamo proprio ieri, a cena, Marco (Falecius) ed io, a proposito dello Stato utopico ipotizzato da H.G. Wells. Ci chiedevamo in che misura un’ autorità impersonale, più “larga”, trasparente, controllabile come quella dello Stato possa intervenire in caso di patente incapacità di cresere un figlio. O se qualsiasi intervento presupponga un’ enorme dose di arbitrio, prepotenza, arroganza faustiana mista a moralismo luterano alla Lundborg, pari alla sterilizzazzione degli “asociali” , che ad esempio rifiutavano il lavoro e si dimostravano incapaci, pertanto, di essere genitori. Per Marco e me la genitorialità, a differenza della sessualità, è un dono e non un diritto, quindi è doppiamente odioso negarla. Per chi subisce questo divieto, e per l’occasione perduta della creatura di venire a questo mondo. Poi, certo: siamo combattuti: se , per salvaguardare un bambino si debba prospettare l’intervento dello Stato -non la sterilizzazione a priori dei futuri genitori- lo stiamo ancora discutendo. A me strazial’idea di strapparlo anche alla più indegna delle madri….Marco forse è più pragmatico di me, e antepone ad ogni sentimento/sentimentalismo il benessere psichico futuro del piccolo e, quindi, di riflesso, l’ armonia possibile della società.

  • Santaruina

    Ciao Roseau

    è un dibattito complesso..

    Io sinceramente penso che la famiglia abbia prima di ogni altro il compito di educare i figli.

    Vi sono casi complessi, è vero, su cui alcune domande difficilmente trovano risposta.

    Quel che è certo è che l’entità criminale che si fa chiamare stato è l’ultima ad avere il diritto di poter decidere sulla sorte dei singoli esseri umani.

    Questo almeno il mio pensiero.

    A presto :-)

  • anonimo

    Esiste uno stato razzista oggi? Sì. Uno stato che permette certe cose ad una certa etnia, e le vieta ad altre.

    E noi (!) lo vorremmo fare entrare in Europa… sigh!

  • Santaruina

    Uno stato che non fa mistero di essere razzista..

  • umargamal

    Cari amici,

    credo esista un nesso fra l’articolo seguente e i messaggi postati.

    In certi casi l’impostazione del problema mi trova d’accordo, in altri no: alcune conclusioni le rifiuto e le nego.

    Trovo comunque interessante il tema poichè la mascolinizzazione delle donne e la femminilizzazione dell’uomo sono uno dei problemi che, spesso senza esser visto, causa maggiori danni al nostro mondo, non a caso moderno e anti-tradizionale.

    Insomma l’articolo ha il coraggio di trattare di un problema vero benchè ad esso non sappia dare una risposta, nè indicandone la causa vera nè la possibile soluzione.

    http://web2.venet.net/libridelponte/det-articolo.asp?ID=141

    Cordiali saluti a tutti

  • Santaruina

    Grazie Umar per la segnalazione.

    E’ un articolo interessantissimo che tratta di uno dei più grandi tabù dei nostri tempi.

    La famiglia era l’ultimo ostacolo da abbattere per poter ottenere il controllo completo del singolo, e il femminismo in questa operazione ebbe il ruolo principale.

    A presto

  • anonimo

    C’è una sinistra affinità tra quanto dice oggi Asno

    http://donkamel.splinder.com/post/19627167

    e l’articolo citato da Umar.

    “Alla fine del ciclo, quando gli effetti a lungo termine del femminismo radicale si saranno compiuti, le donne si troveranno realmente schiavizzate sotto l’implacabile tallone dell’islam. Sarà l’ennesima eterogenesi dei fini che, da sempre, scombussola i disegni e le vicende della storia umana”.

    Un caro saluto.

    Ipo, Asno, Gammal & C.

    A me, tutta ‘sta profusione di pseudonimi m’insospettisce.

  • Santaruina

    trattasi di interconnessione, non di sinistra (perchè poi sinistra?) affinità.

  • anonimo

    A parer mio in base alla struttura della società umana tutti noi compiamo un azione di stampo "eugenetico" nelle nostre azioni sociali.
    E' sufficenze soffermarsi sui giudizi che esprimiamo sul prossimo, il suo aspetto, le sue idee. Per questo quindi tendiamo ad allontanarlo e in certi casi a mostrare un atteggiamento ostile.
    Si tratta di un blando tentativo di eliminazione. Certo non siamo istigati da un immediato odio profondo. Ma + o – incosciamente tendiamo a tenerci distanti da individui che non incontrano il nostro "gusto"
    Questa azione riguarda i singoli ed estesa ai grandi gruppo crea vere e propie spinte di rifiuto verso elementi particolari o insieme di individui.
    E' inutile indignarsi di fronte alle rivelazioni ben espresse sopra in quanto sono l'incarnazione di un pensiero che vive ed è radicato in noi!
    Detto questo occorre (se non vogliamo che gli orrori del passato ci perseguitino del presente) comprendere nel profondo l'origine del seme di questa discordia ma più di tutto perchè e verso quale -mi si passi la licenza poetica- Sole tende i suoi rami multipli e in quale terreno affondi le sue robuste radici.
    Il vero dibattito parte da dalle ragioni iniziali ed ultime racchiuse in noi,

    Giorgio

  • Santaruina

    Ciò che dici ha del vero, ma è altrettanto ovvio che vi è una certa differenza tra un giovane esponete del genere umano che sceglie una persona attraente con cui riprodursi e dei governi che decidono che un certo tipo di persone vadano sterilizzate.
    Le due cose sono difficilmente comparabili, a mio parere.

    A presto

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>