Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
17 maggio 2008

Guardie e ladri

…to serve and to protect…

Il tema della “sicurezza” è l’ultimo tormentone in ordine di tempo che i grandi media hanno deciso di propinarci.
Andando oltre le comuni considerazioni e le “analisi” che gli stessi media ci propongono, l’amico Giorgio Mattiuzzo in un ottimo articolo offre alcuni spunti di riflessione che a mio parere centrano il cuore della questione.
La vera domanda infatti è la seguente: perchè le forze dell’ordine danno l’impressione di perseguire più gli onesti che i delinquenti?
E’ davvero solo un’impressione?

da  “Annozero”, commedia in atto unico,
di Giorgio Mattiuzzo

…l’immaginario collettivo divide il mondo in guardie e ladri.
Il ladro scappa e la guardia insegue.
La guardia acchiappa e punisce, il ladro viene preso e restituisce il maltolto.
Questo è quello che deve succedere, nell’immaginario delle persone.
Questa è la teoria.
Ma la pratica è diversa.
Nell’esperienza delle persone i ladri non scappano, la polizia non li insegue e nessuno viene punito.
Questo ce lo dicono anche le statistiche, non è certo un’invenzione degli xenofobi.
In Italia il crimine paga, anche quello di strada.
La situazione è dunque quella di una teoria che non regge alla prova sperimentale, o meglio l’esperienza non conferma la teoria.
La logica ovviamente impone, quando la teoria non viene confermata dal dato sperimentale, di modificare la teoria; ma questo è molto difficile.
Modificare la propria teoria, cioè la propria visione del mondo, è infinitamente più difficile che ignorare quello che la nostra esperienza ci dice.
Ed è proprio questo il caso. La teoria della ggente è che la guardia insegue il ladro.
E’ ovvio che sia così.
Qualsiasi persona di buon senso non ha alcun bisogno di dimostrare una verità tanto palese.
Lo insegnano fin da bambini a scuola, nelle lezioni di educazione civica; lo si vede in tutti i film e telefilm, che la guardia insegue il ladro.
E’ così che deve funzionare, accidenti! E’ ovvio!
E allora cosa sta succedendo se dove vado io i ladri non scappano e la polizia non li insegue?
Perché no? Cosa c’è che non va? Ma è ovvio! Vuol dire che non ci sono abbastanza poliziotti, vuol dire che non ci sono leggi abbastanza severe, vuol dire che questi se ne fregano della polizia, e allora mandiamoli via, tutti! Tutti!
Perché la guardia insegue il ladro. La guardia insegue il ladro. La guardia insegue il ladro.
La guardia insegue il ladro, vero?
Però sono appena venuti a rubare in casa mia, chiamo i Carabinieri e questi per poco non si mettono a ridere.
Ridono, ma io potevo anche rimanerci.
Vedo gli spacciatori davanti alla stazione, come li vedo io li vedrà anche la Polizia, perché non vanno lì a fermarli?

Anni e anni di educazione civica e televisione hanno istruito il cittadino a negare qualsiasi dato sperimentale che non si adatti alla teoria della “guardia che insegue il ladro”.
E’ questo un concetto talmente radicato nella mente del cittadino che nessuna realtà lo scuote.
E’ inutile tacciare di xenofobia chi, invece, è semplicemente vittima del processo di rimozione inculcato dall’educazione.
Perché quando il “razzista” si incazza e grida perché la polizia se la prende con i cittadini onesti e lascia stare i delinquenti, ha ragione.
Solo che il “razzista” non ne trae la conclusione che volontariamente la polizia, cioè lo Stato, persegue gli onesti e lascia in pace i delinquenti, ma – forzato da anni di educazione a carico dello Stato – chiede che ci sia più polizia, cioè più Stato.
Bisogna invece prendere atto, tutti quanti, che le guardie non inseguono i ladri.
Le guardie se ne fottono dei ladri. Le guardie sono lì per controllare noi, non i ladri.
Bisogna ritornare ai tempi in cui i cittadini erano contadini ignoranti e analfabeti, e sapevano che la guardia era lì per loro.
Dobbiamo re-imparare da principio la funzione della polizia.
La polizia è il monopolio della violenza esercitato dallo Stato per perpetuare sé stesso.
La polizia serve a reprimere ogni moto e tendenza che possa incrinare il potere.
La criminalità non mette in discussione lo Stato ed il potere.
Sono i cittadini a farlo.
Sono i cittadini che, smettendo di offrire un consenso non informato al loro stesso sfruttamento, possono mettere in discussione lo Stato.
Sono i lavoratori, gli operai, le cassiere, gli artigiani, gli imprenditori (quelli veri, non quelli che campano di sussidi statali) a poter mettere in discussione lo Stato.
E sono loro a dover essere controllati attraverso la polizia, che svolge questo ruolo coerentemente.
Lo Stato non perseguiterà mai il criminale, perché esso è troppo utile allo Stato stesso: grazie al criminale il cittadino invoca più polizia e più Stato, chiede di mettere le telecamere in città, chiede arresti facili, chiede poteri di polizia anche per i netturbini.
Grazie al criminale, il cittadino scava da solo la fossa della propria libertà.

articolo completo: “Annozero”, commedia in atto unico, di Giorgio Mattiuzzo

 

14 comments to Guardie e ladri

  • Airel81

    bell’articolo, mi è piaciuto.. certo ci si può leggere una visione della società odierna e di quella che verrà molto cupa… quasi da Grande Fratello.

  • luciamerli

    una bella analisi, ma io proporrei diversamente il problema: se per un commerciarte qualunque passante e’ un potenziale acquirente, se per un professore qualunque persona incontri e’ una persona ignorante da inculturare, per la guardia qualunque cittadino e’ un potenziale ladro, solo che in quel momento non e’ stato colto sul fatto.

    si tratta di una deformazione professionale psicologica.

    per la guardia non c’e’ differenza di razza, di sesso, di religione, di ceto, tutti sono probabili delinquenti da perseguire e non cittadini che si tassano per essere tutelati.

    è l’ottica con cui vengono costruiti che e’ sbagliata, la loro ideologia di fondo, che non e’ di servizio ma di repressione.

    un caro saluto

  • arcangelica

    poche parole a buon intenditore, bersaglio centrato.

    dissento dal tornare indietro, auspico più informazione libera per abbatte il muro dell’omertà.

    Santaruina le dita della mano non hanno tutti la stessa altezza

    bessed be ;-)

  • Santaruina

    Airel: un misto tra Orwell e Huxley.

    Il poliziotto che ti controlla col sorriso,e che se proprio deve manganellare, lo fa democraticamente.

    Ciao Lucia, penso che le tue considerazioni siano giuste, e penso anche che non siano in contraddizione con quanto dice Giorgio nell’articolo.

    In fondo anche i poliziotti sono “vittime” di un condizionamento che parte da più in alto.

    Arcangelica, se c’è una cosa che si impara leggendo la storia e che indietro non si torna mai, ed è sempre un disastro provare a farlo.

    Analizzare il presente è tra le poche cose che possiamo fare.

    Blessed be.

  • chirieleison

    Ti avevo lasciato un commento ma non lo trovo…

    La repressione dà più visibilità e potere della prevenzione.

    Costa meno allo Stato mettere i delinquenti in galera che toglierli dalla strada quando sono adolescenti

  • MINICHINIBLOG

    Un tema fondamentale ,caro Santa.Leggo e medito. Un caro saluto da Roberto

  • padella

    Qualcuno disse che l’Italia è un laboratorio politico. Anche per quanto riguarda la polizia siamo più avanti di tutti i paesi occidentali che copieranno il nostro modello: la polizia che difende palesemente i delinquenti e perseguita gli altri.

    Dico palesemente perchè anche negli altri paesi, USA in testa, già difende i delinquenti, ma è meno palese.

    Un saluto.

    padella

  • Santaruina

    Ciao Chirieleison

    lo stato ha il totale monopolio della violenza e delle armi; ma una certa quantità di “criminali” in giro, visibili, fa comodo, per poter poi giustificare le norme liberticide in quanto necessarie per la nostra “sicurezza”.

    La tattica è vecchia ma funziona sempre: si crea e si amplifica l’allarme della sicurezza e i “cittadini” impauriti sono disposti a cedere parte delle loro libertà, pur di essere “protetti”.

    Il fine ultimo dello stato è il controllo del suddito, è sempre stato così.

    Grazie al tema della “sicurezza” è il suddito stesso che invoca di essere controllato.

    A presto.

    Un caro saluto a te, Roberto :-)

    Padella, e purtroppo non è solo una “sensazione”

    Blessed be

  • Fabrysound

    Ciao Santa

    l’osservatore dell’UE ha detto «Persone senza diritti e senza documenti qui da 40 anni»… che dire meglio tardi che mai, per me si farà un gran chiasso in questo periodo poi ritornerà tutto uguale a prima.

    Mi son permesso di postare il tuo articolo nel mio blog

    un saluto fabry

  • rrrrr

    concordo al cento per cento con il post. r.

  • Santaruina

    Ciao fabry, non ci sono problemi nel riprendere l’articolo, e penso che nemmeno Giorgio ne abbia :-)

    r. , felice della tua concordanza.

    A presto

  • iNessuno

    Analisi giustissima…

  • messier

    Ha un senso, allora, che gli americani possano armarsi per proprio conto ? Ha un senso che si verifichino casi ripetuti (e rituali) di bimbetti americani che fanno stragi nelle scuole ? Hanno senso i campi di concentramento costruiti in america senza il consenso dei cittadini armati ?

  • Santaruina

    su quei campi di concentramento pochi si interrogano..

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>