Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
24 giugno 2011

La grande onda: un' idea per il prossimo film catastofico


Negli ultimi quindici anni ha ripreso vigore nel mondo del cinema un genere che da sempre stimola inesorabilmente la curiosità e l’immaginazione del pubblico: si tratta dei film cosiddetti catastrofici.
Tale genere è vecchio come il cinema, ma quello che caratterizza le produzioni degli ultimi anni è un generoso utilizzo delle nuove tecnologie applicate alla creazione di spettacolari effetti speciali, ed in secondo luogo l’entità delle devastazioni in ballo.
In una continua escalation di catastrofi, infatti, si è arrivati alla definizione di un topos narrativo in cui varie minacce – naturali, artificiali od aliene – giungono a mettere in pericolo l’esistenza dell’intera umanità, della terra nel suo insieme.

Nelle produzioni di maggior successo, il nostro pianeta è stato nel tempo minacciato da alieni (Indipendence Day), da meteoriti (Amageddon, Deep Impact), dalla scomparsa del campo magnetico a seguito di un rallentamento della rotazione del nucleo terrestre (The Core), da improvvise ed inattese nuove glaciazioni (The Day After Tomorrow), oppure dal surriscaldamento del nucleo stesso che produce una serie di terremoti e devastazioni in tutto il globo (2012).

La lista dei vari film è lunga, ma perlomeno in quelli di maggior successo si possono osservare delle situazioni ricorrenti:
– vi è un gruppo di scienziati indipendenti ed integerrimi che vengono a conoscenza di una enorme catastrofe che sta per colpire il pianeta
-vi sono le autorità preposte (nasa, protezione civile) che inizialmente si dichiarano scettiche, ma poi prendono atto del problema
-vi è un gruppo di eroi (a volte gli scienziati stessi, più spesso persone comuni che vengono chiamate ad imprese straordinarie) che si assume il compito di compiere delle azioni rischiose al limite dell’impossibile per salvare la situazione
– vi sono infine i militari, dipinti quali ottusi e arroganti, che in tutti i casi, come unica soluzione, propongono l’utilizzo degli armamenti atomici
(“generale, un asteroide grande come il Texas si sta avvicinando alla terra e ci colpirà tra un mese!” “allora bombarderemo l’asteroide con mille bombe atomiche”;
– “generale, il nucleo della terra si sta fermando e questo porterà alla scomparsa del campo magnetico terrestre!” “bombardiamo il nucleo della terra con mille bombe atomiche”;
– “generale, un uragano grande come la California sta per abbattersi sulla costa orientale!” “bombardiamo l’uragano”;
– “generale, sta per iniziare una nuova era glaciale!” “bombardiamo l’era glaciale”
, e così via)

Essendo quindi quello dei film catastrofici un genere di grande successo, proveremo anche noi a delineare brevemente la trama di una possibile nuova produzione, facendo un ampio utilizzo di idee fantasiose ed avvalendoci di scenari inverosimili ma spettacolari.
Per differenziarci in parte dalle altre pellicole del genere, ci concentreremo principalmente sulle reazioni dei vari stati in prospettiva del disastro, disastro che posizioneremo in un futuro non imminente (si consiglia, nel prosieguo dell’articolo, di cliccare sui link segnalati).

La nostra storia inizia, come da tradizione, in un laboratorio scientifico, che posizioneremo in un ambiente suggestivo, dal forte appeal cinematografico.
Siamo nei primi anni 90, e un gruppo di scienziati in stanza nelle isole Hawaii, quindi, scoprono dei movimenti anomali nelle profondità dell’oceano Pacifico; dopo accurate verifiche, comprendono che in determinate zone del pianeta ha luogo un grande movimento del magma in prossimità della crosta terrestre: vengono così individuati degli enormi vulcani sottomarini fino allora sconosciuti, vulcani da tempo in sonno che danno segno di aver ripreso la loro attività (la parte prettamente “scientifica”, in questo genere di film, non deve essere eccessivamente accurata…)
Gli scienziati si mettono quindi all’opera per definire gli effetti di queste attività, e giungono alla conclusione che entro l’anno 2020 l’attività dei vulcani sarà massima e porterà a devastanti eruzioni sottomarine, eruzioni che a loro volta produrranno degli immensi tsunami che non lasceranno scampo alle coste da loro raggiunte.

Si delinenano due fronti principali in cui l’attività vulcanica sottomarina avrà luogo: la prima nel cuore dell’oceano Pacifico, la seconda nell’oceano Atlantico.
Un team di esperti statunitensi si occupa quindi di produrre delle simulazioni al computer ed arriva ad ipotizzare delle onde alte fino a 100 metri che travolgeranno le coste americane, distruggendo ogni edificio fino a decine di chilometri nell’interno.
Il governo americano prende atto della situazione: le principali città degli Stati Uniti, tutte situate sulle coste, verranno spazzate vie: New York, Washington, Boston, Filadelfia, Miami, Houston, Los Angeles, San Francisco, Seattle sono destinate a scomparire.


La prima preoccupazione del governo, quindi, è quella di mantenere il massimo riserbo sulle scoperte degli scienziati, per evitare la diffusione di un panico di massa.
In secondo luogo, il consiglio di guerra si riunisce per valutare le possibili ripercussioni sul piano della sicurezza interna, dal momento che il disastro potrebbe rendere estremamente vulnerabile il sistema difensivo della nazione, rendendola così facile preda di attacchi di potenze straniere che dai grandi sconvolgimenti saranno meno colpite.
Il consiglio decide di conseguenza di costruire un nuovo centro di controllo, una postazione di comando da cui si possa gestire l’emergenza, e il luogo ideale per il nuovo centro di comando viene individuato nei pressi della città di Denver: lontano dalle coste, la capitale del Colorado è situata in in luogo strategico, nel cuore del paese, in una posizione ideale per poter controllare il restante territorio.
Si dà quindi avvio alla costruzione di un imponente centro di controllo dotato di tutte le attrezzature necessarie per risultare operativo in seguito al disastro, e per non destare troppi sospetti gli si dà l’aspetto di un aeroporto.

Nel frattempo, i consiglieri più vicini al presidente degli Stati Uniti gli fanno notare che a seguito del disastro vi saranno nel paese numerosi disordini, e milioni di disperati che avranno perso ogni loro bene si ritroveranno da un giorno all’altro a vagare per la nazione, con grave pericolo per la sicurezza pubblica; si decide così di avviare la costruzione di centinaia di campi di detenzione per la popolazione, opportunamente fortificati e capaci di contenere fino a due milioni di persone.
Un alto grave problema, fanno notare i consiglieri, sarà dato dalle migliaia di cadaveri di cui la terra sarà disseminata; per prevenire rischi di epidemie, la Fema, il principale ente addetto alla protezione civile, ordina la costruzione di centinaia di migliaia di bare di plastica, realizzate in poco tempo e pronte per essere usate al momento opportuno.


Gli anni passano e, giunti alla soglia del XXI secolo, il governo statunitense inizia a progettare il proprio futuro a seguito della catastrofe.
Si decide che sarà di primaria importanza accaparrarsi il controllo del maggior numero dei centri di estrazione delle risorse strategiche del pianeta; si pianifica così una serie di guerre che avranno come scopo lo stanziamento diretto dell’esercito americano nei  punti nevralgici del pianeta: l’Afghanistan, l’Iraq, il nord Africa vengono scelti quali primi obbiettivi da conseguire.

Nel corso della nostra storia, il governo americano fa di tutto per evitare che le scoperte dei propri scienziati divengano di dominio pubblico, ed ancor di più si prodiga affinché nessuna potenza straniera venga a conoscenza degli sconvolgimenti in arrivo.
Ma accade che una troupe di studiosi cinesi  –  e siamo già nei primi anni del terzo millennio – giunge alle medesime conclusioni dei colleghi americani.
Subito i più importanti membri del Partito si riuniscono per analizzare la situazione.
Si prevede che i grandi tsunami dell’oceano pacifico raggiungeranno anche la costa cinese, e di conseguenza città strategiche come Honk Kong, Nanchino, Hangzou e la stessa capitale Pechino verranno travolte dal’impatto delle acque.


Ma i membri del partito capiscono che il disastro atteso avrà ripercussioni molto più gravi per i loro rivali statunitensi, e comprendono che gli sconvolgimenti in arrivo possono rappresentare una enorme opportunità per la loro nazione, per divenire, finalmente, la potenza egemone a livello mondiale.
Avendo quindi una enorme disponibilità di fondi, il governo cinese avvia una monumentale opera edilizia pianificando ed iniziando la costruzione di centinaia di nuove città, situate tutte nell’entroterra, destinate ad accogliere i milioni di abitanti delle coste che dovranno cercare una nuova sistemazione in seguito all’arrivo della grande onda: in questo modo, il governo ritiene che sarà più facile operare una transizione post disastro, evitando che una massa enorme di sfollati mini l’ordine costituito.
Inoltre, le zone produttive delle nuove città assicureranno la continuazione dell’attività industriale della nazione, attività che dopo il disastro assumerà una importanza ancora più decisiva a livello mondiale, maggiore rispetto a quella già grande detenuta negli ultimi decenni.

Questa potrebbe essere, a grandi linee, la trama del nostro film catastrofico.
Una serie di spunti su cui abili sceneggiatori potrebbero lavorare per ottenere una pellicola avvincente e di grande impatto.
Il finale del film resta invece ancora aperto: per scriverlo, c’è ancora tempo.

73 comments to La grande onda: un’ idea per il prossimo film catastofico

  • anonimo

    Oh cavolo…hai collegato innumerevoli fatti di cui ero a conoscenza, ai quali, pero, avevo dato altre spiegazioni…(le vuote citta cinesi, i centri in Usa etc)…certo che buttata giu cosi la "trama del film" nn fa una grinza…tutto ha un senso logico.
    Ti ringrazio x avere stravolto il mio punto di vista, mi piace quando succede.
    Certo…ci sara da divertirsi se tutto questo accadra…
    Sarà il film in 3D piu realistico che sia mai stato girato! :)
    Saluti
    Fra

  • anonimo

    forse a scapito del fascino della trama, credo che si potrebbe tranquillamente fare a meno dell'elemento della scoperta straordinaria della troupe di scienziati. Il fatto è che sia pure con una minor precisione sulla data, la previsione di uno o più eventi catastrofici di portata globale, è alla portata di tutti coloro che siano ancora dotati del più semplice buon senso. Per questo, occorrerebbe ancora aggiungere alla trama, un'accurata azione, a volte coordinata, a volte, naturalmente convergente, di molteplici azioni tutte dirette a fare perdere la normale capacità di valutazione, alla maggior parte degli uomini. Certamente, nei centri scentifici militari o militarizzati molti dati vengono mantenuti più o meno riservati o segreti, ma questo fa parte di una realtà che è così da quando esiste l'attuale forma di potere politico e sociale.  Tutte le cose descritte sono comunque eventi certi che si verificheranno in un tempo non lontano alla sola condizione che l'attuale andamento di degrado di tutti gli ambiti di vita della presente umanità, prosegua con la continuità e la progressiva accelerazione, impressagli dalla sua stessa natura, che sta avendo oggi sotto gli occhi di tutti. L'evento catasstrofico (o piuttosto, gli eventi, perché si tratterà senza dubbio di una molteplicità, apparentemente non connessa di cataclismi, non soltanto a carattere naturale), non è che la necessaria conseguenza della rottura che segue a qualsiasi processo a carattere continuo, quale è quello in atto. Si tratterà semplicemente dei sintomi della fase terminale di una malattia, che si è sviluppata da lungo tempo.

  • zuptepi

    Meravigliosamente scritto e architettato. Andrei sicuramente a vederlo al cinema. :)

    La parte dell'aeroporto di Denver mi ha fatto ricordare della cittadina di Boulder, situata a pochi chilometri da Denver, che viene indicata nel libro di Stephen King, L'ombra dello Scorpione, come il centro di raccolta dei "buoni" a seguito della catastrofe che ha sterminato la maggior parte della popolazione mondiale.
    Boulder, Colorado, insignificante cittadina nel bel mezzo del continente americano, mi sono sempre chiesta perché lo scrittore avesse scelto proprio quel luogo…

  • Santaruina

    Ciao Zup
    penso potrebbe interessarti:

    Le strade che portano a Denver

    (in effetti era il link che volevo inserire nell'articolo; ora l'ho fatto)

    A presto :-)

    _______________________

    Fra
    Sarà il film in 3D piu realistico che sia mai stato girato! :)

    Ed anche il più costoso :-)

    ______________________

    forse a scapito del fascino della trama, credo che si potrebbe tranquillamente fare a meno dell'elemento della scoperta straordinaria della troupe di scienziati.

    Forse è vero, ma dobbiamo concedere qualcosa anche allo spettacolo..

    A presto

  • anonimo

    Tra l'altro, una curiosità:

    c'è un telefilm, 'Chuck', che parla di un ragazzo che si ritrova ad avere tutti i segreti del governo americano nella propria testa.
    Un computer umano.
    E tra questi, fa riferimento ad una 'base segreta di Denver'.
    Non ricordo se parlava anche di aeroporto, mi informerò.
    Intanto, è curiosa come cosa :)

  • anonimo

    Interessante, circostanziato e condivisibile "disegno", che viene fuori dal tuo logico "unire i puntini".

    I miei complimenti.

    (Antonio).

  • anonimo

    Antonio: "Interessante, circostanziato e condivisibile "disegno", che viene fuori dal tuo logico "unire i puntini"."
    quoto.

    x Santa: non fai riferimento all'origine di tutti i film e romanzi del filone catastrofico. pensi siano ispirati da leggende/miti ecc…o gli autori sono venuti a conoscenza di cose più specifiche e riservate? tipo Stephen King…
    jackblack77

    piccolo O.T.: ho lasciato delle informazioni nel topic dei 30 seconds to mars. per chi fosse interessato…

  • anonimo

    Per quanto riguarda le bare sembra che il deposito del filmato sia in realtà appartenente all'azienda produttrice, la Vantage, situata poco lontano, Covington.
    Mi pare di aver capito che siano dei copri bara isolanti e che impediscono il cedimento del terreno nel tempo.
    Se poi la FEMA ha altre intenzioni non so.

    zama

  • anonimo

    Com'è che hai lasciato fuori quelle due dozzine di film-serie negli ultimi anni dedicati alle PANDEMIE, senza contare tutte le zombie-varianti?
    (Hint: qualcuno ora ricorderà il mese scorso "l'allarme zombie" diffuso via twitter nientemento che dal Center of Disease Control…).

    E anche i divertenti movie per il via cavo negli States basati su HAARP (The Storm, Megafault e un'altro di cui mi sfugge il nome), con anche lì qualche variante.

    Val la pena segnalare anche il National Geographic che ha recentemente diffuso un "documentario" che descrive l'imminente invasione aliena – presentandolo come verità scientifica! – e come la resistenza del popola della Terra trinferà diventando tutti talebani.

    Chicche varie di propaganda hollywoodiana basata sulla programmazione predittiva, come lo sceneggiato un'anno prima dell'11/9 in cui una frangia deviata del governo cerca di inscenare un'attentato in cui "terroristi" cercano di far schiantare un aereo di linea contro le Torri Gemelle, o "Segnali dal Futuro" con Nicholas Cage che un anno prima del disastro BP in cui nel TG si vedeva la notizia di un disastroso incidente con una piattaforma petrolifera in fiamme nel golfo del Messico…avresti dovuto almeno menzionare, Santa, bacchettata sulle mani.

    Comunque che due palle 'sta storia dell'onda – è già da mò che dementi new-age triturano gli zebedei con 'sta storia, adesso ti ci metti pure tu?

    Eh, the end is nigh…really! :'D

  • anonimo

    Io 'sta grande onda me la sogno da quando avevo 6 anni. Non sono new age adesso… figuriamoci a 6 anni!

    :P

  • Santaruina

    c'è un telefilm, 'Chuck', che parla di un ragazzo che si ritrova ad avere tutti i segreti del governo americano nella propria testa.
    Un computer umano.
    E tra questi, fa riferimento ad una 'base segreta di Denver'.

    Già, Denver ormai è entratata  far parte dell'immaginario americano, in quel contesto.
    Tra l'altro Chuck non mi dispiaceva come serie.

    ___________________________

    Ciao Antonio

    si tratta ovviamente di un divertissment.
    Mi divertiva l'idea di inserire tanti avvenimenti che ci appaiono incomprensibili all'interno di uno scenario che faccia loro acquisire una certa "logica"..

    A presto

    _______________________________

    Jackblack
    x Santa: non fai riferimento all'origine di tutti i film e romanzi del filone catastrofico. pensi siano ispirati da leggende/miti ecc…o gli autori sono venuti a conoscenza di cose più specifiche e riservate? tipo Stephen King…

    Questo non saprei dirlo.
    Sicuramente questo genere sfrutta delle paure ancestrali del genere umano, cavalcando nel frattempo la sensazione di insicurezza e instabilità che il mondo moderno, spesso tanto complesso da apparire incontrollabile, possa effettivamente finire "fuori controllo".
    Poi c'è un etat d'esprit che viene contemporaneamente avvallato, quello che induce a concentrarsi sulla possibilità della fine di un'era, di un grande cambiamento imminente.
    __________________________

    Per quanto riguarda le bare sembra che il deposito del filmato sia in realtà appartenente all'azienda produttrice, la Vantage, situata poco lontano, Covington.

    Due anni fa ci fu in rete una grande agitazione a proposito di quelle bare, in particolar modo nei siti "complottisti".
    Quello che effettivamente fu accertato è che si trattava realmente di bare, ma di bare speciali, studiate per contenere tre-quattro cadaveri alla volta.
    Utili quindi in caso di tragica evenienza, di una calamità su vasta scala.
    Sul loro reale scopo, non si seppe mai invece nulla di preciso.

    ________________________

    Comunque che due palle 'sta storia dell'onda – è già da mò che dementi new-age triturano gli zebedei con 'sta storia, adesso ti ci metti pure tu?

    Spero tu abbia colto l'aspetto anche "ironico" del post.

    A presto

  • anonimo

    Caro Santa. Forse saprai che esiste un buon numero di enti governativi e non governativi  il cui compito è studiare le problematiche di possibili eventi catastrofici. Senza entrare nelle ipotesi estreme sappi che qui in Italia sono state studiate le conseguenze di: eruzione esplosiva del Vesuvio (calcolata probabile in tempi relativamente brevi), attivazione dei vulcani sommersi tra Campania e Sicilia (qualcuno sicuramente sa cosa è l'isola fantsma, la Ferdinandea), possibile collasso catastrofico a carico delle Canarie (con possibile tzunami interessante il Mediterraneo), ripresa dell'attività dei vulcani silenti dei Colli Albani, ecc ecc ecc  Ovviamente sono anche preventivate nuove città che prenderebbero il posto di quelle ormai non più operative (Denver, Astana, ecc), Per la cronaca oggi si è un po' in apprensione per  MD 2011, un asteroide di 13 metri che passerà il 27 giugno a soli 0,05 LD -12.000 Km dalla terra- per cui potrebbe colpire (eventualità rara ma non da escludere)  qualche satellite in orbita elevata. Con questo cosa voglio dire? Tutti i giorni ci sono dei rischi ma è più probabile finire sotto un auto che morire per un evento planetario catastrofico (anche se, da un punto di vista emozionale, sarebbe sicuramente più appagante). Un caro saluto
    BGT

  • anonimo

    Dimenticavo. Oggi -zona a sud di Roma- registriamo 0,58 micro Sievert di radiazione. Non altissima (il limite è tra 0,9 e 1,1) ma sicuramnet più alta della media. (un battito d'ala di farfalla a Tokio può scatenare una tempesta a…Roma?)
    BGT

  • Santaruina

    BGT
    […]qui in Italia sono state studiate le conseguenze di: eruzione esplosiva del Vesuvio (calcolata probabile in tempi relativamente brevi), attivazione dei vulcani sommersi tra Campania e Sicilia[…]

    Infatti, l'idea della grande onda provocata da eruzioni sottomarine mi era venuta qualche tempo fa quando lessi dei grandi vulcani sommersi presenti nel Tirreno.

    Come dicevo prima, l'articolo rappresenta solo un modo, per me suggestivo, di porre degli eventi difficilmente comprensibili all'interno di uno scenario che li rende logici.

    Le città fantasma cinesi, ad esempio, attualmente rappresentano un bel mistero, nella migliore delle ipotesi si tratta di una azzardata scommessa del governo cinese.
    Ma in uno scenario del genere sarebbero la scelta più razionale che un governo possa compiere, avendone le possibilità.
    Così come l'aeroporto di Denver, oltremodo dispendioso e non funzionale, acquisterebbe un senso, e così via.

    A presto

  • anonimo

    Quello che effettivamente fu accertato è che si trattava realmente di bare, ma di bare speciali, studiate per contenere tre-quattro cadaveri alla volta.

    Scusa Santa è solo per amore della precisione: l'azienda non le vende come bare per più cadaveri ma come involucro per proteggere la bara vera e propria dall'acqua.
    Addirittura ci sono le versioni Paramount e Deluxe

    zama

  • anonimo

    Come dicevo prima, l'articolo rappresenta solo un modo, per me suggestivo, di porre degli eventi difficilmente comprensibili all'interno di uno scenario che li rende logici.

    Credo che la tua analisi sia molto più vicina al vero di quanto si possa immaginare. Il fatto è che con le attuali conoscenza ci si sta rendendo conto dei grandi pericoli che incombono su di noi. Se nel quotidiano mettiamo la cintura in auto (non sempre), controlliamo la qualità del cibo (non sempre), spegniamo il fuoco del barbecue (non sempre), a livello più generale cerchiamo di capire cosa possa accadere di pericoloso per l'umanità. Le grandi epidemie del passato hanno quasi distrutto la nostra civiltà (a proposito, il rischio più grande per noi viene proprio -probabilmente- da una estesa pandemia), l'esplosione di Santorini riportò indietro l'orologio della storia di moltissimi anni. Vi sono poi gli echi delle grandi catastrofi divenute leggende ed archetipi del concetto di disastro (dis-astro: gli astri, gli dei, ci sono contro): il Diluvio, la fine di ipotetiche pregresse civiltà (Atlantide, ecc). In realtà più che la nostra morte individuale ciò che ci atterrisce è la fine della intera nostra specie. La tragedia del Giappone ha reso tutti più insicuri psicologicamente. Se una nazione così avanzata non è stata in grado di prevedere ciò che i suoi vecchi avevano predicato 500 anni prima (non costruite vicino al mare!) come possiamo sentirci sicuri noi che andiamo in crisi per un evento sismico come quello de L'Aquila, assolutamente banale nella scala dei movimenti tellurici? Sarebbe interessante anche soffermarci sul conetto distruttore che ha, nel nostro immaginario, l'acqua (le acque di sopra e quelle di sotto, l'abisso senza fondo. Ma di questo sicuramente sarai in grado di darci una tua analisi). Buon lavoro
    BGT 
     

  • anonimo

    Bella trama….fin troppo verosimile direi.
    ti suggerisco un finale.
    Dopo essersi a lungo preparate, le elite ebbero una sorpresa. La distruzione finale avvenne non per l'elemento acqua, ma per il fuoco, come avevano predetto i Maia a proposito di questo sole e lo presero in…saccoccia. Gli unici che si salvarono furono 4 pescatori che erano usciti nella speranza di un po di cibo, in un mare ormai impoverito. Il loro capo si chiamava….Noe.
    Se lo produci mi piacerebbe interpretare la parte di Noe.

    Democrito

  • anonimo

    A proposito di città-fantasma (e per chi non vuole vedere la realtà. Ma perchè i Cinesi costruirebbero città in zone deserte):

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8510                           

    BGT

    iinteressante come non si vedano le cose per come sono realmente
     

  • Chapucer

    quà sotto dovrei essere al sicuro….
     

  • Santaruina

    Zama

    Scusa Santa è solo per amore della precisione: l'azienda non le vende come bare per più cadaveri ma come involucro per proteggere la bara vera e propria dall'acqua.
    Addirittura ci sono le versioni Paramount e Deluxe

    Mi ricordo che all'epoca nei vari forum ci furono diverse discussioni a proposito, e la situazione non fu mai chiara del tutto.
    Quel che è certo è che si tratta di bare (o involucri) speciali, non biodegradabili, pare studiati apposta per prevenire la diffusione di epidemie.
    In effetti, 800.000 mila bare di questo tipo hanno poco senso, dal momento che, a meno che non siano strettamente necessarie, rappresentano un inutile spreco di risorse, inquinano l'ambiente ed occupano un grande spazio.

    Si diceva che le 800.000 bare che compairvano nei filmati fossero stipate in zone di stoccaggio appartenenti alla fema, e dalla fema stessa furono ordinate.

    _____________________________

    BGT

    Le grandi epidemie del passato hanno quasi distrutto la nostra civiltà (a proposito, il rischio più grande per noi viene proprio -probabilmente- da una estesa pandemia), l'esplosione di Santorini riportò indietro l'orologio della storia di moltissimi anni

    In effetti, a livello statistico, delle grandi catastrofi non sono per nulla improbabili: si sono sempre verificate, nella storia degli uomini, ed altre ci saranno del futuro.
    Se dovessimo vivere costantemente con questa idea probabilmente saremmo condannati all'immobilismo, ma d'altro canto è saggio anche cercare di comportarsi in maniera saggia per essere pronti almeno ad affrontare le situazioni prevedibili (come il caso del giappone, appunto).

    ________________________

    Democrito

    Dopo essersi a lungo preparate, le elite ebbero una sorpresa. La distruzione finale avvenne non per l'elemento acqua, ma per il fuoco, come avevano predetto i Maia a proposito di questo sole e lo presero in…saccoccia.

    Sarebbe davvero un finale alternativo, non è una cattiva idea :-)

    Se lo produci mi piacerebbe interpretare la parte di Noe.

    Ok, vada per Noé.
    Io farò il generale ottuso ("bombardiamo i vulcani!")

    A presto

  • anonimo

    Ultimamente, se è per questo, di pellicole cinematografiche "strane"  se ne stanno vedendo a bizzeffe.
    Cominciando da tutti gli ultimi film che contengono come tema predominante il "mito" del vampiro e della magia oscura.
    Cominciando dalla "Schifezzevole's saga of Twilight" per finire alla "Season of Witch" di quel gran mago (nero) degli effetti speciali di Coppolecchia jr alias Nicolas Cage.
    Cominciando da "The Wicker Man" continuando con "Ghost Rider", il disneyano (naturalmente consigliato per grandi e piccini) "Sorcerer's Appentist", finendo con gli ultimi due capolavori realmente infernali come "Drive Angry" ed il sopracitato "Season of the Witch".
    Che dire….E' tutto l'entourage Hollywoodiano cominciando dai videoclip dei rapper di Rockafella fanzine finendo all'ultima squallida trovata circense come il tanto decantato "Skyline" che ruota su queste tematiche che generano paura, lussuria, e avidità.
    Sappiate che l'obiettivo reale è proprio il suddetto.
    Nutrire con ciò che è più istintualmente basso e infimo determinate entità.
    Ritornando "On Topic" c'è da dire, carissimo Santa (non Claus) che, dal gioco di potere hai escluso la Russia.
    Dal mio punto di vista, dopo il Knock Down della Perestroika, i sovietici stanno lentamente (ma inesorabilmente) alzando la testa… per cui dopo Megatsunami,Terremoti,Lappili vari io ci includerei anche una bella scaramuccia nucleare, un planetucolo (grande più o meno 5 volte giove) in avvicinamento al nostro corpo celeste, l'invasione aliena con tanto di rachitici grigi a romperci i maron's glace e visto che ci siamo anche la stella natalizia con tanto di Baldassarre, Gaspare e …Zuzzurro.
    Un saluto.

    C.S.

  • anonimo

    "Spero tu abbia colto l'aspetto anche "ironico" del post."

    Ah, ultimamente il tasso μBLS (microbullshit) nell'etere è giunto a livelli tali che faccio sempre più fatica a distinguere, non darti pena…

    Hiei

  • zuptepi

    "Ciao Zup
    penso potrebbe interessarti:

    Le strade che portano a Denver

    (in effetti era il link che volevo inserire nell'articolo; ora l'ho fatto)"

    Accipicchia, quel post me l'ero perso. Comunque abbiamo avuto la stessa idea..inquietante :)

  • ghibli.

    Aaaaaaaah! ma allora non fa caldo solo dalle mie parti!
    Suggerisco cappellino con visiera, ombrellone, climatizzatore e sopratutto docce gelate :P
    Si vede che la calura fa male non si è nemmeno accennato all'Atlantide di Platone XD
    Pensare che non mi sono perso nemmeno un film catastrofico ma a non capire che al massimo possano servire solo a livello psicologico c'è ne vuole.
    Sono un pochino deluso da questo post.
    Ciao :)

  • toporififi

    Inserirei qualche russo che fa il segno della croce sperando di salvarsi e invece, quando crede di avercela fatta, muore, mentre qualche fumatore ormai, potrebbe anche salvarsi, certamente lo scienziato attaccato alla bottiglia di bourbon la sfanga egregiamente, come il misticone californiano che si fa di acidi.
    Alla fine un rabbino e un bonzo ringrazieranno con una preghiera comune la presidentessa degli stati uniti che ha salvato una donna di colore, di modeste origini, incinta del nuovo messia.

    Adoro ricamare sulle catastrofi, gran post, mi prenoto per il ruolo dell'informatico disfattista che viene salvato per il rotto della cuffia dal marine anabolizzato.

    Ma cos'è il "rotto della cuffia"?

  • anonimo

    "Ma perchè i Cinesi costruirebbero città in zone deserte"

    Mai sentito parlare di "bolla immobiliare speculativa"?

    Che sta scoppiando, proprio come quella precedente dei subprime atlantici…aspetta QUELLA di onda!

    Hiei

  • anonimo

    Bellissimo post Santa, davvero suggestivo. Mi hai fatto correre un brivido lungo la schiena.

    Buon week end

    Sick

  • Santaruina

    Ciao Massimo

    ciao Santa, lo avevi già visto questo?

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3772

    Sì, l'avevo visto, ed avevo anche pensato di inserirlo nel post, così come volevo in qualche modo far entrare anche i bambini che cantano per l'arrivo della nuova era.
    Poi ho pensato che il post si sarebbe appesantito un po' troppo..
    D'altra parte, quasi la metà dei temi trattati in questo blog avrebbero potuto essere inseriti nella trama del film :-)

    A presto

    _________________________________

    C.S.
    Ritornando "On Topic" c'è da dire, carissimo Santa  che, dal gioco di potere hai escluso la Russia.

    E' vero, avrebbe potuto starci.
    Così come si poteva trovare una particina anche per l?unione europea, magari di secondo piano.

    _____________________________________

    Ghibli
    Sono un pochino deluso da questo post.

    Nel senso che speravi che i film catastrofici fossero realmente espressione di qualcosa che sta per succedere?

    ___________________________________

    Mario

    Inserirei qualche russo che fa il segno della croce sperando di salvarsi e invece, quando crede di avercela fatta, muore,

    Già, un altro punto ricorrente è quello di far morire le persone che si fanno il segno della croce. (mi pare che già tu l'avevi fatto notare in una vecchia discussione).
    Caso emblematico nel film 2012, dove i fedeli assiepati davanti a San Pietro in preghiera vengono adirittura travolti dal cupolone che crolla.
    Una immagine nemmeno tanto "subliminale"…

    Comunque piano piano stiamo definendo il cast :-)

    ________________________________

    Ciao Sick, buon week end a te :-)

    a presto

  • anonimo

    "Già, un altro punto ricorrente è quello di far morire le persone che si fanno il segno della croce. (mi pare che già tu l'avevi fatto notare in una vecchia discussione).
    Caso emblematico nel film 2012, dove i fedeli assiepati davanti a San Pietro in preghiera vengono adirittura travolti dal cupolone che crolla."

    In 2012 muoiono più o meno tutti anche se l'accento su San Pietro si nota, comunque teniamo presente che è un film dove "il presidente italiano non si mette in salvo con gli altri, preferendo rimanere in patria a pregare", da sbellicarsi dalle risate! :'D

    Piuttosto è interessante il massiccio filone delle pandemie che ho già citato prima, perchè nella maggior parte di questi film MUOIONO TUTTI, spesso ammazzati dai militari che impongono quarantene e cordoni sanitari vari.

    Esempi:

    "Right at your Door" – protaginsta accoppato dai militari
    "Quarantine – quarantena" – protagonisti tutti accopati da virus o militari
    "28 settimane dopo" – come sopra
    "Carriers" – come sopra

    Senza citare le serie zombie incluso "Resident evil" in cui la zombieficazione arriva attraverso un virus, e casi particolari come il film dei Simpson dove c'è il governo che mette in quarantena Springfield per "emergenza ambientale" tentando poi di incenerirla con una bomba atomica…

    La lista prosegue…"Blindness – cecità", "E venne il giorno" (qui muoiono QUASI tutti ma un paio si salvano per la "nuova era", anche nel primo c'è la quarantena governativa che fa la sua bella parte) e altri che adesso non ricordo…

    Ah, poi ci sono le serie tv che ci danno sempre gioie: nella nuova versione di "V – VIsitors" gli alieni cattivi che si spacciano per buoni vogliono infettare gli umani nascondendo il patogeno in un nuovo vaccino influenzale (…wait, what?), in Fringe si fa riferimento nell'universo parallelo ai "milioni di morti causati dall'influenza aviaria", e via discorrendo.

    Ecco, una volta ogni, diciamo, dieci anni piacerebbe anche potermi vedere un film che non sia di merda e pieno di messaggi subliminali in santa pace…che palle…

    Hiei

  • anonimo

    P.S.: Santa, poi l'ultima serie di propaganda, la prima trasmessa IN TUTTO IL MONDO in simultanea – dettaglio interessante – "The Event" meriterebbe un post tutto suo, se per caso l'hai vista sai di cosa parlo – già dal titolo…

    Hiei

  • anonimo

    Molti film catastrofisti vengono fatti perchè è il pubblico che richiede questo genere. Un po' come quando da piccoli eravamo affascinati dalle favole paurose dei Fratelli Grimm. Come ho già detto quello che spaventa realmente non è tanto la nostra singola morte ma la scomparsa della nostra razza. Probabilmente poi questi film hanno anche segnali subliminali per mantenere lo stato emotivo sempre sotto tensione. Riguardo i vari disastri possibili, sicuramente quello che già oggi possiamo mettere in campo è una distruzione tramite malattie provocate da agenti infettivi modificati. Già nell'antichità gli assedianti gettavano nelle città assediate cadaveri di animali (con questo sistema comparve in Europa la peste). Credo che qualche prova tecnica sia già in corso (vedi la pregressa suina che è servita a testare, credo, più l'impatto emotivo sulla folla che la malattia in se stessa: quasi tutti i Giapponesi e molti Americani corsero a farsi vaccinare, mentre in Europa la risposta fu del tutto insignificante). L'attuale variante di E. Coli sembra tanto una fuga involontaria di materiale biologico modificato. Non scordiamoci che molte nazioni hanno dei laboratori ove sono conservati (e magari modificati) ceppi di vaiolo, peste, febbre emorragica del Nilo che, se opportunamente diffusi, potrebbero mettere in ginocchio interi continenti (senza scalfire le infrastrutture che sarebbero invece distrutte dall'uso di armi convenzionali e non).
    BGT

  • anonimo

    "L'attuale variante di E. Coli sembra tanto una fuga involontaria di materiale biologico modificato."

    Involontaria? Chissà.
    Beh, visto che siamo in tema…

    Hiei

  • ghibli.

    Nel senso che speravi che i film catastrofici fossero realmente espressione di qualcosa che sta per succedere?

    Sono sempre stato appassionato di film, anime, manga, narrativa apocalittica, e lo sono anche di profezie.
    Ma le ho sempre prese come moniti e esercizi di riflessione per godere del presente, e non di certo pensando che cose del genere possano accadere, se vengono pompate lo sono eventualmente per creare uno stato d'animo, visto tra le altre cose non sono neanche lontanamente realistici.

    Riconosco che sia le apocalissi che le profezie in tutte le civiltà (e religioni) hanno sempre avuto un ruolo sia nel loro inizio che fine, ma solo perchè si è voluto evidenziare ciò che si voleva, e ammetto che la nostra civiltà potrebbe sulla linea di una forte trasformazione ma non di certo per un fantomatico crollo veloce.

    La delusione non sta tanto nell'analisi del futuro ma quella del presente, visto le evidenti trasformazioni sono del tutto slegate a un crollo cattastrofico.
    La vera catastrofe sta nel non riconoscere che il crollo c'è già stato e ormai siamo alla fine.
    Concordo invece con l'approsimarsi degli effetti nei prossimi 50 anni, dal crollo degli imperi economici, a una decadenza spirituale, ecc.. ma lentamente come la storia ci insegna.
    Ciao :-)

    vabbe metto una chicca tratta dal libro "2028 il pericolo viene dal cielo" dove l'autrice recensisce i film che hai citato tra cui "deep impact" che gli dà 7+ ma scrive: Il presidente americano (il dettaglio più fantascentifico di tutto il film è che il presidente è un afroamericano…) lolololol

  • anonimo

    "vabbe metto una chicca tratta dal libro "2028 il pericolo viene dal cielo" dove l'autrice recensisce i film che hai citato tra cui "deep impact" che gli dà 7+ ma scrive: Il presidente americano (il dettaglio più fantascentifico di tutto il film è che il presidente è un afroamericano…)"

    Se fai caso, Deep Impact ma anche in 2012 il presidente è nero…e il casting di 2012 è stato fatto prima che Obama si sapessew chi cavolo fosse, beh, a parte in certi ambienti….

    Hiei

  • ghibli.

    Forse uno dei primi presidenti afro è Tommy 'Tiny' Lister in "Il quinto elemento" con la simpaticissima Milla Jovovich a interpretare una dea caduta? :P
    Ciao :)

  • anonimo

    a Hiei commento 35

    gli ambienti dei grandi produttori cinematografici e musicali degli USA fanno parte integrante del sistema di potere americano (basta leggersi i nomi dei vari capi di MGM. RCA, Fox, ecc) per cui non credo sia difficile, per loro, avere informazioni non accessibili da parte dei "comuni mortali". Gli artisti poi hanno spesso una percezione speciale per eventi che ancora sono in incubazione: specie di veggenti ed anticipatori. Venendo ai temi qui spesso trattati, le visioni demoniache di cui pullulano i vari clip musicali sono precognizioni di cose che avverranno? speranze che tutto ciò avvenga? tentativi neanche tanto subliminali affinchè ci si orienti verso quei lidi? Non so quale delle tre ipotesi è la peggiore

    BGT

  • anonimo

    @ 35 – Sospetto che i vari film con presidenti "afroamericani" erano fatti per preparare il pubblico…  In TV (americana) c'e' da almeno 20 anni (negli anni 50/60 i neri non li vedevi proprio in TV)  l'accoppiata nero/bianca e dove il nero e' sempre bravo, buono, responsabile, fico, intelligente.  Non credo alle coincidenze – specialmente su questi temi – Hollywood e' la macchina propagandistica del sistema.

    L'idea che le citta "fantasma" siano state costruite per alloggiare  sfollati e' intrigante, ma la Cina e' parecchio grossa e uno tsunami artificiale non so quali effetti catastrofici potrebbe avere su un territorio cosi' vasto – be' magari si – Hong Kong , Nuovi Territori e Shangai sommerse… qualche milioncino di sfollati ce li vedo.

    Sempre complimenti per il sito e per il tuo approccio sereno che ho sempre trovato rilassante e che fa meditare,

    Lanzo

  • anonimo

    Ciao Santa!
    un'altra breve trama di film catastrofico.

    Ambientazioni: zona imprecisata delle Alpi.
    Trama: i "soliti" vogliono a tutti i costi costruire una galleria sotto una montagna, già sacra ai Celti; gli abitanti si oppongono perchè sentono che vi è un pericolo nascosto (una antica leggenda parla di un drago sepolto sotto le rocce che aspetta solo di essere liberato).
    Protagonisti principali: politici vari, faccendieri e lestofanti di contorno; e un ingegnere della ditta che dovrà costruire la galleria. Egli si accorge ben presto che le viscere della terra sono stranamente radioattive e ricche di sostanze nocive; sopratutto è colpito dal fatto che all'imbocco della valle vi sia un antichissimo Monastero dedicato a San Michele, con la spada levata in alto e rivolto non verso la pianura, come a difendere la valle dagli invasori, ma rivolta verso la valle quasi a difesa verso qualcosa li nascosto. Quel monastero si trova poi lungo la stessa linea che congiunge San Michele in Puglia e Mont St. Michel.
    Continua tu, caro Santa

    BGT

    PS entro il 30 giugno si apriranno ufficialmente i cantieri in Val di Susa

     

  • toporififi

    Un drago chiamato "amianto", i democretini di sinistra hanno già invocato l'esercito, (vecchio vizio), forse per ingraziarsi San Michele, notoriamente patrono delle forze armate, almeno in Francia, ma che forse è già impegnato con i NoTav.
    Ho diversi amici su di là, spero che non succeda niente di "esemplare" o che la repressione non sfugga di mano, vista la quantità di soldi in gioco.

  • Santaruina

    Hiei
    "The Event" meriterebbe un post tutto suo, se per caso l'hai vista sai di cosa parlo –

    Non l'ho ancora vista, anche se mi è stata già segnalata.
    Se verrà trasmessa in chiaro vedrò di farmi una idea.

    ________________________

    Lanzo

    tu ringrazio, un saluto a te.

    _______________________

    BGT
    l'idea del film catastrofico sulla galleria è bellissima..
    Ci sono dentro tutti gli elementi per trarne un'ottima trama: l'avidità dei potenti, la popolazione che difende la propria terra, un santuario, un pericolo ignoto e misterioso che giace nella montagna e che sta per essere destato..

    __________________________

    Mario

    Ho diversi amici su di là, spero che non succeda niente di "esemplare" o che la repressione non sfugga di mano, vista la quantità di soldi in gioco.

    A vedere le ultime immagini, la situazione non promette bene.

    A presto

  • anonimo

     Santaruina, ti sei dimenticato di metterci il CopyRight!
    potevi farci abbastanza soldi x campare il resto della vita..e invece fra uno o 2 anni finisce che lo vedremo al cinema come prpodotto da qualche scribacchio famoso americano chiaramente senza citarti!  ;-)
    si, l'onda è la + indicata: è un tema caro alla new age e alla new age ufologica…che poi varia da onda a onda quantistica a onda che sommerge molte terre e fa riapparire atlantide ecc o a onda provocata (non si sa come) dall'effetto serra (la storia dei mari che si alzano: se volete sapere qualcosa di + sulla bufala dell'effetto serra http://effetto-serra.blogspot.com e sul perchè ci raccontano sta storia).

    lo spopolare di questi film catastrofici tutti fatti con lo stampino (come hai delineato la trama è sempre la stessa: cambia solo il tipo di catastrofe spesso provocata o acuita dal comportamento umano di "distruzione della Grande Madre Terra") sono degli esempi di Programmazione Predittiva: in pratica i Burattinai vogliono arrivare al NWO in cui imporranno la Religione Unica Mondiale dela Nuova Era (New Age/Teosofia, Luciferismo) e x farlo hanno pensato che una bella mega-catastrofe artificiale possa essere di grande aiuto (o una serie di catastrofi) x fare in modo che la popolazione stremata e decimata (tanto loro vogliono la depopolazione) chieda il NWO.
    Poi la Teosofia (e culti affini) è da qualche centinaio di anni che parlano dell'avvento della nUova era ecc, quindi perchè non prendere a prestito una bella pofezia Maya, manipolarla un po' e unirla al conetto di Nuova Era new age? e x raggiungere l'inconscio di + persone possibnili non basta scrivere libri new age, madare Giacobbo a parlare del 2012, fare siti new age, new age ufologicim, new age ambientalisti ecc..il mezzo migliore x agire nel subconscio della gente è creare filmoni a ripetizione sul tema con qualche piccola variante (tanto x non far capire che è sempre la stessa pappa allo spettatore e indurlo così ad andare al cinema a ogni nuova versione della storia).
    Ad es negli anni 90 cominciavano già a uscire film e telefilm in cui terroristi cattivi attaccavano gli USA…e sappiamo tutti che poi il film è stato trasposto nella realtà con tanyo di effetti speciali:
    http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com/2011/02/latomico-segreto-di-ground-zero-e-il.html

    E in genere nei film catastrofici dopo che la catastrofe ha devastato un po' e l'eroe ha salvato dalla fine del mondo i governi si pentono e comincia un mondo + bello e nuovo, ricco di solidarietà ecc ecc…
    poi c'è il filone ancor + nuovco del catastrofismo new age in cui spesso si arriva direttamente alla Nuova Era…
    purtroppo se analizzati sembrano cazzate, ma sti film agiscono nel subconscio della gente indirizzandoli a credere sempre + a ste rteorie: non è un caso che dopo il terremoto in giappone sentii una signora (e vidi dei manifesti x Genova) che lo additava al + grave peccato umano: "fare del male alal Madre Terra". La gente senza accorgersene comincia a pensare nei termini suggeriti da sti film e se decideranno di arrivare al NWO con una bella catastrofe artificiale le persone saranno già programmate x sentirla come un castigo divino fatto dalla Madre Terra  e accetteranno volentieri la Nuova Era del NWO dopo.

    Non sottovalutate la Programmazione Predittiva attuata tramite film e telefilm!

    by
    @lice (Oltre lo Specchio)
    http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com

  • anonimo

    Però in alcuni film tra i primi a fare la scoperta dell' evento è un personaggio che simboleggia la semplicità, l' innocenza  (un bambino in Deep Impact, un complottista svitato in "2012"), a cui spesso nessuno crede proprio perchè non appartiene al mondo convenzionale.

  • ghibli.

    Vogliamo mettere anche i telefilm?… the event, fringe, jerico, v visitors, flashforward, survivors… vorrei far notare che da-sempre esistono racconti che hanno sempre avuto il compito di far capire quanto il proprio presente sia non solo pieno di male ma anche ricco di possibilità e di bene.
    Sono solo evoluti i mezzi tecnici per raccontarli.
    Senza contare che ogni telefilm o film racconta eventi del tutto diversi, e tra l'altro in modo poco realistico.
    Non preparano a nulla, e non capisco come potrebbero preparare a cosa?
    Anzi dirò di più, magari servissero a incentivare la ricerca per superare eventi possibili come per l'esempio dei NEO, ma la realtà e che non si sta facendo nulla e poco in queste direzioni
    Ciao :)

    posto un poster del quinto elemento che ci sta bene :P

    http://img815.imageshack.us/img815/6565/thefifthelementbyronguy.jpg

  • anonimo

    per #44

    l'argotico, la lingua degli iniziati è capita solo dai bambini, dagli animali e dai "matti". Hai presente S.Francesco che parlava agli animali? Ci sono dei brani interessanti in Fulcanelli, riguardo l'argotico (ars gotica)

    BGT

  • anonimo

    Bene, Anche questo asteroide è passato e siamo ancora tutti qua. Felice notte.
    http://spaceweather.com/ 

  • anonimo

    non ho firmato: scusate

    BGT

  • Santaruina

    Ciao Alice

    lo spopolare di questi film catastrofici tutti fatti con lo stampino sono degli esempi di Programmazione Predittiva

    sì, penso anche io che si tratti di qualcosa del genere
    Apresto
    ___________________________

    anonimo44
    Però in alcuni film tra i primi a fare la scoperta dell' evento è un personaggio che simboleggia la semplicità, l' innocenza (un bambino in Deep Impact, un complottista svitato in "2012")

    BGT
    l'argotico, la lingua degli iniziati è capita solo dai bambini, dagli animali e dai "matti".

    Ottima osservazione.

    A presto

  • anonimo

    Qualcuno ha citato francesco d'assisi, beh guardate questa foto:

    https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc4/35732_108773772504216_100001147821564_60624_6393711_n.jpg

    Da eremo delle carceri.

  • anonimo

    Scusate, dimenticato la firma. (#50)

    lanomero.

  • Santaruina

    Un San Francesco inneggiante al one world, one religion.

    Agghiacciante.

  • anonimo

    Bellissimo post! Una grande idea la tua, complimenti!

     

    Amos B.

  • Santaruina

    Grazie a te, a presto

  • BiFolk

    …angosciante..

  • Santaruina

    E' solo la trama di un film :-)

  • Santaruina

    E' solo la trama di un film :-)

    Appunto:

    Catena di vulcani sottomarini scoperta nell'oceano Atlantico meridionale Dodici centri eruttivi, di cui sette attivi

    MILANO – Gli scienziati del British Antarctic Survey, l’istituto britannico di ricerca antartica, hanno scoperto nelle acque oceaniche delle isole Sandwich Australi (un arcipelago disabitato situato nell’oceano Atlantico meridionale) vulcani sinora sconosciuti.
    Grazie a sofisticati sistemi di mappatura montati a bordo della nave oceanografica «James Clark Ross», i ricercatori hanno individuato dodici vulcani, alcuni dei quali sfiorano l’altezza di 3 mila metri.
    Sono stati inoltre mappati crateri di 5 chilometri di diametro, creati presumibilmente dal collasso di vulcani preesistenti, e sette vulcani ancora attivi che appaiono in superficie come una catena di isole.

  • anonimo

    Santa: “la parte prettamente "scientifica", in questo genere di film, non deve essere eccessivamente accurata…”  
     
    Alla faccia! adesso il tuo film non sarebbe più “catastrofico”, ma “catastrofico-realistico”!
     
    Già che siamo in tema di lungometraggi, ieri sera sono andato a vedere Tranformers 3 (in 3D). Una vera goduria per gli occhi di chi ci giocava da piccino e guardava i cartoni. Ma non voglio soffermarmi su questo, che ovviamente è solo svago.
    Voglio invece soffermarmi sulla storia, sull’idea per la sceneggiatura. Se qualcuno vuole vederlo, aspetti a leggere quanto sotto riportato, perché rivelo in parte la trama.
    Riassunto: nel secondo episodio, si cercava di evitare che i robot cattivi si impadronissero di un’arma eccezionale, nascosta dentro una piramide in Egitto, che poteva annientare nientemeno che il Sole (apperò). Inoltre si smentivano le certezze acquisite nel primo (lì i robot erano arrivati direttamente al giorno d’oggi dal loro pianeta distrutto) facendo un riferimento – neanche tanto velato – ad una teoria degli antichi astronauti però in versione robot.*  Già qui il film perdeva credibilità, ma forse era sacrificata sull’altare di qualcos’altro.
    Tornando al 3° film, si scopre che anche negli anni ’50 un manipolo di robot erano “naufragati” sulla luna. Bè? Ma vi decidete? Ogni film una versione diversa? Fortuna che il regista è sempre lo stesso, pensa se cambiava…Andiamo avanti, la minaccia adesso è rappresentata da oggetti “robotici” che possono teletrasportare interi mondi. E i cattivi vogliono usarli per trasportare il loro mondo al posto del nostro, previa distruzione totale e annientamento della razza umana (Ma và?). Non solo: per riuscirci, hanno costretto un uomo e suo figlio (da come parla, sembra quasi una specie di sacerdote) ad aiutarli per anni; la cosa interessante è che, alla fine, l’uomo – invece di ribellarsi e combatterli assieme a tutti gli altri – insiste nel suo scopo imperterrito, come ad indicare che la via giusta per salvarsi la pelle secondo lui è quella e basta; e la cosa suona alquanto sinistra. Soprattutto perché ribadisce di voler salvare solo la sua, di pelle.
    Questo è tutto: praticamente i due sequel rovinano il capostipite (ottimo) con rivelazioni assurde e si porta la storia verso il catastrofismo apocalittico; perché? Inoltre si accenna ad una sorta di umani-convertiti che sarebbero il tramite per l’ingresso del male nel mondo (e sua relativa distruzione nonché nuova era). Tutto già visto, tutto tristemente assimilato. Comunque, il film visto nella sua connotazione “leggera” (azione, effetti speciali) è ottimo, come già detto sopra.
    Un’ altra considerazione (qui si rivelano dettagli fondamentali, chi vuole vederlo con la sorpresa non legga queste righe): la fidanzata del protagonista (che non è più Megan Fox, peccato) per dare il suo contributo alla causa umana, non esita a sussurrare false parole meschine all’orecchio del leader nemico; il modo in cui lo fa e le parole che usa mi hanno fatto venire in mente giusto il Serpente nel Giardino. Ma in questo modo lei salva l’umanità…come a dire: “il fine giustifica i mezzi”. Ma forse sono io che sono fissato…
    L’ultimo pensiero: con il pretesto che la spedizione del ’69 sulla luna fu fatta per trovare gli alieni, ci sono quasi dieci minuti di racconto con sequenze originali della tv americana. E l’ammaraggio nel mare della tranquillità viene rifatto pari pari dal regista, senza che nessuno pensi “Apperò, oggi con un film sono in grado di farlo credere vero”. A me è venuto in mente Capricorn One…

    *
    A questo proposito, hai visto com’è cambiato Indiana Jones dal 3° film all’ultimo? Si è passati dalla ricerca del Santo Graal e roba tutta catholic-oriented, alla teoria degli antichi astronauti fatta passare come sicura verità storica, senza che nessuno abbia detto una sola parola. E pure gli omini verdi nell’area 51. Così, senza colpo ferire. Incredibile. Pensare alla “ricerca dell’arca perduta”, così storicamente fedele, così realistico da essere supercoivolgente, fa quasi tenerezza. Vabbè, i tempi sono cambiati.   
     
    Jackblack77

  • Santaruina

    Ciao Jackblack

    della saga dei trasformers avevo visto solo il primo, trovandolo un passatempo divertente.

    Ho letto la tua descrizione del terzo capitolo, ed in effetti lascia un po' perplessi l'introduzione di tematiche "apocalittiche" con un retrogusto escatologico, ma d'altra parte questo è l'andazzo degli ultimi tempi.

    Anche opere che in teoria dovrebbe essere di puro intrattenimento vengono infarcite di tali tematiche..

    Probabilmente fa tutto parte di quell'etat d'esprit che si vuole diffondere.

    A presto

  • anonimo

    Pensando a Shopenauer siamo nella seconda fase…..quella della ridicolizzazione sottoforma di film fantascientifici e dell'esorcizzazione di determinati temi come alieni o segreti da svelare.

    bel film sarebbe da vedere con un copione così…………..
    nel frattempo che aspettiamo…..godiamoci atlri tipi di onde….)

    sasco3

  • Santaruina

    nel frattempo che aspettiamo…..godiamoci atlri tipi di onde….)

    Onde sicuramente più verosimili..

  • Anonimo

    I militari usa continuano a stoccare viveri ed attrezzature, per cosa?
    http://www.express-news.it/misteri/i-militari-usa-continuano-a-stoccare-viveri-ed-attrezzature-per-cosa/
    Le operazioni di aerosol clandestine proseguono indisturbate ogni giorno


  • lo scopriremo a tempo debito :-)

  • m

    ….probabilmente troppo tardi.
    Comunque mi sarei rotto il c. di avere queste strisce quasi ogni giorno sopra la testa…
    che non diano alcuna risposta ad un fenomeno così evidente mi sembra davvero incredibile.

  • Anonimo

    LA CORRENTE DELL’OCEANO ATLANTICO HA CAMBIATO DIREZIONE!
    http://newapocalypse.altervista.org/blog/2011/10/29/la-corrente-delloceano-atlantico-ha-cambiato-direzione/
    Notizia che avevo già letto su altri siti (con ricerca google ho trovato questo articolo).
    Prossima inversione dei poli mgnetici?
    m

  • facciamoci una bella scorta di pop corn, che non si sa mai :-)

  • jackblack77

    Carlo, guarda un po’ questo: 

    http://www.futurolibero.it/?p=6003 

    che ne pensi? :)

  • Sembra che lo facciano apposta per alimentare le convinzioni dei ‘complottisti’, non saprei cosa pensare… :-)

    Una cosa è certa: da un decennio a questa parte i vertici degli stati uniti agiscono come se qualcosa di veramente grosso, a livello di sconvolgimenti sociali, stia per accadere.
    Che poi questo qualcosa accada oppure no noi non lo sappiamo sapere, ma loro si comportano come se questa eventualità fosse reale..

  • orange

    ho ripescato questo blog di pochi anni fà..che si è interrotto così..come se il pericolo presunto o immaginato cessasse di botto..da molto più di un decennio gli USA agiscono come se qualcosa di grosso stia per accadere..infatti accadrà..il guaio grosso è che manca poco relativamente parlando..i films di hollywood catastrofici “preparano” gli eventi futuri come un destino manifesto,spesso ricordando la sorte che li aspetta,poichè Los Angeles sarà colpita da un’ordigno di atomica sporca,di matrice,terroristica,ma in realtà un passo del percorso.Allo stesso modo,non posso non credere che le altre potenze mondiali,siano all’oscro di tutto ciò,anzi secondo me sono,complici,poichè uno degli obbiettivi da raggiungere,è la riduzione della popolazione mondiale..ma in realtà c’è molto più di quanto appare..c’è la creazione del nuovo mondo..e non sarà affatto piacevole arrivarci.

    • Hiei

      “ho ripescato questo blog di pochi anni fà”

      A cosa porta la disperazione di non sapere dove spammare il solito post vuoto e insulso del tutto identico ai 200 precedenti…

  • orange

    te pareva..nun poi buttà un “pensiero” che arriva nonostante i moniti del capo,subito il “commento”serale del “greco”molesto..questo se pò dì vero Santa’?..EH EH..

  • orange

    proverò a farti dei disegni utente..eh eh..

    • Hiei

      Imparare a fare i disegnini sarebbe gia’ un buon passo avanti, poi cominciamo a mandarti anche a scuola… :’D

      (non guardarci cosi’ Santa, ci ha evidentemente mandati il buon dio per insegnarti la pazienza… :’D)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>