Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
5 gennaio 2008

Labirinti

Il labirinto nel medioevo rappresenta il percorso che il pellegrino deve compiere innanzitutto dentro di sé, la via per ritrovare il centro.
Nel labirinto medioevale non ci si può perdere, la via è obbligata, per coloro che abbiano la volontà di percorrerla fino in fondo.

 

Labirinto della Cattedrale di Chartres, XII secolo

 

Il labirinto nell’epoca moderna spinge il pellegrino in mille direzioni diverse, immergendolo in un senso di smarrimento e di perdita del centro.

 

Labirinto dei sotterranei di Parigi, XX secolo

 

12 comments to Labirinti

  • chirieleison

    I pellegrini del medioevo si mettevano in cammino a piedi e il percorso che poteva durare anni era veramente la metafora del viaggio all’interno di sè stessi.

    Ma oggi che con gli aerei le distanze sono notevolmente ridotte…

  • qualquna

    con una buona “guida” il labirinto porta al centro,

    da soli, facile a perdersi..

    bei post uno-l’altro!

    un caro saluto e

    buona fine settimana!

  • messier

    E in epoca ancora più attuale, il labirinto diventa “Maze Game”, ossia un modo per compartimentalizzare la mente dei fanciulli. Guardate qui:


  • Airel81

    Mio caro un Bacio. Ci sono. Sono vivo. Sono… da qualche parte… non con la testa. La testa, ahimé, non c’è proprio.

  • Santaruina

    Airel ,amico, felice di rileggerti

    Le teste prima o poi torneranno da sole al loro posto :-)

    Chirie, dici bene: chi si faceva 1000 miglia a piedi arrivava alla meta veramente cambiato, e non poteva essere altrimenti.

    Qualquna, infatti, ci si perde spesso…

    Messier, non conoscevo questo “giochino”.

    Ho usato troppe volte in passato la parola inquietante e ne dovrei trovare una al momento che esprima meglio il concetto..

    Non lo trovo per nulla divertente, specialmente quando lo subiscono i bambini.

    Quando il bimbo del filmato ha iniziato a piangere qualcosa mi è sussultato dentro.

    Il fatto che la figura “mostruosa” appaia al termine del percorso nel labirinto ha poi una valenza simbolica ben precisa: il significato più profondo di questo percorso viene del tutto ribaltato.

    Che questo sia stato fatto consapevolmente o meno non si può sapere, ma il risultato non cambia.

    E sono rimasto anche assai incredulo nel leggere i commenti al filmato, e nello scoprire che 3 su quattro se la ridevano.

    Mi ha fatto pensare tanto.

    Tanto.

    Blessed be

  • Morganne

    Madonna, come ci vorrei andare nei labirinti di Parigi.

    Quando ne ho visto la mappe, ne ho avuto i brividi.

    Il primo disegno, invece, mi ha fatto pensare ai miei cari tempi di Asclepio, dove dentro il labirinto del tempo dormiva il grande serpente. I tempi erano fatti per la guarigione, e chi vedeva il serpente era arrivato alla sua guarigione interiore…ma anche esteriore, fisica.

    un caro abbraccio

    astrid

  • Santaruina

    E i serpenti erano soliti custodire preziosi tesori.

    Un abbraccio anche a te :-)

    Blessed be

  • Morganne

    come hai ragione :)

    Mille e un bacio

    astrid

  • HappyCactus

    Post assai interessante.

    Ho letto un bel libro sull’argomento dei pellegrinaggi, “Vita pericolosa dei pellegrini nel medioevo”, di Norberth Ohler. Un saggio leggibilissimo da tutti. Consigliato.

    Oggi chi si potrebbe permettere un viaggio lungo uno, due, cinque anni? mi accontenterei di poter prender l’auto e attraversare Europa ed Asia…

    A presto!

  • Santaruina

    Oggi un viaggio di 5 anni è improponibile, come se avessimo cose molto più importanti da fare…

    Blessed be

  • messier

    Credo che fosse “improponibile” anche qualche secolo fa… Eppure qualcuno partiva. In fondo di cosa c’è bisogno ? C’è bisogno di portare se stessi al centro della nostra vita, quindi, di dislocare il corpo.

    Io ho di mira l’Asia centrale. Tempo del viaggio: dai 5 ai 10 anni.

  • Santaruina

    Sto cominciando a riflettere seriamente su cosa sia veramente “importante” in questa vita.

    Forse quello per cui ci affanniamo lo è meno di quanto crediamo.

    Blessed be

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>