Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
24 gennaio 2009

Pianificazione familiare: dall'Eugenetica ad Obama


Quando un governo o un ente che ha potere su migliaia o milioni di persone usa il termine “pianificazione”, ciò che solitamente ne segue sono tragedie e fame e carestie, nella migliore delle ipotesi.
Se a voler essere “pianificate” sono poi le vite stesse dei cittadini, e la loro libera scelta nell’avere una famiglia e degli eredi nel modo in cui desiderano, allora ci troviamo di fronte ad uno dei volti più temibili che l’esercizio del potere possa assumere.
Ci si era occupati in passato delle origini e della storia del movimento eugenetico, una storia ancora poco esplorata ma che ha svolto un ruolo molto importante nel corso del XX secolo.
E si ricorderà anche come uno dei grandi obiettivi dei fautori del cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale sia la drastica riduzione della popolazione, affinché la stessa risulti maggiormente controllabile.
Non a caso la questione ambientale è stata ampiamente sfruttata dai propagatori del Nuovo Ordine, in una propaganda martellante accompagnata dalla preoccupazione per la sovrappopolazione della terra.

Curiosamente, tutti coloro che si preoccupano per il fatto che nel mondo “siamo in troppi”, individuano sempre lontano da loro gli uomini “in eccesso”.
Quelli che vanno per la maggiore nell’assolvere questo ruolo sono gli africani, – che tanto sono poveri e non producono e non sappiamo che farcene – seguiti dagli indiani e dai cinesi.
Nei circoli elitari invece, da  dove queste idee sulla “sovrappopolazione”  sono propagandate, pare che siano tutti necessari.
Ovviamente nessuno di questi eccelsi luminari propone una bella catarsi di massa, con un po’ di belle bombe atomiche che possano risolvere il problema una volta per tutte.
Oddio, a dire il vero qualcuno che ci ha pensato c’è stato.
E’ il caso della grande guru teosofa Alice Bailey, che aveva salutato quale enorme progresso spirituale per l’umanità l’eventualità di una bomba atomica che facesse qualche centinaio di milioni di vittime.
Questa sua idea era piaciuta così tanto agli illuminati fondatori delle Nazioni Unite che il suo pensiero ha ufficialmente ispirato i testi formativi dell’ Unesco.
Proprio loro, quelli che tra le altre cose aiutano i bambini più sfortunati del terzo mondo dando loro una “istruzione”.

Ma, si diceva, oggi proporre uno sterminio di massa non è indice di bon ton.
Gli stermini si possono attuare, magari invocando il diritto a difendersi, ma per una questione di obsoleta sensibilità è poco opportuno invocarli nero su bianco.
Così, se non si può richiedere la decimazione dei poveri inutili del terzo mondo, si può almeno suggerire loro di scomparire piano piano, magari cessando di riprodursi come bestie.
Nascono così le organizzazioni umanitarie per il controllo delle nascite e per la pianificazione familiare, termini che ormai a coloro che hanno acquisito una certa dimestichezza con i governi totalitari dovrebbero evocare sensazioni di grande preoccupazione.
Ancora nel Luglio del 2008 le Nazioni Unite chiedevano una maggiore pianificazione familiare, ribadendo quale sia il loro effettivo ruolo nell’ambito della costruzione del Nuovo Ordine.
Ed infine, non può non apparire significativo il fatto che uno dei primi provvedimenti assunti dal neopresidente Obama sia stato proprio il voler ripristinare i finanziamenti alle organizzazioni governative che si occupano del controllo delle nascite e che approvano l’aborto:

Barack Obama spiega così la sua decisione di rimuovere il divieto voluto dall’amministrazione Reagan nell’uso di fondi federali per la promozione dell’interruzione di gravidanza all’estero, che è al centro di un palleggiamento politico da 25 anni. Secondo Obama «i vincoli posti dalla Mexico City Policy sono ingiustificatamente ampi nella legislazione vigente, e negli ultimi otto anni hanno minato gli sforzi di promuovere una pianificazione famigliare sicura ed efficace nel Paesi in via di sviluppo». «Per troppo tempo l’assistenza internazionale della pianificazione familiare è stata usata come un tema politico – ha proseguito il presidente americano – in un dibattito senza sbocco che è servito solo a dividerci. Non ho intenzione a continuare in questo dibattito stantio e infruttuoso». «È tempo – ha affermato Obama – che la finiamo con la politicizzazione del tema. Nelle prossime settimane la mia amministrazione comincerà una franca conversazione sulla pianificazione familiare, lavorando per trovare aree di un terreno comune in cui fare incontrare al meglio i bisogni delle donne e delle famiglie in America e nel mondo

Change has come.

13 comments to Pianificazione familiare: dall’Eugenetica ad Obama

  • Santaruina

    Grazie a Fabiano per la segnalazione del Link sull’ONU.

  • messier

    Ora non ho tempo, ma appena posso leggo con attenzione questo & il precedente post, sempre sul Nostro…

    Una sola cosa dico per ora: non appena ho udito/letto di questo primissimo provvedimento di B.H.O. (o di “bho-chissacchì”…) mi sono INCAZZATO, tanto, ma TANTO….

  • tristantzara

    Cosa c’entrano i paesi in via di sviluppo con i fondi federali anti-aborto statunitensi ? Scusa santa ma non ho capito niente di quello che berekobeima ha detto.E poi non sono gli states ad essere un paese in via di sviluppo attualmente ?

  • Santaruina

    Ciao Tristan

    questi fondi federali sono destinati al finanziamento di programmi portati avanti da enti “non profit” nei paesi in via di sviluppo, principalmente africani.

    E comunque sì, gli Stati Uniti sono in questo momento un paese in via di de-sviluppo.

    Blessed be

  • ikalaseppia

    In effetti se trasformi gli uomini in bestie…poi ti tocca governarli come un allevamento in batteria. Perché si tratta di unità il cui numero dev’essere funzionale all’equazione di bilancio. In effetti più di ogni illusione umanitaria quella economica gioca un ruolo fondamentale e anch’essa ha i suoi ispiratori più o meno occulti

  • anonimo

    L’accelerazione è, tra i vari, uno dei segni più evidenti di questi tempi.

    E più che la velocità aumenta, più che tutto sembra cooperare, convergere, quasi collassando, alla realizzazione di questa somma perversione.

    Con questa consapevolezza non può non essere nostra la serenità di mantenerci saldi :)

    Fabiano

  • Santaruina

    Ciao Ika

    inoltre, una volta che convinci i sudditi del fatto che sono nient’altro che animali da allevamento, essi inizieranno a pensare ed a comportarsi di conseguenza.

    E’ un lavoro molto sottile di persuasione.

    ________

    Ciao Fabiano, il corso della storia ricorda il grafico della velocità di un corpo in caduta libera, laddove questa velocità aumenta sempre più man mano che ci si avvicina allo schianto.

    Ma noi siamo elastici e rimbalzeremo :-)

    Blessed be

  • enzas

    Privare l’uomo della possibilità di nascere è un peccato contro lo Spirito…Ah! se questi uomini che decidono delle sorti dell’umanità potessero minimamente provare e comprendere il desiderio che prova un’anima per incarnarsi!…

  • anonimo

    Ciao Santa,

    ciao a tutti. Ultimamente non ho tempo per lasciare interventi ma segui il blog come sempre.

    Grazie.

    Saluti

    Tango

  • Vdipassaggio

    io ho potuto scegliere quando e quanti figli avere, e per la prima era davvero presto – avevo 21 anni ma sapevo che potevo, solo io, pur con i limiti e condizionamenti vari, decidere se far nascere un altro essere. Lo so che aveva tutto il diritto di vivere ma solo dopo che nel mio animo, cuore e mente ho deciso che c’era un inizio per lei. E’ una enorme responsabilità ed è giusto che la donna possa decidere quando. Una donna africana non è diversa da me – parto da qui, chiedendomi se le donne africane non vorebbero poter aver accesso alla pillola, p.es. , cosi come agli antibiotici e altri farmaci utili per non vedere soffrire un figlio.

  • anonimo

    Ma noi siamo elastici e rimbalzeremo :-)

    Ma il grafico della storia ci dice anche su che materiale cadiamo e in quale posizione?

    Probabilmente non lo dice, ma forse solo per non rovinarci l’effetto sorpresa.

    Pyter

  • Santaruina

    Enza, penso che queste persone della vera creazione abbiano una grande paura.

    Ne sono intimiditi.

    ____________

    Saluti a te, Tango :-)

    __________

    Ciao V.

    io so poco, so solo che ogni vita che arriva è un miracolo infinito ed ha una sua ragione.

    Tra l’altro, ho visto lo spot che in America hanno promosso i movimenti antiabortisti.

    Narra della storia difficile di una ragazza madre che nonostante si ritrovi in una terra non sua e abbandonata dal padre del bambino, con tenacia decide di tenere il figlio e di farlo comunque crescere.

    Quel bambino poi diventerà il primo presidente afro-americano nella storia degli stati uniti.

    Un po’ romanzata come ricostruzione, ma probabilmente hanno toccato il tasto giusto.

    ________

    Pyter, questo dobbiamo scoprirlo da soli.

    Ed ancora più importante sarà capire la posizione giusta da assumere prima dell’impatto. :-)

    Blessed be

  • valpalot

    Obama = Osama due pazzi criminali. Unica differenza, Osama è virtuale, Obama purtroppo NO!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>