Blessed be

Benvenuti.
Qui si parla di miti, simboli, storia e metastoria, mondi vecchi e mondi nuovi, e di cospirazioni che attraversano i secoli.
Qui si scruta l'abisso, e non si abbandona mai la fiaccola.

Articoli in rilievo


Autorità, coscienza ed obbedienza
Psicopatici e potere
La scienza della persuasione
I prodromi della diffusione
del pensiero occulto

Pensiero magico ed evocazione
Il flusso del potere
Folle e condottieri
Popolo e conformismo
PNL:comunicazione e persuasione
Benvenuti nella Tela



La più folle di tutte le teorie cospirazioniste
Il finale di partita
Società segrete
Illuminati
Potere ed esoterismo
Gruppo Bilderberg
La fine delle risorse
Il Crollo dell'economia mondiale
I Murales dell'aeroporto di Denver
Il progetto MK-Ultra
TranceFormation of America
Mazzini e la Massoneria
Massoneria e istruzione pubblica
Stato di polizia alle porte
Signoraggio, il falso problema
The Golden Age Empire
Verso Denver
2000-2009, l'opera al nero
Il Fabianesimo e la finestra dell'inganno
La grande onda
Il Vaticano e il Nuovo Disordine Mondiale



Una profezia, un passato perduto
Contro Darwin
Contro le colpe collettive
Qualunquismo, ovvero verità
Senza stato, una storia reale
Il Tacchino cospirazionista
Il problema è il Sionismo
Palestina:le origini del conflitto
Massoneria a Striscia la Notizia
Il parlamento europeo e la nuova Torre di Babele
Un nuovo ordine dalle macerie
Il giorno delle nozze
Il paradosso del potere
Grecia, all'origine della crisi
L'isola: un quesito sulla natura dell'uomo
Iper realtà
Il Sacrificio



Eggregore
Eggregore IV
Antigone
Esoterismo - una premessa
Frammenti di simbolismo
Storia e metastoria
Nomadi e sedentari
Melchisedek
Il labirinto
Assi e cicli
Stelle e cattedrali
Magia e teurgia
Il simbolo della pace
Nostra Signora di Chartres
Ebrei di ieri e di oggi
Cenni di numerologia
Avatar, new age e neospiritualismo
Quale Amore



L'essenza del Satanismo
Il Portatore di Luce
L'occhio che vede tutto
Sabbatai Zevi
Aleister Crowley
Demoni vecchi e nuovi
Le Sette torri del Diavolo
Il Patto con il Serpente
Angeli caduti
Satanismo e deviazione moderna
Hellfire Club
Dal materialismo
al neospiritualismo

I poveri diavoli
Prometeo e Lucifero, i caduti



L'iniziazione di Rihanna
Sadness e la porta degli inferi
Lady Gaga, occultismo per tutti
Kerli e controllo mentale
Jay Z, da Rockafella and
da niu religion

Cristina Aguilera e il pentacolo
30 Seconds to Mars
e il Bafometto in latex

Il giudizio massonico su MTV
Morte e rinascita di Taylor Momsen
Robbie Williams e il viaggio nella psiche
L'anima al Diavolo

En katakleidi


Cristo accompagna un amico
- Icona egizia del VI Secolo -




Santa su Luogocomune

Massoneria
- scheda storica -


Nuovo Umanesimo
ovvero Culto di Lucifero.
La Religione del
Nuovo Ordine Mondiale.


Verso il Governo Mondiale,
il volto oscuro
delle Nazioni Unite.


Con la scusa dell’ Ambientalismo.
Progetti di sterminio.






¿te quedarás, mi pesadilla
rondándome al oscurecer?


-o- Too late to die young -o-
26 Gennaio 2009

Ing: Conto Arancio va in rosso

Milano
Ing stima di chiudere il 2008 con una perdita netta di circa 1 miliardo di euro e annuncia “severi passi per ridurre rischi e costi” che prevedono, per il 2009, il taglio di 7mila posti di lavoro. La riduzione di organico rappresenta il 35% dei risparmi di costi operativi stimati per il 2009 in un totale di 1 miliardo. Il direttore generale di Ing, Michel Tilmant, si è dimesso e sarà sostituito dal presidente del consiglio di sorveglianza Jan Hommen, ex responsabile finanziario di Philips.

Le perdite di Ing. Ing ha annunciato per il quarto trimestre “il peggior trimestre per il mercato equity e del credito in oltre mezzo secolo”, una perdita al netto delle voci straordinarie di 3,3 miliardi di euro, incluse 2 miliardi di perdite dal portafoglio di crediti strutturati.
Per sostenere i ratios del gruppo ingil governo olandese coprirà l’80% dei 27,7 miliardi di euro di rmbs (residential mortgage-backed securities) su mutui subprime di ing negli stati uniti. Il governo si farà carico del rischio del portafoglio con uno sconto del 10% e riceverà l’80% della liquidità generata dal p le azioni di ing alla borsa di amsterdam sono in rialzo del 7% a 5,65 euro.

Cari amici di ING, forse è tempo di smetterla di fare pubblicità un po’ da gradassi.
Le cose non vanno poi così tanto bene, mettetevelo nella zucca.

24 Gennaio 2009

Pianificazione familiare: dall'Eugenetica ad Obama


Quando un governo o un ente che ha potere su migliaia o milioni di persone usa il termine “pianificazione”, ciò che solitamente ne segue sono tragedie e fame e carestie, nella migliore delle ipotesi.
Se a voler essere “pianificate” sono poi le vite stesse dei cittadini, e la loro libera scelta nell’avere una famiglia e degli eredi nel modo in cui desiderano, allora ci troviamo di fronte ad uno dei volti più temibili che l’esercizio del potere possa assumere.
Ci si era occupati in passato delle origini e della storia del movimento eugenetico, una storia ancora poco esplorata ma che ha svolto un ruolo molto importante nel corso del XX secolo.
E si ricorderà anche come uno dei grandi obiettivi dei fautori del cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale sia la drastica riduzione della popolazione, affinché la stessa risulti maggiormente controllabile.
Non a caso la questione ambientale è stata ampiamente sfruttata dai propagatori del Nuovo Ordine, in una propaganda martellante accompagnata dalla preoccupazione per la sovrappopolazione della terra.

Curiosamente, tutti coloro che si preoccupano per il fatto che nel mondo “siamo in troppi”, individuano sempre lontano da loro gli uomini “in eccesso”.
Quelli che vanno per la maggiore nell’assolvere questo ruolo sono gli africani, – che tanto sono poveri e non producono e non sappiamo che farcene – seguiti dagli indiani e dai cinesi.
Nei circoli elitari invece, da  dove queste idee sulla “sovrappopolazione”  sono propagandate, pare che siano tutti necessari.
Ovviamente nessuno di questi eccelsi luminari propone una bella catarsi di massa, con un po’ di belle bombe atomiche che possano risolvere il problema una volta per tutte.
Oddio, a dire il vero qualcuno che ci ha pensato c’è stato.
E’ il caso della grande guru teosofa Alice Bailey, che aveva salutato quale enorme progresso spirituale per l’umanità l’eventualità di una bomba atomica che facesse qualche centinaio di milioni di vittime.
Questa sua idea era piaciuta così tanto agli illuminati fondatori delle Nazioni Unite che il suo pensiero ha ufficialmente ispirato i testi formativi dell’ Unesco.
Proprio loro, quelli che tra le altre cose aiutano i bambini più sfortunati del terzo mondo dando loro una “istruzione”.

Ma, si diceva, oggi proporre uno sterminio di massa non è indice di bon ton.
Gli stermini si possono attuare, magari invocando il diritto a difendersi, ma per una questione di obsoleta sensibilità è poco opportuno invocarli nero su bianco.
Così, se non si può richiedere la decimazione dei poveri inutili del terzo mondo, si può almeno suggerire loro di scomparire piano piano, magari cessando di riprodursi come bestie.
Nascono così le organizzazioni umanitarie per il controllo delle nascite e per la pianificazione familiare, termini che ormai a coloro che hanno acquisito una certa dimestichezza con i governi totalitari dovrebbero evocare sensazioni di grande preoccupazione.
Ancora nel Luglio del 2008 le Nazioni Unite chiedevano una maggiore pianificazione familiare, ribadendo quale sia il loro effettivo ruolo nell’ambito della costruzione del Nuovo Ordine.
Ed infine, non può non apparire significativo il fatto che uno dei primi provvedimenti assunti dal neopresidente Obama sia stato proprio il voler ripristinare i finanziamenti alle organizzazioni governative che si occupano del controllo delle nascite e che approvano l’aborto:

Barack Obama spiega così la sua decisione di rimuovere il divieto voluto dall’amministrazione Reagan nell’uso di fondi federali per la promozione dell’interruzione di gravidanza all’estero, che è al centro di un palleggiamento politico da 25 anni. Secondo Obama «i vincoli posti dalla Mexico City Policy sono ingiustificatamente ampi nella legislazione vigente, e negli ultimi otto anni hanno minato gli sforzi di promuovere una pianificazione famigliare sicura ed efficace nel Paesi in via di sviluppo». «Per troppo tempo l’assistenza internazionale della pianificazione familiare è stata usata come un tema politico – ha proseguito il presidente americano – in un dibattito senza sbocco che è servito solo a dividerci. Non ho intenzione a continuare in questo dibattito stantio e infruttuoso». «È tempo – ha affermato Obama – che la finiamo con la politicizzazione del tema. Nelle prossime settimane la mia amministrazione comincerà una franca conversazione sulla pianificazione familiare, lavorando per trovare aree di un terreno comune in cui fare incontrare al meglio i bisogni delle donne e delle famiglie in America e nel mondo

Change has come.

24 Gennaio 2009

Obamarea

Ricevo e volentieri pubblico il seguente articolo di Piero Cammerinesi, giornalista che vive a Los Angeles.


Qui negli USA dove vivo, la marea Obama, l’Obamarea – è in continua crescita.
Con la spontanea propensione alla mitizzazione di questo popolo, che non esita ad idealizzare – salvo poi a gettare con altrettanta facilità nella polvere – chiunque faccia qualcosa fuori dall’ordinario o dica qualcosa che l’uomo della strada ama sentirsi dire.
Pensate al pilota che pochi giorni fa è riuscito a far ammarare il proprio aereo, con entrambi i motori in avaria a causa di uno stormo di uccelli – sull’Hudson.
Le trasmissioni televisive non hanno fatto altro per giorni che ospitare le testimonianze dei passeggeri, dei membri dell’equipaggio, degli spettatori di questo (quasi mancato) disastro in diretta.
Era l’eroe del momento, finalmente qualcuno più reale dei miti di celluloide che Hollywood ci ammannisce in abbondanza!
Ore ed ore di interminabili dibattiti, conditi con lacrime e litanie di thank you, thank you, per un pilota addestrato proprio a fare quello che ha fatto, vale a dire mantenere la calma in un momento di difficoltà ed essere presente a se stesso per salvare le vite umane a lui affidate.
Se  Chesley Sullenberger è stato decretato eroe  nazionale per aver fatto semplicemente – anche se con grande sagacia e professionalità – il proprio dovere, potete immaginare come il popolo americano stia vivendo l’insediamento di Obama, il quale, più di chiunque altro prima d’ora, impersona l’american dream.

Parlavo ieri con un mio amico republican, carissimo amico a sua volta di Arnold Schwarzenegger, Governatore della California e repubblicano di ferro anche lui, che – miracolo della natura – dopo averne parlato male negli ultimi mesi, sta sorprendentemente ‘riscoprendo’ la figura del nuovo Presidente, dal quale si aspetta, udite, udite, grandi novità.
Ma come, gli chiedo, fino a ieri sostenevi che mai un nero sarebbe arrivato alla Presidenza e che comunque gli USA avevano bisogno di un republican, ed ora la Obamarea contagia anche te?
Risposta: se la sua campagna è stata pagata dalle stesse lobby che sostengono i repubblicani, che hanno investito su di lui più di quanto hanno fatto per il candidato repubblicano, vuol dire chiaramente che si aspettano da lui che faccia, anzi che sia, quello che loro vogliono.
Se hanno supportato il candidato democratico più del proprio è evidente che sapevano chi doveva vincere e da chi quindi aspettarsi un comportamento conseguente…
È chiaro il concetto?
È evidente che se un giovane ed oscuro senatore dell’Illinois è stato in grado di arrivare alla Casa Bianca in meno di due anni, vuol dire che qualcuno glielo ha permesso se non addirittura ce lo ha voluto.
Dice bene Fausto Carotenusto,  “se tutti gli apparati notoriamente controllati dai veri poteri trasversali – come i media, la finanza e le grandi lobbies politiche – lo hanno sostenuto con grande ed insolito entusiasmo, vuol dire che in qualche modo Obama può fare molto bene i loro interessi”

Beh, tutto ciò non sorprende certamente chi cerca di vedere dietro ed oltre le parvenze dei media e della politica, chi è perfettamente conscio dell’esistenza dei Poteri oscuri, anche se poi, guardandosi intorno, a dire il vero, si resta un po’ frastornati, se non contagiati, dalle aspettative messianiche della Obamarea che dilaga in ogni giornale, in ogni talk-show, su ogni blog.
Ad un certo punto, sapete una cosa? succede che questa aspettativa messianica che sta contagiando il mondo intero penetra nella tua coscienza, insinuando il dubbio: e se fosse vero? e se Obama fosse veramente in grado di realizzare quello che ha promesso?
Perché pensare sempre male?
Perché essere sempre scettici o dietrologi, o prevenuti?
Come sarebbe bello abbandonarci per una volta alla fiducia, alla commossa aspettativa di un mondo migliore…di un giovane e bel Principe, oops, Presidente, scusate, che, come nelle favole, riesce a vincere il Male e a portare il Bene sulla Terra!
Erano proprio questi i pensieri che mi passavano per la testa quando, insieme a qualche centinaio di milioni di americani e forse qualche miliardo di terrestri mi stavo godendo la cerimonia dell’insediamento…
Che scenografia, che commozione, quanti anziani neri in piedi da ore nel gelo di Washington a piangere ed a rievocare i tempi bui della segregazione… ah se ci fosse qui mio padre, ah il mio povero nonno!
Poi d’improvviso mi sono detto: guarda guarda, questo sta facendo fessi tutti. Come parla bene, che belle cose che dice.
Vedi, rimanda a noi la responsabilità del cambiamento.
Giusto. È proprio così, dobbiamo tutti rimboccarci le maniche se vogliamo un’America migliore, God bless America, ed un mondo migliore.
Come si fa a dargli torto…
Eppure, eppure c’è qualcosa che non quadra.
Proprio così, come diceva il mio Maestro, Massimo Scaligero: “Quando tutti, ma proprio tutti, sono d’accordo con una persona, quando tutti appoggiano un leader, io vado dalla parte opposta”.
Lui antifascista quando c’era il fascismo e ‘fascista’ quando si voleva condannare acriticamente anche le poche cose valide del ventennio, mi ha insegnato a pensare.
A pensare liberamente.
E allora, bene Obama, per dirla con Leibniz, il migliore dei Presidenti possibili, ma con cautela, con discernimento.
Mantenendo la propria consapevolezza, la coscienza di tutto il panorama generale del potere, anche di ciò che c’è dietro quello che ci vogliono raccontare i media.
Perché l’inganno più pericoloso è quello di chi dice 99 verità ed una sola menzogna, che inevitabilmente viene acriticamente vissuta come verità.
Perché sarebbe veramente il colmo farci ‘fregare’ da Obama dopo essere sopravvissuti ad un incapace come Bush che ha rappresentato manifestamente la menzogna per otto lunghi anni!


21 Gennaio 2009

Israele recluta un esercito di blogger

Il Ministero per l’Assorbimento dell’Immigrazione[ebraica ovviamente n.d.t.] ha annunciato domenica che sta preparando un “esercito di blogger” composto da israeliani che parlano una seconda lingua per rappresentare Israele nei blog anti sionisti in inglese, francese, spagnolo e tedesco.
[e noi italiani? cos’è questa discriminazione? n.d.S.]

La prima volontaria del programma è stata Sandrine Pitousi, 31, di Kfar Maimon, a 5 km da Gaza. “Ho sentito parlare del progetto alla radio e ho deciso di partecipare perché vivo nel mezzo del conflitto” ha detto.
[…]
Halfon ha detto che i volontari che manderanno al Ministero per l’Assorbimento i dettagli per contattarli via e-mail all’indirizzo media@moia.gov.il, verranno registrati in base alla lingua e poi passati al dipartimento media del Ministero degli Esteri, il cui personale indirizzerà i volontari a siti Web definiti ” problematici”.
Halfon ha detto che entro 30 minuti dall’annuncio del programma, che è stato approvato dal Ministero degli Esteri domenica, 5 volontari erano già entrati in contatto.

Ne voglio uno anche io.
Ok, il blog è piccolo e non è fonte di eccessive preoccupazioni.
Ma un blogger reclutato direttamente dal Ministero per l’Assorbimento che giunge da queste parti sarebbe un vero onore.
Lo tratteremo con ogni riguardo.

18 Gennaio 2009

New World Order Art

Murales celebrante il bicentenario degli Stati Uniti, commissionato dalla città di Baltimora all’artista Bob Hieronimus, 1974

 

The Apocalipse“, murales commissionato all’artista Bob Hieronimus dalla John Hopkins University, Baltimora, 1969


L’occhio di Lucifero nella piramide, gli Stati Uniti devastati dalle fiamme e dalle guerre, una nuova spiritualità benedetta dall’Acquario.
Le solite cose, insomma.
Chissà poi come si sarà svolto il colloquio tra il rettore dell’Università di Baltimora e l’artista Hieronimus.
Rettore: – Buongiorno artista Hieronimus, abbiamo una parete che vorremmo decorare con un bel murales, proprio di fronte al dipartimento di statistica. Abbiamo pensato a lei, perchè siamo rimasti colpiti dalla sua ossessione per la piramide con l’occhio di Lucifero. Ha qualche idea a proposito?
Artista Hieronimus:  – hmm… potrei disegnare uno scenario di incendi e devastazioni in cui si narra la distruzione degli Stati Uniti d’America.

Rettore:  – fico.. (cool). E’ proprio quello a cui stavamo pensando.

L’artista Bob Hieronimus, inoltre, nel suo sito fa sapere che sta piantando i semi per l’era di trasformazione dal 1966.
Temi ricorrenti.

 

_________________________________________


Sowing The Seeds Of Love
Tears for Fears